Pecunia non olet: banche salvate dai proventi della droga

Fonte: Pecunia non olet: banche salvate dai proventi della droga.

Sapevamo che gli Istituti centrali sarebbero intervenuti a tamponare la falla ed in effetti, come sappiamo benissimo, hanno fatto uno sforzo enorme, il più grande della storia, evitando cosi lo schianto in mare dell’aereo senza carburante chiamato finanza globale. Uno sforzo, aggiungo, irripetibile, visto che alcuni paesi, gli USA, primi tra tutti, hanno aumentato in modo vertiginoso e probabilmente irrecuperabile il proprio debito pubblico. Mentre il deficit dell’anno fiscale 2009, finito un mesetto fa, è il TRIPLO di quello del certo non roseo 2008, 1.42 trilioni di dollari. Il 10% del loro PIL.

A sentire il giornale inglese Guardian un aiuto assolutamente vitale, gigantesco e, cosa ancora più importante, in contanti è arrivato alle banche dai trafficanti e… malavitosi globali; solo nel 2008, l’anno peggiore dal punto di vista della liquiditá, hanno “fatturato” qualcosa come 352 miliardi di dollari, in qualche modo, direttamente o indirettamente, finiti nei principali istituti finanziari mondiali.

Risorse vitali che probabilmente hanno evitato, insieme agli aiuti statali il collasso del sistema. Peccato che fossero tutti capitali di provenienza illecita.

Il “bello” è che il Guardian non si è inventato nulla ma si è limitato a riportare le affermazioni fatte dal Capo dell’ Ufficio ONU contro i traffici di Droga e la delinquenza internazionale, Antonio Maria Costa.

A quanto pare la laboriosa delinquenza internazionale ha risentito meno della crisi ed ha continuato a versare, diligentemente i propri sudati risparmi nei traballanti conti correnti dei primari Istituti mondiali presso i tanti “paradisi fiscali”. Se fai un lavoro pericoloso e soggetto ad improvvise emergenze è meglio stare liquidi, mi pare evidente.

Dire che si sia trattato di un fenomeno, diciamo cosi, di folcklore, secondario è in ogni caso sbagliato.

Nelle parole di Costa “In many instances, the money from drugs was the only liquid investment capital. In the second half of 2008, liquidity was the banking system’s main problem and hence liquid capital became an important factor

“In molti casi, il denaro derivante dalla droga era l’unico capitale di investimento liquido. Nella seconda metá del 2008 la liquiditá era il principale problema del sistema bancario e quindi il capitale liquido era un importante fattore.”

Ed ancora: “Inter-bank loans were funded by money that originated from the drugs trade and other illegal activities… There were signs that some banks were rescued that way.”

“I Prestiti interbancari erano finanziati dal denaro che originava dal commmercio di droga ed altre attivitá illegali, ci sono indizi che alcune banche siano state salvate in questo modo“.

Badate che il tipo in questione è ben noto ed ha fama di essere un poliziotto di ferro dai modi spicci e decisi, non certo un lunatico paranoico che crede nei vampiri.

C’e’ bisogno che ve lo dica? La notizia ha fatto il giro del mondo, la riportano decine di media, ma ovviamente si è fermata alle porte di casa nostra, come potete verificare da soli.

C’erano cose ben più importanti su cui discutere, ovviamente.

Noi, d’altronde, abbiamo varato lo scudo fiscale. Che certe porcherie si facciano, ma fuori dalla nostra porta.

Il denaro, invece, è benaccetto.

Pecunia non Olet…

crisis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...