Non è un Paese per testimoni – La fermata – Cadoinpiedi

Fonte: Non è un Paese per testimoni – La fermata – Cadoinpiedi.

L’Italia è un Paese che protegge i testimoni? Partiamo dalla strage di Ustica. Le conclusioni dell’inchiesta giudiziaria riguardante la strage di Ustica ipotizzavano un vero e proprio attacco aereo. Un attacco armato, condotto da aerei militari contro altri aerei militari. Una scena di battaglia aerea, c’erano da una parte aerei che avrebbero dovuto avere una funzione di protezione di un viaggio importante in quella serata e in quello spazio aereo, e poi quelli di un paese terzo che compie una sorta di aggressione armata nei confronti di questi aerei. Il disegno non si realizza perché gli aerei che dovevano essere aggrediti viaggiavano nascosti alla vista vera, essendosi posti sotto o in coda all’aereo civile che costitutiva la massa che dava l’unica risposta alla mappa del radar. Questo dal punto di vista tecnico.
Rispetto alle morti sospette ritengo probabile che ci sia stato un intento di impedire il raggiungimento della verità. Le morti sospette sono state indicate dalla stampa in molteplici occasioni. Nel tempo sono emerse diverse ipotesi, che con il procedere dell’inchiesta sono cadute. Alcune, però, hanno lasciato un’ombra molto spessa di sospetto.
Senza alcun dubbio le morti di elementi importanti per la ricostruzione del cielo radar di quella sera, (sia nei confronti del luogo di caduta del Dc9, sia al riguardo del luogo di caduta del Mig) sono un grande danno per l’inchiesta. Senza alcune morti, molto probabilmente sarebbe emerso qualche particolare in più rispetto alla strage di Ustica.
Che Paese è il nostro per un testimone di giustizia? L’Italia è un Paese in cui è difficile proteggere i collaboratori, sia perché i testimoni – le persone che possono riferire elementi utili alle inchieste – sono tanti, sia perché molti di questi testimoni vivono in ambienti dove obiettivamente è difficile proteggerli. Prendiamo ad esempio i testimoni di episodi di criminalità organizzata: queste persone vivono negli stessi ambienti dove la criminalità organizzata esercita il suo potere, un potere quasi totalitario sulle società di queste zone. Proteggerli diventa difficilissimo. Basti ricordare le risposte date dagli abitanti di Casal di Principe in occasione dell’ultimo arresto eccellente, quello di Antonio Iovine. E’ stata lampante la totale omertà dei cittadini che venivano interpellati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...