Antimafia Duemila – La legge e’ un male per tutti!

Fonte: Antimafia Duemila – La legge e’ un male per tutti!.

di Sonia Alfano – 6 febbraio 2010
“Sconfiggeremo la mafia entro la fine della legislatura”- Silvio Berlusconi, 24 Dicembre 2009.

Ne siamo certi: lodo Alfano da rivedere, scudo fiscale, processo breve, stop alle intercettazioni, vendita all’asta dei beni confiscati alla mafia, legittimo impedimento in corso d’opera …la mafia TREMA di fronte a questi provvedimenti!

L’ultima geniale trovata del PDL è la legge anti-pentiti, grazie alla quale si vorrebbe neutralizzare il contributo dei collaboratori di giustizia, che negli ultimi 15 anni sono stati fondamentali per la risoluzione di innumerevoli misteri legati alla criminalità organizzata.

Ma andiamo ad esaminare tecnicamente questa proposta del Senatore Valentino, già coinvolto in vicende legate al voto di scambio con la ‘ndrangheta (guarda caso!)
L’articolo 192, comma 3 del codice di procedura penale (CPP) recita: le dichiarazioni rese dal coimputato del medesimo reato o da persona imputata in un procedimento connesso (…) sono valutate unitamente agli altri elementi di prova che ne confermano l’attendibilità”. Poi aggiunge al comma 4 che la stessa regola vale anche per le … dichiarazioni di persona imputata per un reato collegato a quello per cui si procede….

Sappiamo tutti che per arrivare a condannare l’imputato di un reato, ci vogliono le prove che dimostrino la sua colpevolezza. Ad acquisirle e valutarle sarà il giudice che su di esse forma il suo convincimento e decide di conseguenza. Si comprende dunque quale importanza “la prova” rivesta nell’ambito di un giudizio penale. Un’importanza riconosciuta dallo stesso legislatore che ha stabilito delle regole che indicano al giudice, quali sono i mezzi di prova, come acquisirli, come valutarli e in che misura. Uno dei mezzi di prova indicati dal codice è la testimonianza, cioè una dichiarazione resa di fronte al giudice da una persona che è testimone, cioè che sa o ha visto qualcosa che può concorrere all’accertamento dei fatti. Il testimone può essere estraneo ai fatti, come un passante che ha assistito al reato, ma può essere anche una persona che alla commissione di quel reato ha direttamente o indirettamente contribuito: il complice, per esempio, che sarà dunque coimputato del medesimo reato – e qui ritroviamo i termini dell’articolo 192 – oppure una persona che ha agevolato in altra maniera il compimento di quel reato e che sia stata già giudicata in un procedimento connesso o per reato connesso (art. 197-bis CPP). In questo caso queste dichiarazioni sono considerate a tutti gli effetti elementi di prova da valutare insieme agli altri che ne confermano l’attendibilità. Sono dunque utilizzabili dal giudice per formare il suo convincimento sulla colpevolezza o meno dell’imputato. Facciamo un esempio concreto: il sig. X è un pentito, imputato e giudicato per reati di mafia, che rende dichiarazioni in un processo indicando il sig. M già sotto inchiesta per reato connesso, e il sig. S, al momento non sotto inchiesta, come persone implicate nei fatti di mafia per cui lui è stato giudicato. In questo caso le dichiarazioni di X se confermate attendibili dalle altre prove, sono anche esse prove che permetteranno al giudice di condannare M e possibilmente di incriminare S.

Il DDL Valentino mira a rendere inutilizzabili queste dichiarazioni togliendo loro il valore di prove. Vediamo come. La nuova versione del comma 3 recita: Le dichiarazioni rese dal coimputato del medesimo reato o da persona imputata in un procedimento connesso (…) assumono valore probatorio o di indizio solo in presenza di specifici riscontri esterni”. Come si vede è sparita la locuzione “gli altri elementi di prova” che indicava che queste dichiarazioni rientrano nella categoria delle prove. Il testo proposto recita che, anche se le dichiarazioni assumessero “valore probatorio”, lo assumerebbero solo in qualità di “indizi”. L’indizio è un elemento che da solo non serve a nulla. Anche più indizi di regola non sono sufficienti a desumere l’esistenza di un fatto, a meno che, precisa la legge questi siano gravi, precisi e concordanti. Quindi devono essere numerosi e con certe caratteristiche. In più il nuovo articolo aggiunge come pre-condizione all’utilizzo che ci siano specifici riscontri esterni. In pratica,questa norma renderebbe impossibile l’utilizzo delle testimonianze di questo tipo come per esempio le dichiarazioni dei pentiti di mafia. Queste diventerebbero nulle, come non fossero mai state fatte. Anche se il pentito/dichiarante è considerato attendibile dai giudici. Dunque, guarda caso, le dichiarazioni di Spatuzza, pentito attendibilissimo, che sta facendo luce su questioni di mafia che coinvolgerebbero il senatore Marcello Dell’Utri, già sotto processo e il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, non sarebbero così utilizzabili.

E’ sempre più evidente che questo Governo intende solo difendere i delinquenti e calpestare la dignità delle vittime dei reati, in particolare dei reati di mafia, soffocando la memoria dei martiri di questo Paese.
Assistiamo ad una escalation di proposte a dir poco surreali e sconfortanti soprattutto per tutti coloro che attendono ancora verità e giustizia, magari da un ventennio.
Non credete?

Tratto da: soniaalfano.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...