Blog di Beppe Grillo – I giornali sono medium, fanno parlare i morti

Fonte: Blog di Beppe Grillo – I giornali sono medium, fanno parlare i morti.

Ieri pomeriggio ero a Milano insieme ai ragazzi del MoVimento 5 Stelle per riparlare del Parlamento pulito e delle 350mila firme raccolte nel 2007 che ancora giacciono nei sottoscala di Palazzo Madama. A margine ho parlato con i giornalisti e di seguito riporto il mio intervento:

Basta, non voglio assolutamente parlare di queste cose. Ho messo una croce su quell’ometto, quel pensionato senza prostata. Basta. Parlare di processi, di giustizia… ma qual è il senso della giustizia? Non ce l’ha più un senso la giustizia. Io ho processi da 17 anni. Abbiamo 3 milioni di processi, la Gran Bretagna ne ha 300 mila. Abbiamo 250 mila avvocati e le nostre università continuano a sfornare avvocati. Non ha più senso parlare di processi.
Occorre ripartire dal basso, azzerare tutta questa classe politica, la classe economica, capire dove andiamo. Capire cosa devono produrre le nostre industrie da qui a vent’anni: non automobili, non cemento ma altre cose, informazioni, bit, autostrade informatiche. Nella graduatoria mondiale della velocità del download in Rete siamo a 4,9. Siamo dopo lo Zambia. La Libia ha 5,2, noi 4,9. Cominciamo da queste cose qui. Cominciamo a informarci.
In Korea le donne incinte, i bambini e i giovani fertili non li fanno uscire di casa, a causa della nuvola radioattiva. Qui di cosa parliamo. Anzi, di cosa parlate voi? Basta, finitela. Siete nati come un giornale, vi state trasformando. Vi ingigantite, andate avanti, avete bisogno di soldi, di sponsor, non prendete i finanziamenti ministeriali ma poi avete gli sponsor che sono pericolosi. State molto attenti: siete su una china molto pericolosa. Questo è un sistema che ti ingloba se non stai attento.
Noi facciamo fatica per avere un minimo di visibilità: i server, i soldi, le pubblicazioni in Rete. Ma non possono ancora chiamarci “grillini“. E nelle classifiche della Rete (cazzo, ci sarò nella Rete no?) scompaio anche sul vostro giornale. Vi ho fatto scrivere, perché scompaio anche sul vostro giornale. “Un errore, potevi telefonarci senza farci scrivere dall’avvocato”. No, non vi telefono, perché non potete fare questi errori. Bisogna essere precisi, diabolici, perché siamo soli e quindi o ci diamo una mano oppure siamo tutti nemici: tutti contro tutti. Va bene?
Ripeto: la priorità di questo Paese è azzerare questa classe politica. Parliamo di Costituzione: vedo questa Costituzione nelle mani dei parlamentari. E’ recitata da gente che non è stata eletta da nessuno. Ragazzi, la Costituzione è stata fatta per proteggere due partiti politici (Dc e Pci) dai cittadini. I cittadini non hanno più senso, e la storia del “parlamento pulito” ne è esempio lampante. Spiegatemi perché dobbiamo venire in piazza, a gridare, affinché discutano delle 350mila firme raccolte. Vi sembra una cosa normale questa? E la sinistra cosa fa? Non è una cosa di sinistra questa qui? Perché non dicono tiratele fuori e discutiamone in Parlamento? Due legislature, via i condannati, il voto di preferenza…
Perché non mi vogliono? Non mi vogliono perché sono morti. Sono finiti. Li tenete in vita voi. Tu la prima domanda che mi hai fatto qui è di quel nano. Li tenete in vita voi. Sono morti. Voi non siete media, siete dei medium, perché fate parlare dall’aldilà della gente scomparsa. Qui abbiamo della vita, dei sentimenti, abbiamo dei programmi. Parliamo di acqua, di “politica volontariato“, servizio civile.
Non abbiamo i soldi e continuiamo col debito? Non possiamo neanche fallire. Non possiamo avere neanche la soddisfazione di fallire, perché se falliamo noi fallisce l’Europa, quest’entità un po’ così che in fondo non c’è mai stata
Ma dove andiamo? Quattro emigrati che arrivano ci hanno messo in crisi. Il cittadino ha capito che siamo da soli a difenderci. Ognuno con la propria testa. Questa è la verità. Allora: rimettere i cittadini dove devono essere. Le istituzioni sono i cittadini. Il parlamento sono i cittadini. Questa gente non c’entra con i cittadini. Punto e basta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...