Antimafia Duemila – Il governo mafioso di Messina Denaro, tra le sue mani i miliardi della Cosa Nostra ”sommersa”

Se ci fosse una hit parade dei capimafia più ricchi, in testa, probabilmente, ci sarebbe lui: Matteo Messina Denaro, giovane boss trapanese, originario di Castelvetrano, 48 anni ad aprile e latitante dal 1993.

In un anno, le forze dell’ordine gli hanno sequestrato un patrimonio di un miliardo e 400 milioni di euro, più o meno il 5% del bilancio annuale della Regione siciliana.

Tutti imprenditori prestati o finiti assoldati negli organici della nuova cosa nostra. Quella sommersa, che non spara ma che non è meno pericolosa. Non perché sia invisibile perché il vero è il contrario, è visibilissima, è pericolosa perché è bene infiltrata, pronta a mascariare tutto e a rendere sistema legale ciò che è un sistema illegale. Questo raccontano le cronache giudiziarie. E le sentenze di diversi processi.

Leggi tutto: Antimafia Duemila – Il governo mafioso di Messina Denaro, tra le sue mani i miliardi della Cosa Nostra ”sommersa”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...