Archivi tag: Alberto Di Pisa

Ricapitolando su Alberto Di Pisa

Ricapitolando su Alberto Di Pisa

Fonte: IL Blog dei marsalesi “normali” (amici di leonida): Un uomo per tutte le stagioni.

Da una nota su FB del nostro amico Salvatore.

1. Alberto Di Pisa. Di Pisa fu processato a Caltanissetta per essere stato il corvo che scrisse l’anonimo che accusava Giovanni Falcone, Gianni De Gennaro e altri, fra l’altro per aver spalleggiato il rientro in Sicilia del pentito Totuccio Contorno affinché quest’ultimo uccidesse gli alleati di Riina. La prova definitiva che il corvo fosse Di Pisa (a conferma dei sospetti fin da subito espressi da Falcone ed altri) fu un’impronta digitale raccolta all’alto commissariato antimafia Sica. L’impronta coincideva con quella lasciata sulla lettera anonima. Per questa ragione Di Pisa fu condannato nel 1992 dal Tribunale di Caltanissetta in primo grado.

In appello l’impronta raccolta da Sica (e soprattutto il modo con cui venne periziata dal Sismi) fu dichiarata inutilizzabile e solo per questo Di Pisa il 14 dicembre 1993 fu assolto. Pm nel processo d’appello su l’allora sostituto procuratore generale Marianna Li Calzi. La Li Calzi omise di fare ricorso per cassazione e così procurò l’immediato passaggio in giudicato dell’assoluzione per Di Pisa. Il punto è che nel processo venne formalmente meno la prova che incastrava Di Pisa perché nessun’altra impronta utilmente comparabile si trovava agli atti del processo. Né lo stesso Di Pisa fornì spontaneamente le sue impronte….

Nel 1994 la Li Calzi volò alla Camera dei Deputati con Forza Italia. Poi passò con Rinnovamento italiano di Dini e nell’ottobre 1998 con Mastella appoggiò il governo D’Alema, nel quale la Li Calzi fu sottosegretario alla giustizia, carica che ricoprì anche nel successivo governo Amato. Il pentito Francesco Campanella, che pure iniziò a collaborare con la giustizia sotto il controllo del prof. Alessandro Musco, accusò la Li Calzi di avergli confidato, insieme al capo di gabinetto della Li Calzi avvocato Bruno (amico personale di Campanella), di essere indagato e di avere i telefoni sotto controllo. Poi Campanella smussò in po’ le accuse sulla Li Calzi. Nel frattempo, nel 2008, pur raggiunta dalle accuse di Campanella, Marianna Li Calzi entrò nel consiglio d’amministrazione del Banco di Sicilia e poi dell’Unicredit.

2. La Procura di Marsala segnala gli “abusi” di Genchi.

“” Repici aggiunge: «La perquisizione è nata da una segnalazione della Procura di Marsala. Credo di non dover aggiungere altro. Basti ricordare chi è il procuratore di
Marsala…». Il riferimento è al procuratore capo Alberto Di Pisa. Sembra che Genchi abbia eseguito alcuni controlli nell’anagrafe tributaria di due persone che sarebbero risultate estranee agli accertamenti che stava eseguendo. Tutto ciò sarebbe stato reso possibile con una password assegnata su richiesta dei pm di Marsala. Genchi, in passato, aveva lavorato spesso con la Procura di Marsala nell’inchiesta sulla sparizione della piccole
Denise Pipitone. “”

3. Salvatore Borsellino, recentemente è stato anche citato, in giudizio civile, dal proc Di Pisa, ed a risarcirlo per ben 250 mila euro, in merito all’intervento che, Borsellino, fece in occasione dell'”Information Day” a Marsala, lo scorso 26 aprile 09, “aggrappandosi” ad alcune parole che Borsellino citò; una fra tutte la parola “ignominia”, detta da Borsellino per evidenziare quanto sia assurdo che il Di Pisa sia a capo della procura, in cui fu procuratore Paolo Borsellino.

Abbiamo voluto segnalare queste info per alcuni motivi.Primo: Siamo stati i promotori dell’information day di Aprile dove si sono raccontati Borsellino, Genchi, De Magistris e Maniaci. Ora sapere che Di Pisa abbia citato in giudizio Borsellino per ben 250 mila euro ci addolora e ci sentiamo in parte come corresponsabili di questa vicenda. Conoscendo Salvatore , fratello di Paolo, non possiamo che stringerci attorno a lui e sperare che il suo grido di giustizia arrivi al cuore delle persone. Secondo: nessuno è intoccabile. Il procuratore è un uomo come tutti. La procura in generale lavora bene, i poliziotti fanno dei mezzi miracoli visto che lo stato non gli dà risorse ma la verità storica su un personaggio importante come il procuratore Di Pisa è giusto che i cittadini la conoscano. Terzo: Vogliamo contribuire a rendere l’informazione a Marsala la piu completa possibile.

Critiche da fratello di Borsellino, Di Pisa chiede danni

Piena solidarietà a Salvatore Borsellino. Se ci atteniamo ai fatti, il giudice Alberto Di Pisa è il famigerato “corvo” del tribunale di Palermo che mandava lettere anonime di accuse a Falcone. Di Pisa non fu condannato per questa storia perché il tribunale considerò la prova che lo inchiodava non utilizzabile perché ottenuta illegalmente. Alla luce di questi fatti il giudizio di Salvatore Borsellino è pienamente condivisibile e l’onorabilità di Di Pisa è già stata lesa irreparabilmente da Di Pisa stesso.

Siamo di fronte alla solita tecnica della querela senza nessuna speranza di spuntarla in tribunale, ma usata per sottrarre tempo ed energia al querelato. Vergogna!

Di Pisa era un nemico acerrimo di Falcone e se non ricordo male, correggetemi se sbaglio, mi pare che Gioacchino Genchi abbia raccontato che Di Pisa sarebbe molto amico di un Massone (tal Alessandro Musco) che aveva un ufficio al CERISDI al Castello Utveggio. Guarda tu le coincidenze…

Fonte: Critiche da fratello di Borsellino, Di Pisa chiede danni.

Caltanissetta. Il procuratore di Marsala, Alberto Di Pisa, ha chiesto un risarcimento danni di 250 mila euro al fratello del giudice Paolo Borsellino. In un incontro pubblico a Marsala, Salvatore Borsellino avrebbe espresso giudizi critici nei confronti del procuratore Di Pisa ricordando che era stato accusato di essere il «corvo» di Palermo, ossia l’autore delle lettere anonime circolate nell’estate del 1988. Di Pisa fu poi assolto ma, secondo Salvatore Borsellino, le valutazioni da lui espresse nei confronti sia del fratello sia di Giovanni Falcone richiamavano alcuni passi degli anonimi. Per questo il magistrato non avrebbe le carte in regola per occupare, secondo Salvatore Borsellino, il posto che fu del fratello. Le parole adoperate sarebbero, a parere di Di Pisa, lesive della sua onorabilità, e perciò ha chiesto un risarcimento danni. Il caso sarà esaminato dal tribunale civile di Caltanissetta competente per i giudizi nei quali sono coinvolti i magistrati del distretto di Palermo. La prima udienza è fissata per lunedì 11 gennaio.

Fonte ANSA

Di fronte alla gravità di una simile richiesta di risarcimento danni (che qualifica in toto colui che l’ha avanzata), esprimiamo tutta la nostra solidarietà a Salvatore Borsellino.

La Redazione di Antimafia Duemila
da Antimafia Duemila

Borsellino, l’ira della famiglia: “Dalla Cassazione pietra tombale”

Borsellino, l’ira della famiglia: “Dalla Cassazione pietra tombale”.

Scritto da Giuseppe Lo Bianco – Sandra Rizza

La sentenza: “L’agenda rossa mai stata a via D’Amelio” Stragi del ‘92, i pm negli uffici del Servizi segreti.

L’agenda rossa di Paolo Borsellino come la mafia di trent’anni fa: non esiste. O meglio, non è mai esistita all’interno della borsa del magistrato, ritrovata il giorno dell’esplosione in via D’Amelio. Lo sostiene la sesta sezione penale della Corte di Cassazione, che ha depositato le motivazioni della sentenza con cui conferma il proscioglimento del colonnello Giovanni Arcangioli dall’accusa di aver rubato e fatto sparire il documento. Per la Cassazione ”gli unici accertamenti compiuti in epoca prossima ai fatti portavano ad escludere addirittura che la borsa presa in consegna da Arcangioli contenesse un’agenda, come da quest’ultimo sempre sostenuto”. Agnese e Manfredi Borsellino, la vedova e il figlio del magistrato ucciso, non nascondono la propria amarezza: ”Possiamo solo ribadire che quel giorno Paolo Borsellino si è recato in via D’Amelio portando l’agenda con sè”. Quella domenica 19 luglio del 1992, infatti, Agnese si trovava con il marito e alcuni amici nel villino di famiglia e appena un’ora prima dell’esplosione vide il marito con l’agenda. Nei mesi scorsi, la vedova Borsellino ha ribadito ancora una volta questa circostanza ai pm di Caltanissetta. Oggi la Cassazione sembra cancellare la sua testimonianza. Rita Borsellino, eurodeputato del Pd, dichiara: “Incredibile. Quell’agenda allora ci dicano dov’è finita”. “Adesso – dice con ironica amarezza Salvatore Borsellino – bisognerebbe incriminare la vedova per aver dichiarato il falso. Come si fa a prendere per buona la testimonianza di una persona, peraltro imputata, che ha dato tre o quattro versioni diverse dello stesso fatto?”.

Il riferimento è allo stesso Arcangioli, che dopo aver chiamato in causa due magistrati (Alberto Di Pisa e Vittorio Teresi) che non erano presenti in via D’Amelio nell’immediatezza della strage, ha cambiato versione sui suoi movimenti attorno a quella borsa sostenendo alla fine di averla aperta alla presenza dell’ ex pm Giuseppe Ayala, e di non avervi trovato l’agenda. Circostanza che Ayala ha poi negato. La Cassazione adesso da’ credito all’ufficiale e fa calare una pietra tombale sulla sparizione del documento che secondo numerosi magistrati e investigatori antimafia racchiude il mistero dell’uccisione di Borsellino. L’agenda rossa, infatti, col suo potenziale di segreti, è considerata la ”scatola nera” della Seconda Repubblica. Per il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, che indaga sulla trattativa Stato-mafia, in quell’agenda ”c’è la chiave della strage di via D’Amelio . È improbabile che sia andata distrutta, più logico pensare che sia in mano a qualcuno che la possa usare come arma di ricatto”. Secondo il procuratore capo di Caltanissetta Sergio Lari ”non è una possibilità fantascientifica che dentro quell’agenda ci fossero degli appunti di Borsellino su un possibile negoziato tra lo Stato e le cosche, perchè si ponesse fine alle stragi”.

E intanto proprio riguardo alle stragi i pm di Palermo e Caltanissetta – Messineo e Lari – stanno esaminando una serie di documenti riservati su via D’Amelio e Capaci contenuti negli archivi dei servizi segreti. I magistrati – come scrive oggi L’espresso – hanno notificato ieri al prefetto Gianni De Gennaro, direttore del Dis (Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza) un ordine di esibizione degli atti finora rimasti top secret.

Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza (il Fatto Quotidiano, 19 novembre 2009)