LA STRUTTURA DELTA | BananaBis

Fonte: LA STRUTTURA DELTA | BananaBis.

di Massimo Giannini, La Repubblica 11/02/2011

Gli storici prendano nota. Ieri, per la prima volta, si è riunita in chiaro, alla luce del sole, la Struttura Delta. Le “guardie armate” del presidente del Consiglio nella carta stampata e nella tv.

Giuliano Ferrara, direttore del Foglio, Alessandro Sallusti, direttore del Giornale, e Claudio Brachino, direttore di Videonews-Mediaset. Convocati direttamente da Silvio Berlusconi, non più nella magione privata di Arcore, a Villa San Martino. Ma nella sede governativa di Roma, a Palazzo Grazioli. Per mettere a fuoco lo “spin” comunicazionale, con il quale il Cavaliere cercherà di riscrivere ancora una volta a suo vantaggio il “palinsesto” politico-mediatico dell’intera nazione. E per mettere a punto la controffensiva violenta, con la quale cercherà di distruggere la magistratura, la libera stampa, l’opposizione parlamentare e sociale.

Dunque, la drammatica torsione democratica del berlusconismo declinante ci consegna l’ennesima, incredibile “epifania”. Politica e giornalismo piegati insieme, nello stesso tempo e nello stesso modo, per sovvertire codici normativi e aziendali. Per propiziare atti “sediziosi” e inquinare fatti incontrovertibili. La Struttura Delta, come questo giornale l’aveva “battezzata” nel novembre 2007 mutuandola da Joseph Conrad, esiste da anni. È stata una delle prime intuizioni del premier-tycoon, che invece di risolvere il suo enorme conflitto di interessi, l’ha ingigantito e sfruttato fino in fondo per mettere in moto la più micidiale

e pericolosa macchina di fabbricazione del consenso mai concepita in una normale democrazia europea. Capo del governo (perciò sovrano delle tre reti pubbliche Rai) e insieme padrone delle tre grandi reti private Mediaset, Berlusconi ha capito subito che ciò di cui aveva sommamente bisogno, per gestire il consenso, era servirsi del suo “inner circle” manageriale, pubblicitario e giornalistico, per dettare l’agenda al Paese. Creare una “squadra”, cioè, nella quale la più grande agenzia newsmaker della nazione, cioè il governo stesso, potesse dettare “i titoli” della giornata all’intero network televisivo-informativo italiano. Per cancellare quelli dannosi, per nascondere quelli scomodi, per enfatizzare quelli utili alla propaganda “di regime”. Questa vergognosa versione italiana del Grande Fratello orwelliano l’abbiamo vista all’opera quattro anni fa, all’epoca del cosiddetto scandalo Rai-Set. Attraverso un’inchiesta sul fallimento della Hdc di Luigi Crespi, la Guardia di Finanza scoperchiò la “rete” inquietante di connivenze e complicità tra manager, dirigenti e giornalisti del servizio pubblico e dell’impero privato del premier (da Agostino Saccà a Deborah Bergamini) grazie alle quali si arrivò al punto di occultare, nei tg della sera e della notte, i risultati negativi di Forza Italia alle elezioni del 2006.

Da allora la Struttura Delta ha continuato a lavorare. Sempre a pieno regime. Basta vedere il Tg1 o il Tg5, per non parlare del Tg4 e dell’infinita varietà di programmi che le reti “ammiraglie” del servizio globale Rai-Set trasmettono nelle ore più impensate del giorno (Mattino 5, La vita in diretta, Pomeriggio sul 2). Ed ha anche affinato i suoi strumenti, in una spirale sempre più cinica e violenta che ha trasformato la macchina del consenso in macchina del fango. Incrociando sempre più spesso le televisioni e i giornali. Basta vedere il linciaggio al quale si sono dedicati i mass-media “di famiglia”, dal Giornale a Panorama, contro chiunque abbia criticato il Cavaliere: da Dino Boffo a Gianfranco Fini. Anche un mese fa, il 17 gennaio per la precisione, la Struttura Delta si era riunita, in pieno scandalo Ruby. Dopo il consueto pranzo del lunedì ad Arcore con l’inseparabile Fedele Confalonieri e i figli Piersilvio, Marina e Luigi, il premier aveva convocato per un caffè l’intera squadra dei suoi “spin”: l’onnipresente Mauro Crippa, direttore generale dell’informazione a Mediaset e primus inter pares della Struttura, l’immancabile Alfonso Signorini, direttore di Chi, ancora Sallusti, e poi il direttore di Panorama Giorgio Mulè e il direttore delle relazioni esterne di Fininvest Franco Currò.

I risultati di quel vertice “privato” sono stati almeno tre. L’intervista di Ruby alla trasmissione Kalispera su Canale 5, nella quale la ragazza marocchina ritratta tutto ciò che aveva detto nelle intercettazioni e nelle comunicazioni rese ai pm di Milano. La discesa in campo delle “ministre” a difesa del Cavaliere: la Gelmini a Porta a Porta, la Carfagna a Matrix e la Santanché ad Annozero. La valanga di videomessaggi autoassolutori e intimidatori dello stesso premier alla tv o ai Promotori della Libertà.

Ora, nella fase più disperata per il presidente del Consiglio, c’è un ulteriore salto di qualità. La Struttura Delta si riunisce direttamente nella capitale, a Palazzo Grazioli. In una inaccettabile sovrapposizione di ruoli e di funzioni, il capo del governo convoca i suoi referenti e i suoi dipendenti, portando ancora una volta alla ribalta, ma stavolta in campo aperto, il velenosissimo conflitto di interessi che intossica politica e informazione. Insieme, il premier e il suo anomalo “think tank” elaborano le offensive politiche e organizzano le offensive mediatiche. Il Pdl non esiste più (ammesso che sia mai esistito). Il partito, come filtro della rappresentanza democratica, è definitivamente scavalcato e surrogato dalla Struttura Delta. La “squadra degli spin” diventa un vero e proprio “gabinetto di guerra”. Dove i giornalisti, dopo aver indossato la “mimetica” a Palazzo Grazioli, tornano in redazione a scrivere editoriali ispirati e a dettare cronache addomesticate.

Anche in questo caso, i risultati si vedono. Sono due, per adesso. Il primo: Giuliano Ferrara intervista Berlusconi sul Foglio, lo fa urlare contro “il golpe morale”, gli fa dire che “il popolo è il mio giudice ultimo”, e che quelle di Milano sono “inchieste farsesche, degne della Ddr”. Giusto la sera prima, all’improvviso, la Rai aveva deciso di cambiare il palinsesto, per trasmettere sulla Rete Due Le vite degli altri, il film in cui Von Donnersmarck racconta le tragedie umane prodotte dai metodi spionistici della Stasi, la polizia segreta della Germania comunista di Honecker. Qualcuno può pensare che sia stato solo un caso? Il secondo: ancora Ferrara irrompe alle otto al Tg1 di Augusto Minzolini, parla per sei minuti filati (un tempo televisivo infinito) attacca “il gruppo Espresso di De Benedetti e dei professoroni del Palasharp, che vogliono abbattere il governo con metodi extraparlamentari”, e spara a zero contro “il puritanesimo brutale che vuole tagliare la testa al re”.

Cos’altro faranno il Giornale di Sallusti e le News Mediaset di Brachino lo scopriremo solo oggi e nei prossimi giorni. Cos’altro ha fatto e farà ancora la Struttura Delta, al riparo dall’ufficialità e dalle coincidenze che possiamo ricostruire solo ex post, forse non lo scopriremo mai. Ma intanto il nuovo “palinsesto”, politico e giornalistico, è scritto. Nel cuore ferito dell’immenso conflitto di interessi berlusconiano, il “gabinetto di guerra” ha deciso di combattere la battaglia decisiva, forse l’ultima. Gli “assaltatori” sono all’opera. Contro la verità. Contro la responsabilità. Contro la dignità. E poi c’è ancora chi dice che questa non è una vera “emergenza democratica”.

Annunci

2 risposte a “LA STRUTTURA DELTA | BananaBis

  1. La struttura delta dimostra chiaramente che siamo in regime dittatoriale, quindi esistono i requisiti per delegittimare il governo in carica, perchè incompatibile con la costituzione democratica italiana.

  2. Leggere a pag. 150 sul libro di Larry Portis “Qu’est-ce que le fascisme” (putroppo l’autore non riporta la fonte, qualsiasi siano le ragioni della « svista ») : « En avril 1968, une quarantaine de jeunes néofascistes [italiens] participèrent à un voyage à Athènes, en remerciement pour leur soutien au régime des colonels. Ils reviennent curieusement ‘convertis’ à l’anarchisme et au maoïsme et passent rapidement à la pratique. Infiltrant ou créant des groupes gauchistes, ils vont semer le trouble à un tel point que les premières arrestations après les bombes du 12 décembre 1969 se produisent d’abord dans ces groupes [et] l’enquête va s’égarer pendant trois ans sur la piste anarchiste avant de s’intéresser à la piste brune. Par la suite, les néofascistes usent de la tactique de la ‘rencontre des deux extrêmes’ en créant des groupes ‘nazi-maoïstes’ »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...