Per Brusca la trattativa era in due tempi. Prima con la sinistra Dc e poi con Forza Italia

Fonte: Per Brusca la trattativa era in due tempi. Prima con la sinistra Dc e poi con Forza Italia.

Lo scoop dell’Espresso sulle ultime rivelazioni del pentito di Capaci
11 marzo 2011

Alla fine Brusca si è deciso. Messo con le spalle al muro dai pm che lo hanno scoperto a ricattare vecchi prestanome e a trafficare per garantirsi un piccolo tesoretto da gestire non appena espiato il cumolo di pene residue, prossimo alla scadenza, è dovuto correre ai ripari. E quei nomi che finora aveva solo sussurrato o appena lasciato intendere alla fine li ha messi a verbale: Nicola Mancino, Vito Ciancimino, Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri. Non sono in effetti una sorpresa, sono tasselli che mancavano al suo stesso racconto che inquirenti e giudici avevano sempre considerato quanto meno incompleto.

Ecco qui quindi, secondo quanto scrive Lirio Abbate su L’Espresso di oggi, il retroscena delle trattative che il pentito avrebbe messo a verbale davanti ai magistrati di Palermo. Parte da lontano, da Stefano Bontade, capo di Cosa Nostra negli anni Settanta, che, stando ai suoi ricordi, riceveva da Silvio Berlusconi 600 milioni di lire dell’epoca. Alla morte del boss di Villagrazia le dazioni di denaro si sarebbero interrotte per poi riprendere dopo che Ignazio Pullarà, nel 1986, fa piazzare dell’esplosivo davanti ai cancelli della residenza milanese dell’imprenditore.  E’ argomento dell’ormai famosa telefonata tra Berlusconi e il suo braccio destro Marcello Dell’Utri in cui, ridacchiando, sospettano di Vittorio Mangano che però in quel periodo è ancora detenuto. “Invece – spiega Brusca – a eseguirlo erano stati due uomini che Pullarà aveva mandato da Palermo”. Una missione all’insaputa di Riina che infatti intimò a Vittorio Mangano, una volta scarcerato, di farsi da parte perché da quel momento “Dell’Utri e Berlusconi ce li ho nelle mani io”. Dopo la bomba il Cavaliere avrebbe ricominciato a pagare mezzo miliardo, direttamente a lui tramite il fidato Raffaele Ganci.
“Poi quando venne ucciso Salvo Lima, Riina mi disse che Ciancimino e Dell’Utri si erano proposti come nuovi referenti per i rapporti con i politici”. La scelta sarebbe caduta su Dell’Utri perché il vecchio sindaco era troppo legato a Provenzano e forse perché tra loro, secondo quanto ha raccontato anche Massimo Ciancimino, non correva troppo buon sangue.
Dell’Utri quindi sarebbe stato il nuovo referente e chiaramente l’aggancio per “il nuovo movimento politico Forza Italia che sta per nascere”.
“La nostra strategia dopo l’arresto di Riina e dei fratelli Graviano – confessa ancora Brusca che in quel momento era, assieme a Bagarella alla testa dell’organizzazione – era quella di far votare Forza Italia nel 1994. Le nostre speranze erano riposte in questi soggetti politici per avere favori, agganci, aggiustare processi e avere una forza politica da sfruttare per tutte le esigenze”.
Ad intralciare i piani nel 1994 sarebbe stato il Ministro Maroni che dopo aver consultato alcuni magistrati impegnati in prima linea nella lotta alla mafia si era accorto che alcune delle leggi in via di approvazione avrebbe rischiato di favorire la criminalità.
Il patto con Forza Italia sarebbe però avvenuto in un secondo momento, subito dopo la strage di Capaci il dialogo con le Istituzioni era invece mediato da Vito Ciancimino che avrebbe fatto da ponte tra Riina e il Ministro degli Interni Nicola Mancino. Non è la prima volta che Brusca indica nell’ex vice presidente del Csm il terminale di questa presunta prima trattativa e ne avrebbe informato anche i nuovi interlocutori.
“Quando inviai il messaggio a Berlusconi e Dell’Utri, dicendo che la sinistra sapeva delle bombe del ’92 e del ’93, mi riferivo alla sinistra della Dc che in quel periodo governava il Paese”.
I magistrati hanno chiaramente chiesto conto della reticenza e del ritardo di queste dichiarazioni che oggi come oggi potrebbero aiutare nella ricerca della verità ma perdere valore processuale. Brusca ha risposto che semplicemente cercava un modo per uscire dal carcere prima possibile senza ulteriori complicazioni.
“Posso mai fare sempre questa guerra con tutti e contro tutto ogni volta che parlo di ‘stu santo Berlusconi?”. Ha cercato di scusarsi. “Per l’opinione pubblica Berlusconi di tutto può essere accusato, tranne che per le stragi. In questo modo lo fanno diventare un martire agli occhi della gente”. Intanto a pagare il conto comincerà lui.

Anna Petrozzi

da: AntimafiaDuemila

Annunci

Una risposta a “Per Brusca la trattativa era in due tempi. Prima con la sinistra Dc e poi con Forza Italia

  1. Riapertura delle carceri isolane per isolare boss che non si sono pentiti ed ergastolani.
    Ripristinare il 41 bis del carcere durissimo.
    Triplicare le pene per i reati dei bancarottieri dei colletti, dopo avergli sequestrato tutti i beni.
    Dotare la Magistratura della macchina della verità come altri mezzi di indagine innovative, ed il controllo e gestione dei servizi segreti.
    Ridurre ai politici il potere di corporazione per annullare le richieste dei Giudici.
    Rendere illegale la massoneria e similari.
    Tutto questo dobbiamo pretendere dalla politica, oltre alla ridistribuzione delle ricchezze nazionali, sequestrando i denari illegalmente esportati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...