Il Progetto per un Nuovo Secolo Americano (PNAC)

PNAC
Illuminante un articolo sul “Progetto per un Nuovo Secolo Americano (PNAC)”:

Adesso è in piena attuazione (con precisione incredibile) e molti dei suoi autori sono nell’amministrazione Bush.

Uno sconvolgente documento in cui è già scritta tutta la storia del mondo dei recenti e dei prossimi anni come nelle intenzioni di questa loggia neocon.

E’ su Internet da 9 anni il sito con il “Progetto per un nuovo Secolo Americano”, opera di un gruppo di neocon fondato tra gli altri da Rumsfeld e Cheney e con base a Washington, che già da anni progettava la guerra permanente in Medio Oriente prima all’Iraq, poi all’Iran, alla Siria e così via, per affermare, espandere e difendere il dominio degli Stati Uniti sul mondo intero. Questa presentazione la trovate scritta nella home page. I teorici del Nuovo Secolo Americano facevano notare nel PNAC che un’accelerazione positiva ai loro progetti sarebbe stata possibile solo in concomitanza di un “evento catastrofico e catalizzatore – come una nuova Pearl Harbor”

Jeb Bush, fratello del Presidente USA e governatore della Florida dal 1998 (ricordate come divenne presidente George W Bush?…).
Dick Cheney, vicepresidente USA.
Donald Rumsfeld, ministro della Difesa USA.
Paul Wolfowitz, teorico della guerra preventiva e nominato da Bush Presidente della Banca Mondiale.
Il presidente è William Kristol, direttore di “the Weekly Standard” e corrispondente della TV FOX News.
Tra gli altri membri PNAC si segnalano:
John R. Bolton, ambasciatore USA all’ONU.
R. James Woolsey, ex direttore della CIA.
Richard Perle, fondatore del PNAC, strettamente legato alla destra israeliana.
Steve Forbes, multi-miliardario, editore di Forbes Magazine.
Donald Kagan, professore della Yale University

Ora tocca all’Iran. E’ scritto dal 1997. Iran dove nel 1953 la CIA effettuò il primo golpe prima di quelli sudamericani (Cile, Argentina eccetera), mettendo al potere un dittatore e rovesciando il premier che voleva nazionalizzare il petrolio. Decenni di dittatura feroce e petrolio agli americani. Poi gli USA hanno perso il controllo in Iran, dunque il Progetto ne prevede la riconquista. In Iran hanno capito che l’unico modo per difendersi da una storia già scritta è lavorare sul nucleare. Il resto verrà da sè e staremo a vedere.

Il piano mostra come il gabinetto di Bush intendesse prendere il controllo della regione del Golfo, fosse o no al potere Saddam Hussein. Vi si legge: “Da decenni gli Stati Uniti tentano di giocare un ruolo più permanente nella sicurezza della regione del Golfo. Se l’irrisolto conflitto con l’Iraq offre la giustificazione immediata, la necessità per una consistente presenza americana nel Golfo trascende la questione del regime di Saddam Hussein”.
Il documento PNAC conferma un “progetto per il mantenimento della supremazia globale degli USA, impedendo l’ascesa di una grande potenza rivale e modellando l’ordine e la sicurezza internazionali in linea con i principi e gli interessi americani”.

La “grandiosa strategia americana” dovrà essere perseguita “più a lungo possibile nel futuro”, dice il rapporto. Esso richiede inoltre che gli USA “combattano e riportino vittorie decisive in contemporanea su più teatri di guerra di importanza strategica” come “missione chiave”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...