Antimafia Duemila – 2 Giugno: festeggiare, ricordare, lottare

Antimafia Duemila – 2 Giugno: festeggiare, ricordare, lottare.

di Luigi de Magistris – 2 giugno 2009

Giovani ragazze e menestrelli portati a festeggiare nella villa del sovrano il sovrano stesso, sfruttando gli aerei e i voli di Stato. Sentenze che riconoscono un avvocato inglese colpevole di corruzione della Guardia di Finanza per favorire il presidente Fininvest.

Soap opera sul matrimonio in crisi del capo del governo diffusa a mezzo stampa, con un agone del commento, del pettegolezzo, dell’opinione cresciuto a dismisura. Una fiction grottesca e tragica a cui la stampa internazionale assiste sbigottita: “cade la maschera del buffone sciovinista” scrive il Times in un editoriale durissimo.

E’ in questo contesto che cade l’anniversario del 2 Giugno ed è proprio per questo contesto che la Festa della Repubblica assume un significato ancora maggiore come vera e propria resistenza democratica di fronte ai “minima moralia” che stiamo vivendo. Riflette luce e offre ancora speranza, infatti, la stagione che portò alla nascita della Repubblica e alla ratifica della Carta Costituzionale, cioè di quei riferimenti che si sono trasformati in obiettivo costante del governo e del suo presidente, ormai sempre più simile ad un califfo piuttosto che ad una guida politica e istituzionale.

In spregio al dramma vissuto dal Paese con la guerra mondiale, stracciando il sacrificio di tanti e tante che portò alla libertà e alla Repubblica, cancellando il valore di una Carta nata da sensibilità politiche diverse e a ridosso di giorni tragici, procede questa destra di governo come un carro armato che tutto distrugge per proteggere il capo e i suoi sodali.

E stride terribilmente l’atteggiamento verso le donne che contraddistingue il sovrano, quelle stesse donne che nel 1946 votarono per la prima volta, mettendo fine ad una discriminazione storica basata su pregiudizi infondati, le stesse donne per cui oggi questa Festa non può che suonare ancora più importante, da difendere nel suo significato più profondo di fronte a chi, pur rivestendo un ruolo istituzionale, senza pudore alcuno ne parla nei termini di oggetti, possibilmente di bella forma, per disporne come marketing politico oppure arredi per la sua villa con vulcano artificiale.

Per tutti questi motivi, il 2 Giugno non solo va festeggiato, ma deve essere occasione per ricordare la sua origine nel dramma del Novecento e per lottare in difesa dei diritti, della democrazia, della dignità femminile, della legge, che oggi rischiano di essere travolti dall’arroganza del re, sempre più denudato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...