Archivi del giorno: 16 maggio 2009

Benny Calasanzio Borsellino: Appunti per un film su un testimone di giustizia

Benny Calasanzio Borsellino: Appunti per un film su un testimone di giustizia.

Surreale telefonata tra uno scrittore di sceneggiature e un regista per un film su un testimone di giustizia e un sottosegretario che lo condanna

UGUALE PER TUTTI: Il berlusconismo dell’Associazione Nazionale Magistrati

UGUALE PER TUTTI: Il berlusconismo dell’Associazione Nazionale Magistrati.

di Felice Lima
(Giudice del Tribunale di Catania)


Ci sono cose che sai, ma che sono talmente gravi e clamorose che a volte, sotto sotto, è come se non ci volessi credere nonostante la loro evidenza.

Ho scritto tante volte che il potere interno alla magistratura, gestito dalle correnti, disgraziatamente è diventato identico al potere esterno, gestito dai politici, e ho illustrato in molti modi questa convinzione.

Ho scritto anche in diverse occasioni come i gestori del potere interno della magistratura difendano ormai solo il loro personale potere usando la asserita difesa dell’indipendenza della magistratura (e, si badi, NON dei magistrati) solo come alibi di facciata.

Ho scritto queste cose, che appaiono del tutto evidenti, ma probabilmente, da qualche parte dentro di me, speravo in una qualche smentita, in un cambio di atteggiamento, in una presa di coscienza.

Per questo le reazioni del “potere interno” alla sentenza con la quale il T.A.R. del Lazio ha dichiarato illegittimo e annullato il trasferimento di Clementina Forleo disposto dal C.S.M. sono riuscite a stupire anche me.

Di quella sentenza, della sua fondatezza in diritto e della irragionevolezza della reazione dei consiglieri del C.S.M. iscritti al Movimento per la Giustizia (una delle correnti dell’A.N.M.) ho scritto in due articoli ai quali rinvio: “Il C.S.M. e Clementina Forleo: ovvero dei pessimi rapporti fra il potere e la legge” e “Il Movimento per la Giustizia il potere e la legge”.

Ieri l’Associazione Nazionale Magistrati ha emesso un comunicato su quella sentenza che offre la prova evidente che i capi dell’A.N.M. pensano esattamente come il Silvio Berlusconi al quale dicono di volersi contrapporre.

Nel citare qui Silvio Berlusconi non intendo riferirmi solo alla persona del Presidente del Consiglio, ma alla cultura politica che egli esprime e che – bisogna prenderne atto – risulta nei fatti condivisa da ampia parte del panorama politico italiano di qualunque colore politico. La vicenda Forleo riguarda proprio un caso – la vicenda delle c.d. scalate bancarie – che coinvolge esponenti di primo piano della sinistra, le cui linee di condotta sono state del tutto identiche a quelle che in altre occasioni hanno criticato alla destra.

Il comunicato dell’A.N.M. sulla sentenza del T.A.R. può essere letto a questo link.

Esso si connota per le seguenti caratteristiche, che, dopo avere elencato, illustrerò analiticamente, punto per punto:

1. Si finge che quella del T.A.R. sia una interpretazione della legge, mentre, invece, è pacifico – ed emerge dallo stesso comunicato dell’A.N.M. – che ciò che ha affermato il T.A.R. è puramente e semplicemente ciò che dice la legge.

2. Non si contesta al T.A.R. di avere violato la legge, ma si adducono argomentazioni secondo le quali ciò che dice la legge non starebbe bene e si dà ad intendere che il T.A.R. avrebbe dovuto violare la legge – come già aveva fatto il C.S.M. – perché questo starebbe meglio.

3. Manca qualsiasi riferimento, foss’anche minimo, al fatto che risulta ormai giuridicamente certo che il C.S.M. ha agito illegalmente e che Clementina Forleo è stata vittima di una grave ingiustizia commessa dall’organo che avrebbe dovuto tutelarne l’indipendenza.

4. Si dà l’ennesima prova del fatto che il potere interno alla magistratura è un blocco unico e che vi è una intollerabile commistione di ruoli fra A.N.M. (e dietro l’apparenza di essa, le correnti) e il C.S.M..

5. Ci si lamenta del «sistema disciplinare» tacendo del tutto sul fatto che esso è nelle mani della magistratura e non di imprecisati enti esterni.

6. Si reclama per il C.S.M. un tipo di potere che è ESATTAMENTE quello che vogliono Berlusconi e i politici di potere (di destra e di sinistra).


Questi non li votiamo. Le elezioni per il Parlamento di Strasburgo

http://www.antimafiaduemila.com/index.php?option=com_content&task=view&id=15910&Itemid=48

di Peter Gomez – 15 maggio 2009
Condannati come Bonsignore e Sgarbi. Inquisiti come Mastella e Storace.

I candidati nei guai con la giustizia spuntano nelle liste per le europee di tutti i partiti

C’è chi è ancora sotto inchiesta oppure l’ha fatta franca grazie alla prescrizione o all’amnistia. C’è chi si è salvato per un cavillo. C’è chi è stato riconosciuto colpevole addirittura in Cassazione, ma è lì lo stesso. Da anni. E con tutta probabilità sarà lì di nuovo. C’è chi, invece, avrebbe dovuto star fuori dalla politica ab eterno, perché lo aveva garantito il suo partito vista la pessima prova di sé fornita al Paese e al mondo. Ma che, dopo una sentenza sfavorevole incassata in primo grado, è stato ripescato e riammesso al ballo. Forse perché la pena, dice la Costituzione, è sempre tesa alla riabilitazione del condannato. Infine c’è lui, l’ineleggibile e l’improcessabile per eccellenza: Berlusconi Silvio da Milano, classe 1936, uno dei quattro mariti d’Italia – con il presidente della Repubblica e quelli di Camera e Senato – che oggi, in virtù del lodo Alfano, potrebbero persino scegliere non di divorziare, ma di strangolare la consorte, certi di non finire davanti ai giudici sino al termine del mandato.

Sono cose che voi umani non avreste nemmeno potuto immaginare quelle che emergono dalle liste elettorali depositate in vista delle europee del 7 e 8 giugno. Se il caso Berlusconi-Lario-minorenni ha portato alla precipitosa esclusione di una dozzina di veline, evitando così che gli elettori del Pdl entrassero nelle urne con lo stesso spirito con cui si partecipa al televoto per la casa del ‘Grande Fratello’, molte delle altre candidature fanno adesso rimpiangere le stesse veline. E per accorgersene basta analizzare i curricula, penali e politici, di una ventina di aspiranti euro-deputati.

Popolo della libertà
Berlusconi è capolista ovunque, ma non andrà mai a Strasburgo. Se lo facesse, dovrebbe rinunciare alla poltrona da premier e soprattutto vedrebbe ricominciare due suoi processi: quello per i falsi in bilancio Mediaset e quello per la corruzione del testimone David Mills. Così il Pdl è costretto a consolarsi con altri quattro cavalli di razza dati per vincenti nella corsa (con preferenze) per l’Europarlamento. In pole position, secondo i bookmakers, c’è l’ex ministro della Giustizia, Clemente Mastella, indimenticato e indimenticabile autore di ben due ribaltoni: nel ’98 passò dalla destra alla sinistra, nel 2008 dalla sinistra alla destra. In attesa di sapere dove andrà tra dieci anni, Mastella morde il freno. Alle politiche il Cavaliere, per premiare il suo essenziale contributo alla caduta del governo Prodi, gli aveva garantito dieci senatori e 20 deputati. Ma i sondaggi – impietosi – e le pressioni di Lega e An avevano fatto saltare l’accordo. Oggi però Mastella è di nuovo in pista, dopo un anno trascorso ai box facendo la comparsa a ‘Quelli che il calcio’: ossia il tempo necessario per far dimenticare che l’indagine di Santa Maria Capua Vetere, per cui si era dimesso, non era affatto infondata. Parola della Corte di Cassazione, che ha descritto la moglie di Mastella, Sandra Lonardo, come impegnata in “una politica di occupazione e di spartizione clientelare nei posti di responsabilità”. E parola dei pm di Napoli, a cui l’inchiesta è passata per competenza, che da poco hanno depositato gli atti alle parti: una mossa che solitamente precede la richiesta di rinvio a giudizio. Tra gli indagati, oltre al consuocero di Mastella, Carlo Camilleri, c’è anche l’ex guardasigilli che deve giustificare due presunte concussioni, una tentata concussione (ai danni del governatore Bassolino) e qualche abuso d’ufficio. Ma lui non si scompone. A Strasburgo c’è posto per tutti, come dimostra la storia di un altro Fregoli della politica: l’europarlamentare uscente Vito Bonsignore, ex Dc, ex Ppi, ex Udc, oggi passato con il Pdl. A lungo socio di Marcellino Gavio nell’autostrada Milano-Torino, Bonsignore si divide da sempre tra affari e politica. Nel ’96 è stato condannato definitivamente a 2 anni per tentata concussione nello scandalo per la costruzione del nuovo ospedale di Asti. Un’altra indagine, nata dalle dichiarazioni del manager Italstat Mario Zamorani, che sosteneva di avergli versato una tangente da 250 milioni di lire nascosta in una scatola di cioccolatini, è invece finita nel nulla a Roma. A Milano però si attende ancora l’esito dell’udienza preliminare per il caso della scalata Unipol a Bnl in cui l’eurodeputato è imputato di concorso in aggiotaggio. Bonsignore, insomma, aspetta. E con lui attende anche il molisano Aldo Patriciello, ex Dc, ex Ppi, ex Udeur, ex Udc, ex Forza Italia, ora Pdl.

Pure Patriciello ha già la sua bella condanna: 4 mesi per un finanziamento illecito, e adesso fa i conti con una richiesta di rinvio a giudizio e un dibattimento ai nastri di partenza. A Isernia il gup deve decidere se processarlo per truffa e frode al termine di un’inchiesta, denominata Piedi d’argilla, sulle forniture di materiali scandenti all’Anas. A Campobasso invece è appena stato rinviato a giudizio per lo scandalo di un centro di riabilitazione mai entrato in funzione. Le accuse vanno dal concorso in tentata truffa, all’abuso e alla malversazione. Bazzecole, al confronto delle peripezie affrontate dal catanese Nino Strano, da poco condannato in primo grado a 2 anni e 2 mesi per abuso d’ufficio patrimoniale e falso. Nel 2005, tre giorni prima delle elezioni, Strano, assieme all’allora sindaco di Catania Umberto Scapagnini ed altri allegri componenti della giunta comunale, pensò bene di far trovare nelle buste paga di 4 mila dipendenti municipali una somma compresa tra i 300 e i mille euro, per risarcirli dai danni causati da un’eruzione di cenere lavica. Essendo un ottimo gestore della cosa pubblica, Strano nel 2006 era così stato nominato senatore, ma a Roma si era ritrovato a strafare. Tanto che, in occasione della caduta del governo Prodi, tutti i tg del mondo si erano accorti della sua esistenza. Non solo perché aveva festeggiato l’accaduto mangiando volgarmente in aula fette di mortadella abbondantemente innaffiate di champagne, ma anche perché aveva urlato frasi del tipo “pezzo di merda”, “checca squallida” e “venduto” a un senatore dell’Udeur che non aveva votato la sfiducia all’esecutivo. Per questo il suo partito (An) assicurò che non sarebbe stato ricandidato. Ma oggi An non c’è più: c’è il Pdl e c’è anche Strano.

Partito democratico
Molti problemi (per usare un eufemismo) ce li ha pure il Pd al Sud. In lista c’è finito, tra gli altri, Andrea Cozzolino, delfino di Bassolino e assessore regionale campano alle Attività produttive, perquisito e indagato due giorni dopo il suo sì alla euro-candidatura. La vicenda è brutta: si ipotizza un giro di tangenti legato alla costruzione di centrali elettriche a biomasse. Ventitré persone sono state già arrestate, mentre il segretario di Cozzolino è accusato di aver ricevuto 140 mila euro sotto forma di consulenze. Campano è anche il secondo indagato delle liste del Pd, l’ex demitiano Angelo Montemarano, sotto inchiesta a Napoli per corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio. Mentre il terzo è un calabrese, l’assessore regionale Mario Pirillo. La Procura generale di Catanzaro, dopo aver avocato al pm Luigi De Magistris l’indagine Why Not, ha chiesto il suo rinvio a giudizio, e di un centinaio di suoi coindagati, per reati che, a seconda dei casi, vanno dall’abuso d’ufficio al peculato, per arrivare sino alla truffa aggravata. Pirillo, e altri assessori, avrebbero violato la legge affidando a una società riconducibile al locale leader della Compagnia delle Opere, Antonio Saladino, il compito di combattere il virus della ‘tristezza degli agrumi’. Un affare che avrebbe procurato a Saladino 1,6 milioni di euro, frutto del “corrispettivo previsto nelle convenzioni illecitamente stipulate”.

Lega Nord
Corre verso l’Europa, ma come Berlusconi, non arriverà mai anche il druido di Gemonio, Umberto Bossi, ministro della Repubblica italiana, nonostante un curriculum degno di uno squatter: 8 mesi definitivi di condanna per 200 milioni di lire di finanziamento illecito incassati da uno dei rivoli della maxi-tangente Enimont; un anno e 4 mesi (poi commutati in 3 mila euro di multa e interamente indultati) per vilipendio alla bandiera (“Il tricolore lo uso per pulirmi il culo”); un anno di reclusione per istigazione a delinquere comminato dopo un comizio in cui il Senatur aveva invitato gli astanti “a individuare i fascisti per cacciarli dal Nord anche con la violenza”. Resta poi aperta a Verona l’inchiesta, ormai in udienza preliminare, sulle gesta delle Guardie padane, in cui Bossi è tra l’altro accusato di aver creato una struttura paramilitare. Niente di preoccupante. Intanto in Europa potrebbe arrivare anche uno degli storici avvocati del leader del Carroccio, il messinese Matteo Brigandì, oggi parlamentare italiano (legali è sempre meglio averli a portata di mano). Nel 2003 Brigandì era stato arrestato a Torino e condannato in primo grado a due anni per truffa aggravata ai danni della Regione per una storia di contributi pubblici, assegnati a un amico. In appello però è arrivata l’assoluzione. Ora il caso è in Cassazione. Definitiva è invece la condanna di Mario Borghezio a 2 mesi e 20 giorni per l’incendio aggravato da “finalità di discriminazione” delle baracche di alcuni immigrati, da parte delle ronde da lui capitanate.

Unione di centro
Il volto nuovo di Ciriaco De Mita è al suo esordio nel partito di Casini e porta con sé i suoi molti voti e suoi molti procedimenti penali, dai quali è però sempre uscito indenne. Nonostante le parole dell’ex segretario amministrativo della Dc, Severino Citaristi, secondo il quale De Mita era perfettamente al corrente delle modalità (illecite) con cui si finanziava il partito. Ma sono storie vecchie e tutto è stato coperto da amnistia. E così si sono prescritte, nel 1999, anche le accuse di corruzione mosse a De Mita per le tangenti legate alla costruzione della centrale elettrica di Gioia Tauro. Ma se lui l’ha fatta franca (alla prescrizione e all’amnistia si può sempre rinunciare), nell’Udc almeno un condannato definitivo c’è: è il tesoriere del partito Giuseppe Naro, celebre per aver speso a Messina 800 milioni di lire di soldi pubblici per acquistare 462 ingrandimenti fotografici e per aver strappato le sue belle prescrizioni nelle indagini sulla tangentopoli dello Stretto. Niente al confronto del miracolo che ha salvato Angelo Maria Sanza, parlamentare ininterrottamente dal 1972. Nel ’94 Sanza aveva avuto il privilegio di essere il primo onorevole indagato della seconda Repubblica. Tutta colpa di 200 milioni di lire ricevuti dal finanziere Florio Fiorini, tramite una società svizzera. Il gip, accogliendo le tesi del difensore, però lo prosciolse sostenendo che i finanziamenti prevenienti dall’estero possono pure non essere dichiarati. Chiude, infine, il parterre de roi delle liste centriste, Ferdinando Pinto, condannato in sede civile a risarcire 57 miliardi di lire per non aver assicurato il teatro Petruzzelli di Bari, di cui era presidente. Secondo i pm il teatro fu distrutto da un incendio doloso richiesto alla malavita locale dallo stesso Pinto. L’obiettivo sarebbe stato quello di lucrare sulla ricostruzione, visto che Pinto era indebitato con un usuraio. In primo e secondo grado l’ex big boss del Petruzzelli era stato riconosciuto colpevole, ma poi la Cassazione ha annullato il processo e sono arrivate le assoluzioni. Pinto ha però modo di rifarsi: contro di lui pende una richiesta di rinvio a giudizio per concorso in falso materiale e ideologico, contraffazione di pubblici sigilli, calunnia, falso giuramento della parte, falsa testimonianza, violenza privata e violenza per costringere qualcuno a commettere reati, con l’aggravante di aver voluto favorire i boss del clan Capriati depistando le indagini. Vicino ai clan, secondo l’accusa, è poi anche Francesco Saverio Romano, indagato dalla procura di Palermo per concorso esterno in associazione mafiosa.

Altre liste
L’esponente più celebre è Vittorio Sgarbi, noto alle cronache giudiziarie a causa di una condanna definitiva a 6 mesi e 10 giorni di reclusione, per truffa aggravata e continuata e falso ai danni dello Stato. Nei primi anni ’90 , quando era un dipendente della soprintendenza di Venezia, Sgarbi per tre anni non si era quasi mai presentato al lavoro. E al processo era arrivato a giustificare le assenze con scuse fantasiose e malattie improbabili (parlò di cimurro, singhiozzò, persino di “allergia al matrimonio”). Se arriverà a Strasburgo, non ci saranno però per lui conseguenze di sorta. Lì il cartellino non si timbra. E poi non è stato proprio il suo capolista, il governatore della Sicilia Raffaele Lombardo, a dire in una celebre intervista su Garibaldi, che bisogna “rivalutare i briganti”? Parole da soppesare con cura, visto che Lombardo (due volte in carcere, due volte assolto) ora ha di nuovo a che fare con i giudici. Sia la Corte dei Conti che la Procura lo hanno messo sotto inchiesta assieme al suo predecessore,Toto Cuffaro, per aver assunto nell’ufficio stampa della Regione ben 23 giornalisti tutti con la carica di capo-redattore. Il danno erariale è stimato in 4 milioni di euro. Lui comunque è serafico. In lista, in fondo, c’è chi sta peggio. Per esempio l’ex presidente del Lazio, Francesco Storace, oggi imputato per accesso abusivo ai sistemi informatici. Secondo l’accusa, nel 2005 uomini dello staff di Storace e alcuni investigatori privati andavano a caccia di notizie riservate per screditare gli avversari politici alle elezioni regionali e trafficavano con i computer dell’anagrafe. Roba da Repubblica delle banane. Come, a ben vedere, sono da Repubblica delle banane pure le candidature nelle fila dell’Idv, dell’ex pm De Magistris e del giornalista Carlo Vulpio, che seguiva le sue inchieste. Non però perché i due siano indagati, in virtù di denunce già in parte risultate infondate. Ma perché il Csm, prima, e il quotidiano per cui Vulpio scriveva, poi, invece che difenderli, li hanno sollevati dagli incarichi.

Blog di Beppe Grillo – Quarta Stella: Connettività

Blog di Beppe Grillo – Quarta Stella: Connettività.

Connettività gratuita per i residenti nel Comune è una stella delle Liste Civiche a Cinque Stelle. Maurizio Gotta di Anti Digital Divide è intervenuto a Firenze l’otto marzo sul tema della connettività. Quando la Rete si diffonderà in tutta Italia per questa classe politica sarà la fine. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

Punti dell’intervento:
Italia senza connettività
La svendita di Telecom Italia
Politica e lobbies contro la Rete
Comuni connessi

Testo:
“Voglio parlarvi della situazione della connettività in Italia. Per motivi di lavoro sono stato per sei anni all’estero, una fuga del cervello, ma il cuore era rimasto qua e, per tornare dove era il mio cuore, sono ritornato e ho fatto forse la più grossa stupidaggine della mia vita.
In Paesi del nord Europa è assolutamente impensabile quello che succede nel nostro Paese: ho lavorato in Belgio, in Olanda e in Francia, non è neanche previsto, per esempio in un colloquio di lavoro, che ti venga chiesto se sai usare il computer: sarebbe come chiedere: “Sai leggere? Sai scrivere?”, questo non viene neanche chiesto, altrimenti se si scopre che qualcuno non sa utilizzare gli strumenti informatici gli si chiede: “Scusi, perché si è presentato al colloquio?”.

Italia senza connettività

Da noi purtroppo non è ancora così e ci sono tante ragioni: culturali, tecnologiche e infrastrutturali. Abbiamo creato un’associazione per fare vedere che non tutto quello che veniva reclamizzato nelle pubblicità di Telecom Italia e dei suoi concorrenti corrispondeva a realtà: nel nostro Paese il 25% circa dei Comuni, quasi tutti piccoli ma non tutti piccoli, sono senza connettività, che non sia una connettività parziale a 56 K.

La svendita di Telecom Italia

Come è possibile questo? E’ possibile perché abbiamo una delle reti telefoniche forse più antiche del mondo, che è stata costituita con la ex Sip Tel, poi diventata Telecom Italia, la quale Telecom Italia, come ben sapete, è stata privatizzata nel 1999. ma come è stata privatizzata questa azienda di importanza nazionale? E’ stata privatizzata praticamente svendendo l’azienda e i contenuti di quest’azienda e, tra i contenuti di quest’azienda, c’è la rete telefonica nazionale. In questa rete telefonica nazionale dal 1999 ad oggi non si fanno praticamente più investimenti di manutenzione o di allargamento di questa rete: cosa vuole dire questo? Vuole dire che chiunque abbia lavorato nel settore delle telecomunicazioni sa che mediamente c’è un 10% di apparati, sulla rete, che si guastano all’anno. Il budget di quest’azienda, da quando è stata privatizzata, praticamente prevede degli investimenti massimi in manutenzione del 2% e ciò vuole dire che ogni anni si guastano delle cose che non vengono mai più sostituite.
Il problema della connettività, a maggior ragione in un Paese come il nostro, che è schiavo dell’informazione televisiva e dell’informazione leggermente di parte da parte dei mass media, è ancora più sentito, perché personalmente per esempio sono una persona che guarda pochissimo i telegiornali e si informa moltissimo su Internet. Non tutti possono fare altrettanto, perché non tutti sono raggiunti dalla connettività a banda larga: perché non sono raggiunti dalla connettività a banda larga? Perché dicevamo che la nostra infrastruttura è abbastanza vecchia e perché non è stato ritenuto conveniente investire per ammodernarla. Ma perché non è stato ritenuto conveniente investire per ammodernarla? Perché poiché Telecom Italia è stata privatizzata alle condizioni che tutti conosciamo, ha praticamente assorbito il debito, come ha sempre spiegato molto bene Beppe, ha assorbito il debito che è stato necessario per finanziare l’acquisto. Per cui non è finanziariamente in condizioni di fare nuove coperture, di estendere la banda larga e di migliorare il servizio. Negli ultimi anni sono stati conclusi degli accordi con alcune regioni nei quali, a fronte di non si capisce bene quale meccanismo, le regioni hanno dato soldi pubblici a Telecom Italia per allargare la copertura Adsl. Telecom Italia ha ringraziato e ha portato delle connessioni, le cosiddette mini – Adsl, che sono delle connessioni con le quali, tanto per capirci, non è neanche possibile vedere per esempio dei video YouTube, perché anziché transitare sulla fibra ottica come transitano nelle grandi città, transitano invece sul doppino di rame tradizionale e, tanto per capirci, poiché queste centrali non saranno mai ammodernate, hanno utilizzato una tecnologia vecchia per cercare di fornire un servizio nuovo, ma purtroppo i risultati non sono assolutamente quelli sperati.

Politica e lobbies contro la Rete

Abbiamo un problema infrastrutturale, in alcuni casi si è cercato di superare questo problema utilizzando delle tecnologie alternative, come quelle legate al wireless e quindi, a partire dal 2005, è stato possibile cominciare a realizzare delle reti di connessione a Internet in modalità wireless e, mentre nel 2005 si autorizzava questo tipo di servizio, nel 2006  se non erro la Legge Pisanu, citata prima da Beppe, praticamente impediva ai cittadini la libera connessione ai servizi wireless, per cui tutti dovevano essere identificati con il documento d’identità. Avevamo pensato che potesse venirci in soccorso, come diceva giustamente in tanti dei suoi spettacoli, per esempio in Reset vedevo Beppe andare in giro con l’antenna Wi Max , abbiamo pensato che potesse venirci in soccorso il Wi Max. Si sono accorti che questo presentava un problema di libertà di scelta e hanno fatto una cosa molto semplice: una tecnologia che poteva essere in assoluto la più utile per superare questo tipo di problemi è stata semplicemente inglobata nel concetto di aste delle frequenze, che era già stato usato per la telefonia mobile, in modo tale che praticamente hanno tagliato fuori dalle gare l’80 /90% delle aziende che, sul territorio, però erano già in modalità wireless, per andare a assegnare le frequenze tramite gare a – non so se conoscete quest’azienda, tanto per dirne una – Telecom Italia e a altri, un altro paio di operatori che in realtà sono dei soggetti abbastanza strani, in quanto ricordano per molti versi le multinazionali dell’acqua, in quanto sono delle società che sono state create allo scopo di partecipare a queste gare e che hanno conoscenze tecniche praticamente pari a zero, ma capitali di rischio che hanno investito per avere queste connessioni.

Comuni connessi

Che cosa potete fare voi, che andrete a occupare dei posti di responsabilità nei comuni, come mi auguro? Anche perché non vorrei essere costretto nuovamente a emigrare, per cui nonostante Beppe non voglia accendere troppe speranze, io ripongo molte speranze in voi. Voi potete fare una cosa molto semplice: potete usare la tecnologia a vostro vantaggio e a vantaggio dei cittadini di cui sarete gli amministratori. Parlavamo prima del caso del Consigliere Comunale di Treviso che ha magnificamente implementato il sistema di comunicazione per il Comune, sappiate che se in un qualsiasi modo, anche incatenandovi ai ripetitori di telefonia mobile, insomma qualsiasi cosa vi venga in mente, riuscite a fare passare il concetto che a connettività è uno dei beni fondamentali nella società moderna, in questo modo potreste per esempio avere delle reti comunali dove il comune distribuisce la connettività gratuitamente agli abitanti, ai residenti, ma anche agli eventuali turisti: abito in una zona… abito nel sud del Piemonte, nelle Langhe e facciamo del buon vino, non abbiamo tanta connettività ma abbiamo tanti turisti. Vedo delle facce di turisti stralunati, loro arrivano nella nostra zona e dicono: “Ma come? Non avete il Wi-FI, non avete l’Adsl? Cosa avete i segnali di fumo? Come facciamo a mandare un’e – mail?”, gli fa: “No, ma mandi un fax”, “Un fax? Siete matti? Io vado in giro con il fax in vacanza?! No, io vado in giro con il portatile perché voglio trovare la connettività Wi – Fi”.
Insomma, voi potete fare molto: potete aiutare a predisporre queste reti civiche e, sulle reti civiche, vi accorgerete che può passare un’infinità di servizi, può passare la telefonia a costo zero; voi potete, con un semplicissimo software, che sia esso Skype o qualsiasi altro software di telefonia, potete fare in modo che i cittadini del comune che accedono gratuitamente alla vostra rete parlino gratuitamente tra loro. Ora capisco, magari mia nonna a 90 anni avrà delle difficoltà a capire come si usa Skype, però se le mettete in mano un telefono e alla parte tecnologica tanto ci pensa appunto la tecnologia, non c’è bisogno di sapere che sta usando Skype, mia nonna e le sue sorelle parleranno per un’ora, mia nonna si sentirà meno sola, le vostre mamme, le vostre nonne, i vostri amici si sentiranno meno soli e ci sarà modo di ammortizzare completamente questa spesa. Inoltre potete fare un uso veramente rivoluzionario di queste reti, se penserete per esempio a trasmettere e a diffondere gratuitamente, di modo che tutti possano captarle, le sedute del Consiglio Comunale, tanto per dirne una.
Se esiste una rete Wi – Fi comunale– sia essa gratuita o meno, in realtà sarebbe meglio che fosse gratuita: se non lo è, se ci sono dei costi va bene, si cercherà di assumerli in qualche modo – a cui tutti possono accedere, ovviamente andate con la vostra bella web-cam o con la vostra bella telecamerina, vi connettete al vostro telefono Wi – Fi e mandate in onda quello che sta succedendo o nel Consiglio Comunale. Insomma, le applicazioni sono tantissime: pensate, per esempio, al telesoccorso; è possibile, con le reti wireless, che tanto comunque hanno dei costi di installazione e di manutenzione estremamente bassi e possono tra l’altro essere sistemate quasi ovunque, è possibile avere un sistema che gestisce il telesoccorso, ossia la famosa nonna non si sente bene, schiaccia il bottone e, anziché partire la telefonata classica, magari in posti dove non arriva neanche il telefono o non prende neanche il telefonino, con la vostra antenna Wi – Fi della vostra rete comunale potete assistere anche questa persona in difficoltà. L’unica cosa che dovete sapere è questa – e lo sa bene, giustamente, Beppe – quando andate a toccare il settore delle telecomunicazioni è come se andaste, in un certo senso, a toccare il settore dell’acqua e dei rifiuti: andate a mettervi contro degli interessi veramente forti, perché chi comanda le telecomunicazioni in un Paese ha in mano tutto il Paese e quindi tenetevi stretti, siate saldi, cercate di pensare con la vostra testa, di informarvi, sappiate che, tanto per capirci, un ripetitore Wi – Fi emette circa venti volte meno onde elettromagnetiche rispetto a un telefonino che, quasi tutti, portiamo in tasca vicino ai gioielli di famiglia. Quindi per la loro natura questi tipi di onde, le onde del Wi – Fi, dell’iperlan e del WiMax sono delle onde che, se non sono ricevute direttamente a 30 cm di distanza, sono già attenuate in natura, per cui vi prego, non dormite con gli access point sopra la testa, ma per il resto non ci sono grossi rischi per la salute, fino a adesso. Se poi ci saranno ce lo diranno gli specialisti. Vi ringrazio e vi auguro di cuore di riuscire a riportare un po’ di legalità in questo Paese!”. Maurizio Gotta di Anti Digital Divide

Antimafia Duemila – Masciari: Incontro al Viminale, un disastro

Antimafia Duemila – Masciari: Incontro al Viminale, un disastro.

15 maggio 2009
Il comunicato stampa di Pino Masciari in risposta al sottosegretario all’Interno e la proposta degli Amici di Pino Masciari.

«Masciari: le sentenze si eseguono!
Pino  Masciari: non ritengo di dover replicare alle dichiarazioni dell’On. Mantovano.
Ad oggi, a quanto mi risulti, in Italia non è dato di accettare o meno l’applicazione di una sentenza. Principio ovvio, se così fosse, nessun delinquente “accetterebbe” il carcere.
Le sentenze, semplicemente si applicano. »

Di seguito il comunicato stampa degli Amici di Pino Masciari in seguito a quanto accaduto

«Torino sa da che parte stare
Abbiamo vissuto con grande trepidazione la giornata odierna nella quale la famiglia Masciari è stata ricevuta al Viminale dalla Commissione Centrale.

Abbiamo nutrito fino all’ultimo momento la speranza in una soluzione, anche per il  rispetto dovuto alla puntuale presa di posizione della segr. Gen. della Presidenza della Repubblica del 12 Maggio 2009.

Abbiamo preso atto con immenso dolore dell’esito dell’incontro che ci pare, per le modalità e per il contenuto, l’ennesima umiliazione a cui questa famiglia viene sottoposta.

Ribadiamo ancora una volta che le sentenze non devono essere accettate dalle parti ma eseguite.

Siamo determinati a stare accanto alla famiglia Masciari nella continuazione di questa battaglia giuridica e per la loro dignità, volendogli evitare di tornare in quella casa in località “protetta” che, oggi più che mai, rappresenta l’inadeguatezza dello Stato.

Volendoci stringere  attorno alla famiglia Masciari, chiediamo loro pubblicamente di accettare l’invito a trasferirsi in questa città che ha già riconosciuto istituzionalmente il loro valore concedendo con voto unanime la cittadinanza onoraria a Giuseppe Masciari il 10 Novembre 2008.

Torino sa da che parte stare.»

Tratto da: pinomasciari.org

Antimafia Duemila – Nucleare: ”Il si definitivo entro Giugno”

Antimafia Duemila – Nucleare: ”Il si definitivo entro Giugno”.

Il dado è tratto: in Italia torna il nucleare, dopo che un referendum dell’87 l’aveva bandito.

L’ultimo dei quattro articoli del ddl «sviluppo ed energia» che riapre la corsa all’atomo, quello che istituisce l’Agenzia per la sicurezza nucleare, ha ottenuto ieri l’ok del Senato. Ora mancano solamente il voto finale sull’intero ddl, slittato a stamattina per mancanza del numero legale, ed il sigillo della Camera. Dove, ha spiegato ieri il viceministro per lo Sviluppo Adolfo Urso, si tornerà per «una breve terza lettura. Ma entro giugno tutto dovrebbe passare in maniera definitiva». «Con l’approvazione del Senato il discorso è chiuso: il ddl sviluppo non subirà altre modifiche» ha commentato, lapidario, il ministro Scajola. Che in aula ha aggiunto: «Il nucleare non è costoso, non è sbagliato e non è contro le Regioni».
A questo punto, mentre il governo sarà impegnato nei prossimi sei mesi ad esercitare le deleghe, che gli consentiranno di tradurre in decreti applicativi le decisioni della legge, nel paese si aprirà un tormentato dibattito su dove allocare le centrali venture. C’è da attendersi non solo l’opposizione di alcuni enti locali, ma anche la proliferazione di comitati «denuclearizzati».
Adolfo Urso, che è stato delegato dal governo a seguire tutto il «dossier nucleare», ieri ha passato al giornata a rispondere ai senatori e ai cronisti che chiedevano lumi. Intanto – ha chiarito – entro giugno la legge sarà pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Dopo di che si apre uno scadenzario molto pressante: entro sei mesi il governo deve esercitare le deleghe per individuare i siti degli impianti di produzione, quelli per lo smaltimento delle scorie, e – infine – le modalità di «compensazione» economica per le popolazioni interessate da queste nuove strutture.
La prima di queste istanze è quella che più preoccupa perché ha generato da subito polemiche. Esiste un documento del Cnen (poi diventato Enea) che risale agli anni Settanta e che individua alcuni siti idonei in Sardegna (tre posti), in Puglia, e nella valle del Po dal Vercellese fino a Mantova. Roberto della Seta, senatore del pd, ha fatto anche balenare l’ipotesi che il sito di Saluggia (Vercelli) possa diventare una sorta di grande discarica delle scorie. Considerando che i siti idonei ad ospitare gli impianti devono offrire garanzie di accesso all’acqua per raffreddare i reattori e condizioni sismiche rassicuranti, Greenpeace ritiene che quelli adatti siano pochissimi: le province di Vercelli e Pavia, l’isola di Pianosa in Toscana, le provincie di Ogliastra, Nuoro e Cagliari, ma anche Montalto di Castro.
La Regione Piemonte si è detta preoccupata e ha subito alzato barriere, così come altre regioni potenzialmente toccate dal piano nucleare (Puglia, Lazio, Toscana). Urso, quindi, è subito corso ai ripari, bollando tutte queste ipotesi come boutade generate da ragioni elettorali. «Nulla sarà deciso contro la volontà degli enti locali – ha chiarito – e comunque le indicazioni contenute nel documento del Cnen degli anni Settanta sono del tutto superate. Non sarà il governo a stabilire dove fare le centrali, ma saranno i tecnici a indicare tutti i siti potenzialmente idonei. In base a questi criteri, all’interesse degli enti locali e delle imprese che dovranno gestire gli impianti, si deciderà. Ma tutto questo è di la da venire». Ma c’è anche chi si è candidato ad accogliere le nuove centrali, come la Sicilia e il Friuli. Il governo, per intanto, inizierà una «grande campagna informativa» sui vantaggi del nucleare e anche sulle ricadute economiche che l’allestimento delle centrali comporterà per le popolazioni che vorranno ospitarle. Si parla di infrastrutture e occupazione ma anche di sconti sulle tariffe energetiche per imprese e cittadini. Che questo poi possa convincere gli scettici o i titubanti è altra questione.

Tratto da: la Stampa

Il Piemonte non vuole nuovi impianti

L’EX SINDACO DI TRINO “Abbiamo le scorie Ci bastano quelle”

di Marco Neirotti – 14 maggio 2009
Vercelli.
Guardinghi. Non mostrano muscoli, non mescolano politica, però la storia del nucleare che torna o non torna, in questa terra piemontese di risaie e imprese, contadini e fiumi, lascia un allarme, una difesa: «Abbiamo già dato», è la battuta più veloce, «sistemiamo ieri e poi pensiamo a domani» è la risposta riflessiva. La sintesi viene da Giovanni Ravasenga, già sindaco a Trino Vercellese, ora ricandidato in una delle due liste di un centrodestra alle urne in disaccordo. Non «contrario per natura» al nucleare e anzi «favorevole a qualunque risorsa in un mix di fonti energetiche», contesta qualunque «rigidità di schemi» e dice: «Dopo cinquant’anni stiamo dismettendo impianti e non sappiamo ancora dove portare le scorie. L’errore è fare prima le centrali e poi affrontare quel che ne deriva. Si guardi bene tutto prima e allora si può discutere. La Enrico Fermi non è un capannone industriale che ha fatto il suo tempo, è altro e altro lascia sul territorio».
D’accordo, però è vero che a Roma pensano: loro sono già abituati a convivere con il futuro. Ravasenga: «Certo. Però si è anche abituati a leggere e capire: indicazioni geofisiche, geotecniche, idrogeologiche, superficialità delle falde e delle acque sorgive. Quest’area non è idonea non perché lo dico io, ma perché lo dcono le regole scientifiche. Individuare qui un sito sarebbe una grande follia».
La follia non è là dove la vede chi da queste parti – città, paesoni, campagne – non vive, non è paura di un botto, un’esplosione accanto a casa, come nei «Missili in giardino» di Max Shulman (1954), divenuto film con Joan Collins e Paul Newman. È secondo Gianni Esposito, segretario generale della Cgil, nei danni che possono scorrere silenziosi tra i giardini appunto, le case, la quotidianità. Siamo di nuovo alle scorie: «Questa è, per i tumori, una zona rossa, ad alta densità di malattia. Ci sono anche diserbanti, un inceneritore, la discarica, va detto. Ma abbiamo già dato». Non nomina Eternit, l’amianto, ma scorre tra la gente, nei caffé o tra i banchi di una libreria, il suono ritmato delle udienze torinesi per il processo sulle morti passate, presenti e future di Casale. Ancora Esposito: «La mia paura? Che si arrivi a un baratto: non volete la centrale? Siete già attrezzati, vi terrete il sito delle scorie. Non è fattibile, non è giusto». Si parla di incentivi: «Certo. Dove sono stati i vantaggi della gente? Dovevano installare la produzione di pannelli fotovoltaici, quella sì che portava lavoro. L’hanno destinata a Catania».
Il Vercellese non sta facendo le prove di resistenza come fu l’inizio di No-Tav («Sarà dura», slogan coniato in dialetto dal Bové della Val Susa) quando cominciarono le cariche della forza pubblica. Ma fa educatamente sapere di essere pronto e compatto. Giampiero Godio, Legambiente: «Il nucleare in Piemonte c’è già. E non si può aprire alcuna nuova stagione senza chiudere con decenza quella passata. Non è pensabile imporre dall’alto qualcosa con leggi vessatorie. Confidiamo nella Regione, in un piano energetico firmato da una giunta di centrodestra presieduta da Enzo Ghigo che dice “si sceglie di non fare uso di fonte nucleare a scopo energetico”. L’imposizione senza consultare, decisa a livello centrale è un’esibizione di forza che fa i conti con la gente».
Godio elenca i rifiuti radioattivi italiani: «L’85% sta in Piemonte, quasi tutti a Saluggia, sulla sponda della Dora Baltea. Il Nobel Carlo Rubbia, quand’era presidente dell’Enea, disse che era un caso di pericolosità unico al mondo». Lo stesso Godio, durante un collegamento con «Striscia la notizia», definì il sito come luogo ideale per Bin Laden. Cita Trino, Saluggia, Bosco Marengo. Cita le concentrazioni di materiale pericoloso per ogni kilowattore prodotto: «Non Cernobyl che esplode: che dissemina».
E Cernobyl a casa sua non la vede nemmeno il sindaco leghista di Novara, Massimo Giordano. Alle voci poi più o meno smentite di un sito nel suo territorio, risponde con ironica flemma: «Sapere una decisione così importante, se vera, da voi non sarebbe bello». E se vera è? «Non si passa sulla popolazione, sappiamo che sa erigere muri. Si chiede una disponibilità? si danno garanzie? si mettono sul piatto incentivi seri? Diventa interessante andare a vedere. A vedere».

Tratto da:
la Stampa

Antimafia Duemila – Processo Mori-Obinu: in aula pentiti su collusioni

Antimafia Duemila – Processo Mori-Obinu: in aula pentiti su collusioni.

Saranno sentiti in aula dai giudici del tribunale i tre collaboratori di giustizia che ipotizzano collusioni fra il boss Bernardo Provenzano e uomini delle istituzioni.
Il processo in cui sono stati citati gli ex boss, Nino Giuffré, Giovanni Brusca e Ciro Vara, è quello in cui sono imputati l’ex comandante del Ros, il prefetto Mario Mori, e il colonnello Mauro Obinu, accusati di favoreggiamento alla mafia nell’ambito del mancato blitz del 31 ottobre 1995 che avrebbe potuto portare all’arresto di Provenzano, su indicazione del mafioso-confidente Luigi Ilardo. I tre collaboratori saranno sentiti nell’aula bunker di Rebibbia a Roma il 21, 22 e 23 maggio. In una prossima udienza sarà citato Massimo Ciancimino, che sta rendendo dichiarazioni ai pm di Palermo. Oggi i giudici del tribunale hanno disposto una nuova perizia su una registrazione effettuata dal colonnello Michele Riccio, che raccoglieva le confidenze di Ilardo, e l’allora maggiore Antonio Damiano. Si tratta di una conversazione fatta il 10 maggio 1996, poche ore prima che Ilardo venisse ucciso a Catania, in cui Damiano si dice allarmato del fatto che la notizia riservata della collaborazione del mafioso si stava diffondendo a Caltanissetta.

ANSA