Fabio Repici: ‘Troppe omissioni nelle indagini sulla morte di Attilio Manca’

Che ci siano i servizi segreti dietro a questa storia?

Fonte: Fabio Repici: ‘Troppe omissioni nelle indagini sulla morte di Attilio Manca’.

Caso Attilio Manca, l’avvocato Fabio Repici: “Troppe omissioni nelle indagini, l’archiviazione grave colpo alla giustizia”

VITERBO – Morte di Attilio Manca, aspettando la decisione del gip Salvatore Fanti, l’avvocato Fabio Repici, legale della famiglia del giovane urologo, spiega perché archiviare l’inchiesta, come ha richiesto il pubblico ministero Renzo Petroselli, sarebbe un grave colpo alla giustizia. La mattina del 12 febbraio del 2004 Attilio Manca, medico 34enne siciliano in servizio all’ospedale viterbese Belcolle, viene trovato cadavere nella sua abitazione.

L’autopsia effettuata dal medico legale affermerà che si è trattato di overdose da eroina. Il dottore, pur non essendo tossicodipendente abituale, di tanto in tanto assumeva alcune dosi di stupefacenti, recuperate sul mercato romano. In un primo momento si pensa alla morte accidentale o al suicidio ma la famiglia di Manca rifiuta categoricamente questa tesi, convinta che si tratti di omicidio. Fin dall’indomani del ritrovamento del cadavere di Manca, originario di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) i congiunti avevano espresso molti dubbi sulla possibilità che il giovane dottore, mancino, potesse essersi iniettato la dose con la mano destra.

La famiglia è convinta che Manca sia stato ucciso perché testimone scomodo dell’operazione alla prostata alla quale fu sottoposto in Francia, a Marsiglia, il super boss della mafia Bernardo Provenzano. Dieci gli indagati nell’inchiesta, tra cui amici e colleghi viterbesi dell’urologo, ma anche il cugino Ugo Manca, rappresentato dall’avvocato Franco Bertolone. Adesso l’inchiesta è sospesa, aspettando la decisione del gip Salvatore Fanti, che dovrà decidere se archiviare, come chiedere il pm Renzo Petroselli, oppure se continuare le indagini come sostiene la famiglia del medico scomparso.

Fabio Repici accusa senza mezzi termini la Procura viterbese, accusandola di “omissioni e abnormi inerzie di indagine”. “Sono molti i motivi per cui questa inchiesta non deve essere archiviata” spiega Repici “prima tra tutte le rilevazioni delle impronte digitali mai compiute sulle due siringhe trovate in casa di Attilio Manca, indagini che potrebbero ancora essere eseguite. Abbiamo chiesto alla Procura che fossero acquisiti agli atti i tabulati telefonici dei cellulari di Ugo Manca, (cugino di Attilio e indagato nell’inchiesta ndr) e anche questo adesso non è più possibile per decorrenza dei termini, anche si potrebbe ancora richiedere alla Procura distrettuale antimafia siciliana la trasmissione degli atti riguardanti questo tipo di indagine, se esistenti. Non è stata mai verificata la natura dello squarcio sul pavimento della casa in affitto di Attilio, danno causato da un peso da palestra trovato rotto. I genitori di Manca hanno risarcito il danno alla proprietaria dell’appartamento, anche questa teste ignorata dalla Procura”.

“In merito ai registri delle presenze dell’ospedale Belcolle, secondo i quali Manca sarebbe stato in servizio negli stessi giorni in cui Provenzano si sarebbe operato in Francia, risulta invece che l’urologo si sarebbe assentato dal lavoro nei giorni a ridosso del Natale 2003. Il boss mafioso si era operato a novembre dello stesso anno e poi era rientrato in Sicilia; è molto probabile che avesse voluto un medico specializzato che lo visitasse nel post operatorio. E ancora: che cosa ha fatto Attilio Manca nelle ultime 24 ore di vita? Nessuno lo sa, solo una vicina di casa ha sentito sbattere la porta di ingresso del medico la sera alle 22 dell’11 febbraio: se ne deduce che Manca stesse rientrando a casa – anche se il suo telefonino risulta essere rimasto sempre nell’abitazione – oppure qualcuno stava uscendo. Ma la vicina di casa non è mai stata sentita dalla Procura, così come gli stessi genitori del morto. Manca si sarebbe drogato in casa: ma risultano solo le siringhe e l’eroina necessita una certa preparazione. Non è stato trovato nulla. E poi, chi ha venduto la droga all’urologo? Due giorni dopo la sua morte, la squadra mobile di Viterbo individua un soggetto, che sostiene essere il suo procacciatore di eroina. Questa persona non sarà mai indagata, sebbene possa essere ritenuta responsabile della morte per overdose di Manca”.

L’avvocato nella sua requisitoria dello scorso 15 luglio, ha avuto parole molto dure nei confronti della Procura viterbese. “Non credo di essere stato duro nei confronti di Petroselli” replica il legale “semmai è il pm che ha sempre cercato in ogni modo di infangare la figura di Attilio Manca, dipingendolo come un povero drogato deluso dalla vita”. Cosa succederà dopo il pronunciamento del gip? “Se deciderà di archiviare andremo avanti, trovando altri nuovi elementi per far riaprire il caso. Se, come mi auguro, l’indagine rimanesse aperta, allora auspico che il capo della Procura di Viterbo affidi a un altro pubblico ministero il caso”.

Sabrina Mechella
da OnTuscia (3 agosto 2010)

Una risposta a “Fabio Repici: ‘Troppe omissioni nelle indagini sulla morte di Attilio Manca’

  1. Questi accadimenti, sono sempre avvenuti ed avvengono quando si contrappongono interessi con i confratelli. Avendo la massoneria nella stessa magistratura, fratelli legati alle logge, avvengono “distrazioni”, per favorire il fratello, e denigrare il meschino di turno. Ricordiamoci sempre come il Venerabile sia uscito “moribondo” dalle patrie galere, per poi ripararsi nell’oriente europeo e curarsi con una ventenne. Queste soluzioni sono intraprese dalla classe digerente, avendo dalla loro e in qualunque Istituzione compiacenti confratelli. Meditiamo Popolo italico e pretendiamo dai nostri schifosi rappresentanti, leggi restrittive per i colletti infedeli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...