Antonio Ingroia, l’urlo nel vuoto

Chiaro che adesso siamo in una fase di cambio di regime, il delinquente del consiglio è al minimo della credibilità e il partito dei ladri senza di lui non esiste. Per compattare intorno a lui l’opinione pubblica non basterebbe un altro finto attentato con statuine di gomma e sangue al pomodoro.

Dall’altra parte il PD (=Propaganda Due) è anch’esso ai minimi storici nei sondaggi e sotto zero nella credibilità.

Un attentato mafioso in questo momento servirebbe solo a compattare l’opinione pubblica intorno a questa classe politica screditata, dunque sarebbero lì i mandanti e la mafia come al solito sarebbe solo il braccio che esegue in cambio delle richieste dell’ennesimo papello.

Secondo me ci vuole una voce forte come quella di Salvatore Borsellino che gridi in faccia a queste entità che sappiamo cosa tramano e che non si azzardino a commissionare alla mafia altri attentati, conosciamo già i mandanti e in caso di attentato sarebbe loro la responsabilità, sarebbero travolti dalla rabbia
popolare.

In questo momento bisogna far sentire molto forte all’opinione pubblica il sostegno ai magistrati che vengono quotidianamente attaccati da questa classe politica da in putrefazione.

Salvatore fatti sentire!

Fonte: Antonio Ingroia, l’urlo nel vuoto.

Il Procuratore Aggiunto di Palermo Ingroia lancia un allarme sui verosimili propositi di Matteo Messina Denaro di compiere attentati. Ebbene, come il passato ci insegna e di cui dirò, il grido di allerta del procuratore, invece di essere preso in serio esame, è stato oggetto di considerazioni da parte dell’On. Cicchitto.

Solo che c’è un però! Non c’era affatto bisogno di scomodare Giovanbattista Vico o definire “parole da bar o parole dette a vanvera” quelle pronunciate dal dottor Ingroia. A meno che lei On. Cicchitto non ritenga d’essere l’unico detentore di verità assoluta. Sarebbe stato giusto prestare “orecchio” verso l’urlo del Procuratore invece di fare sterile polemiche.

Non le sembra che così facendo si presta il fianco a Matteo Messina Denaro il quale potrebbe giovarsi da siffatte visioni silenti e contrastanti sulla lotta alla mafia?

Capisco bene che lei non è esperto di cose mafiose, tuttavia potrebbe recarsi nel “Palazzo” accanto al suo, dove ci sono esimi esperti di Cosa nostra che potrebbero ragguagliarla compiutamente. E, mi creda sono talmente esperti da poter salire sulle cattedre e condurre ore e ore di lezioni; sono convinto che attraverso il loro sapere, lei potrebbe giovarsi a tal punto poi di esternare quella giusta e sana considerazione sull’allarme lanciato da procuratore Ingroia.

Capisco anche, che lei e tanti del suo Partito avete un’innata repulsione contro i PM e questo spiega tante cose e le rammento On. Cicchitto che proprio gli urli di Falcone e Borsellino, rimasti inascoltati, sono stati il prodromo della stagione stragista del 92/93. Sarebbe ora di smetterla di considerare alcuni PM come i nemici della classe politica.

Il problema è che sin quando i “pentiti” raccontavano o raccontano le cose di “Cosa loro” erano beatificati. Ma, ahimè, e glielo dico per esperienza personale, appena le dichiarazioni aprivano gli ambulacri del potere, ecco che i PM erano considerati di sinistra, o mentalmente disturbati, come a qualcuno piace definirli, con assordante silenzio del ministro che avrebbe l’onore di difenderli. Il Guardasigilli, non fa altro che applicare le reminiscenze da “picciriddu”, Muto devi stare! Ed infatti, non spende una sola parola a favore dei PM dalle immotivate accuse.

Se una persona come il procuratore Antonio Ingroia, che è bene ripetere è titolare delle inchieste su Cosa nostra e che vanta decennale esperienza di lotta alla mafia, dichiara pubblicamente il suo timore di eventuali stragi, perché non prendere sul serio l’allarme? Qui non è questione di trovarsi in un bar o parlare a vanvera, come lei sostiene On. Cicchitto, qui siamo innanzi al suo pregiudizio nei confronti di Ingroia. Non trovo altre spiegazioni.

E, purtroppo io vedo analogie tra l’urlo di Ingroia e quello di Falcone e Borsellino, con la medesima prosopopea della classe politica di allora: non dare retta ai PM.. Col risultato, però, che l’Italia ha perso dei galantuomini degni di questo nome, mentre non si può dire altrettanto per tanti che siedono nei “Palazzi” del potere.

E la Commissione Antimafia e il Copasir, non sentono e non vedono? Non hanno nulla da dire sulle parole di Ingroia?

Pippo Giordano

da Blogsicilia.it

Annunci

Una risposta a “Antonio Ingroia, l’urlo nel vuoto

  1. Secondo me per far aumentare il credito alla Magistratura, l’associazione dovrebbe far saper al popolino quelle che sono le discrepanze che rallentano la Giustizia se è vero ciò che la politica e il Dux sputano veleni sulla stessa Magistratura, e quelle leggi approvate dal parlamento, al solo scopo di rendere la vita dura agli stessi Magistrati.
    Dovrebbero dire al Popolo quanto riuscirebbe a recuperare se fosse ripristinato il falso in bilancio, le prescrizioni brevi volute dalla stessa Cricca, e qualche strumento in più del tipo: la gestione dei servizi segreti e la macchina della verità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...