Antimafia Duemila – Vogliono boicottare il referendum: rompiamo il silenzio

Fonte: Antimafia Duemila – Vogliono boicottare il referendum: rompiamo il silenzio.

di Giuseppe Giulietti – 22 aprile 2011
Ed ora ci riproveranno con i referendum sull’acqua, come per altro ha già annunciato il ministro Romani.

Così, dopo aver imbrogliato le carte sul nucleare, cercheranno di fare lo stesso con gli altri quesiti, in modo da svuotare la consultazione e da impedire che il referendum sul legittimo impedimento, quello che turba i sonni del capo, sia affossato per mancanza di quorum.
Siamo in presenza di una colossale truffa che dovrebbe trovare la risposta unitaria anche di chi non ha firmato i referendum, persino di chi non li condivide in parte o in tutto.
Lo strappo democratico che si è già consumato non può essere archiviato, magari per non scontentare gli interessi di chi già si lecca i baffi ed il conto in banca al pensiero dei soldi che potrà ricavare dalle privatizzazioni degli acquedotti.
Quello che sta accadendo è un dichiarato imbroglio per far passare il tempo, per allentare la tensione, per impedire che ai cittadini sia fornita una adeguata informazione sui referendum.
Non bisogna cadere nela trappola, bisogna comportarsi come se le votazioni fossero domattina.
Per queste ragioni l’associazione Articolo 21, insieme a tanti altri comitati e movimenti che hanno dato vita alla grande manifestazioe per la costituzione del 12 marzo scorso, ha deciso di promuovere sulle piazze virtuali e sulle piazze reali Il “referendum week”, una settimana di campagna informativa per spiegare ai cittadini che i referendum ci saranno, che quello in atto è solo un imbroglio, che le supreme magistrature non potranno che respingere un simile trucco, anzi proprio a loro chiediamo di tutelare la legalità costituzionale e di impedire che l’interesse privaro possa continuare a soffocare l’interesse generale.
A tutto il mondo della comunicazione, dell’informazione, della cultura chiediamo di aderire a questa campagna, di trovare il modo di rompere la consegna del silenzio, di usare loro stessi e i propri spettacoli o le proprie trasmissioni per invitare gli italiani a rifiutare il broglio perchè potrebbe essere la premessa di brogli ancora più gravi ed ancora più insidiosi per la vita pubblica.
Il 25 aprile ed il primo maggio sono due date simboliche per l’Italia civile, usiamole anche per respingere l’assalto di chi, dopo aver regalato la prescrizione al capo, vorrebbe ” proscrivere” il diritto degli italiani a pronunciarsi liberamente sui quesiti referendri.

NdR: a partire da oggi è stata avvita sul sito una raccolta firme all’appello “Cara Cassazione facci votare ai Referendum” tra i primi firmatari Giuseppe Giulietti portavoce di Articolo 21, Federico Orlando Presidente Articolo21, Vincenzo Vita Senatore PD, Ottavia Piccolo attrice teatrale, Roberto Morrione direttore Liberainformazione

Care Autorità di Garanzia fateci votare ai referendumFIRMA L’APPELLO

Tratto da: articolo21.org

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...