Paolo Franceschetti: “FRATELLANZA GIURIDICA. I magistrati e la massoneria.

Fonte: Paolo Franceschetti: “FRATELLANZA GIURIDICA. I magistrati e la massoneria..

Di Solange Manfredi

1. Premessa.

Da qualche giorno i giornali riportano la notizia di una inchiesta romana su una associazione a delinquere, denominata nuova loggia P3, che vedrebbe coinvolti politici, faccendieri, criminalità organizzata, e magistrati.

I magistrati coinvolti sono persone ai vertici della magistratura, ex Presidenti dell’A.N.M., ex Consiglieri del C.S.M. , avvocati generali della Cassazione, ovvero:

– il dr Arcibaldo Miller, Capo degli Ispettori del Ministero della Giustizia e membro dell’A.N.M;

– il dr Antonio Martone, ex Presidente dell’A.N.M., ex Avvocato Generale della Corte Suprema di Cassazione ed oggi capo di una Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle amministrazioni pubbliche;

– il Sottosegretario di Stato Giacomo Caliendo, ex Consigliere del C.S.M ed ex Presidente dell’A.N.M;

– il Presidente della Corte di Appello di Salerno Umberto Marconi, consigliere del CSM ed ex membro dell’ANM;

– il Presidente della Corte di Appello di Milano Alfonso Marra;

– il Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione Vincenzo Carbone.

Niente di nuovo, l’intreccio in odor di massoneria tra magistratura e potere c’è sempre stato.

Solo per fare un esempio, da più di un anno si sta celebrando, nel più assoluto silenzio, un processo sulla compravendita di sentenze in Cassazione che, visto il coinvolgimento di personaggi legati dal vincolo massonico, è stato denominato Hiram (figura allegorica della massoneria, nonchè nome della rivista ufficiale del Grande Oriente d’Italia).

Ed ancora l’intreccio tra magistratura e potere massonico (di oggi e di ieri) è ben evidenziato nel libro di Gioaccino Genchi “Gioacchino Genchi. Storia di un uomo in balia dello Stato”.

Per non parlare degli scandali che negli anni ’80 e ’90 videro coinvolti magistrati iscritti alla loggia P2.

Ma, a questo punto, una domanda sorge spontanea: perché nella maggior parte degli scandali che vede coinvolti magistrati compare sempre anche la massoneria?

Come fanno i massoni a poter sempre contattare il magistrato giusto al momento giusto?

2. La “Fratellanza Giuridica”.

La risposta non è semplice ma forse, in questa sede, si può aggiungere un dato che potrebbe essere importante per capire gli intrecci di “certo” potere.

Quando mio padre (avvocato) morì, 15 anni fa, nella cassaforte di casa trovai, insieme al suo tesserino di affiliazione alla massoneria, centinaia di documenti massonici.

Tra questi rinvenni un piccolo libricino rilegato che riportava in copertina:

Fratellanza Giuridica” Statuto

Appena ne lessi il contenuto rimasi sconvolta, come sconvolti sono rimasti avvocati e giudici (non massoni ovviamente) a cui l’ho mostrato.

L’esistenza di uno Statuto che, all’interno delle varie logge (e quindi tra massoni già vincolati dal giuramento di silenzio, assistenza ed aiuto reciproci e dal divieto di denunciare un fratello al Tribunale profano 1), univa in una “più fraterna collaborazioneavvocaticancellieri – docenti di materie giuridiche – dottori commercialisti – magistratinotai – ragionieri ed ufficiali giudiziari, in altri termini tutti i tasselli “sensibili” di un Tribunale, era sconvolgente.

Un legame cosi’ stretto tra i protagonisti delle vicende giudiziarie si prestava veramente a deviazioni infinite.

Il fatto, poi, che gli elenchi di questa “Fratellanza Giuridica” fossero a disposizione dei massoni iscritti alle varie logge italiane poteva rendere ogni Tribunale raggiungibile da qualsiasi fratello in cerca di aiuto massonico.

Nessun rischio a chiedere un “aiutino”: il massone infatti ha giurato sia di aiutare sia di non denunciare mai un fratello al Tribunale profano. Non a caso ogni scandalo che ha riguardato magistrati e massoni è sempre stato originato dalla scoperta di documenti durante una perquisizione o, come in questo caso, da intercettazioni telefoniche; ma mai in nessun caso un’indagine ha avuto origine dalla denuncia di un fratello verso un altro fratello.

Se all’interno della stessa loggia, della stessa cittadina, si ritrovano regolarmente per studiare, lavorare, o altro… avvocati, cancellieri, magistrati e ufficiali giudiziari, si sa, l’occasione fa l’uomo ladro. La frequentazione, l’amicizia, ma, soprattutto, il giuramento di reciproco aiuto ed assistenza, fanno sì che in queste “logge” possa scattare la richiesta di “aiutino”. In fondo, per insabbiare un processo, per depistare, per creare confusione, basta poco: una notifica sbagliata, un fascicolo sparito, una nullità non rilevata, ecc.. piccoli errorini, idonei a deviare il corso di un processo; ma errorini per cui in Italia non si rischia assolutamente nulla.

Certo si parla di possibilità, non è detto che accada però, come già sottolineato, l’occasione fa l’uomo ladro.

Proprio per questo i magistrati ed avvocati più attenti a livello deontologico (non vi preoccupate, è una razza ormai quasi estinta) evitano le frequentazioni con avvocati almeno dello stesso foro in cui esercitano.

Il motivo di tale comportamento è chiaro (o dovrebbe esserlo) il giudizio del magistrato, per non lasciare adito ad alcun dubbio, deve essere il più possibile scevro da condizionamenti di qualunque genere.

Chi frequenta i Tribunali, invece, spesso si trova a dover costatare comportamenti ben diversi, e si può incappare in situazioni in cui avvocati e magistrati dello stesso foro dividono l’affitto di una garconier con cui andare con le rispettive amanti.

Sarà, dunque, forse un caso che più di 7 processi su dieci saltano per notifiche sbagliate? Sarà forse un caso che spesso le indagini o processi che vedono coinvolti massoni hanno un iter burrascoso con avocazioni di indagine (Why not, Toghe Lucane), trasferimenti di sede (Piazza Fontana, Golpe Sogno, Scandalo loggia P2) od altro?

Probabilmente si, non vogliamo in alcun modo pensar male anche se, come diceva Andreotti, a pensar male si fa peccato ma, raramente, si sbaglia.

3. Lo Statuto.

Trascrivo qui il contenuto dello Statuto rinvenuto tra i documenti di mio padre.

Ovviamente, e per estrema correttezza, avverto il lettore che non posso assicurare che detto statuto sia vero, ma, dati i rapporti che intratteneva mio padre (avvocato), ciò che mi aveva detto riguardo i magistrati che frequentavano regolarmente la nostra casa e il fatto di averlo rinvenuto all’interno di una cassaforte insieme a centinaia di documenti giuridici firmati da “fratelli”, mi fa propendere per il si.

Se così fosse parrebbero esistere “Fratellanze” costituite esclusivamente da magistrati, avvocati, cancellieri, ufficiali giudiziari, professori universitari, ecc.. le cui “deviazioni” potrebbero condizionare il sistema giudiziario ostacolando il corso di processi importanti.

A.G.D.G.A.D.U.


GRAN LOGGIA NAZIONALE

DEI LIBERI MURATORI D’ITALIA


GRANDE ORIENTE D’ITALIA”

*

STATUTO

DELLA

FRATELLANZA GIURIDICA”

(Approvato a Roma, il 21 settembre 1968)

1

La Fratellanza Giuridica è costituita da Fratelli attivi e quotalizzanti nelle rispettive Logge della Comunione italiana, appartenenti alle seguenti categorie professionali, e che ne facciano domanda: avvocati e procuratori legali –cancellieri – docenti di materie giuridiche – dottori commercialisti – magistrati – notai – ragionieri – ufficiali giudiziari.

2

La Fratellanza Giuridica ha come principali finalità:

a) Dare, quando richiestane, pareri giuridici al Grande Oriente o ai vari Organi massonici, attraverso la Gran Segreteria;

b) Promuovere lo studio dei problemi interessanti i vari aspetti del diritto, internazionale e nazionale, e quelli delle singole categorie iscritte alla Fratellanza;

c) Consentire una più fraterna collaborazione, nell’ambito di ciascuna categoria, per l’esercizio dell’attività degli iscritti;

d) Indicare nominativi di difensori d’ufficio, se richiestane dai Tribunali massonici;

e) Curare la raccolta della giurisprudenza delle decisioni degli organi giudiziari massonici, anche comparata con l’opera giudiziaria delle altre Comunioni regolari;

f) Studiare ed approfondire ogni altra questione attinente all’esercizio professionale degli iscritti, nel rispetto delle leggi e delle tradizioni massoniche.

3

La Fratellanza Giuridica ha sede presso il suo Presidente effettivo.

Essa può essere sciolta in qualunque momento, o per decisione del Gran Maestro, previo il parere favorevole del Consiglio dell’Ordine, o per decisione dell’Assemblea degli iscritti.

Le elezioni e le decisioni dei vari Organi della Fratellanza Giuridica sono valide a maggioranza semplice ed impegnano anche gli assenti e, per il caso di scioglimento, con il voto favorevole di almeno due terzi degli iscritti.

Le cariche non sono rinunciabili ed impegnano gli eletti sino a quando non siano accettate eventuali loro dimissioni, da inoltrarsi al Consiglio Direttivo.

4

Sono Organi della Fratellanza Giuridica:
a) L’Assemblea degli iscritti;
b) Il Consiglio Direttivo;
c) L’Ufficio di Presidenza;
d) Ufficio di Segreteria e Tesoreria.

5

L’Assemblea degli iscritti è convocata dall’Ufficio di presidenza almeno una volta l’anno, entro il 31 marzo, o quando appaia opportuno, ovvero quando gliene faccia richiesta la maggioranza semplice del Consiglio Direttivo oppure almeno un quinto degli iscritti.

Alla Assemblea sono demandate tutte le decisioni comunque riguardanti la Fratellanza Giuridica, anche nelle materie di spettanza dei singoli Organi.

6

Il Consiglio Direttivo è composto dai Delegati circoscrizionali, che durano in carica tre anni e sono rieleggibili.

I Delegati circoscrizionali vengono eletti, anche mediante schede inviate per posta, dagli iscritti alla Fratellanza Giuiridica, nell’ambito delle circoscrizioni regionali massoniche.

Il Consiglio Direttivo si riunisce per convocazione dell’Ufficio di Presidenza, almeno due volte l’anno, ovvero quando ne faccia richiesta, allo stesso Ufficio di Presidenza, almeno un terzo dei suoi membri.

7

Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide con la presenza di almeno la metà dei suoi componenti. In caso di parità di voti prevale quello del presidente.

8

Ciascun delegato circoscrizionale deve promuovere riunioni di iscritti, iniziative e attività varie, nell’ambito della propria circoscrizione, in armonia con le leggi massoniche, con le finalità della Fratellanza Giuridica, con le deliberazioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo.

9

L’Ufficio di Presidenza è composto:
a) Dal Gran Maestro;
b) Dal presidente effettivo, che viene eletto dal Consiglio Direttivo;
c) Da un Vice-Presidente.
Al Presidente effettivo (o, in caso di suo impedimento o assenza, al Vice-Presidente) spettano la rappresentanza, la direzione, le decisioni di ordinaria amministrazione della Fratellanza Giuridica.

10

L’Ufficio di Segreteria è composto:
a) Dal Gran Segretario;
b) Da un Segretario o da un Vice-Segretario, nominati dal Consiglio Direttivo, ai quali spetta la tenuta degli schedari, dei verbali, della corrispondenza della Fratellanza Giuridica. L’Ufficio di Segreteria effettua il controllo annuale della regolare appartenenza alle Logge della Comunione di tutti gli iscritti della Fratellanza.
Il Segretario o il Vice-Segretario possono essere eletti anche al difuori del Consiglio Direttivo, nel qualcaso vi partecipano senza diritto di voto.

11

Il Tesoriere è nominato da Presidente effettivo, anche non fra i Delegati circoscrizionali, nel qual caso partecipa al Consiglio Direttivo senza diritto di voto.

Il Tesoriere cura l’amministrazione, la contabilità, la riscossione delle quote e degli eventuali contributi volontari, e quant’altro attiene alla economia della Fratellanza Giuridica.

Il Tesoriere redige, entro il 31 dicembre di ciascun anno il bilancio consuntivo degli incassi e delle spese, ed un bilancio preventivo per l’anno successivo, da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea.

12

Per far fronte alle spese di organizzazione e funzionamento della Fratellanza Giuridica, tutti gli iscritti devono versare una quota annuale.

13

Entro il 31 maggio di ciascun anno il Consiglio Direttivo:
a) Predispone ed approva bilanci consuntivi e preventivi redatti dal Tesoriere da sottoporre all’Assemblea;
b) Fissa l’ammontare della quota annuale obbligatoria a carico degli iscritti;
c) Redige una relazione morale sull’attività compiuta nell’anno precedente che, se approvata dall’Assemblea, viene inviata alla Gran Maestranza;
d) Delibera la destinazione delle somme pervenute per contributi volontari dai vari iscritti.

14

Ogni notizia relativa agli elenchi degli iscritti potrà essere chiesta e fornita dai rispettivi Delegati circoscrizionali, a ciascuno dei quali tali elenchi verranno consegnati, ovvero, in mancanza, dall’Ufficio di Segreteria.

15

Il presente Statuto potrà essere modificato con delibera di almeno un terzo degli iscritti, i Assemblea.

16

E’ demandata al Consiglio Direttivo la formulazione del regolamento di attuazione del presente Statuto.

Note:

1. come rivela una sentenza a sezioni unite del Tribunale massonico del 28/X/1978, per il principio n. 1 Cap. IV degli Antichi Doveri” il massone anche se a conoscenza di un reato non può neanche minacciare di denunciare un fratello a quello che viene definito “Tribunale Profano”, ovvero l’organo giudiziario previsto dalla Costituzione italiana, pena l’immediata espulsione dalla loggia.

4 risposte a “Paolo Franceschetti: “FRATELLANZA GIURIDICA. I magistrati e la massoneria.

  1. Mi farebbe enorme piacere se i professionisti del diritto che non hanno scheletri, mi dessero una delucidazione sull’art. 2944 come da mia interpretazione che qui sotto riporto, grazie.

    22 Maggio 2010 Italia senza bavaglio La destra non si smentisce mai, abituata a lanciare il sasso e nascondere la mano, per rispondere a qualche braccio armato senza cervello.
    Come fanno ad avallare ancora i crimini commessi al Dux, approvando leggi in suo favore. Non è bastato ripararsi con la legge sul falso in bilancio, altre leggi in suo favore hanno dovuto approvare per permettergli di perpetrare le ruberie assieme alla confraternita della cricca. Il Vaticano, come i parlamentari, ha la colpa di aver avallato e incitato i crociati a votarlo, per opportunismo. Ma noi che veniamo da lontano, sappiamo il patto stipulato fra loro e l’eredità proveniente dalla Rasini a chi è stata assicurata oltre ad assicurargli i voti di scambio, che hanno permesso l’impunità ad entrambi, economici e di coperture pedofile.
    Anche per questo, vogliono a tutti i costi che si approvi la legge sulle intercettazioni: massoneria, porporato e tonache nere, alta finanza e Istituzioni, tutti vicini e fratelli della cricca. E’ verosimile che lo scudo fiscale sia servito alla nuova confraternita P3, visto che il Governo e il Parlamento hanno permesso a costoro di non farsi riconoscere. Bisognerebbe che la Magistratura intervenisse per colpire gli scudati di associazione col Parlamento e Governo, nei delitti economici e fiscali perpetrati contro lo Stato, con l’attentato alla stabilità economica dello stesso.Postato da: Aigon | 27.05.10 11:15
    Su: IDV del 3 Luglio 2010 — (La crisi? La paghino gli evasori ) Quando conteggerete il ”prelievo subdolo” fatto nelle tasche degli italiani con le leggi approvate a protezione e a beneficio del Dux e vostro? Con quelle leggi gli avete permesso di calpestare gli italiani nell’onore, ma soprattutto nelle tasche con almeno quaranta anni di truffe, falso in bilancio, appropriazioni indebite e associazione nel reato oltre alle corruzioni e ricatti generalizzati. >.
    Togliere definitivamente alla chiesa l’8 per mille e gli altri privilegi, come pure la discriminazione sulla prescrizione che grava sul popolo ignorante a beneficio dei prelati, dei porporati e della casta massonica (Ordini professionali, Confindustria, banchieri e bancari, parlamentari, Onlus, federazioni Onlus, strane associazioni ecc.), oltre alla criminalità massonico mafiosa delle mafie; anche per questo, necessita rivedere in toto l’art. 2944 del c.c., e le odiose prescrizioni che beneficiano detta confraternita, come ripristinare tutte quelle leggi volute dal Dux e la stessa confraternita piduista. A tal proposito ricordo alla Lega, ai parlamentari e al Vaticano, che è ladro anche chi fa il palo in una rapina, la organizza o anche la fiancheggia; anche con i voti di scambio al riparo del confessionale fra confratelli perniciosi, facendo eleggere il corruttore dei corruttori; il ricattatore dei ricattatori; il Dux. Sarà poi lui, il Venerabile della nuova Propaganda 3?
    Alla Consulta la rivisitazione di tutte queste leggi e tute quelle che contengono discriminazioni, come quelle di prossima approvazione. Postato da: Aigon | 04.07.10 11:37

  2. Il pezzo che quì sotto riporto vuole dare una risposta alla dottoressa Manfredi, aggiungendo: a tutti gli infedeli servitori dello Stato, ( se lo riteniamo tale, io no perché non rappresenta il mio ideale di Stato), oltre a cacciarli a calci in c…., li priverei persino dei contributi previdenziali anziché spostarli di “stanza”, riferito agli attuali e ai servizi segreti.
    Segue il pezzo sopra, postato sul blog dell’IDV
    I CAPITALI DI PROVENIENZA OCCULTA DEVONO ESSERE SEQUESTRATI.
    E’ ormai assodato che è il Popolo (pensionati lavoratori giovani) a stringere la cinghia da diverso tempo; che non compra scarpe, vestiario e quant’altro da anni. Che non spende per il cibo i denari che non hanno, che non rinfrescano i muri degli appartamenti perché non si possono permettere il costo delle pitture, che non vanno in vacanza, mare e montagna, che non conoscono le Terme ed altri lussi similari e che non si permettono alcunché da diverso tempo.
    Vogliono che il Popolo vada in parlamento a denudarli per verificare di quanto si siano ingrossati i loro portafogli con gli emolumenti e mazzette negli anni di attività, confrontandoli con gli anni sudati di un qualunque lavoratore?
    Non vedono i farabutti che dovrebbero rappresentare il Popolo, che è giunta l’ora di tagliare i loro privilegi a cominciare dalla “pensione”, e decurtare stipendio e rimborsi del 50%; questo devono fare questi schifosi. Il Dux non lo fa di certo essendo costoro lacchè al suo servizio per l’avallo delle leggi per le quali farlo rimanere impunito dei crimini commessi. Andare in parlamento a legiferare leggi utili al Popolo e non alla vostra confraternita, questo dovete fare, e andarci con le pezze al culo così come avete ridotto il Popolo italiano perché la stragrande maggioranza è ridotta così. Non dovete più permettervi di equiparare i vostri, agli stipendi dei Magistrati, perché, loro sono dipendenti e voi non siete un c….., non avete nessuna responsabilità civile e penale. Alla Magistratura dare più mezzi anziché attaccarla: come la disponibilità di una percentuale della ricchezza recuperata per migliorarne le condizioni. Come la gestione dei servizi segreti, o una parte di essi; la totalità delle intercettazioni e la macchina della verità; questa da utilizzare anche su di loro, perché non vi siano spergiuri al suo interno, come all’interno del parlamento. Dovreste poter pagare di persona quando modificate le leggi per incrementare le difficoltà alla stessa Magistratura creando nuovi artifizi anziché semplificarle, ricordando che le leggi non devono essere interpretate, ma chiare, da applicare. Fare tesoro delle esigenze che all’inizio dell’anno giudiziario esternano, e dovrebbero farlo anche alla fine di ogni anno. Le leggi, come chi le amministra, devono essere al servizio e nel nome del Popolo, semplificando tutto il pacchetto Giustizia riconoscendo meriti a chi la persegue. Postato da: Aigon | 04.07.10 11:36

  3. MORANDO SERGIO

    Confraternite massoni fratelli illuminati ma come mai si sono trovati anche in piscine pubbliche…? A Saluzzo la polizia al sequestro delle piscine Comunali ha scovato simbologia massonica grembiule da gran maestro venerabile…Saluzzo e Vercelli i ripasti di piscina è dovuto a questo ? Cosa centrano i massoni in piscina ? Nuotano in cordate altrove..in altri Comuni Italiani?Toghe Lucane..secondo stato mistero..
    Sergio Morando.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...