VASSALLO, UN SANTO LAICO – La fermata – Cadoinpiedi

Fonte: VASSALLO, UN SANTO LAICO – La fermata – Cadoinpiedi.

Un santo laico Angelo Vassallo. Sindaco pescatore del Cilento. Architetto ecologico dello splendore della spiaggia di Acciaroli, la lingua marina, insieme a Pioppi, del comune di Pollica. Uomo giusto capace di distribuire benessere e ricchezza, nel diventare punto di riferimento non solo di un piccolo borgo ma centro di saggezza e buona politica per tutto il Cilento, straordinaria area meridionale resa celebre dal film “Benvenuti al Sud” e diventata infelice da quella notte da settembre nero per tutti i democratici nazionali quando il piombo assassino decise che bisognava farla finita con quell’uomo simbolo: con la sua funzione ostacolava la speculazione criminale del ciclo del cemento aggressivo su tutto il comprensorio.

Riccardo Iacona, uno dei migliori giornalisti d’inchiesta italiana, anche questa volta non si è lasciato sfuggire il fatto, e per il ritorno di “Presadiretta” (stasera alle 21,30 su Raitre) riparte proprio dall’omicidio Vassallo ricostruendo contesto investigativo e cornice sociale e politica in cui si disegna questa esemplare vicenda meridionale del XXI secolo nella quale il pensiero meridiano si contrappone alla gomorra criminale.

Mentre l’Italia è inchiavardata alla Sodoma-suburra di Arcore c’è un giornalismo che ancora fa il suo mestiere. Buon collega di Iacona è Antonio Manzo del Mattino, cronista vecchio stile, che dal giorno successivo all’omicidio sul suo giornale ha scritto notizie incalzanti ed esclusive. Ha identificato il presunto killer fuggito in Colombia, ha raccontato due sospetti strani suicidi della zona, i prestanome testa di legno, il milieu di Scampia dove si reclutano gli assassini ed ha raccolto la testimonianza di un assessore di un municipio vicino cui Angelo disse: «Questi si vogliono mangiare il Cilento». Le cronache di Manzo sono lontane dalla retorica. L’inviato del Mattino non tace particolari scomodi, come quello dell’abusivismo del ristorante di Vassallo in attesa di condono (chiesto e non concesso). La buona televisione di Iacona di sicuro allargherà la sfera pubblica della conoscenza.

Sul caso Vassallo indagano due magistrati di Salerno, Franco Roberti e Rosa Volpe, che non dicono una parola da mesi raccogliendo indizi e prove in attesa di chiudere il cerchio su killer, mandanti e movente.
A Napoli lunedì scorso la Procura ha eseguito 13 arresti riuscendo a risolvere dopo 21 anni la strage di Ponticelli che in un bar lasciò ammazzati quattro innocenti falcidiati da assassini imbottiti di cocaina. Nell’incipit dell’ordinanza di custodia cautelare, il gip Antonella Terzi, ha scritto: “Ho cercato invano nel mio limitato vocabolario aggettivi che potessero rappresentare i sentimenti suscitati dalla vicenda oggetto della richiesta cautelare. Nessuno, tra quelli che mi venivano alla mente (feroce, folle, crudele, insensato) mi è parso adatto a descrivere l’orrore di quel tragico tardo pomeriggio di un ormai lontanissimo novembre del 1989. Ventuno anni fa. Una vita fa”. Siamo fiduciosi che non trascorra una vita prima che qualche magistrato trovi le parole adatte per la prosa giudiziaria che deve inchiodare i responsabili della morte di Angelo Vassallo, italiano giusto della nostra povera patria. Sulla pagina del sindaco di Pollica di Facebook ieri la signora Alessandra Nocerino ha scritto questo post: «Domenica sera, alle 21:30 su raitre, il programma “Presa Diretta” dedicherà una puntata a Lei, signor Sindaco. Non me lo perderò di certo! Ci manca ma non la dimentichiamo!»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...