Blog di Beppe Grillo

Fonte: Blog di Beppe Grillo.

Odio la caccia,
chi uccide un capriolo, un gallo cedrone, una beccaccia,
chi spara ai passeri o alle cinciallegre per divertimento,
per farsi la mano,
odio chi acceca gli uccelli da richiamo, chi dissemina trappole, esche, tagliole,
odio chi usa il fucile, ma dice di proteggere la natura,
odio i boschi, i prati trasformati in poligoni da tiro,
odio l’odore del cuoio, della polvere da sparo, delle cartucce rosse, gialle e arancione
grandi spesso come il bersaglio,
odio il massacro spaventoso (*)1 di animali che ogni anno avviene in Italia,
chi spara agli uccelli migratori, ai falchi, alle rondini, agli aironi,
odio il cacciatore buono che difende l’habitat naturale
e quello incosciente che ammazza l’amico o un parroco mentre dorme,
odio i ristoranti con gli animali impagliati come trofei,
scoiattoli, marmotte, civette e gufi che ti osservano con gli occhi di vetro,
odio chi spara vicino alle abitazioni, i pallini di piombo nel tuo giardino,
odio la legge fascista (*)2 che permette di entrare nei fondi privati,
i cacciatori che si aggirano a meno di 100 metri dalle case (*)3
con il fucile e il colpo in canna quando la legge lo proibisce,
odio chi mi toglie il piacere della vista di un cervo, di una ghiandaia,
di animali che i miei figli vedranno solo allo zoo o nei parchetti,
odio non poter andare a funghi senza la paura di essere scambiato per un cinghiale
e ascoltare il rumore cupo e cadenzato delle doppiette invece che il canto degli uccelli,
odio la scomparsa dal cielo degli arabeschi formati dagli stormi,
odio l’esproprio della natura fatto per il piacere di pochi (*)4,
il non poter vedere su un tetto i nidi delle cicogne che non migrano più per l’Italia
per sopravvivere ai cacciatori,
odio i riti della caccia, i coltellacci per squartare gli animali, il cameratismo tra uomini veri,
odio chi uccide per piacere, chi definisce sport l’annientamento di una creatura,
una di quelle con cui parlava San Francesco,
odio chi caccia perché “si uccidono anche gli animali d’allevamento
odio chi libera i fagiani allevati in cortile per poi fulminarli dopo pochi metri,
odio chi usa la caccia e i cacciatori per fini politici,
odio chi non rispetta gli animali e dice di rispettare l’uomo.

(*)1. La stima è di 150 milioni di animali uccisi ogni anno
(*)2. Art. 842 Caccia e pesca – Il proprietario di un fondo non può impedire che vi si entri per l’esercizio della caccia, a meno che il fondo sia chiuso nei modi stabiliti dalla legge sulla caccia o vi siano colture in atto suscettibili di danno.
(*)3. La caccia è vietata per una distanza di 100 metri da case, fabbriche, edifici adibiti a posto di lavoro. E’ vietato sparare in direzione degli stessi da distanza inferiore di 150 metri.
(*)4. 1.2% della popolazione italiana (dati 2007).

Una risposta a “Blog di Beppe Grillo

  1. Lasciar sparare solo le comunità montane che devono controllare la sovrappopolazione stanziale. Non odio nessuno, , ma sicuramente ho del risentimento con chi amministra la cosa pubblica, destra centro e sinistra, che hanno fatto leggi per far ingrassare la confraternita, autoassolvendosi sempre per rimanere impuniti, e quando la magistratura li coglie con le mani nella marmellata, trovano collegialmente le modalità per farla franca, come da sempre accaduto. Ho risentimento verso il governo della menzogna, per le falsità dette al Popolo sulla guerra preventiva ai dittatori e al terrorismo, quando gli stessi avallano decisioni dei reali terroristi: gli americani, che assieme ai fabbricanti di armi e fabbricanti di guerre, a volte le impongono. Ho risentimento con chi amministra non rispettando la Costituzione e il volere del Popolo, imponendoci armi nucleari avendole boicottate, e proiettili all’uranio, per poi schierarsi a favore della politica guerrafondaia ed espansionistica americana e Israeliana, additando altri paesi di essere estremisti, , nel volersi dotare di armi nucleari quando questa ultima ha un arsenale superiore alla stessa Europa. E noi occidentali ci consideriamo paesi democratici? Siamo arroganti nel volerla imporre ad altri la nostra lacunosa. Siamo democratici quando eleggiamo un ladro truffatore ricattatore e chissà quanti altri pregi avrà il nostro Dux, “vezzi” perpetrati da quaranta anni? Non credo possa essere annoverato come democratico un guerrafondaio terrorista, soprattutto quando; approfittando di essere alla testa della PIOVRA; dovendo affrontare magistrati che gli dicono essere un farabutto e criminale, falso falsario menzognero, si fa fare leggi per ripararlo, tutelarlo dagli stessi reati commessi; anche vigliacco, lancia il sasso e nasconde la mano. Il parlamento è complice e colluso nei reati da lui commessi, altrimenti non approverebbero leggi che determinano la sua impunibilità. Ma anche buona parte dei suoi rappresentanti regionali hanno truffato rubato i contributi comunitari e nazionali, avendo poi la insediati nelle varie Istituzioni; ( vaticane, statali, regionali, forze militari e dell’ordine), , non vanno dimenticati gli avvocati di quella parte, come i “fratelli magistrati”, quando archiviano, o fanno arrivare alle prescrizioni, oppure quando danno attenuanti ripetitive. Quando non basta tutto questo, arrivano le leggi permissive “per i colletti della Casta” dal governo centrale. Mi affiderei completamente ai Magistrati, a quei Magistrati che rispettano il Giuramento di fedeltà alla Repubblica, e non fedeli alla massoneria, e meno, molto meno, anzi per nulla alla politica, alla nostra politica. Alla Magistratura darei persino la macchina della verità, da utilizzare anche e soprattutto per tutti i dipendenti statali; , <salvandone qualcuno sotto i 55 anni, al Dux saldata perennemente sulla sua persona perché patentato menzognero. Ma soprattutto, affiderei a loro la gestione e controllo totale dei servizi segreti, perché; con le gestioni politiche e militari, hanno prodotto lacrime e sangue con le stragi e omicidi oscuri e depistaggi, tacitati dal segreto di Stato posto dagli stessi che hanno ordinato simili oscenità e schifezze, degni delle recriminate “democraticità e cristianità” di noi occidentali. I nostri politici non hanno mai fatto carceri nuove proprio perché di tanto in tanto dovevano approvare un indulto o amnistie usata per autoassolversi e assolvere qualche loro confratello. Hanno fatto la stessa cosa con lo scudo fiscale per non far apparire la crema dei ladri connazionali, i nostri governanti e parlamentari insieme ai confratelli mafiosi. Un serio parlamento renderebbe legale la coltivazione di una due piante di cannabis sul balcone di casa per uso personale, e lasciar portare al seguito il quantitativo necessario per alcune canne, ottenendo risultati strabilianti: non intasare le carceri, e non farsi ricattare dai grandi spacciatori che fanno mancare sul mercato questa sostanza per inondarlo di sostanze devastanti, molto ma molto più pericolose. Fumatori di destra centro e sinistra unitevi per non diventare delinquenti schedati, che servono a questa classe di mafiosi tenere sotto controllo voi giovani, e sono loro stessi a dirigere il grosso spaccio. Potrebbe non interessarmi il problema in quanto non né faccio uso alcuno, ma è giunta l’ora che qualcuno dica la verità su alcune sostanze che sono il male minore rispetto ai tantissimi altri che fanno soffrire il paese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...