Archivi tag: repubblica

Grecia, anarchici e maialini

Fonte: Grecia, anarchici e maialini.

Felice Capretta, sul suo blog, riporta la notizia dello sciopero generale in Grecia e ne sottolinea un aspetto divertente: il Corriere della Sera pubblica in home page una bella foto che ritrae alcuni manifestanti travestiti da maialini. Che carini! Che bella manifestazione, di quelle colorate, pacifiche, danzerecce e coi tamburelli che piacciono tanto ai governi… e che io personalmente odio dal più profondo.

La situazione è molto diversa dalle carnevalate per le strade. La Grecia è sull’orlo della rivoluzione, tutti i servizi (dagli aeroporti alle scuole ai supermercati) sono chiusi fino a nuovo ordine, e l’intera cittadinanza è in piazza contro le manovre governative per “il debito”. Si vocifera persino che i poliziotti passino dalla parte dei manifestanti, cosa… logica in una situazione del genere.

Possiamo immaginare il brivido gelato che corre per le schiene dei governanti di altri Paesi, specialmente quelli a rischio default ed ironicamente, appunto, definiti PIGS, al pensiero che anche i propri addormentati cittadini un bel giorno decidano di tirar fuori l’anima del combattente ateniese e mettere il Paese a ferro e fuoco. Per ovviare, si usano come sempre i media.

Provate a cercare in questo momento sulla home di Repubblica una qualsiasi notiziuola riguardante la Grecia: ebbene, ricerca vana. Che in un Paese europeo ci siano rivolte per le strade non fa notizia, meglio tacere (a meno che le rivolte non siano opera di sporchi negri, come nelle banlieue parigine: in tal caso se ne parla, tanto noialtri non rischiamo di identificarci), sia mai che qualcuno qui scopra che ci si può ribellare a misure ingiuste e assurde. Il Corriere dipinge il tutto come la solita manifestazione pacifica, ma altre testate fanno persino di peggio: provate a cercare su Google News le parole “Grecia anarchici” , scoprirete un mondo. Decine di testate italiane, inclusa L’Unitá, l’ANSA, Repubblica di ieri, hanno descritto le rivolte come “scontri tra polizia e qualche centinaio di anarchici”. Anarchici, vi rendete conto? Si sono trattenuti dal definirli “anarcoinsurrezionalisti” per un sussulto residuo di dignitá.

L’informazione italiana tutta ha deciso di trasmettere al popolo la seguente descrizione: i greci manifestano pacificamente, e qualcuno dei soliti anarchici fa casino. Nulla di nuovo, insomma.

Invece no. Qui è un’intera popolazione europea che si sta ribellando a misure draconiane vòlte ad impoverire la gente per salvare la finanza. Ma noi è meglio che non veniamo a saperlo.

Crisis

Per un 25 Aprile di MEMORIA e di RESISTENZA

Per un 25 Aprile di MEMORIA e di RESISTENZA.

Scritto da Salvatore Borsellino

Per il 25 Aprile, la nostra festa più sacra, oggi che della RESISTENZA qualcuno tenta di cancellare anche la memoria e svilire il significato, oggi che di una nuova RESISTENZA c’è un bisogno vivo dentro di noi, oggi che è necessario difendere la nostra Costituzione da chi la accusa di essere ‘bolscevica’ e la attacca e tenta giorno dopo giorno di svilirla e di rendere vani i suoi sacri principi, non trovo cosa migliore per augurarvi un 25 Aprile di lotta e di memoria che adoperare due pezzi del grande Pietro Calamandrei, il primo tratto da un discorso sulla Costituzione agli studenti univesitari di Milano e l’altro inciso in una epigrafe dettata il 4 dicembre 1952, nell’ottavo anniversario del sacrificio del partigiano Duccio Galimberti.

“Quanto sangue e quanto dolore per arrivare a questa Costituzione! Dietro a ogni articolo di questa Costituzione, o giovani, voi dovete vedere giovani come voi, caduti combattendo, fucilati, impiccati, torturati, morti di fame nei campi di concentramento, morti in Russia, morti in Africa, morti per le strade di Milano, per le strade di Firenze, che hanno dato la vita perché la libertà e la giustizia potessero essere scritte su questa carta. Quindi, quando vi ho detto che questa è una carta morta, no, non è una carta morta, questo è un testamento, un testamento di centomila morti.
Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero perché lì è nata la nostra Costituzione”

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.
Ma soltanto col silenzio dei torturati
Più duro d’ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarono
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.
Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA

ORA E SEMPRE RESISTENZA!

Vi abbraccio tutti

Salvatore Borsellino