Archivi tag: tangenti

Antonio Di Pietro: Via Bettino Craxi, 1934-2000, politico, corrotto, latitante

“se proprio dovete intitolargli una Via che sia un tangenziale, almeno per assonanza (con tangenti) ci ricordiamo il personaggio” (Cit. marco Travaglio).

Fonte: Antonio Di Pietro: Via Bettino Craxi, 1934-2000, politico, corrotto, latitante.

Sui quotidiani di oggi ci sono degli articoli a dir poco interessanti: la menzogna viene spacciata per verità.
Mettono in evidenza che si deve celebrare il decennale di Bettino Craxi: un omaggio di Berlusconi.
Dopo tutto, chi altri poteva omaggiare un latitante, pluricondannato e corrotto che, commettendo innumerevoli reati, ha rovinato sia la credibilità del Paese che quella delle Istituzioni, se non proprio lui, Silvio Berlusconi? Tra simili si ritrovano.
Ebbene, l’Italia dei Valori lo dice forte e chiaro: abbiamo pietà per i morti, ma nessuna pietà per chi mente. Craxi non era una persona in esilio, era un latitante. Nessuno lo ha cacciato. E’ lui che è fuggito per non rispondere delle sue azioni davanti alla giustizia. E’ scappato via perché è stato condannato con sentenza penale passata in giudicato. Era accusato di corruzione e finanziamento illecito ai partiti, cosa di cui i giornali non fanno alcuna menzione per poterlo spacciare come “grande statista”.

Ma quale statista!?

Quello che con la DC della Prima Repubblica ha indebitato oltremodo le casse dello Stato?
Quello che ha dato la possibilità ad una classe imprenditoriale di crescere non in ragione delle proprie capacità imprenditoriali ma delle mazzette che pagava?

Ritengo che questo fine d’anno volga al termine nella maniera peggiore: un anno in cui il fratellastro di Craxi è stato al governo con il solo fine di produrre leggi per non farsi processare. Un anno che viene sublimato, come dice il sindaco di Milano, dedicando una strada o una piazza al ricordo di Bettino Craxi.

E allora facciamola questa piazza: Piazza Bettino Craxi.
Sotto il nome, però, come in tutte le targhe, scriviamoci anche quel che era: “politico, corrotto, latitante”.

MIGLIO COL BENE CHE TI VOGLIO | BananaBis

MIGLIO COL BENE CHE TI VOGLIO | BananaBis.

Signornò di Marco Travaglio, l’Espresso del 30/04/2009

Ci vuole un bel coraggio, alla Lega Nord, per riesunnare il professor Gianfranco Miglio e attribuirgli la paternità della cosiddetta Riforma federalista firmata da Roberto Calderoli, grande esperto di leggi “porcata”. Una riforma che – come ha spiegato, anzi minacciato Renato Brunetta – ci regalerà «20 regioni a statuto speciale». Mìglio invece – l’ha ricordato Massimo Cacciari in un convegno opportunamente disertato da Umberto Bossi – proponeva quattro o cinque macroregioni, per evitare sprechi e particolarismi. Eppure il Carroccio prepara un controconvegno di appropriazione indebita, alla presenza nientemeno che di Bobo Maroni. Per dimostrare, scrive “La Padania”, restando seria, che «il professore ha anticipato tempi, pensiero e polpa dell’azione della Lega». Lo stesso Bossi, il 7 febbraio, si era avventurato in ardite analisi politologiche su “La Provincia” di Como: «Per me Miglio è sempre stato una specie di punto di sicurezza. Con lui potevo parlare e ragionare».
Sempre stato?
Mica tanto.
I due si conobbero nel 1990 (Miglio però non prese mai la tessera della Lega) e divorziarono rumorosamente nei primi mesi del 1994, quando il Carroccio si alleò con Berlusconi, «questo riccone che piace tanto ai cafoni del Sud perché sa far tintinnare i suoi soldi, guadagnati non importa come» (5 febbraio). Lo studioso testimoniò al processo Enimont contro Bossi, imputato per la stecca di 200 milioni targata Ferruzzi-Montedison, e contribuì a farlo condannare.
La sentenza Enimont ricorda come Miglio «ha riferito che, all’approssimarsi delle elezioni del ’92, aveva chiesto a Bossi se disponesse di risorse finanziarie sufficienti per la campagna elettorale e questi gli aveva risposto: “Non ti preoccupare, ci penso io… Ho stabilito buoni rapporti con i Ferruzzi, ci aiuteranno”… Miglio ha detto di essere a conoscenza che ia Lega reperiva risorse finanziarie da imprenditori che  effettuavano finanziamenti illeciti direttamente a Bossi per ingraziarselo».
Poco prima Umberto gli aveva preferito come ministro delle Riforme il pittoresco Enrico Speroni. «Il governo», sentenziò Miglio, «ha un programma demenziale, roba da restaurazione» (17 maggio ’94).
Bossi, con la consueta eleganza, gli diede del «poveraccio», «vecchio fuori di testa che fa un putiferio perché non gli han dato la poltrona». Replica a stretto giro del Prufesùr: «Bossi è un incolto, buffone, arrogante, isterico, arabo levantino mentitore, lo schiaccerò come una sogliola. Se mi si ripresenta lo faccio a pedate nel sedere» (18 maggio), «Un botolo ringhioso attaccato ai pantaloni di Berlusconi», «Se gli dicessero che, per entrare nella stanza dei bottoni, deve travestirsi da donna, correrebbe a infilarsi la gonna e a darsi il belletto» (10 agosto), E il Senatùr, in dolce stil novo: «Me ne fotto delle minchiate di  Miglio», «Arteriosclerotico, traditore», «Ideologo? No, panchinaro», «Una scoreggia nello spazio».
Ora urge convegno, in rime baciate.