Pisanu scagiona Genchi

Fonte: Pisanu scagiona Genchi.

Non sono le mie utenze telefoniche”. Bastano queste poche parole, pronunciate pochi giorni fa dal presidente della commissione Antimafia Giuseppe Pisanu, a demolire le basi del “più grande scandalo della storia della Repubblica”. Fu con queste parole che, nel 2009, Silvio Berlusconi definì Gioacchino Genchi. Parliamo del consulente informatico che lavorò con Giovanni Falcone, che s’è occupato delle stragi di Capaci e via D’Amelio e che oggi sarà in tribunale, a Roma, per la sua prima udienza da imputato: l’accusa è di concorso in abuso d’ufficio, con l’ex pm Luigi De Magistris, per aver acquisito illegalmente, nell’inchiesta Why Not, i tabulati di otto parlamentari. “Il più grande scandalo della storia della Repubblica”, a partire da oggi, rischia però di ribaltarsi. C’è una sorpresa firmata dal presidente della commissione Antimafia, Giuseppe Pisanu, che in un verbale d’interrogatorio scagiona totalmente Genchi. E rovescia l’impianto accusatorio firmato da un’informativa del Ros dei carabinieri.

TRA LE UTENZE telefoniche indebitamente “trattate” da Genchi – sostiene il Ros – c’è anche quella di Pisanu. Interrogato dagli avvocati di Genchi, nel corso delle indagini difensive, Pisanu smentisce categoricamente: nessuna delle utenze appartiene a lui. A questo punto, lo “scandalo” è l’approssimazione delle indagini che hanno portato Genchi in un ciclone di accuse infondate. Quando gli avvocati Ivano Iai e Fabio Repici elencano i cinque numeri di telefono – quelli che Genchi avrebbe illegittimamente acquisito e processato – Pisanu non ha dubbi: “Riconosco esclusivamente quella contraddistinta dal n° 335 (…), in uso esclusivo a mia moglie Anna Maria. Delle altre (…) è certo che non si tratta di utenze in uso a me, né come utenze personali, né come utenze di servizio”. Quattro righe che smontano un castello d’accuse inviate, il 16 giugno 2009, all’ex procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro, e ai pm Nello Rossi, Andrea de Gasperis e Maria Cristina Palaia. Secondo il Ros, non solo Genchi avrebbe acquisito i dati di Pisanu, ma avrebbe nascosto il suo intento al pm: “Tutti i riferimenti a “Giuseppe Pisanu”e al “ministero dell’Interno” vengono accuratamente omessi da Genchi nella relazione al pm”.

Il Ros precisa che per un’utenza, che Genchi indica appartenere a Stefania Ilari, nella rubrica sequestrata ad Antonio Saladino, l’unica indicazione era riferita, invece, proprio a Pisanu. È quella della moglie di Pisanu, Anna Maria, che non è soggetta alle guarentigie e anche per il Ros non sarebbe stato difficile accertarlo. Il Ros si limita invece a rilevare che, già dall’agenda di Saladino, i numeri dei telefoni risultavano riconducibili a Pisanu. Anche quella che Genchi ritiene intestata a Stefania Ilari che, nella rubrica di Saladino, viene nominata in questo modo “Pisanu Am*”. Né la “A” né la “M” corrispondono alle iniziali di Pisanu. E infatti si tratta di sua moglie. Ma stranamente il Ros – che ha scandagliato le utenze dello staff e della famiglia di Pisanu – questo “dettaglio” non riesce a scoprirlo. Anzi scrive: “Genchi utilizzava solo le risultanze dell’utenza di Stefania Ilari”, evitando di associarla al senatore Giuseppe Pisanu, intestatario di tale utenza sin dal 2001. Stefania Ilari era stata intestataria del numero telefonico tra il 1998 e il 2000, annota sempre il Ros, mentre dal 2001 viene intestata a Pisanu. E quindi: “Appare evidente che l’indicazione di tale nominativo – Stefani Ilari –, ormai privo di significato, ha avuto come unico effetto quello di evitare il diretto riferimento del tabulato al senatore della Repubblica Giuseppe Pisanu, nella richiesta che andava autorizzata al Parlamento”.

LA STORIA – alla luce delle dichiarazioni del diretto interessato – Giuseppe Pisanu – va completamente riscritta. A cominciare dal motivo che porta Genchi e de Magistris a incontrare, nell’ambito di Why Not, l’ex ministro dell’Interno. I motivi sono due. Il primo: un sms tra il principale indagato in Why Not, Antonio Saladino (poi condannato a due anni di reclusione per abuso d’ufficio) con il prefetto (…) Corrias: “Adecco-Eda partecipano a una gara per il voto eletronico vor entrare in Ati con Why Not“. Vincenzo Corrias lo rintraccia in breve tempo: “Ti chiamo io fra poco, Tonì “. A giudicare dallo sms, Saladino chiede a Corrias di entrare nell’affare che riguarda il progetto di voto elettronico. L’affare non andò in porto. Ma Genchi e De Magistris indagano sull’interesse di Saladino che, di lì a poco, chiama una signora per portarle un “pensierino natalizio”. C’è un fatto strano: il regalo di Natale vuole consegnarlo a febbraio inoltrato. E la signora usa il telefono che, lo stesso Saladino, ha nominato così: “Pisanu A M * “. È la moglie di Pisanu che, peraltro, farà di tutto – come dimostra Genchi – per non incontrare Saladino e per non ricevere il “regalo”, trattandolo con ostentata freddezza.

Interrogato dai pm è lo stesso Genchi a spiegare: “Sono stato io a impartire ai miei collaboratori gli approfondimenti sulle utenze dei familiari, dei collaboratori e dei figli del senatore Pisanu, proprio per le risultanze che erano emerse dall’indagine Poseidone a proposito dell’affidamento del voto elettronico e a un probabile tentativo di estorsione, posto in essere con una campagna di stampa mistificatoria, anche in danno del senatore Pisanu, sui rischi per la democrazia del voto elettronico (…), del tutto assurdi ed infondati, frutto di autentiche mistificazioni”. Nessuna omissione ai pm. Semplicemente: Genchi non chiede l’acquisizione dei tabulati di Pisanu.

Il motivo: non c’è interesse investigativo.

Al limite, l’ex ministro, era vittima d’una campagna di stampa mistificatoria che, sottolinea Genchi, non riguardava l’inchiesta di Enrico Deaglio, pubblicata in perfetta buona fede da Diario, ma l’intento delle fonti che l’avevano sollecitata. Infine, conclude Genchi, “nei confronti di Pisanu avevo e ho una profonda stima e ammirazione per il coraggio con il quale mi ha difeso in Parlamento nel 2004 quando, nel frangente delle indagini sul presidente della regione Sicilia Totò Cuffaro e sulle talpe nel ROS ed alla DDA di palermo sono stato oggetto di un durissimo attacco da parte degl amici di Cuffaro”.

Fu altro – come spiega a Edoardo Montolli, nel libro intervista “Il caso Genchi” – a smuovere l’interesse investigativo. E cioè: “Il fatto che il numero di cellulare che usava suo figlio Gianmario (…) e che era riportato alla voce Gianmario Pisanu su ben quattro agende di Saladino, era intestato fin dal 2001 proprio alla Accenture spa”. Cos’è la Accenture spa? “L’azienda che realizzò, insieme a Eds e Telecom, l’appalto del voto elettronico. La stessa azienda nei confronti della quale erano state dirette le attenzioni di chi aveva innescato la campagna di delegittimazione che coinvolgeva finanche il ministro”.

GENCHI oggi dichiara: “Ho sempre avuto fiducia nella giustizia e nelle istituzioni dello Stato. Oggi la mia fiducia viene ripagata da un uomo dello Stato che ha anteposto la verità alle logiche della politica, al contrario di come hanno fatto altri politici che ancora vorrebbero far credere di rappresentare l’alternativa a Silvio Berlusconi”.

“Una vicenda d’enorme rilievo per le istituzioni democratiche”, commentò Francesco Rutelli, all’epoca presidente del Copasir (Comitato parlamentare per la sicurezza), che definì l’attività di Genchi “un vero e proprio pedinamento elettronico sistematico”.

di Antonio Massari, da Il Fatto Quotidiano di giovedì 28 aprile 2011, pag. 1

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...