Archivi tag: Salvatore Borsellino

YouTube – V-DAY 3 – SEMBRA UN FILM, MA NON LO E’ (TRAILER BY FRA)

In evidenza: diffondete e resistete!

YouTube – V-DAY 3 – SEMBRA UN FILM, MA NON LO E’ (TRAILER BY FRA).

Critiche da fratello di Borsellino, Di Pisa chiede danni

Piena solidarietà a Salvatore Borsellino. Se ci atteniamo ai fatti, il giudice Alberto Di Pisa è il famigerato “corvo” del tribunale di Palermo che mandava lettere anonime di accuse a Falcone. Di Pisa non fu condannato per questa storia perché il tribunale considerò la prova che lo inchiodava non utilizzabile perché ottenuta illegalmente. Alla luce di questi fatti il giudizio di Salvatore Borsellino è pienamente condivisibile e l’onorabilità di Di Pisa è già stata lesa irreparabilmente da Di Pisa stesso.

Siamo di fronte alla solita tecnica della querela senza nessuna speranza di spuntarla in tribunale, ma usata per sottrarre tempo ed energia al querelato. Vergogna!

Di Pisa era un nemico acerrimo di Falcone e se non ricordo male, correggetemi se sbaglio, mi pare che Gioacchino Genchi abbia raccontato che Di Pisa sarebbe molto amico di un Massone (tal Alessandro Musco) che aveva un ufficio al CERISDI al Castello Utveggio. Guarda tu le coincidenze…

Fonte: Critiche da fratello di Borsellino, Di Pisa chiede danni.

Caltanissetta. Il procuratore di Marsala, Alberto Di Pisa, ha chiesto un risarcimento danni di 250 mila euro al fratello del giudice Paolo Borsellino. In un incontro pubblico a Marsala, Salvatore Borsellino avrebbe espresso giudizi critici nei confronti del procuratore Di Pisa ricordando che era stato accusato di essere il «corvo» di Palermo, ossia l’autore delle lettere anonime circolate nell’estate del 1988. Di Pisa fu poi assolto ma, secondo Salvatore Borsellino, le valutazioni da lui espresse nei confronti sia del fratello sia di Giovanni Falcone richiamavano alcuni passi degli anonimi. Per questo il magistrato non avrebbe le carte in regola per occupare, secondo Salvatore Borsellino, il posto che fu del fratello. Le parole adoperate sarebbero, a parere di Di Pisa, lesive della sua onorabilità, e perciò ha chiesto un risarcimento danni. Il caso sarà esaminato dal tribunale civile di Caltanissetta competente per i giudizi nei quali sono coinvolti i magistrati del distretto di Palermo. La prima udienza è fissata per lunedì 11 gennaio.

Fonte ANSA

Di fronte alla gravità di una simile richiesta di risarcimento danni (che qualifica in toto colui che l’ha avanzata), esprimiamo tutta la nostra solidarietà a Salvatore Borsellino.

La Redazione di Antimafia Duemila
da Antimafia Duemila

Antonino Di Matteo: “Noi continueremo”

Antonino Di Matteo: “Noi continueremo”.

Proproniamo agli utenti del sito la trascrizione dell’intervento che il magistrato Antonino Di Matteo ha tenuto all’incontro “L’alba di una nuova Resistenza” organizzato da Sonia Alfano il 12 dicembre 2009 a Palermo. Siano queste parole di Nino Di Matteo un incoraggiamento forte e vivo affinchè ciascuno faccia la propria parte per conquistare la verità sulle stragi del 1992-93. Con queste stesse parole del dott. Di Matteo auguriamo di cuore a tutti gli amici del sito un sereno natale e buone feste.
La redazione di 19luglio1992.com

Testo dell’intervento:

Io non sapevo di quest’incontro fino a quando qualche giorno fa mi ha fatto una telefonata Salvatore Borsellino. Nonostante alcune difficoltà ad essere presente qui oggi, ho subito accettato l’invito di Salvatore per un motivo preciso: perché credetemi, da cittadino, prima ancora che da magistrato, io sento il bisogno di esprimere a Salvatore Borsellino e a tutti voi che assieme a Salvatore Borsellino state conducendo una battaglia di civiltà e di passione civile, sento il bisogno di esprimere sincera gratitudine. Da cittadino prima ancora che da magistrato. Perché se rispetto al muro di gomma, del silenzio e dell’oblio – muro di gomma che sembrava insormontabile – nell’ultimo anno si sono aperti spiragli importanti di luce sia su ulteriori moventi e mandanti delle stragi sia su rapporti collusivi tra mafia ed esponenti delle Istituzioni, lo si deve, come diceva Benny Calasanzio, alle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia e testimoni, lo si deve all’ostinato impegno di alcuni magistrati e di alcuni esponenti delle forze dell’ordine, ma lo si deve ancora di più, forse, alla sacrosanta, tenace e coraggiosa sete di giustizia e verità che Salvatore Borsellino ed i suoi amici hanno gridato in faccia ad un paese che era ormai rassegnato.

Mi permetto di parlare solo pochi minuti perché ci sono delle relazioni che erano già state previste e non voglio troppo impegnare la vostra attenzione, però io sempre come cittadino prima ancora che come magistrato vi invito a continuare a pretendere la verità. Vi invito, vi sollecito e veramente vi scongiuro: continuate a pretendere che tutti, prima di tutti noi magistrati, andiamo fino in fondo. Continuate a pretendere a qualsiasi costo che noi facciamo di tutto con il nostro impegno e con la nostra abnegazione, checché ne dicano tante persone, per accertare per davvero se Stato e mafia, due entità che non devono per nessuna ragione trovare spazi di dialogo e di accordo, abbiano invece trovato spazi di dialogo e di accordo.

Noi siamo consapevoli che più andremo avanti nelle indagini e nei processi più crescerà, già si sta cominciando ad avvertire, la spinta contrapposta a soffocare eventuali verità troppo scabrose e troppo scomode. Ma io sono un uomo delle Istituzioni e credo nel concetto di Stato e di Istituzione. Sono felice ed orgoglioso di essere riuscito a fare quello che ho sognato di fare fin da piccolo, il magistrato, e sono consapevole che uno Stato che dovesse fermarsi per paura di scoprire verità troppo scomode o troppo scabrose, rimarrebbe sempre sotto lo scacco della minaccia e del ricatto mafioso e noi non possiamo permettere tutto ciò. Se lo Stato non andrà in fondo in queste inchieste e in questi processi, se non lesinerà nessuno sforzo, noi potremo arrestare dieci, cento, mille uomini d’onore, mafiosi, latitanti, ma avremo fatto sì che la mafia conservi il potere di ricatto che è il potere più subdolo e più forte che può esercitare nei confronti di uno Stato.

Grazie quindi a Salvatore Borsellino e solidarietà a Salvatore Borsellino anche per qualche vergognoso attacco che iniziano a rivolgergli quelli che non capiscono o che fanno finta di non capire la passione civile e l’onestà intellettuale che lo contraddistinguono.

Non ho avuto perplessità nell’accettare l’invito a questo convegno, non partecipo a molti convegni, non ho avuto perplessità. Recentemente il ministro della Giustizia ha auspicato che i pubblici ministeri passino più tempo in procura invece di partecipare a convegni o trasmissioni televisive. Mi permetto di tranquillizzare il ministro. Fino a quando ce lo permetteranno, fino a quando le procure non verranno definitivamente desertificate, fino a quando non ci toglieranno i pochi mezzi che abbiamo a disposizione, fino a quando ce lo permetteranno le leggi e fino a quando il pubblico ministero non diventerà un mero notaio della polizia giudiziaria, noi continueremo a stare in procura, continueremo a lavorare giorno e notte, continueremo ad arrestare i mafiosi ed i latitanti e continueremo a chiedere il sequestro dei beni di Cosa Nostra.
Volevo tranquillizzarlo il ministro. Però volevo anche dire che continueremo a ritenere che la mafia non sia solo bassa macelleria criminale e continueremo ad indagare e a processare chi, pur non essendo punciuto o uomo d’onore, con Cosa Nostra ha stretto patti criminali, ha fatto affari, ha costruito imperi economici o carriere politiche. Continueremo ancora, anzi, per quanto mi riguarda più di prima, nel poco tempo che ci rimane a disposizione a parlare con la gente, con i giovani delle scuole, con gli studenti universitari, quando capiterà con gli operai e con i contadini.
Cercheremo di spiegare di fronte alla quotidiana valanga di mistificazioni nei confronti della magistratura e dell’operato della magistratura, cercheremo di tentare di spiegare appunto che i magistrati non sono l’origine di tutti i mali del sistema giustizia. Noi siamo le prime vittime, anzi le vittime che vengono dopo i tanti cittadini onesti, le tante persone offese che non trovano poi verità e giustizia in una sentenza definitiva pronunciata in nome del popolo italiano. Sono queste le vittime di un sistema malato per il quale però la politica sembra voler fare di tutto tranne che per farlo funzionare.
Quindi continueremo con più forza di prima a cercare, nei limiti istituzionali e con la sobrietà che ci deve contraddistinguere, di spiegare perché determinate riforme in cantiere rappresenterebbero la morte della giustizia, di cercare di contrapporre la nostra capacità di spiegare alle ore ed ore in cui i politici alla televisione, sfruttando mezzi ben più potenti rispetto a quelli di cui parlavo io, tentano appunto di accollare tutti i mali del sistema giustizia ai magistrati.
Noi continueremo a parlare, loro continueranno a dire – ci mancherebbe altro – quello che vogliono, anche quando lo dicono in malafede, noi sopporteremo, non c’è problema.

Una cosa sola non sopporto e non la sopporto proprio in ragione del rispetto e della memoria di chi è morto: per favore che non continuino a strumentalizzare falsamente la memoria dei morti, la memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Sapete tutti perché siete tutti o protagonisti o bene informati qua dentro, che il primo a parlare nelle scuole ai ragazzi è stato il padre del pool antimafia, Rocco Chinnici, che aveva fatto un valore di questa sua innovativa linea di pensiero. Tutti dovrebbero ricordare, e se lo ricordano bene anche coloro i quali ne strumentalizzano la memoria, quanto Giovanni Falcone in certe occasioni avesse ritenuto utile e necessario spiegare anche in tv determinati passaggi della vita della mafia e dell’antimafia. Tutti, ed in particolare io lo ho appreso dallo studio analitico degli atti processuali, sappiamo quanto la stessa cosa facesse Paolo Borsellino. Anche in quei maledetti 57 giorni tra Capaci e via D’Amelio in cui aveva altri pensieri per la testa, Paolo Borsellino partecipava ai convegni, è andato a Casa Professa, doveva andare in Veneto, sentiva il bisogno di spiegare che cosa stava succedendo in quel momento tragico della nostra storia. Quindi per favore che dicano quello che vogliono, che attacchino i magistrati, noi siamo qui per farci attaccare, noi andremo avanti comunque. Ma voi parenti dei morti dovete pretendere che non strumentalizzino falsamente la memoria e la condotta dei vostri cari.

Io vi ringrazio, non era programmato il mio intervento, ho detto di getto quello che sentivo di dire, dobbiamo essere tutti coscienti di una cosa: quando ci si avvicina a verità scomode, all’inizio può esserci un grande fermento ed un grande interesse, ma dobbiamo essere coscienti che prima o poi il famoso muro di gomma del silenzio e dell’omertà – alcune volte anche istituzionale – qualcuno tenterà di elevarlo ancora. Dobbiamo essere sereni, forti e compatti, ciascuno nel proprio ruolo e ciascuno con i propri compiti, nel non lasciare nulla di intentato per scoprire tutte le verità.


Antonino Di Matteo (Palermo, 12 dicembre 2009)


Paolo Borsellino, Giovanni Falcone e Antonino Caponnetto.
Sono vivi oggi in altri Uomini delle Istituzioni

Salvatore Borsellino interviene al “No B-day” – Roma, 5 dicembre 2009

Salvatore Borsellino interviene al “No B-day” – Roma, 5 dicembre 2009.

Salvatore Borsellino al No Berlusconi Day from 19luglio1992 on Vimeo.

Salvatore Borsellino: ”Berlusconi si dimetta e si faccia processare”

5 dicembre 2009 – Roma. “Mi sento veramente ubriaco nel sentirmi in questa Italia in cui il puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza e della contiguità ci sommerge mentre qui in questa piazza mi trovo con questo profumo di libertà”. Lo ha detto Salvatore Borsellino in piazza S. Giovanni alla manifestazione “No B Day” che si è svolta oggi a Roma, organizzata per chiedere le dimissioni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

“In questa piazza sento lo stesso profumo di libertà che quest’anno ho percepito in via d’Amelio, quando ho chiamato a raccolta il popolo delle agende rosse a impedire che il luogo di quella strage venisse profanato. Noi 17 anni fa – ha proseguito Borsellino – abbiamo rifiutato i funerali di Stato perché sapevamo che mio fratello non era stato ucciso solo dalla mafia ma era stato ucciso anche da pezzi dello Stato” . “L’anno scorso è venuto a deporre la sua corona di fiori il presidente del senato Renato Schifani”. “Quello stesso Schifani che oggi non vuole parlare dei suoi rapporti societari con dei mafiosi.” La seconda carica dello Stato si ammanta della sua posizione autorevole “per dire che è vilipendio alle istituzioni chiedergli conto di ciò che ha fatto”. “Credo che il vero vilipendio alle istituzioni sia che persone come Schifani possano occupare le istituzioni. Questo è vero vilipendio: che persone come Berlusconi possano occupare poltrone come quella del capo del governo. Io una cosa voglio chiedere a Berlusconi: perché quando si iniziò a parlare del fatto che c’erano dei giudici che a Palermo, a Caltanissetta, a Firenze stavano indagando sulle stragi disse che c’erano delle procure che stavano complottando contro di lui, quando ancora non c’era nessun avviso di garanzia e non si parlava di Berlusconi. Eppure disse che ci sono procure che complottano contro di noi. Io penso che invece sia un’ammissione di colpa”.


Salvatore Borsellino: ”Fuori la mafia dallo Stato”


5 dicembre 2009 – Roma. “Oggi sul capo del governo stanno venendo fuori cose che, fino a oggi, Berlusconi è riuscito a nascondere – ha continuato dal palco del No B. Day, Salvatore Borsellino – circostanze che stanno venendo fuori grazie ai collaboratori di giustizia che ci stanno parlando di quest’uomo e di come è arrivato al potere” affermando la verità “su come è nato il suo partito. Ed è per questo che siamo qui oggi, per dire che la mafia deve essere cacciata dallo Stato. Berlusconi deve esercitare il suo diritto a farsi processare davanti a quei giudici che lui dice di essere dei deviati mentali – ha aggiunto Borsellino – Se non farà questo passo per far dissipare i dubbi su di lui come possiamo accettare un presidente del consiglio che ha trattato con la criminalità organizzata e il cui partito è stato messo in piedi con i capitali della criminalità organizzata? Come possiamo accettare un presidente del consiglio che viene sottoposto al ricatto della criminalità organizzata? Noi non dobbiamo permettere che questo succeda. Non dobbiamo permettere che sia la criminalità organizzata a cacciarlo da quel posto. Perché è questo che, secondo alcuni pentiti, sta succedendo. Dobbiamo essere noi a cacciare Berlusconi dal posto in cui si trova! Pare che la criminalità organizzata lo voglia togliere da quel posto perché non ha rispettato i patti. Sta succedendo quello che è successo a Lima. Adesso forse la mafia ritenendo che non abbia rispettato i patti lo vuole far cadere. Ma io dico: che cosa Berlusconi avrebbe dovuto fare più di questo se tutte le leggi che sono state fatte sono delle cambiali che sono state pagate alla criminalità organizzata?”

Salvatore Borsellino: “La massoneria e la mafia comandano in Italia”


5 dicembre 2009 – Roma. “
Grazie a questo Presidente del Consiglio cosa ne è delle leggi sui collaboratori di giustizia?” Lo ha chiesto Salvatore Borsellino in occasione del “No B Day” svoltosi oggi a Roma. “Lo scudo fiscale – ha poi proseguito il fratello del giudice assassinato in Via D’Amelio – che cos’è se non un riciclaggio di Stato? Tutte queste leggi sono delle cambiali che (Berlusconi, ndr) sta pagando a chi lo ha messo in quel posto”. Salvatore Borsellino ha ricordato poi la gravità della legge sui beni confiscati messi all’asta che verranno ricomprati attraverso quei capitali mafiosi che rientreranno in Italia attraverso lo scudo fiscale. “Non viviamo più in un Paese sorretto dalla Costituzione Democratica – ha con amarezza sottolineato Salvatore – ma in un Paese in cui i principi sono retti dal manifesto di rinascita democratica della P2. Oggi al potere c’è la massoneria e la criminalità organizzata”.


Salvatore Borsellino: ”Saremo noi cento, mille Emanuela Loi a difesa dei giudici antimafia”


5 dicembre 2009 – Roma. “Berlusconi dice che le indagini in cui i giudici complottano contro di lui sono vecchie storie – ha detto Salvatore Borsellino al “No B Day” – Ma sono vecchie storie un giudice che mentre suonava il campanello della madre è stato fatto a pezzi? Sono vecchie storie i pezzi di Emanuela Loi che sono stati mandati dentro una bara a Cagliari con tanto di fattura di trasporto? E’ lo stesso Stato che paga i voli di escort e prostitute”. “Quei ragazzi sono eroi – ha gridato Salvatore Borsellino da piazza S. Giovanni – e non Vittorio Mangano!”
Poi, riferendosi direttamente al capo del Governo, ha detto: “Quelli sono i tuoi eroi! I nostri eroi hanno un altro nome, si chiamano: Agostino Catalano, Claudio Traina, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Cusina. Sono i ragazzi che facevano la scorta a Paolo. Ragazzi che come tanti altri si erano messi in fila dietro la sua porta per chiedergli di fare la sua scorta. Erano servitori dello Stato che si mettevano in fila per andare a morire. Andate dai vostri eroi! Andate sulla tomba di Vittorio Mangano a mettere le vostre corone. Le mie agende rosse non vi faranno mettere più piede in via d’Amelio!”
“Oggi – ha concluso Salvatore Borsellino – in mezzo a queste agende rosse ci sono mille Emanuela Loi, mille Walter Cusina… E sono questi i ragazzi con cui noi faremo la scorta a quei giudici che finalmente stanno cercando di togliere il velo su queste stragi. Faremo la scorta a Sergio Lari, faremo la scorta ad Antonio Ingroia, a Nino Di Matto…. Questi giudici non ce li potranno uccidere! Perché queste persone noi le onoriamo e di loro abbiamo fiducia. Che Berlusconi vada via dall’Italia. Vogliamo che in questo Paese si ritorni a sentire il fresco profumo di libertà che oggi sento in questa piazza”.

Fonte: Antimafiaduemila.com

Salvatore Borsellino: “Mafia, su quei soci arrestati Schifani deve rispondere”

Fonte: Salvatore Borsellino: “Mafia, su quei soci arrestati Schifani deve rispondere”.

Scritto da Marco Lillo

Salvatore Borsellino: “Basta silenzi”

Vertigine. Salvatore Borsellino non trova altri termini per descrivere la sensazione provata quando si è affacciato sul passato di Renato Schifani. “Quando ho letto le inchieste del vostro giornale sul presidente del Senato sono stato preso da una specie di vertigine nel vedere quanti e quali sono stati i coinvolgimenti di Schifani nel passato con persone che poi sono state arrestate con accuse gravissime”.

Cosa pensa dei fatti rivelati nelle nostre inchieste?
La mia considerazione è questa: è terribile che la seconda carica dello Stato, che potrebbe essere chiamata a fare supplenza al presidente della Repubblica, abbia avuto simili trascorsi societari con persone che poi sono state condannate per mafia e altri reati. È qualcosa di incredibile soprattutto perché rispetto a questi suoi trascorsi Schifani non ha dato spiegazioni. E quando qualcuno, come ha fatto Marco Travaglio, gli ha ricordato il suo passato   , lui si è ammantato della sua carica per denunciare una sorta di vilipendio delle istituzioni. Ma il vero vilipendio alle istituzioni è la sua permanenza in quella carica. Se non risponde deve dimettersi immediatamente.


Eppure nessuna voce critica si è levata dall’opposizione
.
Io penso che in Italia l’opposizione ha rinunciato a fare il suo compito. A parte un piccolo partito come l’Idv, i cittadini si devono affidare a Veronica Lario o a Gianfranco Fini, per sentire qualcuno che richiami il presidente del Consiglio al rispetto delle istituzioni. Ecco, io un atteggiamento del genere non lo trovo nei partiti che dovrebbero rappresentare l’opposizione. Ed è proprio questa assenza che ci ha portati a vivere in un regime.


Schifani, ai suoi collaboratori, ha detto: sono storie vecchie e poi io ero solo un avvocato e non un politico.

Io ritengo che questa giustificazione può valere per un avvocato qualsiasi. Ma qui stiamo parlando del presidente del Senato. Schifani è coinvolto per esempio in una vicenda, quella del palazzo di piazza Leoni, nella quale c’è stata una prevaricazione di un costruttore poi condannato per mafia nei confronti di persone come le sorelle Pilliu che ora addirittura sono incriminate per il crollo delle loro case, avvenuto dopo che il costruttore mafioso gli aveva buttato giù il tetto. In questa vicenda, mi par di capire dai vostri articoli, ci sono stati provvedimenti amministrativi e condoni che implicavano quel palazzo. Siamo alla legge che tutela i forti e i prepotenti e si accanisce contro i deboli.


Cosa dovrebbe fare Schifani?

Lasciamo perdere il passato, perché anche i delinquenti devono avere qualcuno che li difende. Ma ora è il presidente del Senato. Schifani deve prendere le distanze, rispondere alle domande e spiegare. Il suo silenzio è una cosa gravissima.


Schifani è stato socio nel 1979-1980 di soggetti poi condannati per mafia come Nino Mandalà e Benni D’Agostino. Lui si è giustificato dicendo che erano tutti “insospettabili” e “sulla breccia”. Addirittura “di grande spicco perché legati al presidente Giuseppe La Loggia.   Lei è palermitano. Davvero questo era il meglio della borghesia di Palermo?

Questa è veramente la cosa più grave della vicenda. Paolo diceva che la mafia non è forte perché ci sono Riina e Provenzano ma perché c’è una borghesia che con la mafia fa affari e collude. Il problema è proprio “il meglio di Palermo”, questa gente che con la mafia fa affari e mantiene le mani pulite. Se Schifani vuole giustificarsi dicendo che lui si è fidato di questa borghesia, non è una cosa a suo favore. E poi sono stufo di sentire   parlare di cose vecchie, come ha fatto anche Berlusconi sulle stragi. Bisogna ricordare che per noi queste cose non saranno mai vecchie. Anche perché non si tratta di mafiosi di piccolo calibro. Nella vicenda di piazza Leoni, per esempio, avete raccontato che Bagarella e Brusca, gli autori delle stragi, andavano lì per farsi adattare l’appartamento in costruzione e poi farci la latitanza. Parliamo di cose gravissime. Schifani non c’entra ma sulla sua frequentazione, anche per ragioni professionali, con i costruttori deve dare una risposta   .


C’è una coincidenza in questa storia. Paolo Borsellino, ha perso le ultime ore della sua vita ad ascoltare le sorelle Pilliu che parlavano del palazzo di piazza Leoni. Mancavano pochi giorni alla strage di via D’Amelio. E, proprio da piazza Leoni è partita, secondo la sentenza di condanna, la Fiat 126 imbottita di tritolo che lo ha ucciso. Suo fratello forse aveva intuito l’importanza di quel palazzo?

Certamente alcuni nomi che avrà sentito dalle Pilliu possono averlo interessato. Ma conoscendo la grande umanità di Paolo, gli sarà bastato vedere due persone deboli che denunciavano una simile prevaricazione per fare scattare una molla nella sua testa.


Allora Schifani stava dall’altra parte e difendeva legalmente il costruttore.

E nessuno può condannarlo per questo. Ma Schifani oggi deve rispondere. Non come avvocato ma come presidente del Senato.


In passato Schifani ha commemorato   la morte di suo fratello e dei 5 agenti della scorta in via D’Amelio, dove abitava fino a pochi mesi fa. Il suo palazzo è stato costruito da una cooperativa nella quale Schifani è stato socio insieme con una trentina di persone, tra le quali c’erano alcuni familiari e affini di mafiosi, compreso un imprenditore legato al clan di Riina.

Il 19 luglio del 2008 io ero a via D’Amelio. Quando arrivò Schifani ebbi l’impulso fortissimo di andargli incontro per dirgli di non profanare quel luogo e per chiedergli di andare a deporre quella corona di fiori sulla tomba di Mangano. Mi fermai solo perché era arrivata in quel momento mia cognata Agnese e volevo evitarle un dispiacere. Quel giorno stesso giurai che quella profanazione non sarebbe mai   più avvenuta. Il 19 luglio di quest’anno ho organizzato la manifestazione delle agende rosse. Ed è bastata la notizia per far sì che nessuno si presentasse. Finché io sarò in vita Schifani non dovrà presentarsi a commemorare mio fratello.

Marco Lillo (il Fatto Quotidiano, 4 dicembre 2009)

Reportage su “I rapporti tra mafia e stato” – Londra, 14 novembre 2009

Fonte: Reportage su “I rapporti tra mafia e stato” – Londra, 14 novembre 2009.

Servizio sulla conferenza “I rapporti tra mafia e stato” che si è tenuta all’UCL  University di Londra il 14 novembre 2009 e alla quale hanno partecipato Salvatore Borsellino, Gioacchino Genchi e John Dickie. Il servizio è a cura di Paola Bonfanti e Daniele Fisichella, la camera ed il montaggio a cura di Marco Granese.

Le AGENDE ROSSE a Roma al “No Berlusconi Day” per una NUOVA RESISTENZA

Fonte: Le AGENDE ROSSE a Roma per una NUOVA RESISTENZA.

Ci ho riflettuto a lungo ma alla fine ho capito che non possiamo non partecipare alla manifestazione del 5 Dicembre a Roma.  La spinta finale a questa decisione è stato l’incontro a Londra con i ragazzi italiani costretti a lasciare un paese che non riesce ad assicurare loro un lavoro per andare a lavorare in Inghilterra, costretti a lasciare il loro paese per andare in un “altro paese” a cercare una stampa libera, dei mezzi di informazione non monopolizzati e asserviti, un parlamento in grado di votare delle leggi, una democrazia e non un regime mascherato da democrazia, un paese governato da un premier e non da un satrapo, un paese nel quale la legge è, per quanto possibile, ancora eguale per tutti, un paese in cui i magistrati sono rispettati e non vilipesi e quotidianamente aggrediti e minacciati, un paese in cui le leggi che vengono votate servano per tutti e non per uno soltanto. E che purtroppo in questo paese devono anche subire lo scherno di chi non riesce a capacitarsi di come gli Italiani abbiano potuto scegliere e continuino in buona parte a sostenere un uomo, il capo del Governo, che per loro è un personaggio da operetta mentre in realtà, per noi, è il protagonista e l’artefice della nostra tragedia.
Non è stata un decisione semplice la mia, personalmente ritengo che continuare ad accusare il presidente del Consiglio di frequentazioni di minorenni, di utilizzo di prostitute pagate dai suoi lacchè, di compenso di prestazioni sessuali tramite nomina a posti di governo e via  andando non sia che una maniera di far perdere di vista il vero problema, cioè che questo governo sta continuando a pagare le cambiali di una trattativa conclusa con la criminalità organizzata e condotta da una delle due parti a forza di bombe e di stragi per alzare il prezzo della trattativa stessa e indurre, chi aveva avuto l’oscena idea di avviare questa trattativa ad una resa incondizionata.
Si continua a discutere di processo Mills, di processo breve, di lodi di vario nome, quando il vero problema è che chi è alla guida del governo dovrebbe essere indagato per essere uno dei mandanti occulti delle stragi del ’92 e del ’93 e dovrebbero essere messi alla luce i suoi rapporti con la criminalità organizzata. Quella criminalità organizzata che oggi gode i frutti di quella trattativa e che farebbe fare la fine di Salvo Lima a chi i patti stipulati non li rispettasse fino all’ultimo.
Questa manifestazione non è organizzata dai partiti, è nata spontaneamente dalla rete, dall’iniziativa di alcuni bloggers, e noi che dalla  rete  siamo partiti e che che la rete utilizziamo come base operativa per le nostra battaglie, che utilizziamo la rete come i partigiani utilizzavano le montagne, non possiamo restare nelle nostre postazioni ad osservare i nostri compagni che si buttano in questa battaglia.
Dobbiamo prendere le nostre armi, le nostra agende rosse levate in alto, e andare a combattere anche noi. Abbiamo combattuto e abbiamo vinto a Palermo, abbiamo impedito agli avvoltoi di posarsi ancora sul luogo della strage, abbiamo combattuto e abbiamo vinto a Roma, da soli con  le nostre Agende Rosse abbiamo riempito delle nostra grida di RESISTENZA le strade e le piazze di Roma, ora, come un corpo speciale, dobbiamo scendere in mezzo agli altri ed essere riconoscibili per evitare che la manifestazione venga strumentalizzata dai partiti, ancora una volta dobbiamo essere noi a strumentalizzare loro.
Questa è una manifestazione della Società Civile e la presenza del nostro simbolo, l’Agenda Rossa, servirà a riaffermarlo.
Noi non chiediamo le dimissioni di Berlusconi, chiediamo che Berlusconi possa essere processato per i suoi crimini e le nostre Agende Rosse saranno in piazza per proteggere quei magistrati che anche sui suoi crimini stanno indagando e che per questo sono ad alto, altissimo rischio.
Noi dobbiamo essere la loro scorta.