Archivi tag: antonio di pietro

Antonio Di Pietro: Via Bettino Craxi, 1934-2000, politico, corrotto, latitante

“se proprio dovete intitolargli una Via che sia un tangenziale, almeno per assonanza (con tangenti) ci ricordiamo il personaggio” (Cit. marco Travaglio).

Fonte: Antonio Di Pietro: Via Bettino Craxi, 1934-2000, politico, corrotto, latitante.

Sui quotidiani di oggi ci sono degli articoli a dir poco interessanti: la menzogna viene spacciata per verità.
Mettono in evidenza che si deve celebrare il decennale di Bettino Craxi: un omaggio di Berlusconi.
Dopo tutto, chi altri poteva omaggiare un latitante, pluricondannato e corrotto che, commettendo innumerevoli reati, ha rovinato sia la credibilità del Paese che quella delle Istituzioni, se non proprio lui, Silvio Berlusconi? Tra simili si ritrovano.
Ebbene, l’Italia dei Valori lo dice forte e chiaro: abbiamo pietà per i morti, ma nessuna pietà per chi mente. Craxi non era una persona in esilio, era un latitante. Nessuno lo ha cacciato. E’ lui che è fuggito per non rispondere delle sue azioni davanti alla giustizia. E’ scappato via perché è stato condannato con sentenza penale passata in giudicato. Era accusato di corruzione e finanziamento illecito ai partiti, cosa di cui i giornali non fanno alcuna menzione per poterlo spacciare come “grande statista”.

Ma quale statista!?

Quello che con la DC della Prima Repubblica ha indebitato oltremodo le casse dello Stato?
Quello che ha dato la possibilità ad una classe imprenditoriale di crescere non in ragione delle proprie capacità imprenditoriali ma delle mazzette che pagava?

Ritengo che questo fine d’anno volga al termine nella maniera peggiore: un anno in cui il fratellastro di Craxi è stato al governo con il solo fine di produrre leggi per non farsi processare. Un anno che viene sublimato, come dice il sindaco di Milano, dedicando una strada o una piazza al ricordo di Bettino Craxi.

E allora facciamola questa piazza: Piazza Bettino Craxi.
Sotto il nome, però, come in tutte le targhe, scriviamoci anche quel che era: “politico, corrotto, latitante”.

Antonio Di Pietro: La terza industria del Paese

Qualcuno chiama i giochi a premi “tassa sulla povertà”. Sono d’accordo sulla proposta di vietarne la pubblicizzazione.

Antonio Di Pietro: La terza industria del Paese.

Il gioco d’azzardo è illegale. E comunque anche quello considerato ‘non d’azzardo’, attraverso il quale lo Stato percepisce entrate fiscali da capogiro, è un’indecenza.
Con oltre 53 miliardi di euro di raccolta, questo business costituisce una percentuale vicina al 4% del Pil nazionale: rappresenta la terza industria del Paese.
Le entrate dello Stato derivanti dalla raccolta sono lievitate dai 3,5 miliardi di euro del 2003 ai 7,7 miliardi del 2008, con un tasso di crescita complessivo del 121,1%. A giocare di più sono individui tra i 25 ed i 44 anni e oltre i 65, questi ultimi pensionati. In Italia il gioco d’azzardo si sta diffondendo e sta avendo un impatto fortemente negativo su numerose fasce sociali: da quella degli studenti, che compromettono la riuscita dei propri studi, ai pensionati che finiscono in mezzo ad una strada, alle unioni familiari distrutte per il ‘vizietto’ di mamma e papà. Il profilo è quello del sognatore con un reddito modesto che tenta la fortuna ma scivola poi nella nullatenenza.
E’ stato riconosciuto dal CNR e diversi studi che il gioco-scommesse è un’attività che crea dipendenza come le droghe, il fumo, l’alcol.
Non voglio con questo precludere la libertà di un cittadino di poter scommettere o meno. Sto dicendo che al cittadino non può essere venduto il gioco come miraggio di vincite milionarie (in realtà dalle probabilità infinitesimali) e come alternativa ad una vita basata sul lavoro e sulle proprie capacità.

Le norme in materia di gioco e scommesse vanno equiparate a quelle sul fumo in termini pubblicitari, ossia ne dovrebbe essere proibita la promozione.
I controlli sull’età di chi gioca devono essere stringenti per impedire a minorenni e persone senza un proprio reddito di accedervi.
Le licenze e gli apparecchi installati nei punti di accesso al gioco, che con una normativa più permissiva dal 2003 hanno proliferato a dismisura, devono essere ridotti e la diffusione legata alla demografia.
Lo Stato dovrebbe farsi promotore di campagne progresso contro il gioco-scommesse poiché può provocare danni alla salute e alla psiche dei cittadini favorendo, nella maggior parte dei casi, il dissesto economico individuale e familiare.

Qual è la differenza agli occhi dello Stato tra chi si gioca un appartamento a poker tra mura domestiche e chi spende la sua pensione euro su euro al SuperEnalotto? Il fatto che uno non ne versi una parte all’erario e l’altro si?
E’ solo nell’erario?
Ma perché non applicare allora lo schema “legalizziamo-incassiamo” anche per la prostituzione, riaprendo le case chiuse, oppure anche per le droghe?
Evidentemente dietro al gioco-scommessa ci sono dei valori sociali che ora mi sfuggono: ma quali?
I governi non possono anteporre gli interessi economici a quelli dei cittadini, così come hanno dimostrato con la progressiva legalizzazione delle scommesse adducendo come alibi la necessità di sottrarne semplicemente il controllo alla criminalità organizzata.
Non è il controllo economico il driver delle decisioni dello Stato ma la tutela della comunità e della sua salute.
Se da una parte si normano gli aspetti fiscali, dall’altra bisogna curarsi anche di eventuali effetti sociali.
L’Italia dei Valori, nei prossimi giorni, presenterà un disegno di legge per offrire una regolamentazione delle scommesse e della comunicazione ad essa associata a tutti i livelli per la tutela del cittadino.

Blog di Beppe Grillo – Pdl in fuga

PDL alla follia…

Fonte: Blog di Beppe Grillo – Pdl in fuga.

Il terribile Di Pietro si è presentato in aula a Montecitorio. Al suo apparire i deputati del Pdl sono usciti in massa. Kriptonite non poteva essere sopportato oltre da chi ha salvato Cosentino dal carcere, dispone al suo interno di un plotone di condannati in via definitiva e/o sotto inchiesta e ha approvato lo Scudo Fiscale per il rientro dei capitali mafiosi. Chi ha armato la mano di Tartaglia? Di Pietro! Chi gli ha suggerito potenza e angolazione di tiro sulle gengive? Di Pietro! Chi istiga alla violenza di piazza? Di Pietro! Chi non va in ospedale a visitare colui che ama? Di Pietro! Chi ha suggerito l’arma di distruzione del Duomo con la madonnina di punta e di tacco? Sempre lui, l’orco della Camera. Ma chi era responsabile delle forze dell’ordine che non hanno protetto Berlusconi? Di Pietro? No, Maroni, ministro dell’Interno! Forse, sotto, sotto, si era messo d’accordo con Di Pietro, ma il Pdl ha comunque fatto blocco. Quando ha parlato Zanna Bianca è rimasto a Montecitorio, compatto, ad applaudire.

Antonio Di Pietro – Cambiare l’Italia – Blog Politici

Fonte: Antonio Di Pietro – Cambiare l’Italia – Blog Politici.

L’onorevole Nicola Cosentino, oltre che parlamentare, e’ sottosegretario al ministero dell’Economia. Non è un “sottosegretario” qualsiasi, e’ un “soprasegretario”: è il capo del Cipe, quindi del massimo organo economico che gestisce i soldi dello Stato. Chi e’ Nicola Cosentino?

La quattrocento pagine della richiesta di autorizzazione a procedere all’arresto emanata dai giudici campani e inviata alla Camera, dicono che Cosentino è un associato esterno della criminalità organizzata. In pratica: un componente esterno del clan dei Casalesi, la peggior organizzazione criminale camorristica presente in questo momento, e forse di tutti i tempi, nel nostro Paese.

E’ vero? Non è vero? Ho letto le quattrocento pagine dell’ordinanza con i quali i giudici chiedono l’arresto del sottosegretario del Pdl. Ma non possono arrestarlo perché è un parlamentare. Infatti, siccome è un deputato, la Camera deve dare l’autorizzazione all’arresto e, a parte l’Italia dei Valori, nessuno vuole concederla. Questo “giudice cattivone” non è comunista, ma è una persona che, semplicemente, si intestardisce per scoprire se un parlamentare, capo del Cipe, è anche un camorrista.

Credo che si debba dare l’autorizzazione a procedere ma, al contrario, il Parlamento sembra sia orientato a non concederla. E’ una volgarità morale: Cosentino, almeno, si dimetta dal Governo; faccia il parlamentare ma non rimanga membro del Governo. Non possiamo lasciargli le “chiavi del Cipe” se ci sono delle persone che lo accusano di aver intrattenuto rapporti con la camorra e il clan dei Casalesi.

La cosa ancora più grave è un’altra. Noi dell’Italia dei Valori abbiamo presentato una mozione affinché il Parlamento voti la sfiducia nei confronti di Cosentino (scarica e leggi la mozione). Sono stato avvicinato da parlamentari del centrodestra, stufi di essere rappresentati in questo modo, che mi hanno incoraggiato ad andare avanti e chiedere il voto segreto, perché nel segreto dell’urna voteranno anche loro per la sfiducia.

La regola dice che ci vogliono 60 parlamentari per firmare la mozione di sfiducia e per metterla ai voti. Noi dell’Italia dei Valori siamo 25. Ho chiesto a Bersani di far firmare la mozione di sfiducia contro Cosentino anche dai parlamentari del Partito Democratico e la risposta che ho ottenuto è stata: “No, siccome lo avete fatto voi dell’Italia dei Valori, non metto la firma sotto la vostra”. Che metta pure la sua firma sopra la mia, ma che firmi questo documento!

Sapete cosa mi ha risposto Bersani? Che la mozione di sfiducia l’avevano già depositata loro al Senato l’anno scorso, ma che non è mai stata messa all’ordine del giorno. Non è questo il problema: mettete all’ordine del giorno la mozione del Senato, che abbiamo già cofirmato, senza vergogna alcuna, poiché non soffriamo del complesso di inferiorità! Saremo meno numerosi, ma tonici, quanto basta per non sentirci secondi a nessuno.

Detto questo, Bersani, firma prima tu alla Camera, firma prima tu al Senato, ma ti prego, metti in condizione il Parlamento di mettere all’ordine del giorno la mozione di sfiducia nei confronti del sottosegretario Cosentino. Ne va del bene degli italiani, non è importante il diritto di primogenitura che, se vorrai, ti riconoscerò senza dubbio alcuno, per l’amor di Dio.

Antonio Di Pietro: L’indebitamento selvaggio

Fonte: Antonio Di Pietro: L’indebitamento selvaggio.

Il Capo dello Stato il 12 ottobre lancia l’allarme sul debito pubblico fuori controllo. Bankitalia incalza definendolo da record con una dimensione di 1.757 mld di euro, 100 mld in più rispetto lo stesso periodo del 2008. Il mare del debito pubblico è in secca, si sta asciugando anche il principale affluente: il gettito fiscale nei primi mesi del 2009 è crollato del 2,5% rispetto lo stesso periododo del 2008, e continuerà a crollare per due motivi.
Il primo: le imprese chiudono e riducono i fatturati, le strade si riempiono di disoccupati e quindi il gettito diminuisce. Il secondo: lo scudo fiscale, quello italiano, è stato il più colossale incentivo all’evasione che produrrà effetti devastanti sui contribuenti: chi pagava le tasse e non pensava all’evasione, dal 2 ottobre sta studiando a tavolino con il proprio commercialista come adeguarsi ai tempi. Rimarrebbero solo i dipendenti pubblici e privati a pagare fino all’ultimo cent.
Ma se si interrompe il gettito, anche chi amministra il valore esaurirà l’ossigeno, e la macchina dello Stato si fermerà. Non è complessa l’economia di un Paese, anche se ve lo vogliono far credere.

Se colleghiamo questi segnali all’appello di Draghi sull’età pensionabile e al giudizio degli industriali e dei rappresentanti dei lavoratori che etichettano come “insufficienti”, per la ripresa dell’economia, i provvedimenti presi dal Governo possiamo arrivare insieme ad un’unica conclusione: i soldi stanno finendo, e per tenere a galla il Governo, si stanno indebitando selvaggiamente i cittadini. Perché siamo a questa situazione? Perchè i politici stanno discutendo dei problemi personali di Silvio Berlusconi, “buono” ad evadere e “giusto” con i furbi.
Quali saranno gli effetti di questa negligenza? Devastanti e arriveranno inaspettati lasciando in mezzo ad una strada molti ignari cittadini, anche quelli che ora stanno sognando l’Itaglia dei berluscones.

Tre milioni di persone sono sotto la soglia di povertà in Italia, ma questo è un dato parziale: quante sono sul filo del rasoio del fine mese ? E quante, se dovesse accadere un minimo imprevisto nella loro vita, scivolerebbero sotto un ponte o ad una mensa della Caritas?

5,6,7,10 milioni? Qui parliamo di un valore tra il 10 ed il 15% della popolazione a serio rischio di sostentamento, un numero da far impallidire Obama, come direbbe Berlusconi. Un rischio che il governo ha affrontato con la Social Card e con i manganelli nei cancelli delle fabbriche in chiusura.

Il ministro dell’Economia conosce questi numeri, e sa che sono anche prudenziali, ma getta “bicchieri d’acqua su una foresta in fiamme” invece di “chiamare i pompieri” e sarà complice di questo silenzio se la situazione precipiterà nei prossimi mesi.

Precisazione sull’articolo “Di Pietro, Borsellino e i polveroni”

Precisazione sull’articolo “Di Pietro, Borsellino e i polveroni”.

Scritto da Redazione 19luglio1992.com

Riportiamo il testo dell’articolo apparso sull’edizione di mercoledì 14 ottobre de “Il Fatto Quotidiano” con il titolo “Di Pietro, Borsellino e i polveroni” nella rubrica IMPAR CONDICIO curata dal giornalista Marco Lillo unitamente ad una precisazione curata dalla nostra redazione:


Di Pietro, Borsellino e i polveroni

Guido Ruotolo ha raccontato un fatto inedito su “La Stampa”: “Nel 1993 Di Pietro ha interrogato Vito Ciancimino nel carcere di Rebibbia”. L’ex pm, ad Anno zero, aveva detto di non avere mai incontrato l’amico del boss Provenzano. Il pezzo non voleva accusare nessuno: solo far riflettere sul fatto che una dimenticanza non è sempre sintomo di malafede. Dallo scoop di Ruotolo è fiorita una letteratura dietrologica su internet.
Anche sul sito vicino alla famiglia Borsellino sono apparse critiche e dubbi su Di Pietro, improvvisamente equiparato ai vari Violante, Mancino, Martelli, Mori. Come se anche lui avesse dimenticato per 17 anni di aver saputo dell’esistenza di trattative fra parti dello Stato e della mafia. Di Pietro si è semplicemente scordato che, da pm, nel 1993, tra migliaia di persone, aveva convocato anche Ciancimino. Che si era rifiutato di rispondere. Non tutti i vuoti di memoria sono uguali.

Marco Lillo, il Fatto Quotidiano, 14 ottobre 2009

Precisazione a cura della redazione di 19luglio1992.com

Dopo esser stato da noi contattato, il giornalista Marco Lillo ci ha specificato di essersi riferito al nostro sito 19luglio1992.com ed in particolare ad alcuni commenti apparsi in coda all’articolo riportato in hompepage il 12 ottobre intitolato “Di Pietro interrogò Ciancimino a Rebibbia” (Guido Rutolo, La Stampa, 12 ottobre 2009). Riteniamo necessario comunicare agli utenti del sito queste informazioni forniteci da Marco Lillo per sgombrare il campo da ogni possibile fraintendimento. I commenti pubblicati su questo sito sono liberi e non necessariamente coincidono con le opinioni dei redattori del sito stesso. Gli articoli vogliono essere spunto per esprimere opinioni diverse e per essere uno stimolo alla discussione. Pubblichiamo i commenti automaticamente, a patto che gli utenti siano registrati al sito e che i contenuti dei commenti stessi non siano ritenuti offensivi.
Concludiamo sottolineando la nostra grande stima per il giornalista d’inchiesta Marco Lillo che riteneva giusto evidenziare come la dimenticanza di Di Pietro non sia equiparabile con quelle di altri soggetti citati nel suo articolo. Condividiamo la sua riflessione e lo ringraziamo di cuore per le precisazioni che ci ha fornito.

La redazione di 19luglio1992.com

Antonio Di Pietro: Indagato per vilipendio: voglio andare fino in fondo

Di Pietro indagato per vilipendio del capo dello stato per avergli mosso delle critiche argomentate. Non c’è più il senso della democrazia. L critica argomentata in democrazia è sempre legittima, poi si può non essere d’accordo…

Fonte: Antonio Di Pietro: Indagato per vilipendio: voglio andare fino in fondo.

Ieri le agenzie di stampa hanno diffuso la notizia che sono stato sottoposto a indagini dalla Procura di Roma con l’accusa di aver commesso reato di vilipendio, cioè un reato di opinione. Sono accusato, quindi, di aver offeso il Capo dello Stato. Vediamo di ricapitolare la vicenda.
Il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ha emanato il Lodo Alfano, legge dichiarata incostituzionale dalla Consulta, che noi dell’Italia dei Valori, sin dal principio, abbiamo sostenuto essere incostituzionale. Il Presidente della Repubblica ci ha messo il cappello affermando, invece, che il lodo Alfano era una legge costituzionale. Oggi scopriamo addirittura che i suoi Consiglieri, a cominciare dal dottor D’Ambrosio, si sono adoperati per aiutare il Governo a scrivere la norma sul Lodo Alfano.
Il Presidente del Consiglio, dopo aver fatto questa norma incostituzionale ha fatto quella sullo scudo fiscale. Lo scudo fiscale – lo ribadisco ancora una volta – è una legge criminale, perché legittima il comportamento dei criminali che hanno messo all’estero, sotto il mattone, i proventi di reato. Fino a oggi i proventi di reato costituivano l’oggetto del reato di riciclaggio: oggi è diventato tutto lecito! Questa legge favorisce i criminali e umilia gli onesti, è una legge che non andava fatta, è una legge che noi dell’Italia dei Valori, come parlamentari e come cittadini, respingiamo criticando chi l’ha voluta, chi l’ha approvata e chi l’ha promulgata! Questo è il diritto, è il dovere di un parlamentare e di un cittadino di poter far sentire la propria voce rispetto a un fatto del genere!
Il giorno in cui il Presidente della Repubblica ha firmato questa legge, quasi 100 mila cittadini hanno dato il via ad una petizione, scrivendo: “Per favore, Presidente, non firmare!” e il Presidente, invece, l’ha firmata. Inoltre, a un cittadino che lo ha avvicinato durante una sua visita istituzionale in Basilicata e che gli ha chiesto: “Ti prego, non firmare”, Giorgio Napolitano ha risposto: “Ma come non lo firmo?! Tanto se non lo firmo oggi, lo dovrò firmare domani, perché me lo rimanderanno uguale! Non posso farci niente!”. Non è così, signor Presidente della Repubblica! La Costituzione prevede che il Presidente della Repubblica possa non firmare la prima volta il testo approvato dal Parlamento e di rinviarlo, dunque, alle Camere con un messaggio motivato. Per esempio, motivando il proprio rinvio dicendo: “Ma che state facendo! State favorendo i criminali e state umiliando gli onesti”.
E’ questo il suo dovere, signor Presidente, quello che pensavamo fosse il suo dovere! Siamo rimasti amareggiati da questa sua abdicazione ad un suo impegno previsto dalla Costituzione e l’abbiamo detto, io l’ho detto nell’immediatezza del fatto, con il cuore, con la mente e con la forza dell’amore verso questa Repubblica e anche per il rispetto che ho verso di lei. Ho detto: non faccia un gesto di abdicazione, non firmi, perché l’atto è un atto vile, non ho dato del vigliacco a lei, ho dato del vigliacco all’atto, è vile quest’atto! E’ un atto irriguardoso verso la comunità degli onesti, è un atto di abdicazione al suo ruolo, perché lei avrebbe potuto rimandare indietro queste carte!
Questo è il fatto e, per questo fatto, ieri sono stato messo sotto indagine dalla Procura di Roma con la motivazione che avrei offeso e, conseguentemente, avrei vilipeso il Presidente della Repubblica. Ritengo che a essere offesi e vilipesi siano stati cittadini italiani onesti, che hanno pagato le tasse e adesso si vedono coloro che non hanno pagato le tasse ridere e scherzare alla faccia loro, perché pagando il 5% di ‘tangenti’ allo Stato possono fare quel che vogliono con i loro soldi. Non li reinvestiranno, statene certi! Li utilizzeranno ancora una volta per comprarsi la barchetta e per farsi gli affari loro o per riportarli un’altra volta all’estero!
E allora, rispetto a quest’inchiesta della Procura, dico una cosa: ben venga, perché voglio accertare fino a che punto c’è il diritto del cittadino a dissentire da certe decisioni dissennate e di criticare chi le firma e chi le promulga e, fino a che punto, invece, diventa un’offesa alle istituzioni, un’offesa di lesa maestà o è l’esercizio di un dovere costituzionale. Da parlamentare, voglio sapere fino a che punto mi è permesso il diritto-dovere di poter esprimere le mie idee perché si tratterebbe di ‘reato di opinione’!