“La suina era una bufala”

Fonte: “La suina era una bufala”.

L’influenza A è una bufala orchestrata dalle case farmaceutiche, tramite l’Organizzazione mondiale della sanità, per fare miliardi con inutili e per giunta pericolosi vaccini. A dirlo non è qualche critico no-global, ma il presidente della commissione Sanità del Consiglio d’Europa, Wolfang Wodarg. Il quale ha anche fatto approvare in Consiglio una dura risoluzione che chiede un’inchiesta internazionale sulla faccenda.

“Uno dei più grandi scandali sanitari del secolo”. Secondo Wodarg, che nei giorni scorsi ha rilasciato diverse interviste alla stampa europea, il caso dell’influenza suina è stato “uno dei più grandi scandali sanitari del secolo”. Le maggiori aziende farmaceutiche mondiali, secondo l’alto funzionario europeo, sono riuscite a piazzare “i propri uomini” … negli “ingranaggi” dell’Oms e dei governi mondiali in modo da condizionare le loro decisioni. “Per promuovere i loro farmaci brevettati e i vaccini contro l’influenza – si legge nella risoluzione Wodarg – le case farmaceutiche hanno influenzato scienziati e organismi ufficiali e così da allarmare tutto il mondo: li hanno spinti a sperperare le ristrette risorse finanziari per strategie di vaccinazione inefficaci e hanno esposto inutilmente milioni di persone al rischio di effetti collaterali sconosciuti per vaccini non sufficientemente testati”.

Come hanno fatto? Semplice. “L’Oms, su indicazione di alcune grandi compagnie farmaceutiche e dei loro scienziati, hanno ridefinito il concetto ufficiale di ‘pandemia’ abbassando i livelli di allarme”, ha spiegato Wodrag. “Prima, una pandemia, per essere considerata tale, doveva essere non solo estesa a tanti paesi ma anche produrre un numero di decessi superiori alla media. Con la cancellazione di questo secondo criterio, è stato possibile lanciare un falso allarme, costringendo
i governi a reagire immediatamente e a firmare contratti milionari di approvvigionamento vaccini con quelle stesse compagnie. E’ stata una grande campagna di panico sostenuta da una massiccia operazione di disinformazione che ha procurato enormi guadagni a chi l’ha pianificata, enormi sprechi di denaro pubblico. E – aggiunge Wodrag – elevati rischi per la salute della popolazione a causa della velocità con cui i vaccini sono stati prodotti: alcuni con ingredienti non sufficientemente testati, altri addirittura, come il vaccino della Novartis, creati in bireattori da cellule cancerogene: una tecnica finora mai usata”.

L’Italia ha regalato a Novartis 184 milioni di euro. Proprio con la Novartis il governo italiano, all’epoca dell’allarme, ha firmato un accordo capestro per l’acquisto di 24 milioni di dosi a un costo di circa 184 milioni di euro. Anche se sono stati somministrate solo 850mila vaccini, le clausole del contratto non prevedono né restituzione mé rimborsi. Un bell’affare di cui possiamo ringraziare l’ex ministro della Sanità, Maurizio Sacconi. O forse sua moglie Enrica Giorgetti, direttore generale di Famindustria.

peacereporter

Odio dire “ve l’avevo detto io” (<— bugia). Ma in realtá, avevo parlato fin dall’inizio di questa bufala del vaccino: in un post appena una settimana dopo l’inizio dell’allarme (e ancor prima QUI su Pressante), alla fine di aprile, e poi in altri (Pressante) successivi. Non lo sottolineo per gloriarmene (<— bugia), ma perché alcuni lettori per mostrare la loro fede assoluta nella Scienza sono corsi a vaccinarsi, mentre altri in un eccesso del catastrofismo e complottismo che talvolta allignano in vari blog, avevano temuto davvero la pandemia organizzata dalla Cupola dei Cattivi per sterminarci.

Invece la Cupola dei Cattivi, in cui la Scienza entra ahinoi per scopi solo economici, si comporta sempre nel solito modo ormai scontato: quel che interessa sono i nostri quattrini, e se sono quelli dello Stato meglio ancora. Lo verifichiamo tutti i giorni, per ogni e ciascuna Grande Opera, per ogni “soluzione” in arrivo, per ogni “riforma condivisa” che ci si prospetta come risolutiva ed invece è sempre la vecchia fregatura in altre vesti.

Stavolta però si sono superati: la sòla tirata a tutti gli Stati del mondo ha qualcosa di clamoroso, e di talmente evidente da suscitare la riprovazione persino di chi è solitamente complice. L’Europa, ad esempio: nel responsabile Sanitá del Consiglio d’Europa, il tedesco Wolfang Wodard (come riportato sopra)[…]

Ma quel che è più interessante è che il cittadino, oltre a capire così come funzionano le compagnie farmaceutiche (e quindi a diffidare di ciò che proclamano anche sui loro stessi farmaci), potrebbe fare due più due e cominciare a pensare che tanto malcostume non sia prerogativa solo di Big Pharma. Potrebbe cominciare a chiedersi se anche le aziende di altri settori (dalle costruzioni alle armi alle banche) siano in grado di creare falsi allarmi corrompendo scienziati, politici, organismi internazionali e nazionali onde piazzare i propri prodotti.

Dobbiamo credere allora alla effettiva necessitá della tal guerra? Alla necessitá di costruire nuove carceri o nuove autostrade o case popolari? A quella di una pensione integrativa? Di screening medici generali? Oppure qualcuno ha unto certe ruote al solo scopo di creare un bisogno inesistente e papparsi un po’ di soldi?

Eh, che domande esistenziali. Sará forse per questo, che dello scandalo del vaccino non si parla troppo sulle prime pagine…

Crisis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...