Archivi categoria: berlusconi

Antimafia Duemila – Quell’acre sapore di P2

Fonte: Antimafia Duemila – Quell’acre sapore di P2.

di Maurizio Chierici – 15 giugno 2010
I giornalisti possono resistere al bavaglio, ma non da soli. Se gli editori brontolano contro la legge che taglia l’informazione ma alla fine si adeguano per non compromettere i rapporti che ogni imprenditore coltiva con i governi di turno, i fratelli del venerabile Gelli brinderanno al silenzio della grande loggia.

Da 30 anni aspettano di spegnere la luce; ce l’hanno quasi fatta. Siamo chiamati subito a disobbedire, ognuno con la disobbedienza che gli compete. Perché le notizie continueranno a filtrare attraverso i buchi di una burocrazia oscura e perché le intercettazioni sono affidate a compagnie telefoniche private, contratti d’oro che se il governo vuol risparmiare ridimensiona in un minuto ma non credo lo farà: sbandiera spese pesanti per imbrogliare chi non sa. E l’Italia degli intrighi spargerà veleni immaginari obbligando chi fa la cronaca a verifiche e scavi per testimoniare cosa sta davvero succedendo. Comincia una sfida culturale di massa. Ritorna il giornalismo d’inchiesta finora salvato da ricercatori superstiti ai quali dobbiamo la conoscenza degli imbrogli che avvolgono la democrazia. Dal momento dell’ultimo “sì” blindato in Parlamento, si apre la rivoluzione professionale dell’onestà: rispettare le regole del mestiere senza guardare in faccia i disonesti, non importa chi sono e cosa fanno. Dirlo è facile, farlo presenta qualche difficoltà. Gli editori, soprattutto. Impuri vuol dire che per irrobustire gli affari hanno messo i piedi nell’editoria e nelle Tv. Aprono finestre compiacenti ai politici dal pensiero debole e ambizione dell’apparire smisurata; cancellano i politici (non troppi) che insistono nella lealtà. Giornali e televisioni vivono di pubblicità. Berlusconi ripete l’invito a non comprare spazi nei media che raccontano le malefatte del suo governo. Altrimenti se ne ricorderà. Ecco il problema: gli editori-imprenditori accetteranno di difendere la normalità della convivenza civile, o inseguiranno la convenienza del puntellare bilanci che al momento traballano? Montezemolo invita a resistere, la Marcegaglia scende dal ring suggerendo ai cavalieri del lavoro di far finta di niente. Sono i cavalieri degli appalti, degli scudi fiscali, delle commesse di Stato; cavalieri alla ricerca di leggine che intiepidiscano la crisi sacrificando operai dalle mani vuote. Appena torna la ripresa anche per i giovani in fuga all’estero forse si vedrà. Ma chi fa l’imprenditore deve guardare al futuro con la concretezza di un protagonista non di giornata. La programmazione delle fortune richiede questo talento ed è incomprensibile affidare il destino delle aziende ai salta-fossi di governi che nascondono la realtà. Seppellisci, seppellisci: alla fine finiranno sotto terra. I fallimenti che si moltiplicano dipendono in parte dalla pigrizia del non voler capire cosa sta succedendo. L’informazione della provincia italiana è nelle mani di imprenditori che sincronizzano l’informazione agli affari delle città. Anche i grandi giornali figurano nella contabilità di imprese e banche che dialogano con la politica se non addirittura la rappresentano. Ecco l’ostacolo per chi vuole resistere. Da soli è complicato (eppure Il Fatto dimostra che la speranza è possibile) se i padroni decidono di navigare provvisoriamente con le vele di Palazzo Chigi. Parliamo sempre di giornalisti normali, non dei blackwaters berlusconiani. La sincronia tra “il Giornale” di Feltri e “Libero” Belpietro fa capire quanti Boffo verranno scardinati dalla direzione dei loro fogli nel gioco delle informazioni immaginarie. Un suicidio insistere nel raccontare che il re è nudo. Finti scandali in agguato per tutti, la privacy è il lusso di chi se lo può permettere. Gli altri non ne hanno diritto. Comincia un’Italia così: chissà se gli imprenditori-editori si accontentano dell’effimero pronto incasso o pensano ai figli che ne prenderanno il posto. L’ultima raffica della Loggia P2 la spara Cicchitto, voce agitata contro il Montezemolo che non sopporta la follia. Per noi e per loro la scommessa è questa.

Tratto da: Il Fatto Quotidiano

Una gabbia di matti

Fonte: Una gabbia di matti.

In poche ore è avvenuta una sequenza di eventi che confermano quanto l’Italia sia ormai in preda a una totale follia, frutto di un’irreversibile condizione di sfascio etico-morale.

1) Dopo la sentenza di condanna a un anno e 4 mesi per istigazione alla falsa testimonianza nel processo per il massacro nella scuola Diaz durante il G8 di Genova, l’ex capo della polizia Gianni De Gennaro ha presentato le proprie dimissioni dal suo attuale incarico al vertice dei Servizi di Informazione e Sicurezza ma prontamente il Consiglio dei ministri gli “ha collegialmente confermato all’unanimità piena e completa fiducia”. Dimissioni respinte.

Quantomeno De Gennaro il gesto l’ha fatto, ma in qualsiasi altro Paese cosiddetto civile e democratico le dimissioni sarebbero state accettate al volo. Anzi, pretese dal governo.

2) Oggi è nominato ministro per l’Attuazione del Federalismo Aldo Brancher – ex dirigente di Fininvest e Publitalia, coinvolto nel 1993 in Tangentopoli e accusato di appropriazione indebita in relazione a soldi incassati da Giampiero Fiorani, nell’ambito di uno stralcio dell’indagine sulla scalata della Banca Popolare di Lodi alla Banca Antonveneta di cui riprende il processo il 26 giugno.

Quindi il governo crea un ministero nuovo di zecca giusto una settimana prima del processo e ora Brancher potrà a pieno titolo evitare di comparire all’udienza avvalendosi della norma privilegio sul legittimo impedimento.

Spettacolare…. e poi non bastavano già tre ministri – Calderoli, Bossi e Fitto – ad occuparsi di federalismo…

3) L’avvocato di Berlusconi e deputato Pdl, Niccolò Ghedini, reagisce così alla convocazione dei pm che vogliono ascoltarlo in merito alla vicenda Unipol-Consorte: “Il ministro della Giustizia mandi gli ispettori in procura a Milano”, e chiede che si valutino provvedimenti disciplinari nei confronti del sostituto procuratore Massimo Meroni.

La vicenda è quella della famosa intercettazione nella quale l’ex segretario dei Ds Piero Fassino, al telefono con l’allora numero uno di Unipol Giovanni Consorte, pronuncia la frase “Abbiamo una banca”.
Una conversazione mai trascritta né finita negli atti di un’inchiesta, quindi teoricamente sconosciuta, e che invece venne pubblicata in prima pagina su “Il Giornale”. E per questo viene indagato il fratello del presidente del consiglio, Paolo Berlusconi, editore del quotidiano.

Su quei fatti la procura di Milano aveva convocato Ghedini per poterlo ascoltare in qualità di persona informata dei fatti. Ghedini però non si presenta e il pm Meroni chiede alla Giunta della Camera di poter disporre l’accompagnamento coatto nei suoi confronti. E oggi Ghedini reagisce con la frase di cui sopra.

Massì, chissenefrega… Forza Italia!! Ora si può di nuovo dirlo…

EnricoSabatino

Smascherati i senatori salva orchi | Il blog di Daniele Martinelli

Fonte: Smascherati i senatori salva orchi | Il blog di Daniele Martinelli.

Il ddl sulle intercettazioni conteneva un emendamento, il numero 1.707, che se fosse passato in sordina avrebbe introdotto la perversa teoria della “violenza sessuale di lieve entità” nei confronti di minori.
Firmatari, come sappiamo, alcuni senatori di Pdl e Lega che proponevano l’abolizione dell’obbligo di arresto in flagranza nei casi di violenza sessuale nei confronti di minori, se – appunto – di “minore entità”. Senza specificare quali fossero i limiti di suddetta entità.
Dopo la denuncia del Partito Democratico, come al solito nel popolo delle laidità hanno fatto gli scemi per non andare alla guerra. “Non lo sapevo” “non avevo capito” “ci avete frainteso“.
Ma quel che conta è conoscere chi sono stati i senatori firmatari dell’emendamento “pro pedofili minorati in entità”. Eccoli:

Maurizio Gasparri (Pdl), Federico Bricolo (Lega Nord), Gaetano Quagliariello (Pdl), Roberto Centaro (Pdl), Filippo Berselli (Pdl), Sandro Mazzatorta (Lega Nord Padania) Sergio Divina (Lega Nord).
Bricolo è lo stesso che proponeva il carcere per chi rimuove un crocifisso da un edificio pubblico (evidentemente non per chi mette le mani addosso ai bimbi);
Berselli disse di “essere stato iniziato al sesso da una prostituta”.
Mazzatorta si batte contro “i matrimoni misti”.
Divina ha definito i trentini “cani ringhiosi che capiscono solo la logica del bastone“.
Per Gasparri ci vorrebbe un intero blog ad elencare le sconcezze uscite dalla sua bocca. A cominciare dall’aver definito il Csm una cloaca.
Consola che dal letamaio di leggi schifose almeno quell’emendamento pro-pedofili è stato ritirato. La guardia deve rimanere alta per la censura legalizzata che passerà alla Camera il 9 luglio. A proposito: ci sarò anch’io quel giorno al sit in di protesta a Roma.
QUI il gruppo su Facebook che chiede le dimissioni di quei senatori

Il Popolo Viola per la libertà e il diritto all’informazione

Fonte: Il Popolo Viola per la libertà e il diritto all’informazione.

Il Popolo Viola, dopo essersi consultato con i rappresentanti dei gruppi locali, alla luce anche, del nuovo calendario di discussione della legge alla Camera, prendendo atto della richiesta pervenuta al Popolo Viola dal comitato per “la libertà e il diritto all’informazione” aderisce alla manifestazione indetta per il giorno 1.7.2010 a Roma. I gruppi locali -sia italiani che esteri- hanno dato la propria disponibilità, nonostante le evidenti difficoltà che un giorno infrasettimanale pone ed il ridottissimo tempo a disposizione, ad adoperarsi alla riuscita dell’evento.

Il Popolo Viola sta già riarticolando il proprio calendario, al fine di rendere quanto più incisiva la protesta contro una legge in contrasto con i principi di legalità e libertà, che il Popolo Viola difende da sempre. Per questo il Popolo Viola desidera, in questo momento, essere anche al fianco dei magistrati, il cui lavoro sarà duramente pregiudicato se questa scellerata legge dovesse trovare approvazione, e perciò sarà presente a Palermo con Salvatore Borsellino e le sue Agende Rosse il 17-18-19 luglio.

Il Popolo Viola una volta determinato il calendario dei propri interventi di opposizione all’approvazione della legge, che sarà il risultato di valutazioni tra i vari gruppi locali che lo compongono, lo proporrà a tutte le altre forze e ai soggetti maggiormente colpiti da questa legge, magistrati, giornalisti e bloggers.

Il Popolo Viola – Comunicato stampa del 18.06.2010

Info:

Silvia Bartolini

347 6996044

Antimafia Duemila – Scontro interno su Spatuzza. Ma il Viminale non applica la legge

Fonte: Antimafia Duemila – Scontro interno su Spatuzza. Ma il Viminale non applica la legge.

di Monica Centofante – 17 giugno 2010
Uno scontro durissimo, poi la decisione di Alfredo Mantovano, appoggiato dai rappresentanti delle forze di Polizia di cui è composta la Commissione del Viminale, di rigettare l’ammissione al programma definitivo di collaborazione di Gaspare Spatuzza.
Il pentito che al processo contro Marcello Dell’Utri ha osato pronunciare il nome del senatore del Pdl e quello del premier Silvio Berlusconi.
Lo scorso 15 giugno degli otto componenti della Commissione, sette erano presenti al voto. Tra questi i due magistrati Maurizio De Lucia e Gianfranco Donadio, che si sono battuti per ore perché l’ex boss di Brancaccio, già fedelissimo dei potenti fratelli Graviano, potesse ottenere lo status di collaboratore e la protezione necessaria a chi si espone in prima persona contro l’organizzazione criminale mafiosa. Una lotta vana, perduta in partenza di fronte alla “ragion politica”. Perché a leggere le motivazioni della Commissione del Ministero del’Interno altro non traspare.

Ben tre procure della Repubblica avevano chiesto per Spatuzza l’ammissione al programma di protezione dopo aver riscontrato punto per punto le rivelazioni del pentito e parere positivo era arrivato anche dalla Direzione Nazionale Antimafia. Ma per la prima volta nella storia questo non è stato sufficiente.
Nel testo firmato dal sottosegretario del Pdl Alfredo Mantovano si ripercorrono tutte le dichiarazioni “controverse”, a parere del politico, che dimostrerebbero la tardività delle rivelazioni del pentito sulla presunta trattativa in corso, negli anni caldi delle stragi, tra Giuseppe Graviano,  Marcello Dell’Utri e Silvio Berlusconi. Nello specifico ci si riferisce al noto colloquio tra lo stesso Spatuzza e il boss Giuseppe Graviano all’interno del bar Doney di Via Veneto, a Roma, nel gennaio del 1994. Quando Graviano, euforico, al suo braccio destro avrebbe detto: grazie a Berlusconi “e c’era di mezzo un nostro compaesano, Dell’Utri” (“una persona vicinissima a noi”, “qualcosa di più di Berlusconi”) “ci siamo messi il Paese nelle mani”.
Informazioni, recita il documento del Viminale, rese dopo i 180 giorni previsti dalla legge “per riferire fatti gravi o comunque indimenticabili”.

Ma la verità risiede altrove. E non soltanto perché il pentito aveva approfondito fatti già inseriti in un elenco consegnato alle procure entro i 6 mesi, come previsto dalla legge;
e non soltanto perché una sola dichiarazione ipoteticamente tardiva non può in ogni caso compromettere un’intera collaborazione;
ma per una questione squisitamente giuridica. Le dichiarazioni cosiddette de relato (cioè apprese da terza persona), come previsto dall’art. 195 del codice di procedura penale, non sono sottoposte alla legge dei 180 giorni. Un particolare, sottolinea l’avvocato sen. Luigi Li Gotti, legale di molti collaboratori di giustizia, che “consente di affermare la debolezza giuridica della motivazione e un evidente errore frutto di chiara sciatteria”. “Le dichiarazioni che devono essere rese entro 180 giorni – rimarca, ripetendo quanto già dichiarato ieri dall’avvocato Valeria Maffei – per espressa previsione della legge, sono quelle rientranti nell’art. 194 della procedura penale, ossia le dichiarazioni concernenti atti vissuti o conosciuti direttamente”. “Distinzione abbondantemente spiegata dalla Corte di Cassazione”.

Il provvedimento quindi contiene un gravissimo errore giuridico ed emargina la collaborazione di Gaspare Spatuzza, continua Li Gotti, lanciando oggettivamente “un messaggio devastante a possibili future collaborazioni”.
Tutto questo in un Paese normale non sarebbe stato possibile. A meno che non si voglia porre la politica al di sopra della legge.


ARTICOLI CORRELATI

Spatuzza bocciato dal Viminale. Cavilli giuridici, ma la ragione e’ tutta politica
di Monica Centofante

Antimafia Duemila – Spatuzza: ”La mafia brinda alla vittoria”

Fonte: Antimafia Duemila – Spatuzza: ”La mafia brinda alla vittoria”.

Ha affidato i suoi pensieri ad una lettera pubblicata in anteprima da l’Espresso.

Il pentito Gaspare Spatuzza, l’uomo che con le sue dichiarazioni ha permesso la riapertura di importanti processi come quelli sulla strage di Via D’Amelio e per le bombe del ’93, ha commentato come segue la decisione del Viminale di non ammetterlo allo speciale programma di protezione per i collaboratori di giustizia. Una decisione che ha suscitato sconcerto, soprattuto tra i magistrati di Palermo, Caltanissetta e Firenze, che per lui avevano chiesto l’inserimento nello stesso programma di protezione dopo aver riscontrato punto per punto le sue rivelazioni.

  • Sono Gaspare Spatuzza, da mezzi d’informazione (TV) ho appreso la notizia della mia “non” ammissione al Programma di Protezione. Certamente mi amareggia, ma sono molto fiducioso nelle “ISTITUZIONI” per cui non ho motivo di scoraggiarmi.
  • “Adesso il mio unico pensiero va a Tutti i Miei Cari Familiari, perché se prima avevo una piccolissima possibilità per riconciliarmi con loro, adesso certamente tutto mi sarà molto, molto più difficile”.
  • Un altro pensiero è rivolto a tutta la criminalità-organizzata che certamente sta gioendo e magari brindando a questa vittoria.
  • Un altro pensiero è rivolto a quella “minoranza di gente” che, dal primo momento, non ha fatto altro che denigrare la mia Persona e quel pezzo di “VERITA’ CHE RAPPRESENTO”.
  • Quello che chiedo, ORA, allo STATO: rassicurazioni sull’incolumità della mia VITA. Le SS.LL sanno benissimo che, da due anni, non faccio altro che reclamare maggiore garanzia per salvaguardare la MIA VITA, perché sono consapevole che il mio nemico è molto abile ad infiltrarsi nelle istituzioni: “come nel passato ha GIA’ FATTO“. Voglio dire che se ho dato un pezzo della mia Vita per il male, sono ben disposto a perderla per il BENE.
  • Sono sempre a disposizione, a portare avanti, questa mia MISSIONE per dare quel pezzo di VERITA’ a tutte quelle persone ONESTE e di buona volontà.

    Con la più totale osservanza allo STATO E ALLA LEGGE.

    Località segreta lì 15 giugno 2010

    Gaspare Spatuzza

Cosa nostra, Gelli e lo Stato « Blog di Giuseppe Casarrubea

Tutto da leggere il decreto di archiviazione, dove vengono considerati provati i legami tra mafia e p2, p2 e lega nord, mafia e “nuove forze politiche…”

Fonte: Cosa nostra, Gelli e lo Stato « Blog di Giuseppe Casarrubea.

PROCURA  DELLA  REPUBBLICA

presso il Tribunale di Palermo

– Direzione Distrettuale Antimafia –

IL PUBBLICO MINISTERO

Letti gli atti del procedimento penale n. 2566/98 Reg. N.R. nei confronti di:

1) GELLI Licio, nato a Pistoia il 21.4.1919;

2) MENICACCI Stefano, nato a Foligno (PG) il 4.10.1931;

3) DELLE CHIAIE Stefano, nato a Centurano di Caserta (CE) il 13.9.1936;

4) CATTAFI Rosario, nato a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) il 6.1.1952;

5) BATTAGLIA Filippo, nato a Messina l’8.2.1950;

6) RIINA Salvatore, nato a Corleone il 16.11.1930;

7) GRAVIANO Giuseppe, nato a Palermo il 30.9.1963;

8) GRAVIANO Filippo, nato a Palermo 27.6.1961;

9) SANTAPAOLA Benedetto Sebastiano, nato a Catania il 4.6.1938;

10) ERCOLANO Aldo, nato a Catania il 14.11.1960;

11) GALEA Eugenio, nato a Catania l’8.6.1944;

12) DI STEFANO Giovanni, nato a Petrella Tefernina (Campobasso) l’1.7.1955;

13) ROMEO Paolo, nato a Gallico (RC) il 19.3.1947;

14) MANDALARI Giuseppe, nato a Palermo il 18.8.1933.

I N D A G A T I

Tutti:

a) in ordine al reato di cui all’art. 270 bis, commi 1 e 2, c.p., in particolare, per avere, con condotte causali diverse ma convergenti verso l’identico fine, promosso, costituito, organizzato, diretto e/o partecipato ad un’associazione, promossa e costituita in Palermo anche da esponenti di vertice di Cosa Nostra, ed avente ad oggetto il compimento di atti di violenza con fini di eversione dell’ordine costituzionale, allo scopo – tra l’altro – di determinare, mediante le predette attività, le condizioni per la secessione politica della Sicilia e di altre regioni meridionali dal resto d’Italia, anche al fine di agevolare l’attività dell’associazione mafiosa Cosa Nostra e di altre associazioni di tipo mafioso ad essa collegate sui territori delle regioni meridionali del paese.

DDA: Archiviazione per Gelli, Delle Chiaie, Totò Riina e altri