Cos’è il signoraggio

Da http://centrofondi.it/report/Piero_Sanna_Moneta_Dominio.pdf un articolo che spiega cos’è il signoraggio:


Gli stati ed i governi di tutto il mondo hanno, proprio come le persone, un’innata necessità di denaro. Lo stato necessita denaro per far fronte alle molteplici spese in cui deve incorrere (infrastrutture, sanità, pensioni, stipendi, ecc). Il bilancio di uno stato è essenzialmente costituito da due voci. Una è il gettito fiscale (entrate), l’ altra è la spesa pubblica (uscite). Quando le uscite superano le entrate si ha un deficit (debito pubblico). Lo stato può quindi fare due cose per appianare il deficit, aumentare la pressione fiscale e ridurre la spesa pubblica. A prima vista sembrerebbe una pratica semplice e diretta. Perchè quindi tutti gli stati sono sommersi da astronomici debiti pubblici? Le ragioni risiedono nell’emissione monetaria. Per supplire all’ inevitabile esigenza di danaro gli stati moderni chiedono in prestito la massa monetaria a loro necessaria alla rispettiva banca nazionale, oggi meglio conosciuta come banca centrale. La banca centrale nazionale elargisce il prestito allo stato e lo grava di interesse (TUS o TUR). Lo stato a sua volta ripaga questo prestito tramite l’emissione di titoli di stato (Bot e Cct) per un pari valore al prestito richiesto alla banca. Questa situazione di apparente normalità cela in effetti la più grande truffa mai perpetrata ai danni dei popoli del mondo moderno. Per apprezzarne la gravità è necessario fare due premesse.

• Il denaro non è più garantito dall’oro

La convertibilità del denaro in oro è di fatto cessata con l’abolizione degli accordi di Bretton Woods nel 1971. Da questo preciso momento storico il denaro cartaceo può essere convertito solamente con altro denaro cartaceo. In passato un cittadino italiano qualsiasi avrebbe potuto portare la sua banconota da centomila lire alla banca d’Italia e farsi dare il corrispettivo in oro. Oggi una banconota da cento euro può essere cambiata solo con un’altra banconota da cento euro. Questo che cosa significa? Significa che oggi il denaro al momento della sua stampa ed emissione vale come la carta straccia. Non essendo più garantito da un valore reale le banconote oggi non sono altro che dei pezzi di carta colorati ai quali attribuiamo un dato valore in quanto buoni per il pagamento delle tasse e generalmente accettati dal mercato per comprare beni e servizi. Il valore di questi biglietti risiede quindi nella loro accettazione da parte della collettività e nella fiducia che in essi viene riposta come merce di scambio convenzionale.

• Le banche centrali sono delle s.p.a.

Benché la maggior parte delle banche centrali nazionali siano ritenute proprietà dello stato, la verità è che sono delle agenzie di credito private, istituite con il solo scopo di massimizzare i profitti dei loro azionisti. I due casi più eclatanti di quest’anomalia a norma di legge sono sicuramente la Federal reserve bank (banca centrale nazionale americana) e la banca d’Italia ( vedi tabella). Da queste due premesse deriva una scioccante rivelazione. Tutto il denaro in circolazione è gravato da debito ancora prima che arrivi nelle casse dello stato e venga accettato ed utilizzato dai suoi cittadini. Infatti, quando lo stato chiede in prestito una data massa monetaria, supponiamo 100 bilioni di euro, la banca centrale, stampa ed emette 100 bilioni in banconote di tagli diversi (5,10,50,100, ecc) spendendo 0,30 centesimi di euro a taglio. Questi pezzi di carta sono senza valore al momento della loro emissione perchè non garantiti da collaterale (oro), ma vengono prestati per il loro valore facciale (ovvero 100 bilioni) allo stato. La banca centrale non si comporta quindi come una normale tipografia, ma come un’effettiva agenzia di credito. La differenza fra il costo di stampa ed il valore facciale delle banconote viene, di fatto, incamerato dalla banca centrale.

Questa esorbitante rendita monetaria è conosciuta come signoraggio primario ed è incamerata da un’agenzia di credito completamente privata che conosciamo con il nome di banca centrale. Inoltre questo prestito viene gravato di un interesse (oggi al 4%) conosciuto come tasso di sconto o di riferimento. In pratica su una banconota da 100 euro il signoraggio è pari a 100 – 0,30 = 99,70 + 4% = 103,70 €. Quando quindi il denaro viene accettato e speso dagli ignari cittadini, è gravido di un debito pari al 103,70 %.

Non si può dire lo stesso dell’emissione monetaria concernente la moneta metallica. Infatti, il conio e l’emissione delle monete è lasciato allo stato che ne incamera un modesto signoraggio in quanto molte monetine comportano un costo di conio maggiore del loro valore facciale ( il materiale utilizzato è molto più costoso della carta come nel caso di bronzo, argento, rame, ecc). La domanda a questo punto dovrebbe sorgere spontanea. Perché lo stato può coniare, mettere in circolazione e usufruire del signoraggio sulla moneta metallica ma non su quello delle banconote? Il seguito di questa presentazione tenterà di illustrare nella maniera più semplice e comprensibile possibile i motivi che si celano dietro una quanto mai enigmatica ed autolesionista politica di emissione monetaria. Ma vediamo ora di capire una seconda forma di signoraggio da molti economisti ritenuta come la più perniciosa e fagocitante attività di speculazione ai danni dei cittadini. Il signoraggio secondario.

Banche commerciali e signoraggio secondario

Abbiamo brevemente visto come avvenga la creazione del denaro preso a prestito dallo stato per far fronte alle spese sociali. Questa presentazione si concentrerà ora sulla creazione di denaro creditizio, cioè quello che ci viene prestato dalle banche commerciali, conosciuto anche come signoraggio secondario. Innanzi tutto è indispensabile fare una breve analisi del concetto di prestito. Vi sono principalmente due tipi di prestiti: prestiti distributivi e prestiti generatori. Quando prestate la falciatrice ad un amico o quando una associazione di credito cooperativo presta denaro, qualcosa di preesistente viene temporaneamente ridistribuita, da qui la definizione di prestito distributivo. Quando una banca commerciale accorda un prestito, essa genera il denaro dal nulla grazie alla pratica bancaria della riserva frazionaria. Il denaro non proviene dalle risorse della banca, ne dai depositi che le vengono affidati dalla clientela: viene dall’inchiostro della penna del banchiere (o da una scrittura effettuata in un computer)5. Questi sono prestiti classificati come prestiti generatori. Da dove la banca crea questi nuovi prestiti? Dalla monetizzazione dei collaterali presentati a garanzia dal contraente. In altre parole la vostra casa, macchina, azienda, terreni, negozio, ecc. Quindi la banca trasforma in liquidità il potenziale valore dei vostri averi/garanzie e ve li presta sotto forma di linee di credito, prestiti e mutui che dovrete ripagare più interesse. La banca utilizza la vostra firma sul contratto che avete stipulato come un attivo di cassa. In altre parole utilizza la vostra promessa di pagamento come se i soldi più l’interesse fossero gia’ stati ripagati. Questo nuovo attivo viene inoltre utilizzato dalla banca come riserva. Più esattamente, la banca non presta nemmeno il denaro in molti casi. Promette di pagarlo!!! Quando chiedo un prestito di € 100.000 per pagare una fornitura di merce, supponiamo in forma di lettera di credito, la banca non mi dà denaro, ma solo una promessa di pagare quella somma al mio venditore. Però il contratto di mutuo è formulato come se la banca prestasse denaro. Esso finge che la banca presti denaro6. L’assioma generale è quindi che ogni volta che la banca effettua un prestito od un mutuo non percepisce solo gli interessi ma si incamera l’intero valore del prestito / mutuo (che crea dal nulla) e lo utilizza come patrimonio della banca. Ovvero capitale attivo che usa come riserva. Per capire la funzione della riserva è necessario comprendere che la capacità di una banca di creare moneta non è infinita. E’ limitata dal suo capitale. Le linee direttive delle istituzioni finanziarie limitano la totalità dei prestiti di una banca a 20 volte il suo capitale ( oggi, 2007, siamo a 50 volte, con una riserva frazionaria del 2%) così come viene definito nel documento al capitolo A, “Capital Adequacy Requirements,” capoverso 1, sezione 1-1. Queste regole seguono le linee guida del “Capital Accord” del 1988, raggiunto sotto l’egida della BRI, la Banca dei Regolamenti Internazionali di Basilea (BIS – Bank of International Settlements). Tradotto in Italiano intellegibile significa che la banca (commerciale) puo’ prestare 50 volte quello che veramente dispone in cassa. Per legge!!! ( provatelo a fare voi e vediamo che succede?). Quanto maggiori sono le riserve, tanto più cospicui saranno il numero e l’ammontare dei prestiti che la banca puo’ concedere. La banca di credito, quindi, presta denaro che non esiste, ne presta fino a 50 volte di più di quanto esiste realmente nelle sue casse.

Più precisamente, nel 1988 il sistema bancario internazionale, con gli accordi di “Basilea 1”, ha prescritto alle banche di coprire con capitale proprio (“Eigenkapital”) almeno l’8% dei prestiti. Con gli accordi di “Basilea 2”, questa riserva è lasciata variare tra l’l,6 e il 12% a seconda del grado di solvibilità del cliente7. Rimane ora da capire perchè il signoraggio secondario sia il più subdolo e devastante strumento d’indebitamento dei cittadini. Il punto è che l’emissione di denaro creditizio dal nulla va ad aggiungersi ( e superare di gran lunga ) alla massa monetaria di denaro vero (che tu hai acquistato lavorando o producendo e che comporta costo, fatica, rischio). Questa commistione fra denaro vero e denaro creditizio comporta inflazione (non quella dell’ISTAT ). C’è quindi troppo denaro in circolo che cerca di comprare troppi pochi beni e servizi. Praticamente significa che tutti percepiscono una perdita di potere d’acquisto. L’affitto costa di più, fare la spesa costa di più, mantenere la macchina costa di più, gestire la propria attività commerciale costa di più ecc, ecc. La qualità della vita diminuisce perchè è come se qualcuno avesse preso dalle nostre tasche durante gli anni migliaia e migliaia di euro. …

Advertisements

14 risposte a “Cos’è il signoraggio

  1. Complimenti vivissimi x il vostro sito, che reputo sicuramente tra i migliori per qualità di informazione. Spero non molliate , anche se si nota che nessuno lascia commenti, perchè non è ancora conosciuto dalla stagrande maggioranza dei cittadini il devastante problema del signoraggio. Un po’ x pigrizia ,un po’ perchè l’informazione in italia è al pari della nostra classe dirigente ( nausea perenne ); il popolo che pensa di essere libero e sovrano, non lo è affatto; la disinformazione invece regna sovrana, e se gli italiani non si destano , sarà cosi’ per l’eternità. Grazie e buon lavoro a tutti

  2. salvatore delogu

    e’ incredibile come poche persone riescano ad ingannarne milioni …e’ geniale la cattiveria e l’egoismo dell’uomo….riusciremo un giorno a liberarci da queste catene e a vivere in un mondo migliore, dove anche i piu’ poveri avranno da mangiare??

  3. Salute a Voi.Sono da poco approdato ad WWW,
    la prima sensazione è che mi sento un cacciavite” ancora operativo in attesa di essere soppiantato da un avvitatore ,piu produttivo ,lesivo all’ambiente ma quello è un irrilevante dettaglio ai pochi comunque gioverà.
    Sono certo anche un coccodrillo visto che ho fatto parte di qesto bestiario collegiale ne ho 55 di anni ed il mio contributo alla risoluzione odierna,in piccolissima parte è stata determinante (massificata!?) .Ma vi è sempre un ma,sono anche figlio del mio tempo ,quindi oscurato per ovvie ragioni di sistema dalle innumerevoli quisquilie”come la susscritta ,da Voi illuminati . Tutto questo ,per dirvi che non bisogna andare alla bocconi per capire che le banche(spero non quelle etiche) sono il nucleo” della centrale “,ASSOCIAZIONE A DELINQUERE ?!!!no certo MA!!? sarebbe troppo per quei cacciaviti” che come me ARTIGIANO ,Hanno nel limite delle proprie possibilità e capacità operato al MEGLIO !mi riferisco ai bancari ,agli sportellisti ai direttori delle piccole filiali onesti a misura d’UOMO ,già,
    il bipede dimenticato ! Vi auguro un benevole divenire,spero di avere la possibilità con questo nuovo strumento di leggere ancora illuminanti pubblicazioni di nuovo SALUTE.

  4. Luciana porzi

    Sono venuta da circa 2 mesi a conoscenza del fenomeno SIGNORAGGIO , CARTOLARIZZAZIONE, FED, BANCA MONDIALE, GRUPPO BILDERBERG, etc. Sto divulgando il tutto nel mio “piccolo”. Ho definito la cosa con il nome : “LA CODA DELLO SCORPIONE”. Ho scoperto che neppure i laureati in Economia ne sono a conoscenza. SCANDALOSO !!! Quindi : informazione, informazione, informazione, passa parola, passa parola, parlarne sempre , giorno e notte.

  5. E VERO, DOPO TANTI ESAMI DI ECONOMIA SUPERATI, SONO VENUTO A CONOSCENZA DEL SIGNORAGGIO E DEL SUO PERVERSO MECCANISMO, SOLO QUALCHE MESE FA E NE SONO RIMASTO SCONVOLTO, SE NON CI FOSSE INTERNET DA NESSUN TESTO DI ECONOMIA SI APPRENDEREBBE QUESTA PRESA PER I F…

  6. lucio panozzo

    Non mi torna la % dell’interesse sull’ammontare del debito banca nazionale – stato. Sarà 3,75% , non 103,75%. Saremmo falliti come stato da tanto tempo. Lo saremo, comunque, e molto presto.

  7. X lucio panozzo: proviamo a chiarire il discorso semplificando al massimo

    103.7% è il debito rispetto al valore nominale di moneta creata (100).

    – Lo stato ha bisogno di 100

    – La banca centrale crea 100 dal nulla al costo di 0.3 (essenzialmente spese di stampa)

    – Lo stato compra dalla banca centrale pagando 100 quello che alla banca era costato solo 0.3, la banca ha un utile di 99.7 contro solo 0.3 di spesa, per la banca è una transazione molto conveniente!

    – Lo stato per pagare i 100 alla banca centrale deve indebitarsi e sborsare dunque 100 + gli interessi, stimati intorno al 4%.

    – I cittadini pagano il debito con le tasse

    – Se il totale del debito è 1.8 miliardi di euro, assumendo interesse al 4%, le spese per interessi in un anno sono 72 miliardi di euro, l’equivalente di tre leggi finanziarie. Poi non ci sono i soldi per le pensioni, la salute, l’istruzione, la ricerca…

  8. Armando C. Tavano

    Esposizione impeccabile e molto chiara di un argomento difficile da capire e da spiegare. Tant’è vero che è noto solo a pochissimi. Aggiungerei che la metà delle entrate fiscali italiane è destinata al pagamento degli interessi sul debito pubblico, si tratta di circa 250 miliardi di Euro. Ciò sta a significare che ogni italiano lavora più di qualche mese all’anno solo per pagare gli interessi di un debito pubblico che non ha ragione di esistere in quanto sostituisce una funzione sovrana dello stato, vale a dire l’emissione monetaria. Lo stato emette debito ma non può emettere moneta, anzi cartamoneta, perché i banchieri almeno quelle, le briciole, gliel’hanno lasciata. Schiavitù volontaria dovuta all’ignoranza dei più? Si può certo parlare di nuova schiavitù! Sta di fatto che a beneficiare di questo stato di cose è un gruppetto di soggetti, che si trasmettono di padre in figlio questo potere di sfruttare il nostro popolo, arricchendosi e arricchendo il loro gruppo. E qual è l’obiettivo?
    Sarebbe da aggiungere che il signoraggio dovuto all’emissione di carta moneta viene riconosciuto alla Banca d’Italia ogni anno nella misura della quota delle emissioni totali a livello UE spettante all’italia sulla base della sua partecipazione al capitale della BCE. Per esempio per il 2008 questo importo che è finito tra gli attivi della Banca d’Italia è stato di 13 miliardi di Euro circa. Sarebbe anche da aggiungere che quando il governo Prodi cedette le banche pubbliche italiane ai privati, trasferì a questi privati, a titolo di pacco regalo. anche la Banca d’Italia, per cui il reddito monetario dovuto all’emissione di carta moneta resta imbrigliato nei forzieri della nostra banca centrale e a differenza degli interessi sui titoli di stato, unica voce che la Banca d’Italia riconosce come signoraggio, non vengono assoggettati a tassazione, perché con una soluzione contabile più unica che rara a fronte di questi attivi monetari viene imputato per un pari importo un debito, un debito per il quale non esiste alcun debitore! Sarebbe da aggiungere che se lo stato fosse veramente sovrano, dalla mattina alla sera potrebbe risolvere il problema del debito pubblico. Basterebbe riprendersi la sovranità monetaria ed eliminare il meccanismo della riserva frazionaria. Così facendo tutto il circolante vero o fittizio si convertirebbe in cartamoneta contante e sonante e attribuirebbe allo stato emittente un reddito monetario o signoraggio pari circa al debito pubblico attualmente in essere!

  9. Sono contento di aver trovato il vostro sito, ma soprattutto per gli argomenti trattati ed in particolare per la c.d. truffa del debito pubblico e per l’altro tema, ancora più grave del primo, cioè il c.d. signoraggio creditizio o secondario (cioè la creaziuone di denaro dal nulla da parte delle banche).
    Vi posso assikcurare che appena mi è possibile cerco di spiegare questi argomenti a tutte le persone – amici e conoscenti – che dimostrano di essere del tutto ignare di tali questioni, ciò perché l’unica possibilità di cambiare la realtà è data dalla necessità che si faccia il possibile per costruire una coscienza collettiva che possa rendere intellegibilitali concetti ed in tal modo determinare i popoli a pretendere dai propri rappresentanti che si prendano delle decisioni che vadano realmente a vantaggio della collettività.
    Vi dirò che condivido in pieno la posizione dell’Avv. Alfonso Luigi Marra che sostiene la tesi per la quale non si dovrebbero pagare più tasse attraverso l’introduzione del reddito di cittadinanza, ciò evidentemente va seguito dell’effettivo recupero della Sovranità Monetaria da parte del popolo.
    Aggiungo che perché ciò avvenga è necessario non solo avere il coraggio ma anche riuscire a manifestarlo proprio al fine di poter vedere realizzato il sogno della maggior parte degli uomini di vivere in un mondo migliore e più giusto.
    Ricordiamoci e prendiamo esempio dalle parole di Ghandi:
    l’uomo che sostiene (o dice) il vero contro il potere è costretto ad affrontare il seguente percorso:
    a) prima viene ignorato;
    b) poi viene deriso;
    c) dopo viene combattuto;
    d) infine vince.
    Il punto d) si verificherà se e solo quando il popolo avrà acquisito quella coscienza collettiva di cui parlavo prima, cioè sarà venuto a conoscenza della verità sui meccanismi truffaldini di emissione della moneta ed anche su quelli che si riferiscono alle malefiche attività delle banche ovvero al c.d. signoraggio creditizio.
    Spero che l’umanità un giorno riesca a sapere per potersi salvare.
    Viva la libertà, viva la vera giustizia, viva l’amore per il prossimo.
    f.to Avv. Renato Penna

  10. Grazie, dobbiamo fare divulgazione sull’argomento.

    Saluti

  11. non paghiamo piu’ le tasse, nessuno di noi dovrebbe pagarle piu’ ,,,,questo falso sistema si bloccherebbe…… dai coraggio a tutti

  12. vincenzo cesare vacchio

    IN CHE MANI SIAMO DA SECOLI!

  13. E allora?… nessuno parla più?…
    Forza è il momento più che mai di divulgare queste verità, anche se noto che la gente non ama ascoltarti quando si parla di certe questioni…è un pò come dimostrare che Dio non esiste ad un credente:…oltre a un certo punto taglia la discussione…

  14. Rosa Anna Oioli

    Antonella se riesci a dimostrare scientificamente che negli universi un entità , che chiamala come vuoi o Dio non esiste io ti crederò , detto questo il sistema del signoraggio e della scomparsa delle riserve frazionarie e’ già imploso ne rimangono solo i cocci rotti. Ma quel che conta e’ trovare il sistema di non farli pagare ai nostri figli come abbiamo fatto noi fino ad oggi e per questo bisogna cambiare i politici , pensaci bene quando ci saranno le elezioni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...