Attentato dell’11 settembre: agenti del Mossad ammettono missione | STAMPA LIBERA

Fonte: a href=”http://www.stampalibera.com/?p=30441″>Attentato dell’11 settembre: agenti del Mossad ammettono missione | STAMPA LIBERA.

di Christopher Bollyn
28 giugno 2002 Fonte:http://www.erichufschmid.net/TFC/Bollyn-dancing-Israelis-I.html

Come avrete letto l’articolo è del 2002. Sono passati quasi 10 anni e ancora la verità è derisa e snobbata.

Ripubblico l’articolo per rendere consapevoli i lettori di quanto possente sia la macchina mediatica che tutto controlla e tutto dispone, e di che livello sono i silenti rappresentanti del popolo da noi eletti.  Come avrete capito nulla si evolve autonomamente per il meglio. Solo muovendoci e diffondendo, noi tutti, la conoscenza del dramma  costituito dal  golpe militare mondiale, potremo cambiare lo stato delle cose. Alla fine dell’articolo troverete una terribile coincidenza. ndr

 [l’originale è qui ]

Agenti israeliani arrestati in relazione all’attentato dell’11 settembre ammettono:
Il nostro scopo era documentare l’evento

Aggiornamento: Tre dei cinque “israeliani esultanti” [nel testo, dancing Israelis] sono apparsi in un programma televisivo israeliano per spiegare che erano stati mandati per documentare l’evento. Ecco uno spezzone di quella trasmissione:

ForBollynsSpeech11Nov2006_DancingIsraelis.wmv  2,4 MBTrascrizione dello spezzone tratto dal filmato di Marc Levin intitolato Protocols of Zion [letteralmente, I protocolli di Sion]; sono presenti tre dei cinque “israeliani esultanti”:

Israeliani esultanti:

“E a quel punto ci hanno sottoposto a un altro giro di interrogatori, questa volta perché accusati di appartenere al Mossad. Il punto è che proveniamo da una nazione che soffre quotidianamente a causa del terrorismo. Il nostro scopo era documentare l’evento.”

Narratore:

I cinque israeliani sono stati detenuti per dieci settimane e infine rilasciati per violazione delle leggi sull’immigrazione dopo essere stati prosciolti dall’FBI dall’accusa di coinvolgimento nell’attacco dell’11 settembre. Certamente restano in sospeso ancora molte domande importanti ma c’è anche un pericolo concreto che si salti alla conclusione sbagliata su chi siano i colpevoli.

Vedere il riassunto dei motivi per cui riteniamo l’attacco dell’11 settembre un’operazione sionista:
Zion-Summary-I.html 
La cosa è discussa anche nel file sonoro presente nella seguente pagina:
DarylBradfordSmith_Bollyn-Hufschmid-11Sep2006-I.html I sionisti giustificano la loro prescienza dell’attacco affermando di aver seguito i terroristi arabi e di averne scoperto i piani diabolici.

I sionisti dichiarano inoltre di aver avvertito alcuni funzionari del governo [statunitense] dell’attacco imminente, senza prendersi la briga però di informare i loro amici nelle agenzie di stampa.

Agli agenti israeliani esultanti sorpresi a fotografare gli attacchi al World Trade Center (nel seguito, WTC) fu concesso di rimpatriare in Israele dove, a un programma radiofonico, hanno divulgato lo scopo della loro missione: “Il nostro scopo era documentare l’evento.”

La notizia sensazionale dei 5 israeliani sospetti che sono stati visti festeggiare mentre filmavano l’attacco al World Trade Center è stata riportata [in USA] a livello nazionale inizialmente dall’American Free Press subito dopo l’11 settembre. ABC News di recente ha riportato tale notizia e ha aggiunto un commento che merita attenzione.

The Forward, un rispettato giornale giudaico di New York, ha riportato che almeno due di quegli uomini erano agenti dei servizi segreti israeliani (il Mossad). Gli agenti israeliani sono stati visti per la prima volta filmare l’attacco al WTC inginocchiati sul tetto di un furgone bianco stazionato nell’area parcheggio di un condominio al di là del fiume [Hudson], dal quartiere Lower Manhattan.

“Sembrava che stessero riprendendo le scene di un film,” disse una signora della zona che li aveva notati e che prosegue: “Stavano riprendendosi in video e in fotografie con lo sfondo del World Trade Center in fiamme.” Cosa mi colpì furono le espressioni dei loro volti; aggiunge: “Erano come contenti, sapete… Non mi sembravano sconvolti. Ho pensato che fosse molto strano.”

La signora ritenne tale comportamento sospetto a tal punto da prendere la targa del furgone e chiamare la polizia. Presto l’FBI raggiunse il posto; viene emanato un dispaccio in tutto lo stato del New Jersey che segnala tale furgone.

Il furgone apparteneva una ditta [di traslochi, ndt] di facciata del Mossad chiamata Urban Moving Systems. Circa alle 4 di pomeriggio dell’11 di settembre, quel furgone viene fermato e cinque israeliani, Sivan e Paul Kurzberg, Yaron Shmuel, Oded Ellner, e Omer Marmari, tutti di età compresa tra i 22 e i 27 anni, sono arrestati mentre sono tenuti sotto tiro. Uno di loro ha 4,700 dollari in contanti nascosti in un calzino, mentre un altro aveva due passaporti stranieri. Nel furgone vengono ritrovati alcuni tagliacarte.

“NON SIAMO IL VOSTRO PROBLEMA”

Secondo il rapporto della polizia, uno degli uomini disse che erano stati nella West Side Highway in Manhattan “durante l’incidente” — riferendosi all’attacco al World Trade Center. Sivan Kurzberg, l’autista, disse: “Siamo israeliani. Non siamo il vostro problema. I vostri problemi sono i nostri problemi. I palestinesi sono il problema.”

Il caso fu assegnato alla sezione dell’FBI per il controspionaggio straniero poiché l’FBI riteneva che la Urban Moving Systems fosse “un’azienda di facciata per un’operazione dei servizi segreti israeliani,” come riporta l’ABC News.

Mentre l’FBI perquisiva gli offici di quella ditta a Weehawken, nello stato del New Jersey, prelevando casse piene di documenti e una dozzina di dischi rigidi dai computer, al titolare dell’azienda, Dominic Suter, fu permesso di fuggire all’estero. Quando gli agenti dell’FBI hanno provato a interrogare Suter per la seconda volta, scoprirono che si era svignato dalla sua casa in New Jersey ed era fuggito in Israele.

Quando i giornalisti dell’ABC News hanno visitato la Urban Moving Systems, “sembrava che fosse stata chiusa in gran fretta. C’erano telefoni cellulari sparsi alla rinfusa; i telefoni degli uffici erano ancora allacciati e nel magazzino giacevano i beni di dozzine di clienti.”

Gli israeliani sono stati trattenuti al Metropolitan Detention Center [letteralmente, Centro metropolitano di detenzione] a Brooklyn per essere in possesso di visti turistici scaduti e per aver lavorato illegalmente negli Stati Uniti. Due settimane dopo il loro arresto, un giudice con giurisdizione su questioni d’immigrazione ha ordinato che venissero rimpatriati; l’ABC News riporta che agenti dell’FBI e della CIA a Washington bloccarono quel provvedimento.

I cinque vennero imprigionati per più di due mesi. Alcuni di loro furono messi in isolamento per 40 giorni e sottoposti fino a 7 volte alla macchina della verità. Uno di loro, Paul Kurzberg, rifiutò di sottoporsi alla macchina della verità per 10 settimane; alla fine ha accettato ma la macchina ha rivelato che mentiva, stando a quanto dichiarato dal suo avvocato.


Il nostro scopo era documentare l’evento

Un patto fu stipulato tra agenti governativi israeliani e statunitensi dopo 71 giorni; i cinque israeliani furono quindi messi su un aereo e deportati in Israele.

Gli israeliani precedentemente detenuti, una volta tornati in patria, hanno discussero a un talk show di una televisione israeliana la loro disavventura negli Stati Uniti. Uno di loro disse: “Il punto è che veniamo da uno stato che quotidianamente soffre atti di terrorismo. Il nostro scopo era documentare l’evento.”


Per ulteriori informazioni:
Bollyn-Israel-harbors-911-suspects-I.html Hufschmid ritiene che Abraham Zapruder [un giudeo, ndt] stava filmando l’assassinio di Kennedy appositamente per documentare quell’evento per Israele. I capitoli del libro di Hufschmid che discutono il rapporto Warren [nel testo, Warren Report] sull’assassinio di John F. Kennedy (JFK) e qualche osservazione su Zapruder sono disponibili in rete gratuitamente all’indirizzo:
PainfulQuestionsTOC-I.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...