Antimafia Duemila – Quanto uranio c’e’ sul nostro pianeta?

Fonte: Antimafia Duemila – Quanto uranio c’e’ sul nostro pianeta?.

di Raffaele Langone – 8 maggio 2010
Le centrali nucleari per produrre energia hanno bisogno di combustibile, l’URANIO. Ma quanto Uranio c’è sulla Terra? In natura si trova pressoché ovunque, compreso nell’acqua. Nonostante ciò dal 2001 il prezzo dell’uranio è decuplicato, da 7 dollari la libbra a più di 75 nel 2007. Questo massiccio aumento di prezzo riflette l’incertezza che circonda la sua produzione.

L’altro picco storico risale alla fine degli anni ’70 quando la richiesta di questo metallo è aumentata per scopi militari, raggiungendo i 43 dollari per una libbra.”
Sappiamo, però, che il mercato è estremamente volatile e bisogna passare ai fatti per capire davvero quanto uranio sia ancora disponibile.
“Attualmente, non solo non vengono più scoperti grossi giacimenti di uranio, ma i giacimenti già scoperti non vengono pienamente sfruttati perché non conviene economicamente. I costi sarebbero troppo elevati. Di conseguenza, la progressiva mancanza di uranio comincerà a farsi sentire tra il 2015 ed il 2025, quando le centrali nucleari produrranno meno energia fino a fermarsi del tutto.” Attualmente molte centrali vengono alimentate dal combustibile ricavato dallo smantellamento delle armi nucleari…ed è quanto dire.
Non ci sono quindi molte speranze di trovare nuovi giacimenti, ma essendo un minerale presente ovunque, l’uranio è virtualmente estraibile anche da altre fonti, compresa l’acqua. Nel mare, per esempio, sono disciolti ben 4 miliardi di tonnellate di uranio naturale, quanto basterebbe per rifornire le centrali nucleari attuali per 60.000 anni, ma non è minerale estraibile. Un esempio? “La centrale nucleare di Leibstadt in Svizzera utilizza ogni anno 155 tonnellate di uranio, il volume d’acqua di mare che servirebbe per estrarlo corrisponde a 52 miliardi di metri cubi, ovvero due terzi del lago di Ginevra. Solo per pompare una tale quantità di acqua occorrerebbe tutta l’energia prodotta da quella centrale”. Si comprende bene quindi che aprire nuove centrali è un errore sia politico che economico. Uno recentissimo studio ha dimostrato che investendo nelle energie rinnovabili e in politiche di risparmio energetico lo stesso importo necessario per la costruzione di una nuova centrale nucleare, circa 3 miliardi di euro, si arriverebbe a produrre il doppio di energia elettrica. Alcune di queste ultime considerazioni sono di Ecologie Libérale, partito svizzero di centrodestra…e non dei soliti detrattori di “sinistra”.

Tratto da: gliitaliani.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...