Archivi del giorno: 3 marzo 2009

Inchieste di mafia: l’ostacolo del segreto bancario

Da http://www.antimafiaduemila.com/index.php?option=com_content&task=view&id=13446&Itemid=78:

segreto bancario come ostacolo alle indagini perché non permette di scoprire il movimento dei flussi di denaro che altrimenti sarebbero decisivi. Quantificare l’ammontare di quest’economia mafiosa è pressoché impossibile ma ciò appare ancor più insormontabile se vengono mantenuti certi limiti d’investigazione. Lo ha spiegato perfettamente il procuratore Roberto Scarpinato, commentando il sequestro di beni da 400 milioni di euro compiuto ai danni di Rosario Cascio, considerato come una delle menti finanziarie di Messina Denaro. “Palermo è fra le tre Procure in Italia ad avere la password d’accesso alla banca dati delle banche. Al momento siamo al livello due di accesso alla banca dati, ma vorremmo accedere al terzo livello. In questo momento, soltanto la Guardia di finanza ha la possibilità di accesso e solo per i reati di tipo fiscale. Questo sistema è davvero contraddittorio. Se la linea del governo è quella di colpire la criminalità economica, allora si deve rendere disponibile l’accesso anche alle forze dell’ordine e alla magistratura. Solo così si potrebbero sottrarre alla criminalità mafiosi miliardi di euro”.