Archivi tag: schifani

Io so. Sonia Alfano.

Da http://www.beppegrillo.it/2009/01/io_so_sonia_alf.html:

video_alfano_ioso.jpg
Sonia Alfano. Manifestazione per la Giustizia, 28 gennaio, Piazza Farnese, Roma

I piduisti hanno occupato i media, questa è la loro forza. Con Vulpio, Gomez o Travaglio alla direzione di un telegiornale non durerebbero due giorni. I palestinesi protestano in Piazza del Duomo per i massacri di Gaza? Si vietano le manifestazioni di fronte allle chiese e ai supermercati agli italiani. Una ragazza si apparta in macchina in campagna con il suo fidanzato ed è stuprata? Ci vogliono 30.000 militari in più nelle città per controllare gli italiani. E’ un pre-colpo di Stato. Si stanno preparando al crack economico che li travolgerà. Gli altri Paesi affrontano la crisi con misure economiche, noi con misure militari. Il ministro della crisi sarà La Russa, non Tremonti.
Mercoledì 28 gennaio abbiamo l’occasione per dare il nostro sostegno alla Giustizia a Roma, dalle ore 9 in piazza Farnese. Io ci sarò.
Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

“Io so che in Parlamento siedono mafiosi, amici di mafiosi, servitori di mafiosi, protettori di mafiosi e lo sanno molte Procure d’Italia, molti giornalisti e anche molti italiani, ma non abbastanza.
Io so che il presidente del Senato, Schifani, è stato consulente al comune di Villabate quando lo stesso comune era sotto il controllo del clan Mandalà, e che dello stesso boss Mandalà Schifani è stato socio nella Siculabrokers.
Io so che il ministro Alfano si è baciato con il boss Crocenapoli al matrimonio della figlia dello stesso boss di Cosa Nostra.
Io so che Marcello Dell’Ultri, pregiudicato per vari reati, è stato condannato in primo grado per mafia e lo stesso Dell’Utri ha detto che Vittorio Mangano, stalliere di Arcore e mafioso, per lui è un eroe.
Io so che ci sono molti magistrati corrotti, mafiosi e amici di mafiosi che vanno a pranzo e a cena con i boss e con i cognati dei boss, eppure loro non sono stati puniti, ma premiati e promossi.
Io so che l’Articolo 3 dice che tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge. So, invece, che quattro cariche dello Stato hanno fatto di tutto per non farsi processare e sono al di sopra della legge.
Io so che l’articolo 21 dice che tutti hanno diritto a manifestare liberamente il proprio pensiero con lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione, la stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.
So purtroppo che questo non è stato mai rispettato, so che non abbiamo una stampa libera e che tantissimi giornalisti sanno, fanno finta di non sapere, chiudono gli occhi e sono asserviti al sistema di potere.
Io so che l’articolo 101 della nostra Costituzione dice che la giustizia è amministrata in nome del popolo e che i giudici sono soggetti soltanto alla legge e non all’abuso della legge o al potere politico.
Io so che Luigi De Magistris, Clementina Forleo, il procuratore Apicella sono stati trasferiti perché hanno osato indagare sui poteri forti, sui politici, sugli imprenditori e gli amici dei politici.
Io pensavo di aver dato a questo Paese ciò che di più grande possedevo, la mia famiglia, e invece mi rendo conto che è stato un sacrificio probabilmente vanificato anche se fatto in difesa di uno Stato di diritto. Ed è stato vanificato con l’instaurazione di questo regime dittatoriale.
Quando guardo il tricolore provo grande rabbia perché identifico il rosso che lo tinge col rosso del sangue dei nostri cari.
Ecco perché per me scendere in piazza oltre che un diritto è un dovere, nei confronti di chi per la nostra democrazia ha perso la vita. Se non mostreremo tutta la nostra indignazione questo regime, in assenza di reazione, si sentirà autorizzato a calpestare la nostra dignità.
Ecco perché invito tutti i cittadini che vogliono manifestare con noi a scendere in piazza, a Roma il 28 gennaio alle 9 in piazza Farnese.” Sonia Alfano

Ps. Aderisci su Facebook alla Manifestazione per la Giustizia a sostegno del Procuratore di Salerno Luigi Apicella

AL DI SOTTO DI OGNI SOSPETTO

Da http://bananabis.splinder.com/post/19592850/AL+DI+SOTTO+DI+OGNI+SOSPETTO

Zorro di Marco Travaglio, l’Unità del 14/01/2009
Mentre salutiamo con giubilo l’avvento del vero leader dell’opposizione Gianfranco Fini, segnaliamo una notiziola da niente pubblicata il 4 dicembre sulle pagine palermitane di Repubblica. Riguarda l’esimio presidente dell’altro ramo del Parlamento. Titolo: «Le rivelazioni dell’ex deputato Mercadante: “Dal cassiere di Provenzano voti a Schifani“». Svolgimento: «L’ex deputato regionale Giovanni Mercadante, detenuto ai domiciliari per associazione mafiosa, rivela un particolare sulla campagna elettorale del 1996: “Ero passato nelle file di Forza Italia e chiesi ai miei amici, tra i quali Di Miceli (arrestato nel 2002 e condannato come cassiere di Provenzano, ndr), di appoggiare Renato Schifani al Senato e, alle regionali, Dorè Misuraca. Non lo dico per danneggiare i miei ex colleghi di partito, ma chiesi ai miei amici di votare per l’uno e per l’altro”… ». «L’ex deputato è accusato di essere stato il medico di Provenzano», che è imputato insieme a lui. È una vera fortuna che Mercadante non abbia chiesto a Di Miceli di appoggiare Di Pietro, o un figlio di Di Pietro, o un cugino di Di Pietro, o la colf di Di Pietro, e soprattutto che non l’abbia poi dichiarato in tribunale. Altrimenti da un mese e mezzo tutti i tg e giornali non parlerebbero d’altro. Porta a Porta andrebbe in onda in versione Telethon non stop. E II Giornale uscirebbe con allegata una Treccani a dispense sul caso. In alternativa, Di Pietro sarebbe presidente del Senato. Invece niente, silenzio assoluto. La libertà d’informazione e il prestigio delle istituzioni sono salvi.

Al Senato c’è Ponzio Pilato

http://www.antimafiaduemila.com/index.php?option=com_content&task=view&id=10656&Itemid=78

di Marco Travaglio – 7 novembre 2008
Dice il presidente del Senato, Renato Schifani, che quando viene sciolto un Comune per mafia, bisogna cacciare non solo sindaci e consiglieri, ma pure “i burocrati, che sono e rimangono collusi”. Parole coraggiose, visto che fino al 1996 Schifani era consulente urbanistico del Comune di Villabate, poi sciolto due volte per mafia.

Resta da capire se la regola vale anche per il Senato. Se deve sloggiare un burocrate ritenuto colluso dal Viminale, non dovrebbe andarsene a maggior ragione un senatore giudicato colluso da un tribunale? È il caso di Marcello Dell’Utri, condannato in primo grado a 9 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Per una coincidenza, lo stesso 30 ottobre, mentre Schifani pronunciava le sacrosante parole, la giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato rinviava al mittente la richiesta del gip di Palermo di autorizzare i giudici d’appello a usare una telefonata fra Dell’Utri e la sorella di un boss, Vito Roberto Palazzolo. Condannato al processo Pizza Connection (istruito da Falcone) per traffico di droga, Palazzolo vive da anni in Sudafrica, dov’è stato raggiunto da un’altra condanna in primo grado per mafia (9 anni anche a lui). La telefonata dimostra, secondo la Dda di Palermo, che “Dell’Utri accetta di incontrarsi con Palazzolo, uomo d’onore di Partinico allora latitante, tramite la sorella Sara”. E “Palazzolo afferma di sapere con certezza che Dell’Utri ha rapporti risalenti con Cosa Nostra e sa dunque cosa fare. Utilizza la frase convenzionale: ‘Non devi convertirlo, è già convertito'”. A Cosa Nostra. Perché Palazzolo cerca Dell’Utri? Perché, tramite lui e “il Presidente” (Berlusconi), conta di “alleggerire la sua posizione processuale e ammorbidire le richieste di rogatoria e di estradizione” pendenti sul suo capo. La telefonata-clou è quella intercettata fra Dell’Utri e Sara Palazzolo (anche lei imputata per mafia) sull’utenza della donna il 26 giugno 2003. Ma per la legge Boato, incredibilmente approvata sei giorni prima, il 20 giugno 2003, la conversazione non può essere trascritta né usata senza il permesso del Senato. Ora, qualche ingenuo potrebbe pensare che Palazzo Madama abbia dato l’ok all’utilizzo del nastro: se non c’è nulla di grave, tanto meglio; in caso contrario, Schifani potrebbe chiedere le dimissioni del senatore che era pronto a incontrare un boss latitante. Invece no. La giunta, con la sola (e solita) eccezione del dipietrista Luigi Ligotti, ha proposto all’aula di rispedire al mittente la richiesta del gip, sostenendo che avrebbe dovuto inoltrarla la Corte d’appello. Peccato che la legge Boato parli inequivocabilmente di gip (art.6: “. il giudice per le indagini preliminari decide… e richiede l’autorizzazione delle Camere.”). Così, grazie a un cavillo, la telefonata resterà un mistero per tutti: Senato, cittadini, giudici. A meno che non giunga una vibrante protesta del presidente Schifani. Ci contiamo?

Andreotti (mafioso) insedia, Schifani (socio e amico del boss) eletto

Renato Schifani

Ecco un’articolo che ci racconta il passato da dimenticare del nuovo presidente del senato Renato Schifani:
http://www.casadellalegalita.org/index.php?option=com_content&task=view&id=3089&Itemid=26

Con la benedizione della presidenza del mafioso Andreotti, il socio e “collaboratore” del boss di Villabate è ora la seconda carica dello Stato. Quello che il boss Nino Mandalà chiamava “il cornuto” e che gli ha sistemato un bel po’ di affari, Renato Schifani è stato eletto al primo colpo.