Paolo Franceschetti: Tentativo di decriptazione delle lettere di Magaldi a Berlusconi

Fonte: Paolo Franceschetti: Tentativo di decriptazione delle lettere di Magaldi a Berlusconi.

Premessa.
In molti mi hanno chiesto che ne penso delle due lettere aperte di Gioele Magaldi a Berlusconi. Voglio quindi provare a fare una sorta di decodificazione del reale messaggio mandato al presidente del Consiglio. Parlo di “messaggio reale” perché in genere il linguaggio massonico è un linguaggio velato, fatto di simboli, di non detti, di sottintesi.
Lo dice lo stesso Magaldi, riferendosi ad una frase di Raffi, che il linguaggio massonico deve essere reinterpretato. Raffi infatti, rispondendo durante un’intervista alla domanda “quante persone del PD sono iscritte al Grande oriente” risponde: “nel Grande Oriente ci saranno circa 3000 iscritti alla massoneria che sono anche membri del PD”. Apparentemente sembra che il Gran Maestro stia dicendo che ci sono molte persone di sinistra nel GOI; in verità – come ci spiega Magaldi – sta dicendo il contrario, in quanto, fatti i calcoli sul numero complessivo di iscritti (circa 21.000) significa che la maggioranza è iscritta al PDL.
E Magaldi apostrofa questo modo di comunicare come un tipico messaggio massonico dei più deteriori.

La differenza tra le lettere aperte e altri messaggi massonici è che esse, nonché le interviste che abbiamo pubblicato, sono molto più esplicite rispetto alla norma.
Tuttavia occorre capire il significato esatto.
Quello che segue è quello che ritengo di aver capito. Nei prossimi giorni magari aggiornerò la decriptazione con i suggerimenti dei lettori.

Tentativo di decriptazione.
Caro Berlusconi
Purtroppo non hai capito i messaggi massonici che ti sono stati mandati da tempo (processi, scandali, la vicenda Spatuzza, Noemi,… e di recente addirittura la vicenda di Ruby Rubacuori, che con quella doppia R rappresenta una firma evidente di chi sia il mandante dello scherzetto commissionato apposta per farti fare una figura di merda – l’ennesima – davanti a tutta la nazione).
Quindi, contrariamente alle nostre abitudini massoniche, dovrò essere un po’ più esplicito della norma, perché pare proprio che tu non voglia capire.
Te lo diciamo quindi chiaramente.
E’ ora che tu te ne vada.
Devo ricordarti, fratello Silvio, che un massone che viene posto in una posizione di potere, come la tua di presidente del Consiglio, non può decidere quando vuole e come vuole, se andarsene o meno. Tu sei stato messo li da poteri ben precisi, ovverosia la massoneria internazionale, ed è finito il tuo tempo.
Se non te ne andrai da solo e insisterai a rimanere li, farai una brutta fine. Devo ricordarti la fine che hanno fatto tutti quelli che hanno voluto fare di testa loro? Rimanendo in Italia, devo ricordarti che fine hanno fatto Moro, Berlinguer (assassinato facendo passare la cosa per un malore), Andreotti. Craxi, sol perché hanno voluto ribellarsi ai loro capi e si sono messi in testa di fare come pareva a loro, di prendere iniziative? E all’estero, c’è bisogno di ricordarti la fine che hanno fatto Kennedy, Olof Palme, Haider?
Anche io che ti dico queste cose, lo faccio perché ho un preciso mandato in tal senso, che è la massoneria Americana. Non sarei tanto folle da scrivere queste cose se qualcuno non mi appoggiasse.
E nel sito del Grande Oriente Democratico, non a caso, campeggia grande l’immagine di un’alba. L’Alba d’oro della Golden Dawn, di cui fa parte anche la Rosa Rossa, che indica chiaramente chi c’è sopra alla massoneria cosiddetta “ufficiale”.
Quindi, caro Silvio, i nostri superiori sono gli stessi.
Ed è inutile che te la prendi con Fini. Anche lui obbedisce ad ordini superiori, come te.
Certo, sei ancora potente. Infatti i tuoi mass media hanno passato la notizia della mia lettera aperta sotto silenzio. Ma è proprio questa tua potenza che ti ha dato alla testa, e ti fa pensare di non avere superiori, e di poter fare come ti pare. E forse ti sei scordato chi sei e a chi devi obbedire, e allora è bene che te lo ricordi io.

Tu sei un massone, lo sei sempre stato, e lo sarai sempre, perché lo status di massone non si perde mai.

Sei stato inziato da Gamberini, alla presenza di Gelli, alla fine degli anni settanta, ma già ti interessavi di esoterismo da tempo.
Ad un certo punto però ti sei talmente montato la testa che hai fondato una tua obbedienza massonica, di cui ovviamente ti sei autoproclamato il capo.
E ti sei circondato di gente che non può definirsi “massona” se non in quanto sia stata da te stipendiata e pagata per starti vicino; ma è gente talmente becera che fa disonore alla massoneria, e dovresti liberartene al più presto.
Anche perché, lasciamelo dire, mio diletto Silvio. Non sei un iniziato, ma un contro-iniziato. La massoneria, quella vera, è un’altra cosa.
E nonostante blateri tanto di comunisti, di rossi, ecc., sai perfettamente che questa storia del comunismo è una balla. Sai perfettamente che Cossutta, D’Alema, Veltroni, Latorre ecc., sono piduisti, ed erano nelle liste che non sono mai state consegnate alla magistratura. Cioè sai perfettamente che c’è un progetto comune della massoneria, trasversale a destra e sinistra, per cui non esistono distinzioni politiche.
Tant’è che io ti posso parlare da fratello a fratello, perché, pur essendo di sinistra, comunque in massoneria conto più di te, avendo un grado superiore al tuo.
E queste liste della P2 con i nomi di importanti personaggi della sinistra attuale, potrei tirarle fuori, se qualcuno mi fa incazzare e insiste con questa storia dei comunisti puri e lindi che non sanno cosa sia la massoneria. Cosi si scoprirebbe che alcuni dei nomi più potenti della sinistra sono anche i nomi dei più potenti piduisti.

Hai governato e utilizzato il potere che la massoneria ti ha dato in un modo talmente becero che dovresti solo chiedere scusa.

Ti circondi di gentaglia, dai pessime dimostrazioni di stile, sniffi coca, e molto altro, che tirerò fuori solo se mi costringi.
E’ tempo invece di riorganizzare il potere politico su basi diverse, più aderenti ai veri principi massonici, e che attui una politica tendenzialmente di sinistra.

Ricordo inoltre a tutti i fratelli massoni che è oramai venuto il tempo di uscire allo scoperto. La massoneria sta infatti per dichiarare apertamente i suoi fini, i suoi mezzi, e l’importanza che ha avuto nella storia, traghettando l’Europa e il mondo, dalle monarchie agli attuali stati democratici e all’attuale Trattato di Lisbona e al futuro Nuovo ordine Mondiale.
Quindi, fratelli massoni, non sfioriate il ridicolo, negando la vostra appartenenza alla massoneria, anche perché chi lo farà passerà dei guai.

In massoneria esiste la regola per cui ogni massone può decidere se dichiararsi tale, o tenere segreta la sua appartenenza.
Ma quando una persona viene scoperta, è assurdo negare l’evidenza. E non è dignitoso.
Quindi chiunque, da adesso in poi, neghi spudoratamente, mentendo, la propria appartenenza alla massoneria, verrà sbugiardato pubblicamente.
Dimettiti fratello Silvio. Oppure i prossimi avvertimenti non saranno più dei semplici scandali di donne e sciocchezze di questo tipo.
Potresti fare la fine di Berlinguer, e per te sarebbe un contrappasso perfetto, dato che ce l’hai tanto con i comunisti.
Ps. mi chiamo Gioele. E come sai caro fratello Silvio, noi massoni non lasciamo nulla al caso, neanche i nomi dei personaggi che affollano la scena italiana. Gioele nella bibbia è colui che salva il popolo di Israele dalla disfatta.
E io devo salvare la massoneria, che discende dalla stirpe di David, dallo sfascio in cui l’hai portata.
Il mio cognome, Magaldi, invece, discende da una famiglia fiorentina imparentata nientemeno che con Dante Alighieri.
Anche nella mia persona, cioè, c’è la firma di chi sta dietro a tutta l’operazione.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...