Archivi tag: trattativa tra stato e mafia

Intervista a Gaspare Mutolo – Rainews24, 22 marzo 2010

Fonte: Intervista a Gaspare Mutolo – Rainews24, 22 marzo 2010.

Mutolo ricostruisce in studio la propria esperienza dentro Cosa Nostra e come maturò la decisione di collaborare con la Giustizia. Particolarmente interessante la ricostruzione (posizione 36min 20sec) da parte di Mutolo della giornata di mercoledì 1 luglio 1992 quando il collaboratore incontrò il Procuratore Aggiunto di Palermo Paolo Borsellino e cominciò a mettere a verbale le sue dichiarazioni.
Mutolo ribadisce quanto già affermato in sede dibattimentale: Paolo Borsellino tornò sconvolto dal Viminale perchè in quella sede incontrò anche Bruno Contrada, all’epoca numero tre del servizio segreto civile (Sisde) e segnalato da Mutolo a Borsellino come soggetto colluso con Cosa Nostra. Borsellino fu molto turbato dal fatto che Contrada avesse avuto notizia del colloquio investigativo in corso quel pomeriggio tra lo stesso Procuratore Aggiunto e Mutolo, notizia che avrebbe dovuto rimanere assolutamente riservata. “Il problema di Borsellino – dichiara Mutolo – era che un colloquio così segreto e così blindato, al Ministero sapevano che lui era a Roma a interrogare a me. Tanto che ci dicono, il dott. Contrada ci dice ‘Senti, se Mutolo c’ha bisogno di qualcosa noi siamo a disposizione’ “.

Marco Bertelli

Un omicidio e un atto terroristico: la mafia sta trattando?

Fonte: Un omicidio e un atto terroristico: la mafia sta trattando?.

L’assassinio di Fragalà, il Lambro e l’ipotesi di una strategia

Certi silenzi parlano più delle parole. E parlano, ai miei occhi almeno, gli inquietanti silenzi su due gravissimi fatti recenti: l’assassinio, a Palermo, dell’avvocato Enzo Fragalà; l’inquinamento doloso, in Lombardia, del fiume Lambro. In apparenza due fatti del tutto lontani e incomunicabili. Ma che potrebbero anche non esserlo. Sicuramente si tratta di due fatti anomali accaduti in contemporanea. Nel primo caso è stato ammazzato davanti al suo studio un avvocato che si è storicamente distinto per avere tutelato in sede legale i boss mafiosi. Che è stato tra i loro difensori più in vista nel maxiprocesso degli anni Ottanta. E che è poi stato eletto in Parlamento, dove è rimasto per numerose legislature. Nel suo caso l’anomalia balza subito agli occhi. Ucciso una sera davanti al portone del suo studio da un energumeno isolato e munito, così ci è stato raccontato, di casco e di bastone. Ma da quando a Palermo si uccide con un bastone? Forse la città non si è distinta nella sua storia per la facilità con cui i conti vi vengono regolati con le armi da fuoco, si tratti di fatti pubblici o (anche) di fatti privati? O davvero si può credere che ci si presenti a uccidere un personaggio famoso da soli e armati solo di un randello, con il rischio, fra l’altro, che la vittima designata riesca a scappare, a premere un tasto o che passi qualcuno d’improvviso? E soprattutto: ma quale individuo isolato ucciderebbe a Palermo un legale dei clan?

Si è fatta l’ipotesi di un pazzo omicida. Certo. Solo che l’avvocato Fragalà era stato indicato come uno dei possibili bersagli di Cosa Nostra ai tempi del celebre striscione esposto allo stadio della Favorita, quello in cui Berlusconi veniva invitato a ricordarsi della Sicilia riferendosi al 41-bis, ossia al carcere duro, vera ossessione dei clan. Solo che il tema del carcere duro continua a tornare come un martello anche nelle sedi processuali. Solo che le promesse non mantenute e il preteso scarso impegno degli avvocati in Parlamento sono stati oggetto di ripetute e pubbliche lamentele nonché di allusive minacce da parte dei boss, di cui si trova conferma anche in qualche narrazione dei collaboratori di giustizia. Se poi Fragalà davvero stava assistendo alcuni imprenditori in via di dissociazione da Cosa Nostra, questo non ha potuto che esporlo ancora di più. Un messaggio di sangue, dunque. Il più volte temuto messaggio a una classe forense ritenuta contigua o più organica alla difesa dei boss in sede giudiziaria. Questo potrebbe essere l’assassinio di Fragalà.

E questa consapevolezza intuitiva è sembrata affiorare nelle dichiarazioni e soprattutto nelle mezze frasi corse qualche giorno dopo, durante l’assemblea dei legali al Palazzo di Giustizia palermitano. Come se si fosse ricevuto il segno di un’impazienza giunta all’ultimo stadio, e che la decisione di mandare all’asta i beni confiscati alla mafia non è bastata a sedare. E che, evidentemente, non bastano a sedare le generosissime falle amministrative che vengono ovunque denunciate nella gestione del 41-bis (ultimi, i liberi convegni in carcere tra i boss Graviano e Schiavone). Soprattutto, forse, di fronte ai ripetuti successi di magistrati e forze dell’ordine nella cattura dei latitanti. D’accordo, potrà dire qualcuno: ma che c’entra il Lambro? In effetti. Può darsi nulla. Ma può darsi molto. Il fatto è che a 1500 chilometri di distanza da Palermo, nella Lombardia dove batte il cuore del potere politico a cui i boss indirizzano da tempo le proprie richieste, è stata provocata una catastrofe ambientale. Non è stato incidente, questo è appurato. Bensì sabotaggio, vero e proprio atto di terrorismo ecologico. I cui danni sarebbero potuti essere immensi e coinvolgere in modo ancor più disastroso il Po e la sua pianura.

Sabotaggio professionale, ci è stato detto. Un atto di terrorismo che ha tutta l’aria di essere stato dimostrativo o punitivo o le due cose insieme. Indirizzato contro qualche interesse locale o contro interessi più ampi? La logica (che non sempre si riflette nei comportamenti umani, questo è vero) suggerisce che l’atto sia stato indirizzato consapevolmente contro la collettività. Un po’ come gli atti di terrorismo compiuti contro il patrimonio artistico. L’assassinio di Fragalà e l’attentato al Lambro-Po sono fatti assolutamente anomali. E quindi non facilmente leggibili dall’opinione pubblica. Dunque, in sé, perfettamente funzionali a un eventuale desiderio di irriconoscibilità da parte degli autori. Che è senz’altro in questo momento (vogliamo ipotizzarlo?) il desiderio di Cosa Nostra. La sua presenza sotto traccia sta scritta nel patto che l’ha traghettata nella Seconda Repubblica.

E d’altronde essa sa perfettamente che per ottenere gli agognati benefici legislativi e amministrativi non può esibire tracotanza delittuosa. Ha imparato che dopo gli scoppi di aggressività criminale lo Stato è costretto a contrastarla di più, a non concederle più niente. Deve usare modalità mascherate e il meno sanguinarie possibili. Assassinio di Fragalà e attentato terroristico, per le forme in cui sono avvenuti, avrebbero dunque i requisiti ideali per minacciare selettivamente. Non il paese, ma chi può e deve capire. E purtroppo i silenzi clamorosi non aiutano a stare tranquilli. Perché, ad esempio, il ministro Alfano, che – oltre a governare la Giustizia – bene conosce la Sicilia, ha detto e mai più ridetto che stanno tornando i tempi più bui? Perché si levano allarmi e grida continue contro i clandestini e ogni più piccolo attacco alla nostra sicurezza ed è passato invece nel più gelido silenzio governativo un terribile atto di terrorismo? Siamo davanti alla coincidenza (possibile) di due fatti separati o a qualcosa che sa di strategia e di trattativa?

Fonte: il Fatto Quotidiano (Nando Dalla Chiesa, 25 marzo 2010)

Antimafia Duemila – Sabella: ”Patto mafia-Stato? Potevamo scoprire tutto 10 anni fa”

Antimafia Duemila – Sabella: ”Patto mafia-Stato? Potevamo scoprire tutto 10 anni fa”.

di Nicola Biondo – 25 luglio 2009
Il patto tra stato e mafia? Chi ha lavorato come me da magistrato in Sicilia lo ha visto nel corso degli anni. Si è estrinsecato in mille modi… Io ne sono stato una delle vittime».

Alfonso Sabella, 46 anni, ex pm della Procura di Palermo negli anni ’90, ha arrestato decine di boss latitanti di Cosa nostra: da Giovanni Brusca a Leoluca Bagarella da Pietro Aglieri a Vito Vitale.
Il cacciatore di mafiosi, il giudice-sbirro, come si autodefinisce, dal suo ufficio al tribunale di Roma segue con enorme interesse le indagini dei suoi colleghi siciliani. Con un rimpianto: «Tutto quello che sta avvenendo oggi potevamo scoprirlo 10 anni fa. Abbiamo perso un occasione ma sono fiducioso».

Dottor Sabella perché questo rimpianto?
«Perché che ci fu una trattativa a cavallo delle stragi di Capaci e via D’Amelio lo avevano capito anche i sassi. Ma precise volontà che hanno creato un tappo alle indagini».

Si riferisce al papello a quella lista che Riina secondo alcuni testimoni avrebbe inviato allo Stato?
«Anche. Questa vicenda che adesso sembra una spy-story è fatta di sangue e trattative, di cui qualcuno dovrebbe sentire il peso morale».

Si riferisce al generale Mori o all’ex ministro Mancino che solo oggi ammette che la mafia provò a trattare?
«Posso solo dire che avviare una trattativa embrionale dopo la strage di Capaci con i corleonesi significava mandare automaticamente un messaggio: che il metodo stragista è pagante. Anche se mi rimane un dubbio. Mi sono sempre chiesto se uomini dello stato non abbiano avvicinato emissari della mafia subito dopo il delitto Lima, due mesi prima della strage di Capaci. Quella morte è davvero uno spartiacque. Quel delitto presuppone la fine di un patto e l’avvio di una trattativa».

E arriviamo a Capaci.
«A via D’Amelio. Perché vede Capaci ha di eclatante solo la modalità. Tutti i mafiosi dicono che nelle riunioni preparatorie si parlava di Falcone e di uccidere i politici che avevano tradito. Ma non parlano di Borsellino come di un obiettivo preciso. È la strage del 19 luglio ad essere completamente anomala. Apparentemente il peggior affare di Cosa nostra. Riina dai colloqui che Ciancimino intratteneva aveva capito che il sangue era il mezzo con il quale arrivare ad un patto. E per favore non si dica più che fu una vendetta perché il governo aveva emanato il 41bis. Quel decreto non aveva i numeri per poter essere convertito in legge. E invece con la strage cambia tutto e si apre il carcere duro per i mafiosi».

Qual è la sua idea allora?
«Brusca e altri ci dicono che la fissazione di Riina era ottenere la revisione del maxiprocesso che aveva condannato all’ergastolo proprio Riina. Dal carcere davanti ai giornalisti nel 1994 il boss dice: “Perchè quando esco che ho la moglie ancora giovane”. Borsellino non avrebbe mai accettato nulla del genere. Ma vorrei aggiungere una cosa».

Prego.
«Con le norme attuali oggi quel processo voluto fortissimamente da Falcone e Borsellino e pochi altri si risolverebbe in una pioggia di assoluzioni. Se si fosse arrivati alla revisione con le norme attuali Riina sarebbe stato assolto».

Cosa pensa dell’uscita di Riina su fatto che la strage di via D’Amelio non è cosa sua?
«Forse ha capito, o qualcuno gli ha suggerito, che questo è il momento di intorbidare le acque. Non ho mai avuto dubbi che la strage sia stata messa in piedi dagli uomini più fidati di Riina. Tutto si basa sul racconto di Scarantino ma chi lo ha indotto a mettersi in mezzo? L’ho interrogato a lungo. Non gli ho dato credito nemmeno quando si accusava di omicidi. Quella strage è ideata e attuata da uomini di Riina: i Graviano e i Madonia. E serviva ad alzare il prezzo della trattativa».

Poi però Riina finisce nella rete.

«Certo è il sacrificio umano che Provenzano compie. È lui che dopo via D’Amelio si intesta la trattativa ma su altre basi. Basta con il sangue – dice al popolo di cosa nostra – e non impedisce al Ros, che ha ricevuto la soffiata giusta da persone legate a lui, l’arresto del suo compare Riina».
È anche strano che Di Maggio, quello che ha fisicamente indicato Riina al Ros dica che Provenzano è morto e quindi è inutile cercarlo.
«Mi limito a rivelare che il RoS di Mori e Subranni dall’arresto di Riina in poi non fa più un’operazione degna di questo nome».

Il nuovo patto si consolida con l’arresto di Riina?
«È un passaggio fondamentale ma non è l’unico. Il primo aprile 1993 c’è una riunione di tutti i capi per decidere le stragi. Provenzano ha già fatto sapere che non le vuole in Sicilia e non partecipa. La risposta di Bagarella è chiara: perché il mio paesano non se ne va in giro con un cartello al collo e ci scrive pure che lui con le stragi non c’entra”….»

Si dissocia insomma.
«Ecco, la parola dissociazione va di pari passo con la trattativa. E intanto Provenzano conquista la leadership e macina ricchezza. Poi nel 1997 c’è un altro indizio di questo accordo».

Quale?
«Il fatto che il pentito Di Maggio, gestito dal Ros, scatena una guerra contro i suoi nemici utilizzando come manovalanza mafiosi che risultano essere confidenti dello stesso Ros. E parte la polemica contro la nostra procura e i pentiti perché Di Maggio è proprio quello che ha raccontato il famoso bacio di Riina ad Andreotti. E mentre noi indaghiamo su queste vicende la Procura di Caltanissetta affida in esclusiva allo stesso Ros di Mori le indagini sui mandanti esterni delle stragi».

E anche qui c’è un filo che lega molte cose. E si arriva all’altro obiettivo della trattativa. Quale?
«La dissociazione di cui il capo della procura di Caltanissetta Giovanni Tinebra, tra i tanti, è convinto assertore».

Di cosa si tratta?

«È una vecchia idea che viene suggerita a Provenzano. I mafiosi devono fare una dichiarazione in cui si arrendono ma non sono costretti a fare i nomi dei loro complici. In compenso escono dal 41 bis ed evitano qualche ergastolo».

Chi e quando la propone?

«Ne aveva parlato Ilardo per primo nel 1994. Poi nel 2000 otto boss fanno sapere che vogliono dissociarsi e chiedono un legge ad hoc. Io sono al Dap. Mi oppongo a questa soluzione e con me ci sono Caselli e il ministro di allora Fassino».

E finisce li?
«No, perché la cosa si ripropone di nuovo nel 2001 quando scopro che questa volta sono coinvolte tutte le mafie italiane a chiedere la dissociazione e che l’ambasciatore è salvatore Biondino legatissimo a Riina. Solo che stavolta pago la mia opposizione e il mio ufficio viene soppresso proprio da Tinebra che intanto aveva sostituito al Dap Caselli. Molto tempo dopo si scopre ed è tutt’ora oggetto di un’inchiesta della procura di Roma che il magistrato che Tinebra ha messo al mio posto al Dap collaborava proprio con il Sisde di Mori nella gestione definita anomala di alcuni detenuti e aspiranti collaboratori di giustizia».

In che modo ha pagato?
«Sono passato alla storia non come quello che ha arrestato Brusca e gli altri ma come il torturatore di Bolzaneto…. Questa macchia mi è rimasta e il Csm, guarda caso diretto da Mancino, occulta i documenti che provavano la mia estraneità ai fatti di Genova ed emette nei miei confronti un provvedimento infamante. E fa di più: quando mi lamento di tutto questo dal Csm viene comunicata all’Ansa la notizia che mi sarei candidato nelle liste di AN. Una falsità.

Quando inizia a capire di stare pagando quel no alla trattativa?

«Quando vengo a sapere che i servizi, con Pio Pompa legato alla Telecom, aprono un fascicolo su di me. Era parte di un operazione che coinvolgeva anche politici e altri colleghi. Ho chiesto di essere tutelato dal Csm. Ma sono stato lasciato solo».

Lei dice di essere una vittima di questo patto che Provenzano avrebbe sottoscritto con uomini dello stato in cambio di una nuova pace e molto silenzio. Secondo lei si riusciranno a trovare delle prove?

«Non credo che Provenzano abbia lasciato prove. Credo che ci siano responsabilità morali in questa storia e una serie di vicende ancora da chiarire. Ma una cosa la so: con la mafia non si tratta perché nel migliore dei casi, come il messaggio di Riina dimostra, ci si pone sotto ricatto».

Intervista ad Alfonso Sabella – 22 luglio 2009

Quest’intervista è un documento straordinario

Intervista ad Alfonso Sabella – 22 luglio 2009.

Proponiamo agli utenti del sito la trascrizione integrale dell’intervista rilasciata il 22 luglio 2009 dal dott. Alfonso Sabella ai curatori del BLOG Lapillolarossa. Il dott. Sabella, già membro del pool antimafia guidato dal dott. Giancarlo Caselli negli anni novanta a Palermo, rilascia delle dichiarazioni molto significative sulla trattativa intercorsa tra Cosa nostra e pezzi dello Stato a partire dalla stagione delle stragi del 1992 ed evidenzia quali possano essere i limiti della sola azione penale nell’individuazione dei mandanti ed esecutori di quelle stragi.


Fonte: meetup625

Fonte: meetup625

Giornalista: Buonasera Dr. Sabella e grazie per la disponibilità che ci sta dando.
Dr. Sabella: Buonasera.


Giornalista
:
Allora, parliamo di quello che sta accadendo in questo momento nei processi contro la mafia. Riina dopo anni di silenzio si mette a parlare. Lei di quello che sta dicendo Riina cosa pensa?
Dr. Sabella: Guardi io di quello che dicono i mafiosi mi interessa poco o nulla perchè normalmente quando dicono qualcosa hanno un secondo fine e non bisogna mai fermarsi alle parole che dicono ma bisognerebbe cercare di capire dove vogliono arrivare. E’ chiaro che Riina che si tira fuori dalla strage di via D’Amelio e accusa altri di averla eseguita è una vera e propria boutade perchè decisamente non possono esserci dubbi sul fatto che gli esecutori materiali di quella strage siano stati mafiosi e che quella strage avesse comunque una forte componente mafiosa. Poi se in quella strage si sono sommati altri interessi è un discorso che probabilmente la magistratura avrebbe dovuto accertare, ma sappiamo perfettamente come nel nostro paese le indagini su questo tipo di delitti raramente riescono ad andare al di là di quelli che sono gli esecutori materiali. Per quanto riguarda invece quello che sta emergendo negli ultimi giorni direi che non c’è assolutamente nulla di nuovo, sono cose che almeno sul piano personale io sapevo già almeno dall’agosto 1997. Sono cose insomma sostanzialmente, assolutamente non nuove. Non c’è nessuna novità, se non che ci sono le dichiarazioni di Spatuzza che vanno a confermare quelle che erano nostre, almeno mie intuizioni investigative. Posso solo far presente che nel libro che ho pubblicato, “Cacciatore di mafiosi”, avevo subito segnalato in epoca, tra virgolette “non sospetta” che gli esecutori materiali della strage di via D’Amelio che la Magistratura, che la Suprema Corte di Cassazione aveva indicato nel gruppo di fuoco della Guadagna o di Santa Maria di Gesù diretto da Pietro Aglieri, invece a mio giudizio erano estranei a quella strage perchè era una strage che andava ricondotta a persone molto più legate a Salvatore Riina, quale erano i Graviano di Brancaccio, gruppo di cui faceva parte appunto Spatuzza.


Giornalista
:
Poi c’è questa famosa lettera ritrovata dopo anni in un cassetto dove c’è scritto che la mafia chiedeva all’Onorevole Berlusconi una televisione in cambio di tranquillità, di questa cosa…
Dr. Sabella: Guardi io qua sopra so poco o nulla perchè sono delle cose nuove, devo dire però delle cose nuove, delle acquisizioni probatorie nuove. Devo dire che già negli anni in cui ero a Palermo c’era un filone di indagini che andava in questa direzione nel senso che, di una possibilità, di una richiesta di Cosa Nostra di avere un contatto con l’Onorevole Berlusconi, con Forza Italia nel momento famoso della discesa in campo, parlarono diversi collaboratori di giustizia. Devo dire che le nostre indagini, ed è corretto dirlo, si sono arrestate alla richiesta, non abbiamo all’epoca almeno, non abbiamo avuto nessun tipo di riscontri, non abbiamo una risposta che sia arrivata. Sapevamo però che da parte di Cosa Nostra era scattato questo contatto ma era assolutamente naturale perchè se andiamo a vedere qual’era il cima politico in quel momento, clima di disfacimento dei vecchi partiti politici, Cosa Nostra aveva bisogno di creare nuovi referenti politici. Tant’è vero che, e lo abbiamo accertato, in un momento di vuoto cerca addirittura di fondar se stessa un partito, che è Sicilia Libera, ed inserire uomini direttamente suoi in Parlamento voltando quello che era stato il rapporto tradizionale tra mafia e politica. Evidentemente questa cosa di Sicilia libera non andò in porto. Quindi è ampiamente verosimile, anzi sarebbe impensabile che non fosse avvenuto che Cosa Nostra in quel momento abbia cercato altre sponde politiche ed è possibile che una di queste sia stata, l’abbia ricercato nel nuovo partito che si affacciava all’orizzonte politico italiano che era Forza Italia.


Giornalista: Ma guardi su quella lettera c’è scritto Onorevole Berlusconi quindi due son le possibilità: o la lettera è stata scritta quando Berlusconi era già stato eletto oppure era un elezione presunta quella, no?
Dr. Sabella: Beh insomma, realisticamente nel momento in cui Silvio Berlusconi si candidava era assolutamente fattibile che sarebbe stato eletto come Onorevole in Parlamento. Quindi la cosa non sconvolge più di tanto. Sicuramente quella lettera va datata in un periodo immediatamente successivo alla discesa in campo di Berlusconi o immediatamente successiva alle elezioni, insomma questo mi pare abbastanza intuibile. Però è possibile anche che lo abbiano chiamato Onorevole, le faccio un esempio: io da quando sono al liceo, essendo figlio di avvocati vengo chiamato avvocato. Poi alla fine l’avvocato l’ho fatto un paio d’anni, ma ancora oggi al paese mi chiamano avvocato, insomma.

Giornalista: Certo, capisco cosa vuole dire. Sicuramente la cosa più brutta è che è rimasta nel cassetto per anni questa cosa. Pare che addirittura all’epoca dei rilievi i carabinieri abbiano annotato l’esistenza di questa lettera ma che poi nessuno abbia approfondito la cosa…
Dr. Sabella: Guardi non mi faccia far polemiche nei confronti dei miei colleghi, anche perchè non le meritano perchè per quello che li conosco io sono dei colleghi abbastanza seri e soprattutto molto, molto preparati. Io non so che cosa sia successo, certamente una riflessione va fatta. La riflessione è che purtroppo la magistratura ha dei limiti e il nostro paese potrebbe avere un interesse a sapere delle notizie che però non sono strettamente connesse con fatti di reato. Quello che è mancato nel nostro paese non è stata l’azione, mi scusi lei fa sostanzialmente il giornalista, non è stata l’azione dei magistrati ma è stata l’azione dei giornalisti e degli storici. Nel senso che tante cose, come le ultime notizie che sono emerse nei giornali, ma che noi magistrati conoscevamo, glielo ripeto, già 12 anni fa, almeno a partire dall’agosto del 1997. Tutta questa vicenda era per noi assolutamente chiara. Questa vicenda qua potrebbe non avere per noi nessun rilievo di carattere penale bensì avere dei rilievi di carattere, tra virgolette “morale, politico e storico”. Quello che è mancato è stato qualcuno che abbia, si sia passato il tempo di andare a fare una ricostruzione storica di quegli anni. Perchè non ci sono solo responsabilità penali nel nostro paese, ci sono anche altri tipi di responsabilità. Il nostro purtroppo, da questo punto di vista non è un paese particolarmente maturo, insomma. A differenza degli Stati Uniti d’America, che non è che ami particolarmente, ma che da questo punto di vista sono decisamente molto più avanti di noi.

Giornalista: Certo. Da noi le responsabilità non penali a volte vengono concepite come nulla talvolta, come se non fossero responsabilità. Mentre molto spesso sono pesantissime responsabilità politiche.
Dr. Sabella: Potrebbero essere addirittura molto più gravi di quelle penali, tra virgolette. Vede, in tutta questa vicenda la magistratura, secondo me, se si ferma a questo, a questi discorsi che sono stati pubblicati sui giornali, devo dire che a mio giudizio c’è ben molto, molto di più. Io adesso non faccio più quel lavoro  (magistrato inquirente, ndr) e non per mia scelta ma diciamo perchè per un momento mi sono infilato in mezzo alla trattativa che ho bloccato e quindi ho pagato sul piano personale questa vicenda, ma l’ho pagata molto caramente. Ma devo dire la verità, mi posso guardare in faccia tranquillamente allo specchio la mattina e non devo niente a nessuno, non sono iscritto alle correnti della magistratura, sono assolutamente autonomo e sono felice di esserlo.



Giornalista
:
Di che trattativa parla?
Dr. Sabella: La trattativa che c’è stata tra lo Stato e Cosa Nostra.
Giornalista: Ah, okay, okay.
Dr. Sabella: E che questa trattativa sia andata avanti per anni è una cosa assolutamente pacifica. Quali poi che siano gli sviluppi, quali siano state le risposte, ma che comunque da parte di qualche organo dello stato non ci sia mai stata un’interruzione forte della trattativa e che Cosa Nostra abbia posto in essere qualche attentato al fine di agevolare o comunque al fine di alzare il prezzo di questa trattativa io lo do assolutamente per scontato e sono pronto anche a dimostrarlo laddove dovesse essere necessario. Io dico che questa trattativa ha avuto vari sviluppi, ha avuto varie evoluzioni storiche, l’ultimo pezzo di questa trattativa di cui io sono a conoscenza riguarda verosimilmente un tentativo di trattativa di Cosa Nostra con pezzi dello Stato al fine di ottenere la dissociazione. Io mi sono imbattuto in questo pezzo di trattativa, ritengo d’averla bloccata, ritengo di essere stato io ad averla bloccata, sia quando ero al dipartimento amministrazione penitenziaria in due distinte occasioni. Nella seconda occasione, il giorno dopo che ho bloccato e che ho rilevato questa trattativa, il mio ufficio è stato soppresso e io sono stato mandato a disposizione del Consiglio Superiore della Magistratura e devo dire la verità: il Consiglio Superiore della Magistratura non m’ha nemmeno trovato un posto a Roma perchè per me non ci potevano essere posti a Roma e mi hanno spedito a Firenze anche se all’indomani poi che mi mandano a Firenze, a Roma spuntano stranamente due posti, giusto giusto l’indomani a quelli che io scelgo. Fino a quel momento quando sceglievo io non c’erano posti. Ma lasciamo perdere questa vicenda perchè non voglio, glielo ripeto, non voglio far polemiche. Quello su cui invece bisogna interrogarsi è un discorso molto più complesso e riguarda il fatto che questo che è emerso potrebbe al massimo portare al rilievo di alcune fattispecie di reato di minima entità, qualche falso in atto pubblico, qualche abuso d’ufficio, reati tra l’altro, ampiamente prescritti visto che siamo nel 2009 e questi fatti risalgono a 17 anni fa. Il problema è, bisognerebbe vedere, bisognerebbe che gli storici, i politici ed i giornalisti andassero a ricostruire, se ne hanno voglia, quelle realtà. Però le dico anche una cosa, sono realtà che per quello che so io possono essere scomode per varie parti politiche del nostro paese, quindi le posso dire che nessuno ha interesse a tirarle fuori e il fatto che verità conosciute dalla procura di Palermo, da magistrati della procura di Palermo almeno, già 12 anni fa, vengono rivelate solo adesso, a distanza di 12 anni, dà la misura di quello che è l’interesse del nostro paese a conoscere quella verità. Credo che sia una verità, glielo assicuro, che nessuno vuole conoscere e forse è meglio che rimanga sconosciuta. Probabilmente è anche giusto così, non è compito della Magistratura.

Giornalista: Su questo sono d’accordo con lei, la Magistratura deve solo stabilire la verità giuridica poi…
Dr. Sabella: Ma laddove ci sono, come dite voi giornalisti, reati penali cioè fattispecie – i reati sono tutti penali – dove ci sono fattispecie di illecito penale. In questa vicenda è verosimile che ci possano essere responsabilità morali, non penalmente rilevanti nella strage di via D’Amelio, ma non responsabilità penali. Questa è la cosa, almeno credo che sia l’idea di fondo perchè probabilmente è difficile andare a ipotizzare che certe persone, il cui nome è apparso sui giornali in questi giorni, siano stati i mandanti della strage di via D’amelio. Probabilmente con il loro comportamento potrebbero aver determinato la mafia a commettere quella strage. E quindi capirà che la cosa è molto diversa. Sul piano della responsabilità penale significa zero, sul piano della responsabilità morale, politica e amministrativa a seconda dei casi, invece ha dei rilievi enormi e anche sul piano di ristabilire la verità storica. E le ripeto, quello che c’è sui giornali in questi giorni, e le posso dire una cosa, anche le stesse dichiarazioni di Riina non sono assolutamente nuove a quello che, almeno parlo per me, io già sapevo 12 anni fa. Anche le dichiarazioni di Riina, perchè le dichiarazioni di Riina non sono per niente, a mio giudizio, diverse da quelle che fece Giovanni Brusca deponendo al processo per le stragi nel ’93 nell’aula bunker di Firenze quando disse, gli scappò una frase che poi spiegò: “Noi nel commettere le stragi del ’93 siamo stati pilotati dai carabinieri”. Brusca non voleva dire che sono stati i carabinieri a far fare le stragi ma è un messaggio assolutamente analogo a quello che Riina manda adesso. Secondo me con la mafia non c’è spazio per andare a nessun tipo di trattative e a nessun tipo di rapporto. La mafia si combatte e si affronta e questo paese ha dimostrato che quando l’ha voluto combattere e affrontare, anche quando metteva le bombe nella Galleria degli Uffizi, anche quando aveva fatto saltare Falcone e Borsellino, anche quando metteva le bombe alla Galleria d’arte moderna a Milano, alla chiesa di San Giorgio al Velabro, di San Giovanni in Laterano a Roma e abbiamo voluta sconfiggerla ci siamo riusciti, poi chiaramente ci siamo fermati. Ci siamo fermati perchè, ecco lo posso dire, abbiamo fatto l’errore di voler accertare altri tipi di responsabilità diverse da quelle strettamente militari di Cosa Nostra. E a quel punto probabilmente quella verità nessuno voleva sapere e forse era scomodo. Adesso lo dirò con amarezza, però le posso assicurare che negli anni in cui io lavoravo a Palermo e pigliavo un latitante dietro l’altro, e trovavo un arsenale dietro l’altro e scoprivo gli omicidi in tempo reale e non abbiamo lasciato un solo omicidio di mafia, uno che sia uno, impunito, in quegli anni c’era un supporto da parte dello Stato su questo problema che era incredibile. E quando lo Stato fa sul serio vince la mafia, come ha vinto il terrorismo, come ha vinto il brigantaggio, come ha vinto tutti i fenomeni di criminalità organizzata nel nostro paese quando l’ha voluto. Con la mafia purtroppo questo non è stato possibile perchè, glielo ripeto, noi magistrati probabilmente abbiamo fatto un errore, abbiamo pensato che quel supporto che dalla società civile e lo Stato dava era una specie di delega in bianco che ci consentiva di accertare anche altri tipi di responsabilità penali meno dirette di quelle militari ma a mio giudizio altrettanto gravi.

Giornalista: Si ho capito cosa intende. Ora le faccio un’ultima domanda: lei crede che il figlio di Ciancimino il papello ce lo farà avere?
Dr. Sabella: Il figlio di Ciancimino secondo me ha una prima versione del papello.
Giornalista: Quindi la prima versione quella… una bozza…
Dr. Sabella: Diciamo una prima versione del papello, io non so se ci sia stato un secondo papello. Diciamo che il figlio di Ciancimino potrebbe avere il papello, me lo faccia definire “di Riina.” Una copia del papello “di Riina”, non di altri papelli che probabilmente sono arrivati dopo, non del successivo accordo che poi è pervenuto tra pezzi dello Stato e pezzi della mafia.
Giornalista: Certo quelli si ha solamente l’idea che esistano ma non si ha… si conosce quello di Riina insomma…
Dr. Sabella: Il punto forte del papello di Riina – e qui però chiudiamo perchè ho detto fin troppo – il punto forte del papello di Riina era la revisione del maxiprocesso perchè lasciate stare gli aspetti etici quando si tratta di mafiosi,i mafiosi sono uomini come tutti gli altri e però sono dei criminali e sono assolutamente egoisti ed interessati esclusivamente al potere, al denaro e alla loro libertà personale. L’unica cosa che realmente interessava a Riina in quegli anni era la revisione del maxiprocesso perchè al maxiprocesso aveva preso l’ergastolo, non aveva preso cinque o sei anni di branda come soleva dire lui. Il punto forte del appello era la revisione del maxiprocesso e questo lo sapevamo benissimo. Era la richiesta principale che Cosa Nostra faceva allo Stato per far cessare le stragi e lo Stato che si muove per cercare di capire cosa sta succedendo dopo l’omicidio Lima e ancor di più dopo Falcone non è che sbaglia. Il problema è che probabilmente si è fatto qualche errore successivo che può aver anche determinato un’accelerazione in altre determinazioni di Cosa Nostra, può aver determinato qualche altro fatto grave commesso da Cosa Nostra.


Giornalista: Va bene. Guardi la ringrazio, è sempre gentilissimo…
Dr. Sabella: Si figuri.
Giornalista: Arrivederci.
Dr. Sabella: Arrivederla.

Trascrizione a cura di Valentina Culcasi

Leggi anche Sabella: ”Patto mafia-Stato? Potevamo scoprire tutto 10 anni fa” (Intervista ad Alfonso Sabella realizzata da Nicola Biondo, L’UNITÀ, 25 luglio 2009)

Blog di Beppe Grillo – Paese ad mafiam

Blog di Beppe Grillo – Paese ad mafiam.

Guarda tutte le puntate di Passaparola Diventa fan di Passaparola su Facebook

Sommario della puntata:
Brusca: so chi è l’uomo delle istituzioni
Panico a Matrix
La mafia a Lodi e Milano
Vietato parlare di Dell’Utri
“Il Fatto”, il nostro giornale

Testo:
“Buongiorno a tutti, la settimana scorsa si è celebrato a Palermo l’anniversario della strage di Capaci (23 maggio 1992), solita sfilata di politici, c’era persino Schifani, c’era persino il Ministro Alfano, tutti impegnati a parole, a cominciare dal capo dello Stato, a non abbassare la guardia, a promettere lotta dura senza paura a Cosa Nostra. Curiosamente qualche giorno prima due giornali, La Stampa e Il Corriere, avevano riportato le dichiarazioni di Giovanni Brusca, che è l’uomo che azionò il telecomando nella strage di Capaci che poi confessò, che poi aiutò i magistrati a scoprire i responsabili diretti e mandanti diretti di quella strage insieme a altri pentiti. Quindi è stato sempre ritenuto estremamente credibile sulle vicende di mafia.
Brusca è stato sentito nel processo a carico del generale Mori e di un suo collaboratore, il maggiore Obinu, per la storia che conoscete perché l’abbiamo già raccontata in passaparola, la storia della mancata cattura di Provenzano nel 1995, cioè 11 anni prima di quando poi Provenzano fu catturato. Lasciamo perdere quella storia, Brusca viene sentito in quel processo dove si parla naturalmente delle trattative tra esponenti dello Stato e della politica e esponenti della mafia negli anni delle stragi, cioè dopo Capaci, prima di via d’Amelio, dopo via d’Amelio e nel periodo poi delle stragi del 93 a Milano, Firenze e Roma.

Brusca: so chi è l’uomo delle istituzioni

E Brusca ha detto una cosa nuova rispetto a quello che aveva sempre detto e cioè che intanto gli risulta che ci fossero esponenti dello Stato italiano che trattavano con la mafia dopo la strage di Capaci e anche dopo la strage di via d’Amelio, ma che una trattativa avviata dopo la strage di Capaci e prima di via d’Amelio, quindi in quei 56 giorni che separano il 23 maggio dal 19 luglio, fu portata avanti da un uomo politico, da un uomo delle istituzioni, all’epoca c’era nell’estate del 92 il governo Amato che era appena nato, da un uomo politico al quale lui aveva sempre detto di essere giunto, per identificarlo e per individuarlo, tramite sue deduzioni. Invece nel processo ha detto che quel nome glielo fece esplicitamente il capo della mafia dell’epoca Toto Riina, dice testualmente Brusca “Riina mi fece il nome dell’uomo delle istituzioni con il quale venne avviata, attraverso uomini delle forze dell’ ordine, la trattativa con Cosa Nostra dopo la strage di Capaci”. Gli uomini delle forze dell’ ordine sono presumibilmente il generale Mori e il capitano Dedonno che avviarono, tramite Ciancimino, la trattativa con Riina e Provenzano che poi finì il 15 gennaio 93 quando Riina fu arrestato e chi è questo uomo politico? Anzi delle istituzioni? Delle istituzioni vuole dire che era un membro del governo o comunque un rappresentante delle istituzioni nell’estate del 92.
Brusca si avvale della facoltà di non rispondere sostenendo che su questo nome è in corso una indagine nuova, perché nessuno ne ha mai parlato e saputo nulla, alla Procura di Caltanissetta che è competente sulle indagini per i mandanti come per gli esecutori delle stragi avvenute a Palermo a carico di magistrati, per questa ragione se ne occupa Caltanissetta.
È piuttosto interessante che l’uomo che aziona materialmente l’ordigno che fa esplodere l’autostrada con Falcone, la moglie e gli uomini della scorta dentro alle macchine riveli in un pubblico dibattimento che il capo della mafia che gli aveva dato l’ordine di eseguire la strage di Capaci gli aveva anche detto dopo la strage di Capaci che si era avviata una trattativa con gli uomini delle forze dell’ ordine, ma per ordine di un esponente delle istituzioni più alto in grado rispetto a questi ufficiali dei Carabinieri.
Curiosamente questa domanda rimane con un bel punto interrogativo perché Brusca in questo momento non lo dice, ma immediatamente si è fatto silenzio su questo interrogativo, nessuno ci ha fatto trasmissioni televisive, nessuno ha avviato dibattiti, nessuno è andato a vedere chi potrebbe essere questo uomo politico, ripeto non stiamo ancora parlando della Seconda Repubblica e quindi non stiamo ancora parlando della pista che poi è stata archiviata durante la quale per un certo periodo erano stati indagati anche Berlusconi e Dell’Utri, stiamo parlando dell’ultimo governo della Prima Repubblica e cioè del governo Amato, a cui seguì poi il governo tecnico di Ciampi.
È interessante in quelle istituzioni Brusca dice c’è l’uomo che autorizzò quelle trattative all’indomani all’eccidio sull’autostrada di Capaci. È curioso che in questo paese dove si fa sempre scandalo su tutto anche sulle sciocchezze l’individuazione di questo uomo non sia stata oggetto di articoli di approfondimento, di trasmissioni televisive o forse non è affatto curioso. Ed è curioso, o forse non è affatto curioso, che nelle celebrazioni avvenute due giorni dopo a Palermo per la strage di Capaci nessuno di quelli che si sono alternati sui palchi a fare retorica antimafia abbia detto “vogliamo sapere il nome dell’uomo delle istituzioni che autorizzò la trattativa di questi ufficiali del Ros dei Carabinieri con la mafia, cioè lo Stato che tratta con la mafia all’indomani della strage”. Lo Stato che come al solito in pubblico si presenta con la faccia antimafia e in privato tratta con la mafia, il famoso doppio Stato, quello che non piace a certi giornalisti e a certe alte istituzioni di oggi, ma anche di questo ci siamo occupati recentemente.
Tenete presente dunque che c’è un nome di un esponente della Prima Repubblica e chi lo sa, visto che tanti della Prima Repubblica sono transitati immediatamente nella Seconda, se non sia ancora presente nelle istituzioni della Seconda, lo vedremo prossimamente quando si saprà qualcosa di più di queste indagini di Caltanissetta, c’è un signore che sa che Brusca sa. E nessuno pone nessuna domanda su chi sia, su che cosa faccia e soprattutto su che cosa abbia fatto.
Questa è una occasione forse per fare un po’ il punto sulla lotta alla mafia, vi dico soltanto una cosa incidentalmente, tenete a portata di mano una penna e un foglietto di carta perché poi alla fine del passaparola vi chiederò di segnarvi un indirizzo mail ma ci arriviamo. Questo politico, pare, abbia ricevuto anche lui, così come il figlio di Ciancimino dice lo abbia ricevuto anche il generale Mori, il famoso papello che Riina consegnava ai trattativisti dello Stato per dire queste sono le nostre condizioni per interrompere la strategia delle stragi. E se è vero quello che dice Brusca è curioso perché chiunque esso sia questo uomo delle istituzioni non è mai venuto fuori, non ha mai detto sì sono io, non ha mai detto “ecco qua il papello che ho ricevuto”, evidentemente l’ha tenuto in qualche cassaforte a doppia mandata.

Panico a Matrix

L’altra sera, fingendo di celebrare l’anniversario della morte di Falcone e Borsellino, Matrix ha messo in piedi la solita trasmissione dell’antimafia dei pupi e delle fiction dove naturalmente si faceva grande retorica, i cento passi, il film di Peppino Impastato, i film su Riina, i film su Falcone, i film su Borsellino, il procuratore Grasso con il libro da presentare, l’ex  procuratore Aiala con il libro da presentare. A un certo punto in questo idillio dove non si facevano nomi di politici – per carità – questo idillio viene rotto da un magistrato collegato da Palermo, Gaetano Paci, Gaetano Paci che sta tra l’altro seguendo insieme a un’altra magistrata, Anna Maria Picozzi, il processo Addio pizzo, processo nel quale il comune di Palermo aveva annunciato di costituirsi Parte Civile e poi il giorno della costituzione si era dimenticato di costituirsi Parte Civile e poi ha avuto i tempi supplementari per farlo, perché altrimenti sarebbe rimasto escluso. Bene, Gaetano Paci, Presidente di una fondazione che ricorda le stragi, ha interrotto l’idillio dei presenti in studio e ha detto “vorrei dire una cosa, un anno fa si sentì dire che Vittorio Mangano era un eroe” sapete chi lo ha detto, lo ha detto l’editore di Canale 5 su cui andava in onda il Matrix di Alessio Vinci per la strage di Capaci. Dice Gaetano Paci “volevo fare presente che Vittorio Mangano non era un eroe, gli eroi sono Falcone e Borsellino e Vittorio Mangano  era un mafioso sanguinario condannato per traffico di droga, per mafia e poi in primo grado per tre omicidi, all’ergastolo, ergastolo che poi non divenne definitivo anche perché Mangano morì prima che si arrivasse alla fase di appello”.
Chi di voi ha visto quella scena ha visto il gelo che in quel momento si è dipinto sul volto degli ospiti, tutti impietriti perché? Perché si stava parlando di corda in casa dell’impiccato, si stava parlando dell’amichetto di Berlusconi nella televisione di Berlusconi in una trasmissione che avrebbe dovuto occuparsi di mafia ma che naturalmente aveva tenuto fuori tutti i rapporti che la mafia ha al di sopra del suo livello militare. Questi si sono detti “oddio adesso questo magistrato dirà anche il nome di Berlusconi che si è tenuto Mangano in casa per due anni!” invece chiunque volesse intendere ha inteso e chiunque volesse vedere in quelle facce impietrite ha potuto vedere, Vinci naturalmente cuor di leone ha immediatamente mandato un servizio sui cento passi e su Peppino Impastato, in modo da tornare all’antimafia delle figurine e con ciò non voglio minimamente sminuire la figura di Peppino Impastato intendiamoci. È semplicemente che la creazione di queste icone dell’antimafia come Impastato, Falcone e Borsellino diventa spesso un alibi per fermarsi lì e non andare ai livelli superiori, al famoso doppio Stato che tanto poco piace a certi giornalisti e a certe alte cariche dello Stato.
Non mi risulta che la Commissione parlamentare antimafia abbia avviato accertamenti sulle dichiarazioni di Brusca, come non mi risulta che ci sia una grande mobilitazione, eppure quella era l’occasione le celebrazioni per la strage di Capaci, rispetto a una denuncia drammatica fatta dal procuratore aggiunto di Palermo Roberto Scarpinato, coordinatore del pool che si occupa dei reati finanziari legati alla mafia, il quale ha detto a Il Sole 24 ore anche lui alla vigilia delle celebrazioni per il 23 maggio, che il governo nelle persone del  Ministero della Giustizia e del Ministero dell’economia, Ministeri retti da Angelino Alfano presente alle celebrazioni e dal Ministro Tremonti, avevano deciso di togliere, per motivi burocratici chissà quali, l’accesso alla Procura di Palermo e a tutte le procure all’anagrafe dei conti correnti bancari, prima le procure avevano la password e poi gliela hanno tolta, non possono più entrate nella anagrafe dei conti correnti bancari e naturalmente entrare in questa anagrafe significa riuscire a recuperare enormi patrimoni di mafiosi, a dare nomi e cognomi agli intestatari di questi patrimoni per poterglieli portare via.
Casualmente è sparita la password e quindi i magistrati sono disarmati sul fronte della lotta ai patrimoni mafiosi e al riciclaggio, naturalmente per pura coincidenza questa denuncia è arrivata nel giorno dell’anniversario della strage di Capaci e nessuno ne ha parlato, proprio perché non si può andare al di là del teatrino dei pupi.

La mafia a Lodi e Milano

L’altra sera a Anno Zero abbiamo raccontato a quali livelli sono arrivate le infiltrazioni mafiose nel nord, abbiamo raccontato le possibili penetrazioni della mafia che sicuramente insieme alla ‘ndrangheta e alla camorra si avventerà su quei 15 miliardi di Euro che arriveranno per l’Expo a Milano e dintorni, Letizia Moratti ha risposto come rispondevano i sindaci di Palermo negli anni 50/60/70 e cioè “non bisogna infangare il buon nome della Sicilia parlando di mafia” e lei ha detto “non bisogna infangare il buon nome di Milano parlando di mafia”. Il giorno prima c’era stato un delitto mafioso proprio alle porte di Milano e il Consiglio Comunale di Milano aveva pensato bene di bocciare, di chiudere appena aperta la Commissione consiliare antimafia, anche lì per motivi burocratici o forse per non infangare il buon nome di Milano perché infangare il buon nome di Milano non significa aprire Milano alle infiltrazioni mafiose ma, nell’ottica di questa signora , significa parlare delle infiltrazioni e evidentemente combatterle. Chi di voi vuole un esempio di quello che sta succedendo in Lombardia con la mafia in grande spolvero può leggere una intervista a un giovane regista e attore del lodigiano pubblicata questa settimana da L’Espresso. È un ragazzo che praticamente vive sotto scorta da qualche mese perché ha osato mettere in scena uno spettacolo sui pizzini di Provenzano, uno spettacolo satirico e evidentemente mettere in scena uno spettacolo satirico sui pizzini di Provenzano a Lodi, è altrettanto pericoloso come farlo a Corleone. Tant’è che questo ragazzo ha avuto le gomme della macchina tagliate, ha avuto delle bare disegnate sulla porta di casa e adesso vive sotto scorta: a Lodi, non a Corleone!
Ma non bisogna parlarne perché altrimenti poi oltre a infangare il buon nome di Milano si infanga anche il buon nome di Lodi e non sia mai: lodi a Lodi bisognerebbe dire così!
Un’altra notizia scomparsa, questa veramente non l’ha data nessuno, riguarda una indagine aperta dalla Procura di Palermo e che ha portato addirittura l’altro giorno a una raffica di arresti (una ventina) di persone, diciamo manovalanza, capetti e capoccia della mafia che si dedicavano naturalmente alle loro attività preferite: da un lato il pizzo, dall’altro il sostegno ai detenuti mafiosi perché non parlino e dall’altro ancora alla compravendita di voti con politici. Abbiamo sfiorato l’argomento nel passaparola della settimana scorsa quando abbiamo parlato dell’assessore regionale Antonello Antinoro, candidato dell’Udc alle europee, assessore regionale alla cultura nella giunta Lombardo, il quale è indagato per voto di scambio mafioso in quanto avrebbe comprato, secondo l’accusa, proprio in cambio di soldi i voti o una parte dei voti ottenuti per essere eletto. Adesso lo mandiamo al Parlamento europeo: Udc.
In questa operazione c’è ovviamente un voluminosissimo ordine di custodia per questi mafiosi e tra i tanti che vengono catturati per il 416 bis, cioè per associazione a delinquere di stampo mafioso, per partecipazione e non per concorso esterno, sono proprio mafiosi membri interni, si leggono alcune intercettazioni telefoniche che ne riguardano due, uno si chiama Antonino Caruso, è stato arrestato perché è accusato di essere un membro del clan mafioso dell’Arenella a Palermo, di essere in affari illeciti con il clan del quartiere di Resottana, impegnatissimo nel pizzo e cioè nelle estorsioni, nel sostegno ai detenuti mafiosi e nel voto di scambio.

Vietato parlare di Dell’Utri

Questo signore dentro la sua macchina non sapendo che c’è una cimice nascosta sotto il sedile, il 4 novembre 2007 – stiamo parlando di un anno e mezzo fa, roba freschissima – parla, ripeto dentro la sua autovettura, con un certo Letterio Ruvolo che è il suo braccio destra e anche lui membro, così dice l’accusa, del clan della Arenella molto esperto nella riscossione del pizzo. I due parlano di tante cose e parlano anche di politica, è il 4 novembre 2007, cosa succede il 4 novembre 2007? Siamo ancora sotto il governo Prodi che sta per cadere nel gennaio poi del 2008, “il Caruso –  scrive il giudice nell’ordinanza di custodia – iniziava l’esposizione del problema – è un problema che riguardava la famiglia mafiosa – a un certo punto il Ruvolo – cioè il suo braccio destro – lo interrompeva per impartire un ordine perentorio, ovvero di non pronunciare mai il nominativo di Dell’Utri, bisogna proteggere   Dell’Utri”, non bisogna mai nominarlo nelle conversazioni perché c’è il rischio di essere intercettati e questi non sapevano che erano intercettati nel momento in cui progettavano di non nominarlo per non essere intercettati e quindi ce l’hanno ficcato dentro anche senza volerlo e questo naturalmente è molto interessante, perché è una intercettazione assolutamente spontanea.
Caruso dice “allora Tonino si è perso in un bicchiere d’acqua, ieri sera d’istante non li ha voluti mortificare” stanno parlando dei fatti loro e Ruvolo dice “no no niente quello che ti voglio dire pure a te – quindi sta passando la voce a tutti – il nome di là non lo dobbiamo nominare” che cos’è il nome di là? L’altro dice “qual è?” e l’altro dice “Dell’Utri, capisti!” è evidente che stavano già parlandone prima da un’altra parte non intercettati e infatti dice “il nome di là” e infatti lui gli vuole dire noi non dobbiamo parlare più. “Dell’Utri, capisti!” e Caruso dice “no” e allora Ettore Ruvolo gli dice “completamente non deve esistere, non deve esistere, Ni’ – cioè Nino – non deve esistere”.
Caruso poi va e dice “noi siamo portati che abbiamo e ci dobbiamo capire, abbiamo un governo regionale e un governo nazionale, basta. Noi qui siamo, ha a che fare con il governo regionale, hai capito. Il governo regionale è qua, il governo nazionale è là, ma lui dice guarda me governo nazionale, Talia – cioè guarda – puoi essere tu il governo nazionale, io quello non si sa. E l’altro cioè Ettore gli dice me ne sono andato io, quel nome non deve esistere completamente, l’ordine scrivono i giudici di non nominare mai Dell’Utri era riferito evidentemente a un precedente dialogo afferente a un argomento riguardante la sfera politica, infatti Caruso poi dice non esiste non esiste e vanno avanti. Insomma di Dell’Utri non si deve parlare più, perché? Perché già se ne è parlato troppo in tante conversazioni che poi sono confluite nelle intercettazioni acquisite agli atti del processo Dell’Utri che hanno portato questo sant’uomo a una condanna a nove anni in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa e come vedete Dell’Utri è sempre in cima ai pensieri di questi mafiosi, tant’è che o per parlarne o per dire di non parlarne ce l’hanno sempre presente davanti agli occhi come un santino.
Non mi pare che questa notizia l’abbiate letta da qualche parte, non mi pare nemmeno che durante le celebrazioni per il 23 maggio qualcuno abbia detto ai compagni di partito di Dell’Utri se avessero qualche dichiarazione da fare, qualcosa da dire, non so per esempio il Presidente del Senato così proiettato verso la lotta alla mafia, almeno a parole, per non parlare del Ministro Alfano che è proprio una specie di scalmanato dell’antimafia, perlomeno naturalmente a parole.
E poi vedete come a furia di fare scomparire i fatti poi ci si riduce a fare celebrazioni oleografiche, celebrazioni retoriche, declamazioni che poi non vanno nel profondo, pensate se dovesse mai succedere che si presenta una volta uno il 23 maggio in piazza e invece di fare le solite giaculatorie, l’amico Giovanni, l’amico Paolo, non abbassiamo la guardia, il bacio alla vedova, il bacio all’orfano etc. dicesse “io voglio sapere chi è l’uomo delle istituzioni che all’epoca del governo Amato avviò la trattativa tra lo Stato e la mafia, ricevette il papello, autorizzò i Carabinieri a andare a negoziare con un mafioso come Ciancimino, cioè con coloro che avevano appena fatto ammazzare Falcone”. Pensate che rivoluzione? Purtroppo dal 92 sono passati 17 anni, sarà perché il 17 porta sfiga, ma nemmeno quest’anno abbiamo avuto la fortuna di sentirne uno solo che facesse questo discorso o che magari sventolasse questa telefonata di due mafiosi che parlano di Dell’Utri e anzi dicono di non parlare di Dell’Utri, per dire ma possibile che noi ci teniamo in Parlamento uno così? O magari aggiungano che nella Giunta Regionale, quel giorno era ancora piedi Lombardo non l’aveva ancora sciolta, sedeva un altro indagato per compravendita di voti con i mafiosi e prossimamente spedito in Parlamento europeo.

“Il Fatto”, il nostro giornale

Vi ho detto prima di tenere a portata una biro e un foglio di carta perché devo darvi una notizia che mi auguro molti di voi gradiranno, è una notizia che riguarda un nuovo giornale, un nuovo giornale che faremo on line e faremo su carta e che dovrebbe essere pronto noi confidiamo a settembre, dovrebbe chiamarsi il Fatto, il Fatto nuovo, il Fatto quotidiano, adesso stiamo decidendo la testata ma comunque il fatto sarà centrale perché lo vogliamo dedicare a un grande come Enzo Biagi. Sarà diretto da Antonio Padellaro e sarà scritto da una piccola e agguerrita redazione di giovani appena usciti dalle scuole di giornalismo, gente che vuole fare con grande entusiasmo questo lavoro e poi avrà dei collaboratori, per esempio ci sarò pure io, ma ci saranno tanti altri che in questi anni avete imparato a conoscere nelle battaglie per la libertà di informazione contro questo regime berlusconiano e contro questa opposizione tra l’inesistente e il complice, decidete voi.
Non è un giornale di partito, non è un giornale di Stato, è un giornale che non ha padroni, è un giornale che non ha un editore, è un giornale molto strano per molti motivi, intanto quello di non avere un padrone ma di avere una società editoriale nella quale ci siamo messi in gioco e abbiamo investito anche qualche soldo noi che lo scriveremo, una società che non ha una figura dominante che ha diversi azionisti con piccole quote, chi lo vorrà diventare naturalmente lo potrà fare. E quindi questa è la prima anomalia.
La seconda anomalia è che sarà un giornale che dà le notizie, a cominciare dalle notizie che gli altri giornali non danno, le analisi che gli altri non fanno, tratterà gli argomenti che gli altri non trattano, insomma cercherà di riempire quel grande vuoto che molti di noi, e spero anche molti di voi, avvertono da diversi anni nel mondo dell’informazione ufficiale.
Non chiederà soldi pubblici e quindi non farà finta di essere organo di un partito o di un finto partito per acchiappare denaro pubblico, abbiamo fatto il V-day per denunciare quello sconcio e quindi mai ci saremmo sognati di ricorrere a un escamotage come quello, altra anomalia è un giornale che crede nel libero mercato, quello vero però non quello finto che abbiamo in Italia e anche in altri paesi dell’occidente. Cioè il libero mercato in questo senso, se ci sono dei lettori interessati a questo giornale noi questo giornale cercheremo di farlo, anzi siamo ormai sicuri di farlo, con le nostre forze, se non ci saranno lettori interessati a questo giornale noi il giornale non lo faremo, se ci sarà domanda ci sarà anche offerta, ecco noi mettiamo l’offerta, la domanda dipende naturalmente da tutti voi e da tutti quelli che voi conoscete.
Abbiamo deciso di fare così, come si fa a sapere se ci sono i lettori prima che esca il giornale? Abbiamo deciso di lanciare una grande campagna abbonamenti, grande nel senso che cercheremo di occupare tutta la rete perché non abbiamo i mezzi per fare spot televisivi o per comprare spazi sui giornali e quindi in rete sui social network, sui blog,  a cominciare da Voglio Scendere, da oggi il blog di Beppe e tutti i blog e i siti amici e chiunque di voi abbia blog o abbia pagine su Face Book è invitato naturalmente a passare parola anche su questo, una campagna abbonamenti preventiva per sapere chi si vuole prenotare per questo abbonamento o addirittura chi lo vuole sottoscrivere sulla fiducia, nel qual  caso naturalmente faremo dei prezzi superscontati per chi lo vuole acquisire prima fidandosi di noi. Chi invece lo vuole sottoscrivere l’abbonamento quando uscirà il giornale è ovvio che la tariffa sarà un’altra e sarà quella più o meno relativa al costo di un giornale.
Come fare per prenotarsi o per informarsi o per abbonarsi? Avevamo messo in piedi un service con un numero di telefono e un fax ma appena abbiamo annunciato la campagna abbonamenti il telefono e il fax sono andati in tilt, perché il service non era preparato a questa ondata di entusiasmo e quindi per il momento vi darei una mail che vi prego di segnare, la mail è dettofatto@ilfatto.info , vi do anche i numeri di telefono ma sarà difficile trovarli liberi, tra qualche giorno li troverete liberi perché metteremo in piedi proprio un call-center che non vi facciano attendere in linea e quindi se volete segnare c’è anche lo 02-66506795 e un fax 02-66505712. Se raggiungeremo un certo numero di abbonamenti, vi dico soltanto che nella prima giornata quando abbiamo dato l’annuncio abbiamo già avuto oltre 2.500 prenotazioni e quindi adesso nel week-end non lo sappiamo ma lo sapremo di nuovo da questa sera e da domani e vi terremo informati. Vi terremo informati anche su una pagina apposita che apriremo sul blog Voglio scendere che si chiamerà l’antefatto e sarà un po’ l’antipasto sul quale ogni giorno daremo delle informazioni su come sta andando la campagna abbonamenti, su quali saranno i collaboratori del giornale, cominceremo anche a dare delle notizie, dei commenti e delle analisi sulle notizie del giorno in modo da coprire l’estate e così da fare capire che genere di informazione vogliamo fare, una informazione molto interattiva per cui potrete anche ovviamente farla voi e segnalarla voi.
Il giornale uscirà su carta e uscirà anche su web, su web sarà gratuito naturalmente mentre su carta costerà l’Euro e venti che costano ormai i giornali, niente se volete prenotarvi per l’abbonamento o addirittura per diventare soci utilizzate quella mail oppure quei numeri di telefono che vi ho dato e passate parola a tutti quanti. Grazie.”

In nome del corvo – Pietro Orsatti

In nome del corvo – Pietro Orsatti.

Non si ferma l’azione del procuratore Francesco , del suo aggiunto Ingroia e dei pm Antonino Di Matteo e Roberto Scarpinato. Però l’attenzione sul pool aumenta di giorno in giorno

di Pietro Orsatti (su left in edicola)

Lo scirocco porta “pensieri tinti”. E uno scirocco come quello degli ultimi giorni a non si vedeva da tempo. Già l’aereo fatica ad atterrare a Punta Raisi, fino all’ultimo l’opzione di una deviazione su rimane molto concreta. Appena scesi dalla scaletta, questa specie di “bora” arroventata africana sembra volerti sollevare. Si cammina a fatica fino al pulmino. Quando soffia un vento del genere non si è di buonumore.
Al bar Lux ci aspettano da più di un’ora quando finalmente arriviamo a . Proprio davanti a questo bancone la ammazzò il vicequestore Boris Giuliano. Uno dei tanti morti dello nella guerra  fra clan che per più di un decennio ha insanguinato questa città fino agli anni delle stragi. Giuliano non è il primo e purtroppo neppure l’ultimo. L’appuntamento è casuale, ma qui i simboli contano. Anche quando emergono per caso. «Avete fatto bene a venire proprio ora. Perché è qui e ora che si gioca tutta la partita. A ». L’interlocutore non può avere né un volto né un nome. Ma sa, frequenta, annusa. E fa “pensieri tinti” anche quando non soffia lo scirocco. «I conflitti, ovviamente, vengono tenuti lontani dagli occhi del pubblico – prosegue – e poi si distillano piccole perle di disinformazione da far cadere al momento giusto per colpire la persona giusta». Usciamo, nel vento, e ce ne andiamo verso il Giardino inglese. «Oggi non c’è bisogno né di sparare né di reprimere. La battaglia la giocate voi sui mezzi di e non sapete neppure di essere delle armi. Delle armi e mai caricate a salve». Cosa intende? «Cosa intendo? Ma scherziamo? Qualsiasi fuga di notizia è misurata, voluta, gestita, diretta. Che sia vera o che sia falsa. Che sia “intera” o solo un pezzo. Guardiamo la questione del procuratore capo . Non era una novità e non era neppure una notizia che suo cognato fosse indagato anni fa. Che succede? Nel momento in cui si concentrano attorno a un nuovo procuratore aggiunto “di peso” come Antonio Ingroia, che ha carisma e ha “scuola”, energie e aspettative, e che soprattutto ha in mano indagini scottanti, esce sul giornale la polpetta avvelenata della non notizia sul cognato mafioso del suo capo. Attenzione, una notizia che non c’era, e infatti poi è rientrata. Ma intanto il segnale era dato». Dato a chi? «A , prima di tutto, che ha osato con la nomina di Ingroia modificare gli equilibri consolidati a Palazzo di giustizia. E a Ingroia stesso, che sa perfettamente di essere un obiettivo». Poi l’interlocutore se ne va lasciando, come spesso succede in questa città, i discorsi sospesi a metà. Ha un altro appuntamento che non può attendere per un aperitivo, dice.

Era tempo che a non soffiava uno scirocco del genere. E non è solo un affaire meteorologico a creare un clima così cupo in città. Dopo le grandi operazioni contro i clan, in particolare la Perseo di dicembre, qualcosa sembra essersi incrinato negli equilibri istituzionali e giudiziari. In coincidenza (sarà un caso?) con l’insediamento di Antonio Ingroia nel posto che venne ricoperto in passato da Giovanni e Paolo Borsellino. Procuratore aggiunto, uno dei tanti, ma con nelle mani indagini e coordinamenti di peso. Fra cui essere il destinatario di un nuovo “dichiarante”, Massimo Ciancimino, figlio dell’ex sindaco del “sacco di ” inquisito e condannato anche per concorso esterno con , che dopo anni di silenzio ha iniziato a raccontare la sua verità. Due piani: quello degli affari e del riciclaggio nella degli anni 90 (e non solo); e quello più raggelante ancora della presunta trattativa fra e a cavallo delle stragi del 1992. E Ciancimino parla a Ingroia e a un altro pm di , Antonino Di Matteo. Quest’ultimo nel 2008, appena iniziato a raccogliere le prime dichiarazioni del figlio di don Vito, ha ricevuto una eloquente intimidazione, un razzo da segnalazione sparato davanti alla sua villa da una persona che, successivamente, si è data alla fuga.

Se si dovesse fare un azzardo giornalistico si potrebbe quasi osare un paragone: da un lato il “binomio” fra procuratore aggiunto e dichiarante e dall’altro quello fra Buscetta e . Qualcuno l’azzardo ha provato pure a farlo, ma se Ingroia è della scuola del giudice ucciso a Capaci nel 1992 con la moglie e i ragazzi della scorta Ciancimino è tutto meno che un neo Buscetta. Buscetta era uomo d’onore, delle famiglie perdenti di , conosceva e dirigeva direttamente, era parte integrante del sistema di potere del clan anche se sconfitti dai in piena espansione. Massimo Ciancimino invece non è uomo d’onore, ha vissuto all’ombra del discusso e discutibilissimo padre, che di lui si fidava ma fino a un certo punto visto il carattere da “scavezzacollo” del rampollo. E ha avuto a che fare più con i “piccioli” che con i picciotti. Ma parla, e pure troppo. Dopo ogni sua deposizione rilascia battute e non solo ai magistrati. Le pagine dei giornali sono piene di sue dichiarazioni, o meglio “mezze” dichiarazioni. Eppure, nonostante le contraddizioni del personaggio, Ciancimino sta svelando alcuni aspetti totalmente inediti degli affari del padre e delle società connesse al “tesoro Ciancimino” (che rimane tuttora imponente nonostante i numerosi sequestri eseguiti dall’autorità giudiziaria negli anni). E poi quel capitolo che rischia di mettere a soqquadro mezza Repubblica: la trattativa fra e . E la credibilità di Massimo, a quanto sembra, aumenta. Anche perché, a proposito delle dichiarazioni relative ai “piccioli” viene affiancato da un altro dichiarante, l’avvocato Gianni Lapis. Ecco cosa avrebbe detto, durante l’ultima udienza di Bologna, il figlio di don Vito su chi fossero i soci del padre: «Salvo Lima, Calogero Pumilia, Enzo Zanghì, Pino Blanda, Enzo Cirà  e Carlo Vizzini, personaggi legati alla società del gas di mio padre da vincoli societari». Sommiamo dichiarazioni del genere a quelle per cui sarà sentito nei prossimi mesi anche a Roma in relazione a uno dei presunti protagonisti della trattativa, il generale dei Ros dei Mori, e il peso specifico di questo “dichiarante” diventa devastante. Ma l’attenzione sul gruppo di magistrati aumenta di giorno in giorno. Grazie al del procuratore Francesco , del suo aggiunto Ingroia e dei pm Antonino Di Matteo e Roberto Scarpinato, l’azione del pool non si ferma solo a questi capitoli spinosi.

La rogna, e qui si parla di criminalità organizzata e non di colletti bianchi o eventuali rapporti con pezzi dello , è la questione . Sono tre quelli più pericolosi: Messina Denaro, Nicchi e Raccuglia. Ma è su Raccuglia che in questo momento si sta accentrando l’attenzione. Nicchi è in ritirata e Messina Denaro ormai relegato al suo territorio nel trapanese. È proprio novità di questi ultimi giorni che Ingroia risulti essere riferimento del fascicolo dedicato al “veterinario” (questo il soprannome di Raccuglia) da anni introvabile nonostante sia evidente che non si è mai spostato dal suo territorio di origine. Raccuglia è l’uomo forte, papabile per il dominio di una nuova fase di . Che proprio Ingroia sia titolare dell’ è una notizia che pesa. E non poco.

Tra l’incudine e il martello

Da http://www.antimafiaduemila.com/content/view/12502/78/:

di Giorgio Bongiovanni – ANTIMAFIADuemila N°60
Udienza cruciale per il processo d’appello di Massimo Ciancimino che intanto collabora con i magistrati sulle vicende della trattativa. “Voglio dire la verità”

E’ l’unico testimone diretto della trattativa, quel patto scellerato tra mafia e stato che tra il ’92-‘93 ha cambiato il volto del nostro Paese, che sembra seriamente intenzionato a collaborare con i magistrati per inquadrare storicamente, politicamente e socialmente i misteri che ancora si celano dietro le stragi di quegli anni e le catture riuscite e mancate dei boss di Cosa Nostra come quelle di Bernardo Provenzano.
Massimo Ciancimino, figlio ribelle di Don Vito, è stato protagonista principale di quella sorta di pericoloso dialogo avvenuto tra il padre e gli allora capitano De Donno e colonnello Mori proprio nei mesi in cui il tritolo ha spazzato via Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Quei due magistrati che forse ancor più per il loro spessore morale, che non per le loro già straordinarie capacità professionali, potevano rappresentare per gli italiani un punto di riferimento ben preciso, un ultimo baluardo dello Stato in una Repubblica che andava a pezzi con gli avvisi di garanzia per corruzione.
Se fossero stati lasciati in vita, se avessero potuto lavorare con le loro menti illuminate e lungimiranti assieme agli altri magistrati onesti e con l’appoggio responsabile della società civile, molto probabilmente oggi saremmo in un Paese diverso. Ma questa purtroppo è tutta un’altra storia. La realtà infatti ci precipita negli inferni di Capaci e Via D’Amelio dove a regolare i conti con Falcone e Borsellino non c’era solo Cosa Nostra.
La vicenda dei Ciancimino, padre e figlio, inizia a cavallo delle due stragi, i primi di giugno, quando da poco è morto Falcone e quando comincia il conto alla rovescia per Borsellino.
Massimo ha riferito di aver incontrato il capitano De Donno in aereo mentre volava da Palermo a Roma. Chiesto all’assistente di volo di potersi sedere vicini i due, che si erano conosciuti durante le fasi di arresto e processo di Don Vito, avevano cominciato a discutere della possibilità per De Donno di fare una chiacchierata con il vecchio sindaco. A fine volo Massimo, sebbene con qualche perplessità in merito al risultato, assicurava all’ufficiale che avrebbe riferito al genitore la proposta.
In un contatto successivo, dietro la caserma dei carabinieri di Carini in piazza Verdi, Ciancimino junior, su sollecitazione del padre, chiedeva al capitano il contenuto del loro eventuale dialogo e dopo aver chiarito che si sarebbe discusso della cattura dei superlatitanti, don Vito aveva accettato di incontrarlo.
Il primo appuntamento si svolse a Roma tra il solo Ciancimino senior e il De Donno che parlarono per circa un’ora e mezza. Dopo un paio di giorni il capitano ritornò, questa volta accompagnato dal suo superiore il colonnello Mario Mori che si presentò in abiti civili.
Rimasero appartati con Don Vito per un paio d’ore accordandosi per successivi incontri.
Nel contempo il vecchio corleonese, scaltro e avveduto, si assicurava, tramite suoi contatti riservati e altolocati, che i due ufficiali fossero realmente autorizzati a trattare.
Seguendo il racconto di Massimo l’incontro più importante sarebbe avvenuto a Roma in una data di non molto successiva, ma antecedente alla strage di via D’Amelio.
Secondo quanto lui deduce, in base al racconto diretto del padre però, Don Vito incontrò di nuovo Mori per consegnargli una busta all’interno della quale ci sarebbe stato l’ormai famigerato “papello” di richieste avanzate da Cosa Nostra allo Stato. Massimo ricorda bene quel frangente poiché il padre si era molto adirato per il tenore delle pretese che, a suo dire, fatta eccezione per alcune, erano assolutamente incettabili.
Questo aveva impensierito non poco il giovane che si aspettava da questa collaborazione con i carabinieri di ottenere vantaggi per la situazione giudiziaria del padre e quindi un beneficio per l’intera famiglia. Il padre gli avrebbe fatto capire invece che, considerato l’andamento della trattativa, ci sarebbe stato ben poco da sperare per il loro tornaconto.
E proprio a causa delle richieste considerate improponibili, anche da parte di Mori, questa prima fase della trattativa si sarebbe interrotta per poi riprendere con una finalità differente, ben più specifica: la cattura di Riina in persona.
A tal fine il capitano De Donno aveva fatto recapitare a Don Vito, sempre tramite il figlio, utenze dell’enel, dell’acqua e del telefono e una serie di piantine catastali della città di Palermo e sulle quali il vecchio sindaco avrebbe dovuto indicare le zone e i luoghi in cui si muoveva il capo di Cosa Nostra.
E così fece.
Ciancimino però era uomo esperto e non si sarebbe mai mosso in tal senso senza avere un interlocutore sicuro che gli guardasse le spalle e visti i pregressi rapporti non è difficile dedurre che abbia agito in pieno accordo con Bernardo Provenzano.
Con l’occulto capo di Cosa Nostra infatti Don Vito aveva una relazione privilegiata: lo conosceva fin da quando era un bambino cui dava anche ripetizioni di matematica ed era l’unico, a dire del figlio, con cui il sindaco riteneva valesse la pena parlare di affari e politica.
Se questo accenno di ricostruzione è valido e plausibile è altrettanto logico avanzare ipotesi e anche qualche legittima domanda.
Se Provenzano in effetti concorda la cessione di Riina, come per altro presuppone e con solide motivazioni anche Giuffré (vedi antimafia n° 59), cosa ha ottenuto in cambio?
Benefici carcerari per i mafiosi? Sicuramente, visto l’allentamento del 41bis, dal quale partono tranquillamente messaggi, ordini e si stipulano accordi tra le mafie. Eliminazione del pericolo pentiti? Altrettanto, considerata la penuria di collaboratori di giustizia di un qualche calibro… La protezione della latitanza? Ugualmente presumibile vista la sua straordinaria capacità di sfuggire, per un soffio, a qualsiasi blitz, almeno fino all’ultimo quando vecchio, stanco e malato, il padrino si è riavvicinato a casa per poi essere catturato.
Ed è in questo quadro che le dichiarazioni che Massimo Ciancimino sta rilasciando ai pm Di Matteo e Ingroia, titolari del processo contro il generale Mori e il colonnello Obinu accusati di aver favorito la latitanza di Provenzano facendo saltare il blitz di Mezzojuso nel 1995, stanno acquisendo sempre maggiore importanza e delicatezza.
Al momento sono ancora ricoperte da segreto istruttorio, ma la sola ipotesi che il giovane erede di Don Vito, possa fare rivelazioni a tuttoggi sconosciute può a ben ragione aver destato più di una preoccupazione in diversi ambienti.
Da quando sta parlando con i magistrati infatti Ciancimino ha cominciato a notare movimenti sospetti, appostamenti e pedinamenti di loschi figuri che piano piano sono diventati veri e proprio atti intimidatori.

Un prezzo troppo alto?

Vito Ciancimino disponeva di un potere politico ed economico smisurato nella Palermo degli anni Ottanta e le sua casa era meta di autentici pellegrinaggi. Godeva di una rete di relazioni e quindi di protezioni che spaziava dalla mafia di Bontade, Badalamenti e poi di Provenzano fino ai signorotti della borghesia, della politica, dell’imprenditoria rampante e della magistratura.
E il giovane Massimo, irrequieto e versatile, è stato testimone di un perfetto sistema di proficue compiacenze e vantaggiose, vicendevoli cortesie.
Un’eredità dal valore quasi inestimabile, come lo è del resto quella monetaria, motivo dei guai giudiziari che lo hanno trascinato alla sbarra degli imputati con l’accusa insidiosa di intestazione fittizia dei beni e riciclaggio di beni di provenienza illecita.
La sentenza di primo grado ha già condannato lui e i suoi avvocati Giorgio Ghiron e Gianni Lapis a pene piuttosto severe che si aggirano attorno ai cinque anni e mezzo di carcere cadauno, ma ora è alle porte l’appello.
Nel corso dell’istruttoria i magistrati della DDA di Palermo Pignatone, Prestipino, Buzzolani e Sava avevano ricostruito un giro internazionale di milioni di euro provenienti dalla cessione delle azioni della società GAS, riconducibile a Vito Ciancimino, e reinvestiti in altre attività oltre che spesi in beni di lusso da Ghiron e Lapis, ma che sarebbero in realtà di Massimo Ciancimino.
L’inchiesta dimostra che grazie al potere di Don Vito la società si era fortemente arricchita permettendo nello stesso tempo a molti altri di godere dei lauti frutti. E probabilmente se non fosse stato per quel pizzino ritrovato a Giuffré nessuno avrebbe mai trovato lo spunto per mettere le mani su un tesoro rimasto pressoché intatto negli anni nonostante gli sforzi di Giovanni Falcone in persona.
Un processo quindi che potrebbe aver disturbato molti che nell’ombra attendono con impazienza di capire quale strada intende imboccare Massimo Ciancimino che è perfettamente consapevole di essere in una posizione scomoda: tra l’incudine e il martello. Sia perché a Matteo Messina Denaro, ultimo dei padrini di Cosa Nostra in libertà, proprio non è scesa la sua gestione di un vecchio e assai lucroso affare ad Alcamo, sia perché Massimo sa, ha visto e vissuto molte storie della Palermo bene. E non sembra essere intenzionato a fare da capro espiatorio.
Proprio alla vigilia dell’appello, che si svolgerà secondo la formula giuridica del rito abbreviato, Ciancimino ha chiesto di produrre a processo nuove intercettazioni che gli avevano detto non essere riuscite e che invece sono state trovate all’interno del decreto di archiviazione per mafia.
In quelle parole registrate dalle cimici ambientali mentre interloquiva con i suoi avvocati emergerebbe la sua volontà di dire la verità. Verità delicate, verità pericolose.
Per questa ragione ANTIMAFIADuemila tramite il suo sito e i diversi contatti stampa aveva chiesto e torna a chiedere che lo Stato dia un segnale di forza proteggendo questo soggetto che a tutti gli effetti sta agendo in qualità di testimone di giustizia che intende collaborare affinché vengano chiarite vicende cruciali per la storia del nostro Paese.