Genchi: ‘In azione network informativo che si avvale di 007’

Fonte: Genchi: ‘In azione network informativo che si avvale di 007’.

Penso che ormai l’abbiano capito anche i bambini: c’è un organizzato e collaudato network informativo che opera per neutralizzare e colpire gli avversari pericolosi e favorire chi deve essere rilanciato. Questa centrale si avvale anche di apparati dei servizi segreti. Non hanno altra spiegazione le perle dell’ultimo periodo, dal caso Boffo alle case a Montecarlo di proprietà di An e finite al cognato di Fini, passando dal caso Marrazzo. Prima ancora possiamo ricordare il caso Sircana (Silvio, portavoce del governo Prodi) e se so ancora leggere gli avvertimenti, posso prevedere qualcosa anche per Tremonti. Comunque, nei confronti di chiunque possa dar fastidio al conducente».

Gioacchino Genchi, poliziotto in aspettativa, consulente di numerose procure messo all’indice quando il suo lavoro, un archivio con migliaia di informazioni, ha cominciato a creare preoccupazioni, è osservatore attento di cosa si sta muovendo dietro i casi  che segnano la scena politica. «L’origine di questi dossier – spiega Genchi – si basa sempre su fatti con un fondamento di verità, debolezze in cui possono cadere tutti. L’aspetto patologico sta nella montatura che ad arte viene fatta di circostanze vere, infarcite di autentiche falsità che vengono amplificate a dismisura». La cabina di regia è «unica»: «Se guardiamo bene i palinsesti di certi reti televisive e le scalette di alcuni telegiornali, così come l’organizzazione di titoli e articoli di alcuni giornali, riusciamo a cogliere in controluce la strategia di chi ha deciso le notizie di prima pagina». L’ultimo «caso» sospetto, l’appartamento a Montecarlo, conferma questo modello-sistema. Genchi esclude che Fini abbia avallato dei «raggiri», da censurare semmai «un comportamento troppo disinvolto» con la famiglia Tulliani. «Prevedo però – aggiunge Genchi – altri sviluppi visto che il tesoro di An è cospicuo e in più di una indagine alla quale ho collaborato abbiamo trovato precisi riferimenti. Gli attacchi a Fini arrivano dall’interno del suo partito. Chi li ha fatti però ha trascurato che quella della casa di Montecarlo potrebbe non essere la sola operazione sospetta. Nel Pdl ci sono ex di An che conoscono bene queste cose. Insomma, più che dalla casa di Monaco, ne vedremo delle belle quando saranno noti i soci delle società off shore che hanno acquistato l’immobile».

In questa guerra di dossier l’informazione può giocare un ruolo decisivo. E’ evidente a tutti, ad esempio, come Dagospia e Roberto D’Agostino riescano spesso a giocare d’anticipo su certe informazioni. Dagospia sapeva già tutto, da mesi, del clan Tulliani e oggi è in grado di annunciare «novità» dalle rogatorie sul caso Montecarlo. Anche l’home page del Mac di Genchi si apre fissa su Dagospia. «E questo – dice l’ex consulente – dice già molto. D’agostino è un lago con diversi affluenti. Oltre al numero ed alla qualità delle fonti, Dagospia riesce a giocare molto sui tempi di diffusione e di indirizzo delle notizie. Non fa più solo gossip ma rappresenta quasi un TomTom per indirizzare i più autorevoli commentatori politici, e non solo quelli. Detto questo, certe anticipazioni, così come certi messaggi di Feltri, è come se dicessero: “Sappiamo già tutto”. Al momento utile, poi, sparano».

Cos’altro uscirà nelle prossime settimane? «Nella guerra dei dossier andranno a raschiare il fondo dei barili. Magari torneranno fuori i trans e il misterioso “Chiappe d’oro” che ha fatto tremare il Parlamento ai tempi di Marrazzo ma di cui credo alla gente freghi assai poco. Non credo che “Chiappe d’oro” sia andato in Fli. Anche per questo Fini ha poco da temere. Piuttosto stia attento nel procedere agli arruolamenti».

Claudia Fusani (l’Unità, 11 agosto 2010)

Una risposta a “Genchi: ‘In azione network informativo che si avvale di 007’

  1. AGGIOGATI o marginati; allontanati dalla società lavorativa e quella che conta.
    Quando si è additati da questa classe è stata la fine per tanti servitori dello Stato e per chi ha denunciato i crimini perpetrati dalla “congrega”. Con i loro sistemi, hanno accumulato nei secoli denari e potere e a rappresentarli nel parlamento fedeli zerbinotti. Quando poi serviva a screditare qualcuno, entravano di scena i lacchè a far sentire la loro voce o gli strilloni giornalai, accreditando ed esaltando ai loro referenti padroni, le straordinarie qualità: bontà, pregi e allori. O fai parte della congrega come un bravo soldatino accontentandoti della appartenenza raccogliendo briciole quando e quanto esegui i loro voleri, (spartizioni di posti statali se di alto rango), oppure sei tagliato fuori dagli intrallazzi. Oggi lo si riscontra nuovamente nel palazzo della corruzione, il parlamento; fino a quando i parlamentari hanno esaudito il volere del Dux, approvando leggi che lo riparano dalla galera e utili per farlo imperare e continuare a depredare il Popolo è andato tutto liscio, quando questi hanno iniziato a reagire e non allinearsi rendendosi complici come la Lega, il Dux ha decretato la loro espulsione. Questo è il credo della confraternita della P1, P2 ed ora della più organizzata P3, realizzare il disegno, aggiogare il popolo, i popoli. Filo continuo delle altre; le attinenze e collusioni, avrebbero dovuto trovarsi anche nella vecchia Rasini, e i diversi documenti comprovanti, (sequestrati dopo tanti anni dagli eventi principali), e i servizi dovrebbero esserne a conoscenza, come politici,Istituzioni, anche clericali. All’interno di questa organizzazione come si è riscontrata nelle altre, in tutti gli anni della Repubblica, partecipato attivamente i così detti servizi deviati, nelle varie scorrerie accadute. Dopo tutte le stragi, depistaggi, scorrerie finanziarie, il Popolo, dovrebbe riporre maggiore fiducia in quei Magistrati fedeli allo Stato, augurandoci che gli stessi scoprano il covo dei deviati e la commistione se non il reclutamento con alcune testate giornalistiche. Questa organizzazione, la massoneria, dovrebbe spiegare alla Magistratura e al paese; sessanta anni di stragi, depistaggi, la proliferazione delle mafie, l’arricchimento fraudolento della stessa congrega e degli accoliti, le leggi fatte approvare per alleggerire i reati attinenti ai colletti collegati alla confraternita, quelle per il carcere duro, quelle sui pentiti e quelle per delegittimare la Magistratura per contrastarne l’azione. Reso allo sfacelo questo paese dalla corruzione, ricatti e falsità; necessita dotare la magistratura della macchina della verità; nessuna condizione nell’intercettare, più risorse economiche e di nuovi strumenti, se il Popolo aspira ad avere maggiore equità sociale e vera democrazia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...