Archivi tag: follia

Blog di Beppe Grillo – Pdl in fuga

PDL alla follia…

Fonte: Blog di Beppe Grillo – Pdl in fuga.

Il terribile Di Pietro si è presentato in aula a Montecitorio. Al suo apparire i deputati del Pdl sono usciti in massa. Kriptonite non poteva essere sopportato oltre da chi ha salvato Cosentino dal carcere, dispone al suo interno di un plotone di condannati in via definitiva e/o sotto inchiesta e ha approvato lo Scudo Fiscale per il rientro dei capitali mafiosi. Chi ha armato la mano di Tartaglia? Di Pietro! Chi gli ha suggerito potenza e angolazione di tiro sulle gengive? Di Pietro! Chi istiga alla violenza di piazza? Di Pietro! Chi non va in ospedale a visitare colui che ama? Di Pietro! Chi ha suggerito l’arma di distruzione del Duomo con la madonnina di punta e di tacco? Sempre lui, l’orco della Camera. Ma chi era responsabile delle forze dell’ordine che non hanno protetto Berlusconi? Di Pietro? No, Maroni, ministro dell’Interno! Forse, sotto, sotto, si era messo d’accordo con Di Pietro, ma il Pdl ha comunque fatto blocco. Quando ha parlato Zanna Bianca è rimasto a Montecitorio, compatto, ad applaudire.

liberainformazione

Da liberainformazione: Pino Maniaci e l’ordine. Guai se la forma divora la sostanza.

di Alberto Spampinato

Come si fa a negare che Pino Maniaci sia un giornalista? Non si può. Di fronte al processo d’ufficio che il tribunale di Palermo gli ha intentato con l’accusa di esercizio abusivo della professione si deve semplicemente tributargli solidarietà e, doverosamente, iscriverlo d’ufficio all’Ordine dei Giornalisti, e magari dargli un altro premio per il coraggio con cui fa questo mestiere su una frontiera tanto esposta. Invece si obietta che l’Ordine dei Giornalisti è frenato da insuperabili impedimenti formali e addirittura si ipotizza che lo stesso Ordine si possa costituire parte civile presentandosi al processo come parte lesa. La costituzione in giudizio sarebbe un fatto abnorme e spero che non si arrivi a tanto, perché sarebbe difficile respingere le accuse di chi già parla di oltranzismo corporativo. La costituzione in giudizio getterebbe discredito sull’organo di autogoverno della categoria.