Archivi del giorno: 25 maggio 2009

Caro Dott. Falcone

Caro Dott. Falcone.

alt

Caro dott. Falcone,
il 23 Maggio del 1992 mancavano solo 4 giorni perché io compissi un anno e direi che dovevo ancora capire tutto della vita.
E mentre io in quel periodo imparavo a fare i primi passi e mia affacciavo alla vita purtroppo un’altra di vita si spegneva.
Non ci sono più magistrati come lei dottor Falcone, o meglio, ce ne sono pochi e sono costantemente schiacciati dal potere politico.
Ora ci sono i magistrati corrotti nei palazzi di giustizia e ,mi creda, io che vivo a Barcellona, di magistrati corrotti purtroppo ne so qualcosa.
Quelli onesti vengono tutti trasferiti ogni qual volta vanno a toccare e stuzzicare  i loschi affari degli “intoccabili”, come è successo al dott. De Magistris e alla dott.ssa Forleo, o come è successo al dott. Apicella che, pensi un po’, è stato sospeso sia dall’incarico che dallo stipendio solo per aver fatto il suo dovere,come per dire “ne punisco uno per educarne cento”.
Anche i suoi sostituti Nuzzi e Verasani sono stati sospesi dal CSM  sotto richiesta dell’attuale ministro dell’Ingiustizia Angelino Alfano.
Si dottor Falcone, lo stesso che baciò il boss Croce Napoli al matrimonio della figlia del boss, proprio lui, quello del Lodo Alfano, la legge che protegge da ogni processo le quattro cariche più alte dello Stato.
Anch’io mi chiedo come il Presidente della Repubblica abbia potuto firmare una legge del genere, però vede, abbiamo un Presidente entrato in letargo da quando è stato eletto, magari non avrà letto le carte e avrà buttato giù una firma. Con tante cose da fare che ha mica poteva perdere tempo a leggere una legge che avrebbe modificato l’articolo 3 della Costituzione, uno tra i più fondamentali, che la legge è uguale per tutti.
Per gli altri tre non mi meraviglio affatto, Fini, Schifani… si dottor Falcone, anche Schifani, l’amico del boss di Villabate Nino Mandalà, anche lui esonerato da qualsiasi processo. E poi ce n’è un altro protetto da questa legge, dalla quale, recentemente, ne ha tratto beneficio, ma lui, caro dott. Falcone, glielo voglio risparmiare. Non voglio fare un elenco di tutto quello che non va in questo paese, anche perché non basterebbero cento lettere.
Chissà com’è lì da lei in questo momento, spero vivamente meglio di qui.
Avremmo un necessario bisogno di lei adesso, chissà… magari con lei, col dott. Borsellino, col dott. Chinnici, le cose sarebbero andate diversamente, ma questo non può dirlo nessuno. Però forse da un lato sta bene lì dov’è, almeno non vede tutto quello che sta succedendo, anche se sarebbe stato bellissimo lottare insieme. Magari adesso si sta godendo la quiete che non ha potuto avere qua giù, adesso è felice insieme a sua moglie e se ha trovato davvero la pace le dico con forza che se la merita tutta. Le dico che nonostante tutto questo silenzio assordante ci sarà sempre un piccolo gruppo di persone che non smetterà mai di gridare. Non smetterà mai di gridare che il ministro dell’Ingiustizia Alfano si è baciato con il boss Croce Napoli,che il Presidente del Senato Schifani è amico del boss Nino Mandalà, che il Presidente del consiglio aveva in casa il mafioso Vittorio Mangano e che lo definiva un eroe! Ma soprattutto, dott. Falcone, questo piccolo gruppo di persone non smetterà mai di ricordare persone come lei, come i suoi colleghi e come gli agenti della sua scorta, non smetterà di farne esempio di vita. Sarete sempre sulla nostra bocca.
Lo cambieremo questo paese dottor Falcone, glielo prometto, lo cambieremo per lei!

Chiara Siragusano

Antimafia Duemila – Black-out sui conti dei mafiosi

Antimafia Duemila – Black-out sui conti dei mafiosi.

di Roberto Galullo – 25 aprile 2009
Palermo.
Basta disattivare una password per rafforzare Cosa Nostra. Una sequenza di numeri e lettere che dal 5 marzo è stata tolta alla Procura di Palermo che, da oltre due mesi, non può più monitorare e sequestrare i conti correnti bancari dei boss.
Mentre la repressione va avanti senza sosta – con un’azione investigativa costante anche sul fronte dei rapporti deviati tra mafia e politica, decine di processi in corso e centinaia di arresti di boss e affiliati che sfiancano l’esercito delle cosche – la lotta ai capitali mafiosi, vale a dire il cuore dell’azione di contrasto, fatica.
Con quella password – che apre i file dell’Anagrafe dei rapporti finanziari – magistrati e polizia, sotto copertura, dal 5 gennaio al 4 marzo, accedevano ogni giorno ai conti, ai depositi, ai dossier titoli e alle transazioni da un capo all’altro del mondo di Cosa Nostra. «Dalla sera alla mattina – spiega il procuratore aggiunto di Palermo, Roberto Scarpinato – i ministeri della Giustizia e dell’Economia ce l’hanno tolta per motivi burocratici dopo avercela data, per grazia ricevuta, a distanza di 18 anni dalle previsioni legislative. La restituzione di quella password, a noi e a tutte le Procure, è la maniera migliore per onorare con i fatti e non a parole la memoria di Giovanni Falcone, della moglie e della scorta, morti 17 anni fa a Capaci».
«Con questa revoca – prosegue Scarpinato – siamo tornati agli anni in cui bisognava fare richiesta di informazioni a ogni singola banca. Nelle regioni del Sud c’è un problema ulteriore: il tessuto creditizio è profondamente inquinato, molte operazioni sospette vengono fatte sparire e non manca chi avvisa i boss delle indagini in corso. In questi mesi, a causa di questo scippo, abbiamo perso l’occasione per sequestrare miliardi. Scandalo nello scandalo, la password non è stata data neppure alla Banca d’Italia che ha il compito di contrastare il riciclaggio dei capitali sporchi».
Battere Cosa Nostra sul terreno dei capitali e dei patrimoni inquinati è un chiodo fisso per magistrati, Forze di polizia e Gdf, che spingono l’acceleratore su sequestro e confisca dei beni immobiliari, la cui gestione è affidata a un Commissario straordinario, anche se i più spingono per la creazione di un’Agenzia autonoma. Alla fine del 2008 i beni confiscati erano 8.466 (di cui 3.930 in Sicilia), con un valore di mercato di decine di miliardi.
Ma prima che gli immobili sequestrati rientrino nel pieno godimento della collettività passano anche 17 anni e sono numerosi i casi di prestanomi della mafia che ne sono rientrati in possesso.
La Procura di Palermo, di fronte alle difficoltà, rilancia: a giorni sarà potenziato il Dipartimento “Mafia ed economia” che conta su un pool di magistrati e investigatori specializzati nella lotta all’economia illegale. Finora i risultati non sono mancati: da gennaio 2008 a oggi la Procura ha sequestrato 2,7 miliardi tra beni mobili e immobili. «La lotta a Cosa Nostra – conclude Scarpinato – passa da qui, il resto sono chiacchiere. L’arresto di 100 estorsori serve ma tra due mesi ce ne saranno altri 100 pronti a chiedere gli arretrati con gli interessi. Per questo chiediamo a commercianti e imprenditori di denunciare e a Confindustria Sicilia, che espelle chi paga il pizzo, sollecitiamo un passo in più: l’allontanamento di tutti coloro che hanno avuto una sentenza passata in giudicato o hanno processi in corso per mafia». «Nonostante la ribellione di Confindustria e associazioni come Addio Pizzo – aggiunge il magistrato della Direzione nazionale antimafia Roberto Alfonso – il fenomeno estorsivo non è arretrato di un millimetro. Anzi: è in pericolosa crescita». I dati della Direzone investigativa antimafia, diffusi ieri, sembrano confermarlo: le denunce 2008 per estorsione, usura e riciclaggio sono in calo (si vedano grafici). Ad Andrea Vecchio – a capo degli edili catanesi e una vita blindata, il prezzo pagato al coraggio della denuncia – spetta un commento. «Burocrazia e malapolitica – spiega – non aiutano chi denuncia e chi si espone. La repressione dello Stato fa passi in avanti ma non basta, non basta».
Insomma, il circuito di legalità che parte dal basso fa fatica. Gli imprenditori condividono e criticano. A partire da Giuseppe Catanzaro, vicepresidente di Confindustria Sicilia, altra esistenza blindata per le continue minacce di morte. «Dobbiamo capire – afferma – che Cosa Nostra ha il solo fine di creare profitto. Per sconfiggerla bisogna però avere la certezza che chi viene condannato resti in cella e viva da povero. Invece le scarcerazioni dei boss e degli estorsori si susseguono e non vedo né il Governo né il Parlamento asserire in maniera corale questo banale principio. Quanto all’invito di Scarpinato, Confindustria Sicilia lo ha già fatto suo: è sospeso chi ha un processo, viene cacciato chi è stato condannato. La stessa severità vorrei vederla nelle pubbliche amministrazioni che devono cacciare i dirigenti che ritardano i procedimenti amministrativi a danno delle imprese oneste e a favore di quelle mafiose. Ci sono ancora troppi politici locali che non adottano i principi di questa catena di legalità».
Nel giorno in cui sarà posata l’ennesima corona di fiori a piedi dell’albero Falcone a Palermo, servirà forse spostare lo sguardo un pò più in là, verso il porto di Palermo, dove oggi attracca la nave con studenti provenienti da ogni parte d’Italia, partita ieri da Napoli. «E allora converrà ricordare – rammenta Maria Falcone, sorella del giudice – le parole di Gesualdo Bufalino». La mafia – amava ripetere lo scrittore di Comiso – sarà sconfitta da un esercito di maestri elementari. Speriamo che sappiano insegnare che una password non serve solo per accedere a Facebook ma anche per bruciare i soldi sporchi e con loro l’anima di Cosa Nostra.

Capaci, la fiera del tartufo

Capaci, la fiera del tartufo.

Scritto da Marco Travaglio

Sabato 23 maggio, come ogni anno, è andata in scena a Palermo la consueta parata antimafia, una sorta di fiera del tartufo dove una carovana di politici (c’era persino Schifani) e autorità militari, civili e religiose fanno a gara nell’elogiare l’impegno dello Stato, nel promettere di non abbassare la guardia, nel ringraziare i magistrati (quelli morti). Poi, rientrati a Roma, ricominciano come sempre ad attaccare o insultare o trasferire o disarmare i magistrati (quelli vivi). Nessuno degli augusti oratori impegnati a commemorare l’“amico Giovanni” ha detto una parola sui mandanti occulti ed esterni a Cosa Nostra che commissionarono le stragi di Capaci e Via d’Amelio nel 1992 e quelle di Milano, Firenze e Roma nel 1993.

Eppure, proprio il giorno prima, Giovanni Brusca – il pentito ritenuto da tutti credibilissimo quando parla di se stesso e dei complici che fecero esplodere l’autostrada di Capaci – ha fatto rivelazioni esplosive nel processo in corso (dunque ignorato dalla grande stampa) per favoreggiamento mafioso a carico del generale Mori per la mancata cattura di Provenzano nel 1995. “Riina – ha detto Brusca – mi fece il nome dell’uomo delle istituzioni col quale venne avviata, attraverso uomini delle forze dell’ordine, la trattativa con Cosa nostra” dopo Capaci. Il nome? Brusca s’è avvalso della facoltà di non rispondere perché sul caso indaga la Procura di Caltanissetta. Finora Brusca aveva detto di essere arrivato a quel politico, all’epoca ministro, in base a sue “deduzioni”. Ora invece afferma che glielo disse Riina, coinvolto direttamente nella trattativa con due ufficiali del Ros (lo stesso Mori e il capitano De Donno) tramite l’ex sindaco di Palermo, Vito Ciancimino. Anche a quel politico della Prima Repubblica, come pure a Mori, sarebbe stato consegnato il famoso “papello” con le richieste di Cosa Nostra per interrompere le stragi. Ma la rivelazione di Brusca, ripresa da Corriere e Stampa, è caduta nel più impenetrabile silenzio della classe politica. Lo stesso silenzio che l’altra sera, a Matrix su Canale5, ha accolto l’intervento del pm Gaetano Paci su Vittorio Mangano, lo “stalliere” di casa Berlusconi, definito “eroe” dal premier e da Dell’Utri: “Mangano era un mafioso sanguinario condannato per mafia, narcotraffico e omicidio, gli eroi sono Falcone e Borsellino”. In studio, mentre le telecamere indugiavano sui volti impietriti di Alessio Vinci, Piero Grasso e Giuseppe Ayala, non una parola su Mangano &C.. E via con l’antimafia dei film e delle fiction, quella che non fa nomi di politici. La commissione Antimafia, presieduta da Pisanu, è ormai un ente inutile e inerte. Chissà se basterà a ridestarla dal letargo la denuncia del pm Roberto Scarpinato, che sabato, sul Sole-24ore, ha rivelato come il governo abbia tolto alle procure la password per accedere ai conti correnti. Impedendo così il sequestro di enormi capitali mafiosi. Una semplice coincidenza, si capisce: sono tutti troppo impegnati a celebrare l’”amico Giovanni”.

MARCO TRAVAGLIO

in L’Unità, 25 maggio 2009