ComeDonChisciotte – BRETTON WOODS 2.0: LA CONFERENZA DELL’ORDINE DEL NUOVO MONDO DI SOROS

Fonte: ComeDonChisciotte – BRETTON WOODS 2.0: LA CONFERENZA DELL’ORDINE DEL NUOVO MONDO DI SOROS.

DI STEPHEN LENDMAN
http://www.uruknet.org

Nel luglio del 1944, 730 delegati provenienti da 44 nazioni si incontrarono al Mount Washington Hotel di Bretton Woods, NH, per una conferenza monetaria e finanziaria delle Nazioni Unite. Il suo scopo era di istituire un sistema monetario internazionale post-bellico delle valute convertibili, tassi di cambio fissi, il libero scambio, il dollaro come valuta di riserva mondiale legata all’oro, e quelli di altre nazioni fissate al dollaro.

Inoltre progettò un quadro istituzionale per l’accumulazione di capitale di mercato per garantire che le nuove colonie liberate perseguissero lo sviluppo economico capitalista a vantaggio degli alleati vittoriosi, soprattutto l’America.

E anciora, furono istituiti il FMI e la Banca Mondiale per integrare le nazioni in via di sviluppo nell’economia mondiale globale dominata dal Nord, intrappolandole attraverso il debito come mezzo per trasferire le loro ricchezze a potenti banchieri occidentali.

Questo schema, ai giorni nostri, obbliga nazioni indebitate a prendere nuovi prestiti per coprire i vecchi, assicurando il crescere dell’indebitamento e la severità di regolazione strutturale, che include:

— privatizzazione delle imprese statali;

— licenziamenti di massa;

— deregolamentazione;

— profondi tagli alla spesa sociale;

— congelamento o tagli dei salari;

— accesso al mercato internazionale senza limiti per le compagnie occidentali;

— tagli fiscali a favore delle compagnie;

— repressioni o eliminazione del sindacalismo; e

— dura repressione contro gli oppositori di un sistema incompatibile con la democrazia sociale.

Come risultato, dalla seconda guerra mondiale, la ricchezza pubblica si è spostata in potenti mani private, ampliando il divario tra elitisti super-ricchi e famiglie di lavoratori, un processo più intenso che mai ora, compresi gli importi.

Nel 1971, il sistema si disfece quando Nixon chiuse la finestra d’oro, terminando l’ultimo legame tra oro, dollaro e moneta solida. Da allora in poi, le valute fluttuarono, in concorrenza tra loro in pieno stile casinò, manipolate da membri potenti, come Soros, fondi speculativi, gigantesche banche internazionali o governi, a volte in modo cooperativo con gli altri, nel loro reciproco interesse. Bretton Woods stabili`un sistema monetario post bellico internazionale, includendo le mission originali del FMI e della Banca Mondiale:

— la prima, determinare i tassi di cambio stabili legati al dollaro e colmare squilibri di pagamento temporanei,

— la seconda, fare credito a paesi in via di sviluppo, messi in ginocchio dalla guerra. Entrambi gli enti, infatti, hanno dato prova, fino ad oggi, della natura ampiamente sfruttatrice del loro obiettivo.

Nel suo libro “Super Imperialismo: La Strategia Economica dell’Impero Americano” ed in altre opere, Michael Hudson ha spiegato come l’accumulo di dollaro finanzi l’imperialismo Americano e gli interessi delle compagnie:

— facendo circolare surplus dollari globalmente per incrementare la speculazione finanziaria e le acquisizioni aziendali;

— attraverso banche centrali globali che “riciclano tali afflussi di dollari (in) titoli del Tesoro americani per finanziare il deficit di bilancio federale degli Stati Uniti; e cosa più importante, il carattere militare del deficit dei pagamenti Usa e il disavanzo del bilancio federale nazionale ”

In altre parole, I dollari finanziano le acquisizioni aziendali americane, e gli eccessi speculativi creano bolle e crisi economiche globali, così come le spese sconsiderate proprie dell’America, il suo militarismo, le sue guerre imperiali, le sue centinaia di basi in tutto il mondo, e la belligeranza globale e sfruttamento a scapito dei valori democratici e della giustizia sociale.

Prima o poi, però, gli eccessi erodono la fiducia e producono un cambiamento, soprattutto oggi che la Federal Reserve sta sacrificando la forza del dollaro per salvare Wall Street a scapito della crescita economica produttiva e la stabilità. Quanto maggiore è l’erosione del dollaro, tanto meno gli investitori stranieri sono propensi a tollerare l’acquisto di bad assets, dando all’America un pasto gratuito per finanziare una politica controproducente.

Come risultato, Michel Hudson vede tensioni internazionali crescenti durante la prossima generazione a causa del monetarismo avventato americano, le guerre perpetue, e l’estremo divario economico tra elitisti super-ricchi e lavoratori comuni.

Per decenni, le compagnie degli Stati Uniti hanno avuto un vantaggio competitivo dalle regole del Washington Consensus e le istituzioni che Bretton Woods controlla, tra cui il FMI e la Banca mondiale, offrendo all’America un pasto gratis nel governare costringendo gli altri paesi in schiavitù per debiti e minacciando di far cadere il sistema monetario globale se un numero sufficiente di essi si fossero opposti. E, naturalmente, intraprendendo guerre imperiali quando quelle finanziarie non funzionano.

Finora è stato cosi` perché all’Europa e all’Asia manca la volontà politica di creare un nuovo ordine economico internazionale, in modo che le nazioni che producono vantaggi economici li possano mantenere, non lasciare che l’America li usurpi per rafforzare il suo “nuovo tipo di pianificazione globale centralizzata” – una basata sulla finanziarizzazione e sui titoli del Tesoro Usa, non meccanismi industriali.

In termini di WTO, essa trasferisce i guadagni del commercio estero da altre economie in America, svuota le loro risorse complessive, promuove la dipendenza, non l’autosufficienza, e la supporta con una linea dura militarista e minacce di collasso sistemico monetario. Alla fine, i paesi sfruttati si oppongono alla “tassazione senza rappresentanza”, un “quid senza quo”, un pasto gratis offerto delle “nazioni del mondo paganti surplus”. Più l’America lo esige sommergendo le economie mondiali con i dollari, più le nazioni svantaggiate probabilmente si opporranno, minacciando di ritirarsi dal FMI, la Banca Mondiale e la WTO.

E’ una possibilità che globalisti come George Soros si propongono di sfruttare, tra le altre, attraverso Bretton Woods 2.0 per sviluppare idee e politiche per un nuovo ordine finanziario mondiale che elitisti come lui stesso controllano.

George Soros – Investitore Predatorio Miliardario

I suoi investimenti disonesti sono noti. Ad esempio, nel 1992, ha guadagnato un miliardo di dollari sabotando la politica monetaria europea, attaccando il Meccanismo di Cambio Europeo (MCE) attraverso un assalto speculativo, di alto grado di leva, sulla sterlina inglese, costringendola alla svalutazione e la rottura del MCE.

Nel giugno 2003, Neil Clark ha scritto un articolo sul New Statesman, spiegando le sue macchinazioni, come predatore disonesto. Di conseguenza, si è “fatto i miliardi grazie alla crisi della moneta orientale del 1997, ” ed è stato multato nel 2002 “per insider trading da un tribunale in Francia”. Quando gli è stato chiesto del tumulto causato dalla sua speculazione, ha detto sprezzante:

“In qualità di operatore di mercato, non ho bisogno di preoccuparmi delle conseguenze delle mie azioni”.

Guadagnando miliardi da questi, hanno provocato il caos per milioni a livello globale. Altri ancora grazie alla collaborazione del suo Gruppo di Crisi Internazionale e Open Society (in cui aperte significa per lui da saccheggiare) con Zbigniew Brzezinski, Al Gore, il generale Wesley Clark, Richard Perle, Paul Wolfowitz, e molti altri noti furfanti e organizzazioni.

Per decenni, Soros ha insidiosamente operato per il dollaro. Ad esempio, nel 1998, ha scritto una lettera oltraggiosa a Bill Clinton, chiedendo una “strategia globale politica e militare per abbattere Saddam e il suo regime” per motivi che l’amministrazione Bush ha attuato.

E ‘inoltre collegato al Gruppo Carlyle, approfittando del militarismo e delle guerre dai contratti di difesa. Tra i suoi soci e collaboratori ci sono Bush I, James Baker, Colin Powell, l’ex primo ministro britannico John Major, Frank Carlucci, Richard Darman, una sola volta i membri della famiglia bin Laden, e molte altre figure ben collegate.
Clark ha spiegato che Soros ” potrebbe non essere, come talvolta si è ipotizzato, un agente interamente pagato dalla CIA. Ma che le sue società e le ONG siano strettamente avvolte nell’espansionismo degli Stati Uniti non può essere seriamente messo in dubbio”.

Si rivoltò contro Bush II per la tattica, non l’ideologia, per aver commesso il peccato capitale di far scoprire il gioco grazie al suo fanatismo bellico. In effetti, Soros sostiene fermamente la guerra finanziaria e militare a favore di maggiori profitti a livello globale, per ottenere il controllo su denaro, risorse e mercati, ma vuole che lo si faccia abilmente e che non si noti – a modo suo.

Come risultato, egli usa la sua ricchezza ed influenza per estromettere i regimi “inetti” al business. Ad esempio, Clark ha detto che è stato determinante nel crollo sovietico per:

“aver distribuito 3 milioni di dollari l’anno tra i dissidenti tra cui il movimento Solidarnosc, Carta 77 in Cecoslovacchia e Andrei Sakharov nell’Unione Sovietica. Nel 1984, fonda il suo primo Open Society Institute in Ungheria e pompa milioni di dollari in movimenti di opposizione e mezzi di comunicazione indipendenti. Apparentemente volte a costruire una ‘società civile’, queste iniziative sono state progettate per indebolire le strutture politiche esistenti e aprire la strada per lo sfruttamento eventuale dell’Europa orientale da parte del capitale globale “.

Soros ora si prende il merito dell’aver “Americanizzato l’Europa orientale”, sfruttando la sua ricchezza e le persone a scopo di lucro. In Jugoslavia, Clark ha detto:

“Gli jugoslavi sono rimasti ostinatamente resistenti e più volte hanno rimesso riformato Partito Socialista di Slobodan Milosevic al governo. Soros è stato all’altezza della sfida. Dal 1991, il suo Open Society Institute ha incanalato più di 100 milioni di dollari per” elementi anti Milosevic, “finanziando partiti politici, case editrici e media ‘indipendenti’ come Radio B92, usandoli contro Milosevic.

Quando Washington lo ha spodestato nel 2000, “tutto ciò che rimaneva era trasportare (lui) al tribunale dell’Aja, co-finanziato da Soros”e altri cosiddetti custodi dei diritti umani, con quelli delle compagnie che richiedevano la loro parte di bottino. Oggi la Jugoslavia è balcanizzata, il suo popolo sfruttato e i kosovari disciplinati dalla Liberation Army (KLA) di Hashim Thaci in Kosovo, un’organizzazione disonesta collegata alla CIA e alla criminalità organizzata.

Soros, comunque, ne ha beneficiato enormemente. Lo ha fatto, infatti, in ogni paese a cui ha mirato a spese della libertà, dei valori democratici e del benessere pubblico.

“In Kosovo, per esempio, ha investito 50 milioni di dollari in un tentativo di ottenere il controllo del complesso minerario di Trepca, dove ci sono vaste riserve di oro, argento, piombo e altri minerali del valore stimato di (circa) 5 miliardi di dollari. Ha quindi copiato un modello da lui (usato) con grande effetto su tutta l’Europa orientale (attraverso) la ‘terapia shock’ e ‘la riforma economica’, poi fiondandosi in picchiata con i suoi associati per acquistare beni statali di valore a prezzi stracciati “.

Infatti, la sua strategia di Pax Americana differisce solo da Bush II in finezza. “Ma è altrettanto ambizioso e altrettanto mortale”, per mezzo di guerre militari o finanziarie per ottenere il massimo profitto.

Istituto di Soros per il Nuovo Pensiero Economico (INET) – Conferenza di Bretton Woods

Dallo 08 aprile 2011, la seconda conferenza annuale INET ha indirizzato le scosse di assestamento della crisi economica globale, come parte di un impegno ad ampio raggio per “attirare la più ampia Unione Europea, così come le economie emergenti dell’Europa orientale, l’America Latina e l’Asia” e far loro accettare le idee del ‘Nuovo Ordine Mondiale’ di Soros.

Con l’obiettivo di “inspirare e provocare un nuovo pensiero economico”, oltre 200 studiosi, capi di imprese e di governo (molte con legami diretti con lui) hanno partecipato, inclusi la INET di Soros e Robert Johnson, primo ministro britannico Gordon Brown, Paul Volker, Larry Summers, Joseph Stiglitz, Kenneth Rogoff, Jeffrey Sachs (il veleno della cui shock terapia ha aiutato ad affondare la Russia post-sovietica e l’Europa dell’Est), Carmen Reinhart dal (Pete) Peterson Institute for International Economics, Andy Haldane della Banca d’Inghilterra, Henry Kaufman ed altri elitisti del Nuovo Ordine Mondiale, tracciando nuove vie per il controllo globale finanziario e dei profitti.

Le tematiche discusse hanno incluso:

— L’ordine economico e politico emergente: cosa ci aspetta?

— Bretton Woods: cosa possiamo imparare dal passato per progettare il futuro?

— Tornare in pista: gestione macroeconomica dopo una crisi finanziaria.

— Sovranità e disegno istituzionale in età globale: il mercato globale e gli Stati nazionali.

— la sovranità e l’efficace supervisione internazionale possono essere riconciliati: la sfida dei grandi istituti finanziari complessi.

— Esplorare la complessità nella teoria economica.

— L’economia politica di regolazione strutturale: comprendere gli ostacoli alla cooperazione.

— Il mercato o lo stato: possono le forze di mercato offrire innovazione, istruzione ed infrastrutture?

— Economia sostenibile.

— Aree di valuta ottimale e governance: la sfida dell’Europe.

— L’architettura dell’Asia: struttura finanziaria e sistema economico emergente; e

— Raccogliere la sfida: equità, regolazione ed equilibrio nell’economia mondiale.

Un Commento Finale

Il globalista Soros crede che l’ “America dovrebbe essere sostituita da un governo mondiale con una valuta globale regolata dalle Nazioni Unite.”

In alter parole, vuole la sovranità nazionale sostituita dal controllo centralizzato del denaro, della popolazione, delle risorse e del mercato – una società non democratica basata sul rapporto padrone – servo della gleba in cui è impossibile viverci a meno di essere governanti ed approfittatori.

Il 25 gennaio 2010, lo scrittore del New York Times, Andrew Sorkin sottolineò, “Ancora in richiesta: Uno Sceriffo della Finanza”, citando Soros che aveva detto:

“Abbiamo bisogno di uno sceriffo globale” davanti al Forum Economico Mondiale di Davos, Svizzera, nel 2008. Forse ha in mente se stesso.

Stephen Lendman
Fonte: http://www.uruknet.org
Link: http://www.uruknet.org.uk/?p=m76806&hd=&size=1&l=e
13.04.2011

Traduzione per http://www.comedonchisciotte.org cura di FEY

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...