Archivi tag: afgnistanha

Antimafia Duemila – Il sonno della ragione genera ”terrorismi”

Fonte: Antimafia Duemila – Il sonno della ragione genera ”terrorismi”.

di Antonella Randazzo – 5 maggio 2010
Qualcuno spieghi come fa una banda di produttori di droga e di spietati criminali ad avere a cuore il bene degli afgani. A capo del governo afgano c’è un personaggio legato alla Cia e all’impero americano, e in parlamento sono stati messi i “signori della droga”.

Non sorprende dunque che l’Afghanistan sia ormai da molto tempo un Paese martoriato, distrutto, il cui popolo, ormai fiaccato, sopravvive in una condizione infernale. In questo contesto, disturbano tutti quelli che vorrebbero dare aiuto agli afgani, quelli che rappresentano una flebile speranza che il bene esiste. Ormai da diversi anni molti autorevoli studiosi ci segnalano il pericolo che gli operatori umanitari o i dissidenti possano essere segnalati come “terroristi” allo scopo di screditarli e impedire la loro azione. Questo pericolo è emerso in tutta la sua ripugnanza e pericolosità nel caso dei tre operatori di Emergency, arrestati senza alcuna prova dal regime afgano. Sono andati a prenderli col pretesto che avevano trovato “armi pericolose”. In seguito i tre volontari italiani sono stati liberati, perché “non ci sono prove di colpevolezza”, ma l’obiettivo dei terroristi occidentali della Nato non erano soltanto i tre volontari, ma il controllo dell’operato di Emergency. Lo scopo principale era quello di togliere l’ospedale, che si trova, evidentemente, in una zona in cui sono state fatte parecchie “operazioni sporche”. E forse altre se ne vogliono fare.
Le accuse, come molti hanno capito, erano campate in aria. Chiunque avrebbe potuto mettere le scatole con “materiale esplosivo”, e non si capisce perché arrestare i tre italiani. Di certo un ospedale non ha alcun bisogno di armi, e infatti proprio all’ingresso degli ospedali di Emergency si legge: “No weapons”, ovvero “deporre le armi”.
Il fatto che vi fossero alcune granate e giubbini esposivi non prova che il personale di Emergency possa essere implicato nel “terrorismo”. Secondo Strada, le armi sono state portate dagli stessi militari: “L’accesso all’ospedale era controllato 24 ore su 24 da guardie non armate, personale locale di Emergency, spesso persone disabili, mutilate. La possibilità di entrare con le scatole di armi è quindi legata al fatto che qualcuna delle guardie sia stata corrotta o minacciata. Oppure, l’altra ipotesi è che siano state introdotte direttamente dalle forze di sicurezza afghane. Spero non dai militari inglesi che le hanno accompagnate nel sopralluogo in ospedale… i soldati inglesi sono entrati nel nostro ospedale di Lashkar Gah insieme a quelli afgani. Come si permette il governo inglese di mandare militari armati in un ospedale gestito da una ong italiana? Che sarebbe successo se militari italiani avessero fatto irruzione in un ospedale gestito da una ong inglese? … il governo afghano ha bisogno della presenza di 150.000 militari di altri Paesi: è ragionevole perciò pensare che chi decide non sono alla fine gli afghani, che contano poco in questo momento laggiù”.1

Giustamente, Cecilia Strada, presidente di Emergency, ha detto che l’accusa era talmente grossa “da trasformarsi in farsa”. Le persone “arrestate” erano il responsabile medico Matteo Dell’Aira, che dal 2000 lavora con Emergency, il coordinatore del progetto in Afghanistan Marco Garatti, che fa parte di Emergency dal 1999, e il responsabile logistico dell’ospedale Matteo Pagani. Queste persone hanno nella loro natura il mettersi a servizio dei più deboli, e questo è il loro unico scopo. Accusarle addirittura di voler attentare alla vita del governatore della provincia di Helmand è semplicemente assurdo per chi ha speso anni a salvare vite umane. Le persone che le hanno accusate sono le stesse che da anni permettono a potenze straniere di uccidere e ferire cittadini inermi, anche bambini e donne. Hanno fatto in modo che in Afghanistan non vi fossero più giornalisti “scomodi”, e adesso, essendo rimasto come testimone soltanto il personale dell’ospedale, l’intento è quello di farlo chiudere.
Spiega Strada: “Questo è un attacco all’ospedale, sono allibito. Un atto di guerra preventiva, magari in previsione di una nuova offensiva militare nel territorio, nel quale siamo rimasti gli unici, scomodi, testimoni. La perquisizione è avvenuta in assenza di nostri rappresentati, ma non si può escludere che qualcuno abbia portato all’interno dell’ospedale quel materiale. Quello che è grave è che tre persone che, nello spirito di Emergency, lavorano a salvare migliaia di vite da anni siano coinvolte in tutto questo”.2

Purtroppo per capire questi fatti occorre entrare nella logica orwelliana e rendersi conto che i terroristi sono le truppe straniere che occupano il Paese e le autorità da esse assoldate. Queste persone agiscono da terroriste: hanno impedito il normale funzionamento dell’ospedale, e hanno prelevato arbitrariamente i tre italiani. Inoltre, non hanno permesso ad Emergency di mettersi in contatto con le persone sequestrate. La disinformazione era davvero tanta, e mirava a mettere in cattiva luce Emergency. Il portavoce del ministero dell’Interno a Kabul dichiarò all’ANSA addirittura che “gli italiani hanno confessato la loro partecipazione al complotto per uccidere il governatore Goulab Mangal”.
Qualche giorno dopo, lo stesso portavoce smentì le dichiarazioni. E’ stato volutamente creato un clima surreale, falsato, una montatura degna proprio dei servizi segreti statunitensi, che di inganni e falsità ne sanno parecchio.
Il ministro degli Esteri Franco Frattini, come se non sapesse nulla di quello che veramente accade in Afghanistan, si mostrò preoccupato e strillava che “bisogna” ancora “accertare la verita”.
Frattini cadeva dalle nuvole, come se non facesse parte di un governo che predica di tagliare le spese in tutti i settori, persino alla scuola, per poi spendere milioni e milioni di euro per sostenere una guerra coloniale crudele contro persone inermi che hanno l’unica colpa di voler vivere senza essere oppressi da un potere straniero.
Il ministro degli Esteri avrebbe fatto prima a documentarsi per capire perché questa “operazione” ha riguardato proprio quegli operatori.
Emergency rappresenta la possibilità di vedere il vero volto di questa guerra, e gli operatori sequestrati avevano avuto il coraggio di raccontare cosa accade veramente nelle scorribande belliche a cui partecipano anche i nostri soldati. Ad esempio, uno dei sequestrati, Matteo Dell’Aira ha raccontato: “Ali Mohammed è un bel ragazzino in carne, uno dei pochissimi qui in Afghanistan. E’ ricoverato nel nostro reparto post chirurgico. Un po’ di spavento gli è passato, ma si vede che è ancora molto arrabbiato. Era fuori da casa sua, a Marjah, e stava aiutando il nonno a rientrare a casa visti i feroci suoni della guerra ormai molto vicini. Il proiettile non l’ha nemmeno sentito arrivare, ma ha avvertito una fitta di dolore fortissimo alla spalla sinistra. La pallottola gli ha rotto la scapola ed è uscito dalla schiena, per fortuna senza trapassare il polmone. Il nonno a casa gli ha coperto la ferita con una pezza. E lì è rimasto per quattro dolorosi giorni, prima di riuscire ad arrivare al nostro ospedale. Ali Mohammed ha la bellezza di 13 anni. E ha già rischiato di morire… Fazel Mohammed ha due occhi azzurri che parlano da soli. Il suo piccolo corpo è già pieno di cicatrici, ricordi di gioco e di malattie che da noi sono scomparse ormai da anni. Una delle poche zone del suo corpo ancora intatte erano le ginocchia. Ci ha pensato un proiettile, che lo ha rovesciato a terra mentre giocava in giardino, a lasciargli un bel segno. Ora avrà anche lì due belle cicatrici, quelle del foro di entrata e del foro di uscita di quel maledetto pezzo di metallo arrivato a velocità assurda. E’ arrivato da noi grazie a uno zio dopo tre interi giorni in cui non si è potuto muovere da casa sua, a Marjah. Si è già messo in piedi, vuole andare a casa, è preoccupato per i suoi familiari. Sembra un uomo, ma ha solo 10 anni. Da noi i bambini di dieci anni fanno la quinta elementare. E non rischiano la vita per la guerra… Gulalay ha una bellissima treccia di capelli scuri scuri e due occhi chiarissimi. A Dilaram, altro villaggio dopo il distretto di Grishk, era davanti a casa. Stava curando i pochi animali che permettono alla sua famiglia, come a tante altre famiglie di questo paese, di sopravvivere. Ha sentito i rumori della guerra avvicinarsi. Ha visto il fratellino più piccolo che si stava allontanando troppo. Si è precipitata da lui, lo ha preso in braccio ed è corsa verso casa. Appena entrata, dopo essersi seduta, ha sentito una fitta di dolore e un intenso bruciore al fianco destro. Allora sua mamma l’ha ispezionata e ha visto un buco nei vestiti, del sangue. Girandola ne ha visto un altro di buco, nella schiena, e ancora sangue. Il padre l’ha carica in macchina, quella dello zio, hanno fatto pochi metri ma sono stati fermati. “Non si può passare, ormai è tardi”, gli dicono degli stranieri. Così la riportano in casa,ascoltando i suoi lamenti per tutta la notte. Il giorno dopo, di mattina presto, riescono finalmente a partire. Gulalay è arrivata da noi nel primo pomeriggio, dopo quasi 24 ore dal colpo di proiettile che l’ha ferita. E’ stata operata subito. Ora, nonostante qualche tubicino che viene fuori dalla sua carne, sta bene, ma non ha nessuna voglia di sorridere. Gulalay ha 12 anni. Dodici. Ennesimo ‘effetto collaterale’… Khudainazar è un ragazzino di 11 anni, con la faccia sveglia. Era fuori dalla sua casa, a Nadalì: era andato a riempire le taniche di acqua. Improvvisamente ha sentito un gran bruciore e ha lasciato cadere l’acqua che stava trasportando. E’ arrivato, dopo mille peripezie ed un viaggio estenuante, al nostro ospedale con una ferita da proiettile che è entrato nell’inguine sinistro ed è uscito dal gluteo destro. Proiettile sparato da “stranieri vestiti da guerra”. E sì che non è carnevale, qui. Per sua fortuna nessun organo vitale è stato danneggiato: stentavamo a crederci anche noi. Non appena è arrivato, ha chiesto di Akter, il ragazzino che abbiamo ricevuto l’altro ieri con la testa trapassata da un proiettile. E’ un suo amico, sono vicini di casa, giocano sempre insieme. Auguro loro di poter un giorno raccontarsi a vicenda questa loro tragedia, davanti ad una tazza di tè, mentre fuori i rumori della guerra sono davvero scomparsi… Anche a Nadalì, altro distretto non lontano dall’ospedale di Emergency a Lashkar Gah, stanno combattendo ormai da giorni. Anche lì sta arrivando la pace e la democrazia. Akter Mohammed è arrivato poco fa con il padre Wali Jan, un uomo di almeno 60 anni con una folta barba bianca. Un proiettile, uno solo, gli ha passato la testa da parte a parte, è ancora vivo e lo stanno operando. Il padre urlava e si batteva il petto. Non solo per quello che hanno fatto a suo figlio, ma anche per il modo. Akter era in casa sua, dietro a una finestra su cui picchiava il sole. La sua curiosità l’ha spinto ad avvicinarvisi per vedere cosa stava succedendo fuori: tutti quei rumori di blindati e colpi di fucile. Qualche portatore malato di pace e democrazia ha visto una sagoma e non gli è parso vero di testare la sua mira. Ha sparato e non ha più visto la sagoma alla finestra. Ma non è tutto. Sono entrati poi in casa, urlando e facendo alzare le mani al padre, spingendolo con forza contro il muro. In un angolo, sotto la finestra, hanno visto il risultato del proiettile esploso contro quella sagoma che appariva alla finestra. Un bambino di 9 anni. Nove. E ovviamente, appena l’hanno visto a terra ferito e spaventato, se ne sono andati. Senza una parola. Non si abbandona così nemmeno un cane. Che schifo!”3

A marzo, lo stesso Matteo Dell’Aira, aveva denunciato che, nonostante ufficialmente si dichiarava conclusa l’operazione “Moshatark,” iniziata a metà febbraio nella provincia meridionale di Helmand, l’ospedale di Emergency a Lashkargah continuava ad accogliere feriti: “Continuiamo a vedere elicotteri da combattimento sorvolare la zona, continuiamo a sentire aerei da guerra sfrecciare veloci, continuiamo a sentire boati di esplosioni.
E continuiamo a ricevere feriti, dalle zone di Marjah e Nadalì. Soprattutto feriti da mina. Dall’inizio di marzo ne abbiamo avuti ben ventiquattro: più di uno al giorno. E per noi non sono numeri: sono visi, storie, famiglie, e sempre tanta sofferenza. Gli ultimi due li abbiamo ricevuti due giorni fa, un uomo di 65 anni, Hasham, e suo nipote di 7, Sayed Rahman: stavano uscendo da casa, hanno visto delle persone che posizionavano una mina sulla strada proprio di fronte alla loro abitazione. Si sono avvicinati per chiedere che la rimuovessero, ma proprio in quel momento la mina ‘artigianale’ è esplosa: tre morti sul colpo, loro due si sono procurati delle brutte ferite su gambe e braccia, ma sono vivi. E ieri un kamikaze si è fatto esplodere lungo la strada che conduce al nostro posto di primo soccorso di Grishk: otto morti, di cui quattro bambini, e almeno una decina di feriti, per loro fortuna non gravi”.4

Queste testimonianze sono senz’altro “scomode” in un contesto in cui si vuol far credere che le truppe occidentali agiscano per il bene di tutti. Osserva Strada: “Siamo scomodi perché abbiamo denunciato che veniva addirittura impedito di assistere i civili feriti nella recente campagna di attacchi dove bambini e donne sono stati colpiti duramente. Sono in molti in questa zona a partecipare all’occupazione militare, fra cui gli italiani”.5

Nella propaganda dei media italiani, la “missione” Isaf appare come una sorta di operazione filantropica contro un nemico oscuro, irrazionale, crudele, che lotta per puro odio, senza alcun motivo, dato che la “democrazia occidentale” sarebbe un esempio di libertà e di evoluzione della “civiltà”. Si vuole mostrare come nemico il mujaiddin spietato, che odia gli italiani (come tutti gli occidentali). Ma strutture come Emergency svelano impietosamente che questo “talebano” spesso è un contadino ferito che ha avuto la sua casa distrutta, o un bimbo senza braccia perché colpito da bombe “umanitarie”, pagate anche da noi italiani.
Emergency è la struttura umanitaria che cerca di curare le ferite dei cittadini afgani, molti dei quali nemmeno capiscono perché sono stati colpiti. E’ una struttura che dovrebbe essere premiata, e invece il Nobel per la pace lo hanno dato ad Obama. Da questo si capisce in che sistema stiamo vivendo: la pace è guerra, il filantropo è “terrorista” e il terrorista è filantropo.
E’ significativa anche la lettera aperta che Dell’Aira scrisse per denunciare la situazione dell’ospedale di Emergency a Lashkargah. Ci sembra che questa lettera faccia capire bene chi sono le persone sequestrate e perché sono state considerate “pericolose”: “Vergogna. E’ quella che proviamo tutti qui all’ospedale di Emergency a Lashkargah, Afghanistan, dopo l’inizio dell’ennesima ‘grande operazione militare’, che ogni volta è la più grande… Un profondo senso di vergogna per quello che la guerra, qualsiasi guerra, fa. Distruzione, morti, feriti.
Sangue, pezzi di carne umana. Urla feroci e disperate. Non fa altro. Ma qualcuno ancora pensa che sia un buon modo per esportare ‘pace e democrazia’. In effetti la pace la stavano portando anche a Said Rahman, noto ‘insurgent’ della zona, ma quella eterna però. Si è beccato un proiettile in pieno petto, di mattina presto, mentre era in giardino. Non stava pattugliando la zona, non stava combattendo, non stava mirando nessuno. Non ha nemmeno visto da dove arrivava il proiettile che ha ancora nel corpo e che gli ha sfondato il polmone di destra. Ha solo sentito un gran bruciore e poi è svenuto dal male. L’hanno trasportato in elicottero fino a Lashkargah, gli stessi elicotteri che prima sparano, poi in ambulanza nel nostro centro chirurgico per vittime civili della guerra, abbastanza instabile ma con il suo orsacchiotto di peluche nuovo di zecca, regalo della democrazia. Sembrava avesse la gobba da tanto sangue si era raccolto nella schiena. E’ stato operato subito, gli hanno messo due drenaggi toracici, quasi più grandi di lui. Perché il noto ‘insurgent’ ha sette anni. Sette. Questa è la ‘grande operazione militare’, la più grande. Vergogna.”6

Emergency è stata più volte perseguitata anche in passato, perché è un’organizzazione umanitaria che non appoggia in alcun modo le autorità criminali. Spiega Strada: “Faccio il chirurgo ormai da molti anni, e mi sono trovato ad operare a più riprese in almeno 10 conflitti: ho visto la stessa cosa ovunque, il massacro di civili a causa di guerre dichiarate per ragioni diverse. Le opinioni che noi di Emergency abbiamo sulla guerra nascono dall’aver conosciuto le sue vittime, dal vederle ogni giorno nei nostri ospedali, dal vivere la guerra da vicino… Emergency non ha accettato denaro dal Governo italiano, non accetta di fare la cosmesi della guerra, non vuole il danaro offerto con una mano sx da chi spara con l’altra. Per gli stessi motivi, rifiuteremmo i soldi della Fiat per curare le vittime delle mine antiuomo da loro prodotte, o quelli della Nestlé per curare i neonati che rischiano di morire per il suo latte in polvere. Emergency ha mantenuto la stessa posizione nel caso della guerra in Kosovo, rifiutandosi di partecipare al banchetto della famosa Missione Arcobaleno… In Italia, anche se molti sembrano averlo scordato, esiste una Costituzione, è stata scritta con l’idea di garantire un mondo più giusto alle generazioni future. L’art. 11 inizia con «L’Italia ripudia la guerra». È tra i «princìpi fondamentali». Vuol dire che la pace è un bene che ci appartiene in quanto comunità, è un valore di tutti e di ciascuno di noi. E questo va rispettato. E invece, in poco più di un decennio, il nostro paese è stato portato in guerra per ben 3 volte, da governi di colore politico diverso. Noi vogliamo che sulla questione fondamentale della guerra siano consultati i cittadini, perché non siamo pronti a farci togliere da nessuno ilbene della pace… Si critica chi vuole che l’Italia non partecipi ad una aggressione contro l’Iraq, rievocando la guerra al nazifascismo. E chi sarebbe, oggi, l’uomo forte che vuole conquistare il mondo? Già, proviamo a chiederlo ai cittadini del mondo: ‘Chi pensate si consideri al di sopra della legge? Chi secondo voi teorizza il diritto a bombardare chiunque altro per proteggere i propri interessi nazionali?’ Un bel sondaggio nel pianeta, i risultati sarebbero davvero interessanti… L’Italia fa parte della coalizione internazionale ed è in Afghanistan con tremila soldati per cui paghiamo circa 2 milioni di € al giorno nonostante la situazione del nostro Paese. Ogni giorno 2 milioni di euro dello Stato italiano vanno per proteggere il governo afgano che arresta o rapisce personale italiano”. 7

1 http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2010/04/16/visualizza_new.html_1763382205.html

2
http://it.peacereporter.net/articolo/21245/Emergency%3A+%22Guerra+a+un+ospedale%22

3 http://it.peacereporter.net/articolo/20333/Gulalay

4 http://it.peacereporter.net/articolo/20896/Afghanistan%2C+Emergency%3A+%27Qui+in+Helmand+la+guerra+continua%27

5 http://it.peacereporter.net/articolo/21239/Afghanistan%2C+fermati+a+Lashkargah+tre+operatori+italiani+di+Emergency

6 http://it.peacereporter.net/articolo/20260/Vergogna

7 http://www.corriere.it/esteri/10_aprile_11/emergency-afghanistan-strada-karzai_8abbb2e0-4550-11df-93de-00144f02aabe.shtml

VISITA: antonellarandazzo.blogspot.com

Tratto da: LA NUOVA ENERGIA  N°17