Lettera a Michele Santoro – Marco Travaglio – Voglio Scendere

Fonte: Lettera a Michele Santoro – Marco Travaglio – Voglio Scendere.

Da il Fatto Quotidiano del 20 febbraio

Caro Michele,

ho riflettuto su quanto è accaduto giovedì ad Annozero. E, siccome è accaduto davanti a 4 milioni di persone, te ne parlo in forma pubblica. Parto da una tua frase dell’altra sera: “Parliamo di fatti”. Il punto è proprio questo. Si può ancora parlare di fatti in tv? Sì, a giudicare dagli splendidi servizi di Formigli, Bertazzoni e Bosetti. No, a giudicare dal cosiddetto dibattito in studio, che non è più (da un bel pezzo) un dibattito, ma una battaglia snervante e disperante fra chi tenta di raccontare, analizzare, commentare quel che accade e chi viene apposta per impedirci di farlo e costringerci a parlar d’altro.

La maledizione della par condicio, dovuta alla maledizione di Berlusconi, impone la presenza simmetrica di ospiti di destra e di sinistra. E, quando si tratta di politici, pazienza: la loro allergia ai fatti è talmente evidente che il loro gioco lo capiscono tutti.
Ma quando, come l’altra sera, ci si confronta fra giornalisti, anzi fra iscritti all’albo dei giornalisti, ogni simmetria è impossibile: quelli “di destra” parlano addosso agli altri e – quando non sanno più che dire – tirano fuori le mie condanne penali (inesistenti) o le mie vacanze con mafiosi o a spese di mafiosi (inesistenti). Da una parte ci sono giornalisti normali, come l’altra sera Gomez e Rangeri, che non fanno sconti né alla destra né alla sinistra; e dall’altra i trombettieri. Che non sono di destra: sono di Berlusconi. E non fanno i giornalisti: recitano un copione, frequentano corsi specialistici in cui s’impara a fare le faccine e a ripetere ossessivamente le stesse diffamazioni.

Invece di contestare i fatti che racconti, tentano di squalificarti come persona. Poi, a missione compiuta, passano alla cassa a ritirare la paghetta. E, se non si abbassano a sufficienza, vengono redarguiti o scaricati dal padrone. Non hanno una faccia e dunque non temono di perderla.
Partono avvantaggiati, possono permettersi qualunque cosa. Non hanno alcun obbligo di verità, serietà, coerenza, buonafede, deontologia. Non temono denunce perchè il padrone mette ogni anno a bilancio un fondo spese per risarcire i danni che i suoi sparafucile cagionano a tizio e caio dicendo e scrivendo cose che mai scriverebbero o direbbero se non avessero le spalle coperte. Come diceva Ricucci, che al loro confronto pare Lord Brummel, fanno i froci col culo degli altri.

Sguazzano nella merda e godono a trascinarvi le persone pulite per dimostrare che tutto è merda. E ci tocca pure chiamarli colleghi perchè il nostro Ordine non s’è mai accorto che fanno un altro mestiere. Ci vorrebbe del tempo per spiegare ogni volta ai telespettatori chi sono questi signori, chi li manda, quali nefandezze perpetrano i loro “giornali”, perchè quando si parla di Bertolaso rispondono sulle mie ferie e soprattutto che cos’è davvero accaduto a proposito delle mie ferie: e cioè che ho documentato su voglioscendere.it di aver pagato il conto fino all’ultimo centesimo e di aver conosciuto un sottufficiale dell’Antimafia prima che fosse arrestato e condannato per favoreggiamento, interrompendo ogni rapporto appena emerse ciò che aveva fatto (i due trombettieri invece dirigono e vicedirigono i giornali di due editori – Giampaolo Angelucci e Paolo Berlusconi, già arrestati due volte ciascuno, il secondo pregiudicato – e non fanno una piega).

Ma in tv non c’è tempo per spiegare le cose con calma. E, siccome io una reputazione ce l’ho e vi sono affezionato, non posso più accettare che venga infangata ogni giovedì da simili gentiluomini. Gli amici mi consigliano di infischiarmene, di rispondere con una risata o un’alzata di spalle. Nei primi tempi ci riuscivo. Ora non più: non sai la fatica che ho fatto giovedì a restarmene seduto lì fino alla fine. Forse la mia presenza, per il clima creato da questi signori, sta diventando ingombrante e dunque dannosa per Annozero. Che faccio? Mi appendo al collo le ricevute delle ferie e il casellario giudiziale? Esco dallo studio a fumare una sigaretta ogni volta che mi calunniano? O ti viene un’idea migliore?

6 risposte a “Lettera a Michele Santoro – Marco Travaglio – Voglio Scendere

  1. Donatella cialoni

    ..se molli fai il loro gioco..

  2. Enrico Giorgio

    Mi associo. Le persone, per quanto distratte, sono in grado di vedere ed ascoltare che i sodali del nano non entrano mai nel merito dei fatti, ma svicolano dagli argomenti cercando di gettare fango sulle persone che li espongono. Guardandosi bene dal contraddire sugli argomenti( non ne hanno di argomenti). Non mollare.

  3. Marco! Se molli, è quello che cercavano, perciò vengono pagati, sù, stiamo tutti con tè, fagli vedere che hai le palle. Santoro! Il popolo Italiano hà bisogno di voi due!!! gracias .. Jesus..

  4. Mattia Roberto Geli

    Marco quando sei venuto a Luino (VA) qualcuno di noi ti ha detto “menomale che riesci a farci ridere parlando di certe cose che sono piuttosto vergognose”, bene, sei l unico che riesce ad arrivare al pubblico e a farlo ragionare unpo’(per l appunto facendolo ridere alle volte).
    In questa tv l unico spiraglio di verità e di libertà è rappresentata dalla tua persona alle volte arrabbiata e alle volte ironica ( d’altronde sei un essere umano), se te ne vai la gente che guarda la tv per informarsi cadra automaticamente tra le grinfie di una destra semiautoritaria (mediaticamente parlando).
    Si, sei diventato pericoloso ma NO, non sei da solo c’è gente che ti sostiene..non farti cacciare via da Berlusconi ne dalla gente che sta con lui… Prima Biagi, Santoro, Luttazzi, e ora tu ???
    Non puo averla vinta anche su di te….
    Siamo in tanti a sostenerti…
    Mattia

  5. Concordo sul fatto che certi personaggi sono intollerabili, certe volte vorrei avere i superpoteri entrare nello schermo e spaccargli la faccia , soprattutto a Belpietro, ma ti esorto a non lasciare Santoro , a non rinunciare alla trasmissione che è l’unico talk guardabile in televisione.

  6. SEGUENTO COME SEMPRE I PROGAMMI DI MICHELE E DI MARCO . MI HA FATTO MOLTO PIACERE CHE VI SIETE CHIARITI , PERCHE MI SI ERA CREATO UN VUOTO DENTRO DI ME. MA VOGLIO DIRE UNA COSA SE PERMETTETE.LA DESTRA ASPETTA SOLO CHE VI CREAATE DEI PROBLEMI TRA DI VOI COSI SARETE (DISUNITI)PIU’ DEBOLI .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...